Carrello vuoto
Calcio
16 Marzo

Scatole cinesi

Andrea Antonioli

79 articoli
Le cessioni di Carrasco e Gaitàn dall'Atletico Madrid al Dalian Yifang, un affare tutto interno al Wanda Group.

La globalizzazione è il tema del XXI secolo, inutile negarlo. Un tema che ha stravolto qualsiasi ambito del simbolico e del reale, dall’economia alla cultura, dal lavoro alla politica. E sono tempi duri anche per noi, che ci siamo trovati nostro malgrado ad essere conservatori del pallone: non tanto perché i calciatori di decenni fa fossero più forti degli attuali (tutt’altro), quanto perché siamo qui a rimpiangere il calcio come fenomeno sociale, come elemento di aggregazione e rappresentazione popolare. Insomma quello che Gianni Brera definiva lo sport più bello del mondo, e che certamente non si originava né si esauriva nel rettangolo verde. La sfida oggi è dunque far conciliare l’irreversibilità della mondializzazione – e con essa le esigenze del capitale finanziario, che vede nel calcio un asset strategico – con la passione dei tifosi e del pubblico. Molti rospi abbiamo dovuto mandare giù, dagli speculatori travestiti da investitori ai presidenti che sapevano poco o nulla circa la tradizione della squadra che si apprestavano ad acquisire. Ma questa è la globalizzazione bellezza, che non poteva risparmiare il calcio e che abbiamo imparato ad accettare; in fondo, credere che il pallone fosse un’isola felice al riparo da processi enormi e inarestabili, era un’illusione che poteva suggestionare al massimo qualche avventore del Bar Sport (ammesso che sia rimasto).

Il presidente Al Thani a “La Rosaleda”, acclamato dai tifosi: nel 2010 sbarcò a Malaga comprando tutto il comprabile, per poi lasciare l’anno successivo la squadra al suo destino di smobilitazione

Tuttavia l’uomo è un animale rappresentativo, come diceva Wittgenstein, e ha bisogno di riconoscersi in proiezioni e simboli. Per questo continuiamo a chiamare il Signal Iduna Park Westfalenstadion: perché c’è troppa storia e tradizione, c’è il muro giallo, c’è una tifoseria intera che segue in piedi la partita come fosse tutta una curva, e che sostiene i propri giocatori dal primo all’ultimo minuto. Una cosa è dire (e pensare) che tutto ciò accada al Westfalenstadion, teatro di innumerevoli incontri storici ed espressione del territorio – la Vestfalia per l’appunto – in cui si trova Dortmund; altra cosa è immaginare che succeda al parco del Signal Iduna, una compagnia che offre servizi finanziari specializzata in assicurazioni. Allo stesso modo, anzi ancor di più, molto di più, ci ha pianto il cuore quando hanno raso al suolo Boleyn Ground e successivamente quando è stato demolito il Vicente Calderòn, uno stadio meraviglioso, in cui si respirava un’atmosfera magica.

 

A quel punto l’Atletico Madrid, squadra di rivoluzionari in lotta per sovvertire le gerarchie guidata dal comandante Simeone, dove è finita a giocare? Nel Wanda Metropolitano: il nome più brutto che uno stadio di calcio abbia mai avuto. Come se non bastasse il Wanda Group è un gigantesco conglomerato cinese con base a Pechino, che opera con successo in diversi settori industriali (dall’alberghiero al turistico, dall’immobiliare al culturale, fino ad aver assaltato negli ultimi anni il mondo dello sport e del cinema). Alla faccia dei Colchoneros, i materassai, i poveri di Madrid ma disperatamente innamorati dell’Atletico, con alle spalle una lunga storia di lotta di classe contro la plutocrazia degli aristocratici blancos.

