Carrello vuoto
Italia
31 Luglio

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.

L’elogio alla meritata salvezza dello Spezia di Vincenzo Italiano avrà portato qualche fanatico degli almanacchi, specialmente se calciofilo di lunga data, a rispolverare la sbiadita vicenda dello Scudetto dei Vigili del Fuoco. Una storia quasi sepolta nelle macerie della Seconda Guerra Mondiale – correva la stagione sportiva 1943/1944 – immersa in un’Italia dilaniata e divisa, al centro di uno dei periodi più massacranti della sua breve vita. Una storia intrisa di sfaccettature e aneddoti che omaggiano un pallone d’altri tempi, ancestrale e genuino. Una storia dove i calciatori appartenevano ancora al mondo reale, prima che il denaro o la fama li alienassero per sopraelevarli ad esso. Una storia, in definitiva, che rende onore alla magia del futbol, e che esalta il suo voler essere l’arte dell’imprevisto, per citare Eduardo Galeano. 



La Seconda Guerra Mondiale divampa in Europa, Benito Mussolini ha appena istituito il governo fantoccio della Repubblica Sociale Italiana. La stagione sportiva comincia il 16 gennaio 1944, giocoforza marchiata dagli avvenimenti bellici, sotto il nome di Divisione Nazionale. La FIGC repubblichina, perse le squadre del Sud dall’arrivo degli statunitensi, decide di organizzare comunque il torneo, partorito con una struttura arzigogolata composta da sette mini-campionati regionali, una fase finale per le vincenti ed un fine propagandistico atto a distrarre gli italiani dalle bombe e dalla miseria.

La tavola è apparecchiata per un campionato raffazzonato ma appassionante: tutte le big – dal Bologna al Torino campione in carica, dall’Ambrosiana Inter alla Juventus – sono  presenti, anche se con appellativi differenti. Infatti, per evitare la chiamata al fronte dei calciatori della rosa, uno degli escamotage più utilizzati dai club era quello di cambiare nome legandosi ad aziende od altre realtà del territorio: così, la Juve diventa Juventus Cisitalia ed il Toro – sembrerà paradossale – Torino FIAT.

Tra le cenerentole del torneo c’è una squadra che va in trasferta su una sgangherata autobotte dei pompieri. Si tratta dello Spezia, o meglio del Gruppo Sportivo 42º Corpo Vigili del Fuoco, inseriti nel girone D Emilia per motivi logistici. Mentre la città, asfissiata dal conflitto, conta i morti quasi giornalmente, la squadra ligure, sesta in Serie B l’anno precedente, raggiunge incredibilmente la finale regionale contro il Bologna (complici vari risultati assegnati a tavolino). Con il presidente Perioli deportato in Germania l’anno precedente, il timone era finito all’unico dirigente rimasto, Giacomo Semorile.

Scudetto Spezia
La formazione del 42° Corpo dei Vigili del Fuoco. (Foto: acspezia.com)

La squadra si allena a Rapallo, considerando l’inagibilità dello stadio Picco devastato dai bombardamenti. Semorile, in una sorta di extrema ratio per evitare ai calciatori spezzini la chiamata alle armi, si era appellato al comandante dei Vigili del Fuoco Gandino, trovando in breve tempo l’accordo per iscrivere la nuova squadra dei pompieri. Oltre a loro, arrivano in prestito altri cinque giocatori, tra cui il bomber Angelini del Livorno, arrivato secondo l’anno precedente. In panchina siede Ottavio Barbieri, tecnico di lunga data che dall’esperienza al Genoa di Garbutt, di cui era stato il vice, aveva assimilato la tattica del mezzo sistema, con l’uso ricorrente del libero.  

Il Bologna non sembra un avversario alla portata per lo Spezia. La partita di andata, giocata in casa dei felsinei, è però clamorosamente rocambolesca: il portiere spezzino Bani chiude la saracinesca per tutto la gara, poi a 10’ dalla fine in contropiede Rostagno punisce. Dirigenti e tifosi rossoblù, reclamando il fuorigioco, invadono il campo sancendo la sconfitta a tavolino per 2-0; il ritorno nemmeno si gioca perché il Bologna, falcidiato dalle squalifiche, dà forfait.

