Carrello vuoto
Papelitos
27 Settembre

Sarri ha fatto il Mourinho

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Il derby va alla Lazio.

È proprio vero che il derby è una partita a sé. Lo hanno dimostrato le parole prima e i fatti poi. E non parliamo del Mou versione John Keating che raduna i suoi a centrocampo – tutti, persino Reynolds in abito da gala – e li conduce, mano nella mano, a prendersi l’applauso della Sud. Non parliamo neanche di Sarri che ci regala già l’immagine più iconica del campionato (almeno finora): l’aquila sul braccio e un sorriso largo come l’abbraccio e l’ovazione della sua Curva.

In barba ad ogni sorta di sarrismo – sempre che il neologismo voglia dire effettivamente qualcosa – l’allenatore biancoceleste ha cucinato la partita con due ricette semplici ma efficaci: fiducia e contropiede. La prima, visibile in campo nelle prestazioni dei ritrovati Felipe Anderson e Luis Alberto, nasce dalla conferenza stampa pre-partita dell’allenatore toscano:

«ho allenato tanti giocatori forti, ma uno potenzialmente forte come Felipe l’ho allenato raramente. Ha doti straordinarie, le ha tirate fuori in piccola parte. Deve avere una crescita nella convinzione e nella cattiveria, perché altrimenti è uno spreco di talento. Lui può essere un crack a livello internazionale». Si è visto e come; ieri sera Felipe ha fatto letteralmente quello che voleva.

E su Luis Alberto, il grande scontento di questa primissima parte di campionato, vedova di Inzaghi che non ha ancora superato il trauma dell’addio? «Se c’è qualcuno adatto al mio tipo di calcio, quello è lui». Deve ancora capirlo, ma il 6.5 di ieri è un primo confortante segnale. Immobile ha fatto il lavoro che Sarri – e Roberto Mancini – chiede ai suoi attaccanti, ha legato il gioco con una qualità ai più sconosciuta, finendo a secco il derby ma regalando ai compagni due assist decisivi. È vero, dunque, che la Lazio ha giocato inizialmente un ottimo calcio (il gol di Milinkovic, straordinario, porta il timbro di Sarri), ma appunto dopo i primi 20’ ha deciso di lanciarsi sulle praterie che la squadra di Mourinho lasciava attaccando, difendendosi bassa. Un uccellino ci ha suggerito che se in panchina ci fosse stato Inzaghi, sarebbe finita 4-0 per la Lazio. Esagerazione clamorosa, ma non falsa.

Sarri ha vinto la partita, è stato bravo; ed è stato bravo perché ha messo da parte l’orgoglio delle idee per un valore ben più alto: l’umiltà. Sarri è stato intelligente nello sfruttare mentalmente e tatticamente le debolezze di un avversario che era riuscito a nasconderle – almeno a livello di punti – grazie ad alcune individualità (Rui Patricio e Pellegrini su tutte) e alla famosa fortuna che aiuta gli audaci (guidati da un uomo audace in panchina).

La Roma ha perso il derby contro una Lazio che non l’ha dominato, anzi. E la cosa deve far riflettere Mourinho.

Torna allora la domanda delle domande: cosa porta Mourinho, oltre al cambio di mentalità? Se è vero, infatti, che le due rose si equivalgono – con una Lazio superiore forse solo a centrocampo –, almeno l’idea di Lotito e Tare, nell’affidare la panchina a Sarri, può avere un senso sul lungo termine. Non è un caso se Hysaj, parlando del suo allenatore, ne ha paragonato l’entusiasmo attuale ai tempi non di Napoli, ma di Empoli: «si diverte come quando giocavamo lì». Come a dire: divertiamoci senza pressioni, e vediamo che succede. La Lazio è l’ambiente giusto e non c’è niente di più pericoloso – per gli avversari – di un allenatore che si diverte a fare il proprio lavoro. Tanto Mou quanto Sarri sono in questo patologici. Ma mentre tutti gli occhi della città osservavano il portoghese, un altro pazzo danzava e fumava all’ombra del Colosseo.


Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Marco Armocida
6 Ottobre

Josè Mourinho avrebbe potuto fare l’attore

“All or nothing: Tottenham Hotspur” lo dimostra.
Ritratti
Lorenzo Ottone
14 Giugno

Alberto Sordi e la Roma, tra amore e conflitto

Esporre la propria fede, ma solo sul grande schermo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Settembre

L’estate romana di Paul Gascoigne alla Lazio

Un pazzo tra i pazzi.
Recensioni
Luigi Fattore
22 Marzo

Herr Pep

Uscito ormai quattro anni fa, il libro di Perarnau è già diventato un classico della letteratura sportiva.
Calcio
Remo Gandolfi
28 Dicembre

Pierluigi Casiraghi aveva due palle così

Contro-storia di Pierluigi Tyson Casiraghi
Calcio
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Calcio
Marco Metelli
22 Marzo

