Carrello vuoto
Storie
23 Dicembre

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.

Il calcio fu importato in terra basca tra gli ultimi decenni dell’ottocento e i primi anni del novecento dagli inglesi che, per ragioni di commercio, approdavano quotidianamente nel golfo di Biscaglia. Inizialmente questa nuova disciplina non fu accolta con vivo entusiasmo dall’élite del luogo, la quale riteneva il football un’alternativa al ben più tradizionale gioco della pilota, derivato della pallacorda.

Tuttavia col passare del tempo il pallone fece sempre più breccia nel cuore del popolo e non impiegò molto per divenire parte integrante della cultura basca, come dimostra il felice progetto dell’Athletic Club che, a partire dal 1910 circa, iniziò a commissionare a noti ritrattisti (baschi e non) una serie di quadri raffiguranti episodi e protagonisti del Bilbao. In occasione del centenario poi – celebrato nel 1998 – , la società biancorossa decise di raccogliere tutte le opere encomiastiche accumulate nel corso degli anni in una mostra, denominata Arte en la Catedral.

Tra i numerosi dipinti da ammirare, non si può non citare la suggestiva scena catturata da Aurelio Arteta nell’Idilio en los campos de sport. In questo suo capolavoro l’artista basco rappresenta lo storico attaccante dell’Athletic Rafael Moreno Aranzadi, meglio noto come Pichichi (esatto, il premio come miglior marcatore della Liga prende il nome proprio da lui), al fianco di colei che sarebbe diventata la sua consorte. Quando si dice “calcio e cultura”, nel senso più ampio del termine: quitema amoroso e calcistico si fondono inestricabili sulla tela con l’identità territoriale.

Idillio en los campos de sport, Aurelio Arteta (1913-15)

La prima partita che vide impegnata ufficialmente una rappresentativa di giocatori baschi risale al 1915. Si tratta di una netta vittoria per 6 a 1 sulla Catalogna, terra anch’essa non esattamente estranea alle rivendicazioni di indipendenza. Fino ad inizio anni trenta questo confronto si ripeté in circa altre dieci occasioni, con esiti quasi sempre favorevoli all’undici basco. Ciò non deve affatto sorprendere: infatti, in tutte le spedizioni delle Furie Rosse spagnole che presero parte alle competizioni internazionali di quel periodo, vi era una decisa prevalenza basca, per distacco il movimento calcistico più sviluppato nella Spagna del dopoguerra.

In seguito lo scoppio della guerra civile nel 1936, e il progressivo smantellamento dell’ordinamento repubblicano, furono paradossalmente la scintilla necessaria per dare una forma alla selezione basca. L’ex giocatore dell’Athletic Bilbao José Antonio Aguirre Lekube, eletto Lehendakari nel 1933 (ossia Presidente del Governo della comunità autonoma dei Paesi Baschi), decise infatti nel 1937 di creare una vera e propria selezione basca, l’Euskadi, che avrebbe dovuto affrontare una serie di incontri in giro per l’Europa così da raccogliere fondi a sostegno dell’agonizzante causa repubblicana, e far conoscere al mondo l’esistenza e la cultura dei Paesi Baschi.

José Antonio Aguirre Lekube arringa la folla basca

Dopo solo qualche mese il governo pensò ancora più in grande. Decise infatti di espandere i propri confini e di approdare anche nel Centro e Sud America. Oltrepassato dunque l’Atlantico, la selezione basca disputò numerose partite tra Messico e Cuba, mentre non poté scendere in campo in Argentina a causa del divieto proveniente dalla FIFA. La spedizione tornò così in Messico dove, dopo essersi affiliata alla federazione calcistica locale, partecipò al campionato nazionale nella stagione 1938/39, posizionandosi al secondo posto.

Intanto in patria la guerra volse al termine, con l’instaurazione del regime del Generalìsimo Francisco Franco; fu dunque proibito l’utilizzo di qualsiasi denominazione non appartenente alla lingua castigliana, e dichiarata fuorilegge l’ostentazione di simboli riconducibili ai particolarismi locali.

.

Bisognerà aspettare fino all’approvazione della Costituzione Spagnola nel 1978 – tre anni dopo la morte del Caudillo –  perché le normative centraliste fossero abolite. Tuttavia la legge che proibiva di mostrare in pubblico l’Ikurrina, bandiera e simbolo per eccellenza del popolo basco, fu abrogata un anno prima, nel 1977, grazie anche ad un gesto che in Euskal Herria verrà difficilmente dimenticato. Il 5 dicembre 1976 andò in scena lo storico derby tra Real Sociedad ed Athletic Bilbao: all’ingresso dei giocatori in campo i capitani delle due compagini, rispettivamente Kortabarria e Iribar, sventolarono l’Ikurrina davanti alla gente del Municipal di San Sebastian.