L’unico elemento della tradizione sono i cavalli

Dove vuole arrivare però questa enorme premessa? All’affare recentemente concluso tra il Dalian Yifang e l’Atletico Madrid per i trasferimenti di Yannick Ferreira Carrasco e Nico Gaitàn al neo-promosso club cinese, per un totale di 48 milioni di euro. Non tanto, se consideriamo che Carrasco è volato in Cina per 30 milioni, cifra poco credibile di questi tempi, soprattutto per un calciatore cercato da mezza Europa. Parliamo infatti di un ’93 con indubbi mezzi fisici e tecnici, nazionale belga e già protagonista di importanti prestazioni sia a livello spagnolo che europeo (ricordiamo la finale di Champions con il Real Madrid del 2016 in cui spaccò letteralmente la partita, consentendo ai suoi di ottenere il pareggio e giocarsela poi ai supplementari). Anche perché nel Vecchio Continente già si parlava di club di prima fascia pronti ad un’offerta nettamente superiore rispetto a quella cinese, e lo stesso Atletico sembrava non avere intenzione di intavolare trattative per meno di 50 milioni.

 

Un assaggio di Carrasco in quella finale di Champions League

 

Non ci vuole poi un investigatore per accorgersi che il Wanda Group è proprietario del Dalian Yifang, unico vero bastione calcistico rimasto alla multinazionale cinese. Infatti Wanda non solo poteva fregiarsi del nome dello stadio rojiblanco, ma possedeva il 20% delle quote dell’Atletico; recentemente, però, ne ha cedute il 17% per 60 milioni di euro a Quantum Pacific Group, società presieduta dal magnate israeliano Idan Ofer e già in possesso di una percentuale del 15%. Di questo è difficile trovare traccia sui giornali italiani ma, insomma, 60 milioni per il 17% di una squadra due volte finalista in Champions League e una volta campione di Spagna negli ultimi quattro anni non è una cifra esorbitante; si potrebbe anche pensare che la cessione (agevolata) dei due calciatori sia entrata a far parte dell’accordo per la liquidazione delle quote.

 

In fin dei conti non possiamo dare responsabilità ai turbo-capitalisti del lontano Oriente, né probabilmente alla società madrilena. Tuttavia in noi, conservatori del pallone, resta ancora una volta l’amaro in bocca: passi Gaitàn, che come molti altri alla soglia dei trent’anni ricorre all’eutanasia calcistica nel cimitero degli elefanti (così Gianni Rivera definiva la NASL, North American Soccer League). Ma Carrasco, beh, o si intasca per uno-due anni il malloppo e poi torna nel calcio europeo ad alti livelli – come incredibilmente ha fatto Paulinho con il Barcellona – oppure più probabilmente, considerata anche l’indolenza del giocatore, con questa cessione abbiamo salutato un astro nascente del calcio mondiale, che ha preferito sedersi (e spegnersi) sugli allori.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
14 Aprile 2022

10, 100, 1000 Atlético Madrid

Una squadra che ci ricorda chi siamo e da dove veniamo.
Estero
La Redazione
19 Marzo 2022

Haaland, quando troppo è troppo?

Prima o poi ci sarà un limite.
Papelitos
Federico Brasile
16 Marzo 2022

Diego Padre Simeone

Guai a dare per morto il Cholo.
Altri Sport
Matteo Zega
4 Febbraio 2022

Le Olimpiadi del sovrano Xi Jinping

La Cina è vicina.
Italia
Guglielmo Russo Walti
29 Gennaio 2022

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre 2021

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Ottobre 2021

L’Inter ha licenziato tre magazzinieri (ma Lautaro ha rinnovato)

Il motivo? Carenza di liquidità.
Papelitos
Emanuele Iorio
3 Ottobre 2021

La nuova dimensione del Barcellona

Da grandissima a piccola squadra.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre 2021

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Eduardo Accorroni
6 Settembre 2021

Griezmann l’eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Estero
Gianluca Losito
23 Maggio 2021

L’Atletico Madrid non muore mai

Gli uomini di Simeone hanno vinto l'undicesimo titolo.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Storie
Gianfranco Franchi
4 Febbraio 2021

Il Tibet sopravvive nel calcio

Un popolo perduto che si ritrova in campo.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Gianluigi Sottile
8 Ottobre 2020

Odiare Diego Costa è troppo facile

Forse è arrivato il momento di rivalutarlo.
Calcio
Marco Armocida
15 Settembre 2020