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Ritratti
Remo Gandolfi
2 Agosto

Francesco Rocca, con la Roma nel cuore

Kawasaki è tuttora nel cuore dei tifosi giallorossi.
Papelitos
Luigi Fattore
18 Maggio

Le dittature sono noiose

La Juventus vince la finale di Coppa Italia senza grandi sforzi.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Calcio
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Dicembre

Meno Sarri più Inzaghi

Lazio-Juventus non è stata una sorpresa.
Papelitos
Andrea Antonioli
29 Novembre

Buon sangue non mente

Bar Sport, Episodio II. Manifestazioni di giubilo ed entusiasmo della grande narrazione sportiva! Sotto l'albero di Natale potremmo avere ancora un campionato aperto!
Calcio
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

L’altro Claudio Lotito

Elogio del patron laziale.
Interviste
Gianluca Palamidessi
21 Novembre

Intervista malata a The TED inside

Il vero tifoso non vince mai.
Papelitos
Andrea Antonioli
28 Ottobre

José Mourinho il dittatore

A Roma si governa solo con il pugno di ferro.
Calcio
Matteo D'Argenio
5 Gennaio

Un pressing per sovvertire le gerarchie


I più grandi allenatori del calcio europeo sono tutti in un momento di svolta della propria carriera. Chi è in crisi, chi è profondamente cambiato e chi forse si è solo arreso.
Altro
Gianluca Palamidessi
28 Gennaio

Lo Stadio Flaminio è un pezzo di storia

Riuscirà l'impianto a risorgere dalle (proprie) ceneri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Dicembre

Maledetto campionato

Quarto caffè al Bar Sport, offre Allegri. La Serie A è un campionato serio. Rectius: è tornato alla serietà. Sì, perché in Europa paiono essersi allineati i pianeti.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Luglio

Lecce-Lazio: cronache di un triste calcio senza tifosi

Il silenzio di uno stadio vuoto, ballare senza musica. Una partita vista dagli occhi un sacerdote tifoso.
Calcio
Luigi Fattore
29 Settembre

Prove da anti-Juve

Siamo ancora a settembre, ma la supersfida dell'Allianz Stadium sembra già decisiva.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Ritratti
Sabato Del Pozzo
26 Maggio

Osvaldo, una vita da Rockstar

La carriera Rock & Roll di un talento incompreso.
Calcio
Luigi Fattore
20 Settembre

Prendiamola sul serio

Il minore appeal che esercita rispetto alla sorella maggiore Champions non giustifica lo snobismo nei confronti dell'Europa League. Lazio e Milan sono chiamate ad invertire la rotta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Calcio
Antonio Torrisi
11 Novembre

Lorenzo Insigne è ancora incomprensibile

Se la realtà non sorregge la narrazione.
Storie
Simone Galeotti
3 Dicembre

I giardini di Marzo o della Lazialità

La Lazio e i laziali visti da una lente esterna.
Ritratti
Marco Metelli
2 Novembre

Antonio Cassano

Il ragazzo che non voleva crescere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Calcio
Leonardo Boanelli
5 Aprile

L’ultimo primo Ciro Immobile

Ultimo centravanti di sfondamento italiano o primo striker italiota?
Interviste
Luigi Fattore
3 Aprile

A lezione da Mister Condò

Lunga chiacchierata con un punto fermo del giornalismo sportivo italiano.
Cultura
Emanuele Iorio
15 Ottobre

Un pallanuotista con la cinepresa

Nanni Moretti: regista, pallanuotista e calciofilo.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Podcast
La Redazione
30 Maggio

Ago

Una chiacchierata con Antonio Bongi su Agostino Di Bartolomei.
Calcio
Annibale Gagliani
9 Febbraio

Il derby dei fratelli Baresi

Inter vs Milan, bauscia contro casciavit, Beppe contro Franco.
Recensioni
Luigi Fattore
30 Ottobre

Maradonapoli

La narrazione collettiva di un mito che va ben oltre il calcio.
Tifosi
Jacopo Benefico
23 Settembre

Arde il cuore di Sofia

Storia del derby tra Levski e CSKA.
Recensioni
Luigi Fattore
11 Marzo

Duellanti

Paolo Condò ci racconta i diciotto giorni di fuoco in cui Guardiola e Mourinho si affrontarono per ben quattro volte.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Storie
Luigi Fattore
11 Maggio

Veron e il calcio, un affare di famiglia

Carriere iniziate e finite all'Estudiantes, e condite da sfide leggendarie.
Calcio
Luigi Fattore
24 Ottobre

È solo il tempo di Hazard

Dopo nove giornate di Premier il Chelsea di Sarri è ancora imbattuto e a tratti incanta. Merito anche della libertà di azione di cui dispone il suo fuoriclasse.
Tifosi
Jacopo Benefico
19 Novembre

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Calcio
Remo Gandolfi
12 Dicembre

In ricordo di Pierino Prati

Il calciatore che ha segnato un'intera generazione.