Papelitos
12 Febbraio 2023

La grande menzogna sulle seconde squadre

Più che un modello per il calcio italiano, un flop.

Ancora un paio di mesi fa Gabriele Gravina, presidente della FIGC, parlava delle seconde squadre o squadre under 23 (che dir si voglia) in questi termini: «il progetto seconde squadre fa bene alla Nazionale e anche alla Juventus. Basti pensare che la società bianconera ha schierato nella seconda squadra 97 giocatori e il 28% ha già esordito in prima squadra. Il progetto è stato visionato in maniera frettolosa, non approfondita, mentre è sotto gli occhi di tutti che una società che ha creduto in quel progetto ha effetti positivi, importanti a livello di sistema del calcio italiano». Lo affermava in un evento organizzato dalla Juventus all’Allianz Stadium, e dal titolo “Le seconde squadre in Italia e in Europa, modello per il futuro?”. Praticamente, se la cantavano e se la suonavano da soli.

Sia chiaro, l’Italia del calcio ha un innegabile problema con i giovani – di cui abbiamo scritto fino allo sfinimento –, e per cui ognuno propone sua ricetta o almeno ne individua la causa, più o meno sistemica: il problema culturale, quello strutturale, quello formativo; il poco coraggio degli allenatori delle prime squadre, l’arrivismo di quelli delle giovanili; in generale anche la mutazione antropologica, e quindi calcistica, della nostra società e delle nuove generazioni. Una selva esegetica fitta e complicata. E però, tornando sul punto, in un pezzo-intervista uscito sul Guerin Sportivo Roberto Samaden (responsabile della sezione sviluppo del calcio giovanile in FIGC e direttore del settore giovanile dell’Inter) si interrogava così: 

«mi viene da fare una domanda: se un club su 20 ha fatto la seconda squadra, che siano proprietà italiane o straniere, probabilmente dobbiamo chiederci se il modello costruito in Italia di seconda squadra è corretto».

Tralasciando il fatto che il settore giovanile dell’Inter è stato premiato dalla UEFA come miglior settore giovanile d’Europa mel 2019, e che è quello che ad oggi lancia più giocatori del vivaio nei migliori trentuno campionati europei (26), ciò che ci interessa è il quesito, la questione. Se pur in un Paese che calcisticamente ha bisogno di lanciare giovani, in cui diversi club come confermato dallo stesso Gravina erano “interessati” a sviluppare le seconde squadre, nessuno ha messo su l’under 23 a parte la Juventus, beh evidentemente c’è un problema. Che poi, anche qui, la Juventus ha lavorato in realtà molto bene sul settore giovanile negli ultimi anni, ed è difficile dire quanto poi sia merito della seconda squadra per il debutto di alcuni talenti.


Scrivevamo esattamente tre anni fa


Oggi, nell’epoca della semplificazione, si crede che se Fagioli, Miretti e altri hanno debuttato in prima squadra sia merito esclusivo della formazione nella squadra B. Eppure quello della ‘Juventus Next Gen’ non è un modello con solo luci, come confermato dallo stesso Maurizio Arrivabene che ne parlava con il direttore finanziario del club Stefano Cerrato, nell’ennesima intercettazione filtrata sui giornali (con tutti i limiti, etici e deontologici, di questo tipo di giornalismo): «L’idea che mi sono fatto io è che quello lì è un carrozzone – la seconda squadra, ndr – che abbiamo creato… te lo dico fuori dai denti, che abbiamo creato perché non sapevamo più dove mettere i giocatori». . . .


Il contenuto integrale è riservato agli abbonati alla Newsletter. Iscriviti qui sotto (gratuitamente) inserendo la tua email per leggere tutto


Gruppo MAGOG

La Redazione

78 articoli
Le origini del successo dell’Italrugby
Altri Sport
La Redazione
18 Marzo 2024

Le origini del successo dell’Italrugby

Il miglior Sei Nazioni della storia della palla ovale italiana impone delle riflessioni.
In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto
Altro
La Redazione
13 Gennaio 2024

In Arabia tutto ha un prezzo, ma proprio tutto

Vuoi guadagnare 3000€ al mese per giocare a calcio? In Arabia Saudita puoi, manda il tuo curriculum!
Grande Tragico Torino
Podcast
La Redazione
03 Dicembre 2023

Grande Tragico Torino

Un podcast con Massimo Fini.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Immaturi
Estero
Valerio Santori
17 Marzo 2022

Immaturi

La Juventus non può fare la grande squadra.
La Juventus comunista
Cultura
Andrea Mainente
03 Agosto 2022

La Juventus comunista

La Vecchia Signora è più forte della lotta di classe.
I limiti di Dusan Vlahovic
Calcio
Simone Totaro
11 Ottobre 2022

I limiti di Dusan Vlahovic

È giunto il tempo di parlare del centravanti serbo.
Pietro Vierchowod: la Nazionale ai calciatori italiani
Interviste
Giovanni Guido
08 Agosto 2023

Pietro Vierchowod: la Nazionale ai calciatori italiani

Intervista ad una leggenda del gioco.
Francesco Ghirelli, è ora delle dimissioni
Editoriali
Michelangelo Freda
16 Dicembre 2022

Francesco Ghirelli, è ora delle dimissioni

Con la riforma naufraga anche un sistema di potere.