Carrello vuoto
Papelitos
1 Luglio

Gli scacchi sono la nuova frontiera del razzismo

Federico Brasile

62 articoli
Muovere per primo il bianco è un chiaro segno di discriminazione.

Come abbiamo potuto non pensarci prima? In fondo era talmente evidente! Tra statue da abbattere, film da mettere all’indice, termini razzisti da bandire nei cosmetici, cioccolatini con nomi scorretti da rimuovere dagli scaffali, quasi ci sfuggiva lo strutturale suprematismo bianco negli scacchi. Speravamo in realtà con la nuova veste nera della Mercedes di aver risolto la grana ““razzismo”” nello sport, invece ci sbagliavamo di grosso.

 

 

Si perché a sentire una delle principali stazioni radiofoniche australiane, la ABC di Sydney, la prima mossa riservata al bianco negli scacchi sarebbe un’implicita ammissione di razzismo. Su questo tema decisivo per l’emancipazione umana è stato interrogato dall’emittente australiana il buon John Adams, portavoce della federazione australiana degli scacchi nel 2015: così quest’ultimo, esterrefatto, ha pubblicato un tweet diventato immediatamente virale e che ha attirato le attenzioni di alcuni tra i più importanti scacchisti mondiali.

 

Scacchi razzismo
Era talmente evidente il razzismo insito negli scacchi, come abbiamo potuto non pensarci prima.

 

 

La leggenda russa e ancor prima sovietica Anatoly Karpov ha parlato di un periodo di totale follia – «A period of total insanity has begun» – chiedendosi come si possa legare il razzismo ad un gioco secolare come quello degli scacchi. Ma anche Garry Kasparov, altro gigante della disciplina ed ex campione del mondo, è intervenuto sulla vicenda consigliando agli investigatori del razzismo inesistente di cambiare oggetto delle indagini:

«Se siete preoccupati che gli scacchi possano essere razzisti, per favore passare a “Go” dove il nero muove per primo, invece di “investigare” sembrando stupidi e sprecando i soldi dei contribuenti di una emittente statale»

Tutto ciò non rappresenta tuttavia una novità nel mondo degli scacchi: l’anno scorso è toccato all’attuale campione mondiale, il norvegese Magnus Carlsen, prendere posizione contro il razzismo sistemico degli scacchi. In un video pubblicato sulla sua pagina ha iniziato una partita muovendo per prima la pedina nera, affermando subito dopo:

«Oggi rompiamo una regola, ma il sogno di avere una parità razziale è ancora molto lontano dal diventare realtà».

Insomma, è proprio vero che per capire il “razzismo” contemporaneo dobbiamo stravolgere il nostro ordine di idee; e magari, già che ci siamo, rinunciare anche al buon senso.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altro
Eduardo Accorroni
17 Marzo 2022

Alireza Firouzja, il futuro degli scacchi tra Iran e Francia

Il nuovo talento mondiale degli scacchi sta creando un caso diplomatico tra i due Paesi.
Papelitos
Federico Brasile
4 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Andrea Antonioli
6 Giugno 2021

Facciamo schifo, ma per davvero

La vicenda di Seid Visin ha tirato fuori il peggio di noi.
Altro
Gennaro Chiappinelli
6 Maggio 2021

La scuola russa ha segnato gli scacchi

Una disciplina e tradizione della grande Madre Russia.
Altro
Gennaro Chiappinelli
13 Aprile 2021

Garry Kasparov, scacco matto al computer

L'uomo contro la macchina dell'IBM, storia scacchistica e non solo.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo 2021

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Altro
Gennaro Chiappinelli
28 Gennaio 2021

Limonov e Kasparov, oltre il limite

Alla ricerca del superamento, nella vita come negli scacchi.
Altro
Gennaro Chiappinelli
16 Gennaio 2021

Se gli scacchi diventano pop

Un gioco che deve tornare popolare, ma restando se stesso.
Papelitos
Andrea Antonioli
1 Gennaio 2021

I razzisti siete voi

Il caso Cavani e il vero razzismo, quello della FA.
Calcio
Marco Gambaudo
12 Dicembre 2020

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Dicembre 2020

La banalità del bene

Dal quarto uomo a Vardy, dai tifosi del Millwall alla marcia sessista.
Papelitos
Giacomo Cunial
22 Giugno 2020

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.
Storie
Mattia Di Lorenzo
10 Giugno 2020

Nicolò Carosio e il razzismo inesistente

Un insulto razzista mai pronunciato può costare l'epurazione.
Storie
Mattia Azario
5 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Dicembre 2019

Le scimmie siete voi

Avete visto le tre scimmie dipinte all'ingresso della Sala Assemblee della Lega Calcio?
Storie
Stefano Peradotto
11 Settembre 2019

Il calcio in Israele è una questione da adulti

In Israele la scelta della squadra per cui tifare è una questione maledettamente importante, collegata spesso alla politica e all’appartenenza etnica.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio 2019

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre 2018

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Storie
Maurizio Fierro
9 Settembre 2017

Scacco matto

Quando pallacanestro e scacchi significarono Guerra Fredda.
Recensioni
Gezim Qadraku
8 Luglio 2017

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Altri Sport
Nicola Galati
14 Dicembre 2016

La protesta di Kaepernick

In un'America segnata dai problemi razziali, lo sport spesso può essere da esempio. Il 26 agosto Colin Kaepernick, quarterback dei San Francisco 49ers, decise di non alzarsi durante l'inno nazionale. Un gesto che ha diviso il mondo del football e non solo.