Siamo succubi del calciomercato

Senza accorgerci dei limiti del suo linguaggio.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
15 Agosto 2020

L’estate italiana rifiuta il calcio giocato

Ad Agosto, in realtà, noi vogliamo il calcio sognato.
Storie
Leonardo Catarinelli
18 Aprile 2020

Il Cholismo forgiato dal fuoco dell’Etna

Il Catania degli argentini guidati da Diego Pablo Simeone.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Calcio
Alessandro Previdi
15 Gennaio 2020

La Cina si è presa l’Africa, anche nel calcio

Un riassunto di come la Cina, attraverso la diplomazia degli stadi, ha colonizzato sportivamente l'Africa.
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre 2019

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Editoriali
Andrea Antonioli
29 Agosto 2019

La purezza di Joao Felix

Il collettivo viene prima dell'individualità: ecco perché Joao Felix non è solo uomo da copertina, e ha scelto l'Atletico di Madrid.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
23 Agosto 2019

Il Dragone che dorme

Una speranza per aumentare i ricavi, l'immenso mercato, i capitali in Europa: il Celeste Impero è un miraggio per tutto il calcio globale. Ma qual è lo stato dell'arte? Un'opinione.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Agosto 2019

Senza CR7 e Neymar non è circo

Nei Paesi privi di cultura calcistica conta più il singolo della squadra, in una deriva individualista che sta spolpando il calcio.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Calcio
Mattia Curmà
19 Luglio 2019

Spagna, la cantera d’Europa

Dalla strada al tetto del Mondo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2019

Griezmann, il Giuda del Cholismo

Il successo vale più dell'onore.
Calcio
Mattia Curmà
10 Luglio 2019

Il Bayern Monaco non può restare conservatore

La globalizzazione pallonara ha messo a dura prova l'autarchico modello bavarese, costretto a snaturarsi per competere in un mercato da cifre folli.
Recensioni
Simone Morichini
24 Dicembre 2017

Il goal più bello è stato un passaggio

Il libro del filosofo francese Jean-Claude Michéa ripercorre le fasi del calcio: da sport delle élite a sport popolare, per diventare infine uno strumento nelle mani del capitalismo finanziario e globale.
Storie
Maurizio Fierro
4 Settembre 2017

Lo sceneggiato degli Italiani

Il calciomercato in Italia è esploso ultimamente, ma raffigura una fiera dei sogni che appassiona gli Italiani da molto più in là.
Calcio
Gezim Qadraku
31 Agosto 2017

Molto più di uno sport

Cosa ha veramente significato l'affare Neymar (e Mbappè) per la proprietà qatariota del Paris Saint Germain?
Editoriali
Andrea Antonioli
21 Luglio 2017

Vivi di sogni infranti

Nell'epoca in cui vi offrono unicamente di diventare consumatori, noi vi proponiamo una battaglia senza quartiere al nulla che avanza: unitevi a noi invece di ingrossare le schiere dei fatalisti!
Calcio
Gianluca Palamidessi
12 Luglio 2017

L’importanza del simbolo

Ricordare se stessi.
Calcio
Matteo D'Argenio
11 Luglio 2017

Un giorno questo dolore ti sarà utile

La vita di Saúl Ñíguez è un diario pieno di dolore, rivincite e finali perse. A 22 anni però sembra già pronto per aggiungere pagine nuove e decisive alla sua carriera.
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno 2017

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Editoriali
Andrea Antonioli
3 Maggio 2017

Hasta el Cholo siempre

Apologia del cholismo, dopo la nottata più difficile.
Calcio
Marco Telluri
28 Marzo 2017

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.
Storie
Luca Giorgi
6 Marzo 2017

Il nuovo imperatore

La Cina diventerà davvero una potenza calcistica mondiale?
Interviste
Michele Di Virgilio
6 Dicembre 2016

L’orgia del potere

Jorge Mendes, tratteggiato come il vero padrone del calcio globale. Ne abbiamo parlato con Pippo Russo.
Ritratti
Matteo D'Argenio
27 Novembre 2016

Le tre vite del Mono Burgos

Calciatore, allenatore, rockstar: un personaggio straordinario.