Nel frattempo, gli statunitensi entrano a Roma costringendo la Lazio, campione regionale, a rinunciare; stesso destino per le vincenti toscane, Montecatini e Lucchese, forzate dall’avanzare della Linea Gotica. Così i VV.FF di La Spezia strappano il pass per la fase finale, con Venezia e Torino: i granata si presentano come i grandi favoriti, avendo letteralmente maramaldeggiato su tutti gli avversari incontrati. Fresco dell’acquisto dell’implacabile Silvio Piola dalla Lazio, con Valentino Mazzola a dirigere in campo e Vittorio Pozzo in panchina, il Toro ha l’unanime favore dei pronostici.



 La prima partita della fase finale, che si disputa tutta a Milano, è Venezia – VV.FF. La Spezia. L’esilarante testimonianza del mediano Tommaseo riporta che al loro arrivo in città, il Comandante dei VV.FF. di Milano avesse ospitato lo Spezia prima della gara, offrendo loro di lavare le divise. Peccato che poi alla riconsegna fossero quasi completamente bruciate (si, avete letto bene). «Ridevano tutti quando si entrava in campo tutti bruciati» continua Tommaseo. Ma nonostante il preludio poco confortante, la squadra di Barbieri regge bene il campo: il finale è un 1-1 che in fin dei conti galvanizza le sicurezze di vittoria del Grande Torino. 

La seconda gara vede proprio il Torino FIAT sfidare i Vigili del Fuoco. I granata sono appena rientrati da una trasferta a Trieste (per giocare un’amichevole imposta dalla FIGC fascista) ma le fatiche del viaggio non appaiono sufficienti a mettere in discussione lo scontato trionfo. Vittorio Pozzo, prima dell’inizio, entra nello spogliatoio dei Vigili riempiendoli di complimenti, per poi concludere, secondo il racconto di Tommaseo, «Però mi dispiace per voi, noi facciamo 3 o 4 gol per partita, oggi tocca a voi». Non poteva sapere che la leggenda dei calciatori-pompieri doveva essere scritta. 

Il solito Silvio Piola non basta ed una doppietta di Angelini permette ai liguri di andare al riposo davanti 2-1. La partita si innervosisce, ma l’arrocco spezzino resiste agli assalti fino alla fine: quando Valentino Mazzola – tallonato per tutta la gara proprio da Tommaseo – centra la traversa al 90’, è chiaro a tutti che il miracolo è compiuto. Il Toro, virtualmente fuori dalla lotta per il titolo, travolge poi il Venezia 5-2 regalando matematicamente il titolo – lo verranno a sapere sulla strada di ritorno – ai Vigili di La Spezia, il 20 luglio del 1944. 

Il seguito della vicenda non rispetta la straordinaria favola sportiva appena descritta. I vertici fascisti di FIGC e CONI, probabilmente sbalorditi dal successo spezzino, rinnegano l’ufficialità del torneo, assegnando ai VV.FF solo una Coppa federale: il Torino rimane Campione d’Italia. Ai calciatori-pompieri arrivano 25 mila lire ma senza il riconoscimento più importante: la vittoria mutilata proseguirà anche con la fine della Guerra, in quanto il ristabilito Regno D’Italia si rifiuta categoricamente di legittimare il Campionato.

La fallita fusione dei Vigili con il redivivo A.C.Spezia sembra segnare per sempre il destino di quella squadra epica, inghiottita da una damnatio memoriae terribilmente ingiusta. Solo nel 2002, quasi 60 anni dopo, la FIGC decide di riconoscere il titolo onorifico allo Spezia Calcio, grazie anche alla spinta di giornalisti ed autorità locali. Ma al di là degli artifizi burocratici, che per ogni soluzione hanno un problema, la memoria collettiva sportiva non può esimersi dall’elevare lo Scudetto dei Pompieri all’immortalità. 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.