Già la storia di quella bandiera trasudava indipendenza: il vessillo basco infatti era stato disegnato da Sabino Arana, il carismatico politico che nel 1894 fondò il PNV (Partito nazionalista basco) e che dopo qualche anno fu imprigionato per alto tradimento ai danni della patria, in quanto tentò di spedire all’allora Presidente degli Stati Uniti Theodore Roosevelt una lettera con la quale chiedeva di assistere Cuba nella lotta per l’indipendenza dalla Spagna.

Estadio Municipal de Anoeta, casa della Real Sociedad, in quel 5 Dicembre 1976

Tornando alle vicende che riguardano strettamente la rappresentativa, la prima partita ufficiale giocata dalla Seleccion de Euskadi risale all’agosto del 1979, vinta per 4 a 1 sull’Irlanda. Dal 1993 in poi, inoltre, è viva la tradizione di disputare un’amichevole – non a caso – durante le feste natalizie, periodo nel quale si avverte inevitabilmente il desiderio di riavvicinarsi alle proprie radici. La formazione basca vanta nel proprio palmares, oltre alle numerose vittorie di prestigio ottenute contro nazionali di primo ordine, anche una Coppa delle Regioni (competizione riservata alle selezioni amatoriali iscritte da ciascuna federazione affiliata all’Uefa) conquistata nel 2005 battendo in finale il Sud-Ovest Sofia.

.

Nel 2007 il movimento basco decise di denominare la squadra Euskal Herria in quanto soltanto questo appellativo, racchiudendo in sé tutta la gente bascofona aldilà di qualsiasi delimitazione territoriale, rendeva onore a tutte le province basche. Il popolo basco infatti, non potendo contare su un riconoscimento politico, si identifica fortemente nella comunità linguistica rappresentata dall’Euskera.

Emblematici in questo senso alcuni passi del romanzo famigliare pubblicato nel 2016 da Fernando Aramburu, Patria, ambientato nella Spagna devastata dal fanatismo dell’ETA. Uno dei personaggi chiave del racconto è un prete basco il quale, guidato più dalla fede indipendentista che da quella cattolica, sottolinea in non poche occasioni l’importanza che la lingua Euskera ricopre nella società basca.

“Su di noi ricade la missione cristiana di difendere la nostra identità, e pertanto la nostra cultura e, sopra ogni cosa, la nostra lingua. Se quest’ultima scompare, chi pregherà Dio in euskera, chi canterà le sue lodi in euskera?

[…] Nel corso dei secoli, noi baschi non abbiamo prestato abbastanza attenzione alle lettere. L’euskera, l’anima dei baschi, ha bisogno di appoggiarsi su una letteratura propria. Romanzi, teatro, poesia. Tutto. […] Sono più necessari che mai dei grandi scrittori che portino la lingua al suo massimo splendore. Uno Shakespeare, un Cervantes, in euskera, questo sì che sarebbe meraviglioso’’.

Pasai Donibane, Gipuzkoa (Paesi Baschi)

Tuttavia, in virtù dell’antichissimo principio secondo cui un nome non è mai soltanto un mero insieme di sillabe, varie pressioni politiche costrinsero la federazione ad una retromarcia. Tutto ciò non piacque agli atleti i quali, per protesta, rinunciarono a scendere in campo fino al 2010, anno in cui si trovò l’accordo sull’appellativo Euskal Selekzioa.

Curioso leggere sul sito ufficiale della Federazione calcio basca i commenti sulle sfide affrontate dalla squadra, in particolar modo se si tratta di vittorie, in cui prevale un tono tendente al trionfalismo: non ci si limita mai a narrare le azioni che hanno condotto ai successi, bensì si punta a decantare con fierezza la superiorità tecnica e fisica imposta dalla selezione basca a squadre che, al contrario, partecipano alle competizioni calcistiche mondiali più valide e prestigiose.

.

Tutto ciò porta ad interrogarsi sulle rivendicazioni territoriali dell’Euskal Herria, ben più profonde di quelle catalane: in un’epoca in cui si valutano le richieste di autonomia sulla base dei contributi versati, o sull’esigenza di liberazione dal gioco centralista, i Paesi Baschi si fanno portavoce di un’identità forte e di radici profonde, che investono ogni ambito della comunità. Tra queste, inevitabilmente, troviamo lo sport: chiedere a Bilbao, a San Sebastiàn (e non solo) per credere.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Matteo Zega
11 Giugno 2022

Giovanni Arpino, un apolide dell’esistenza

Il pallone in poesia e in purezza.
Calcio
Michelangelo Freda
26 Maggio 2022

Ciriaco De Mita e l’Us Avellino

È morto oggi, a 94 anni, un autentico uomo di potere.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Cultura
Andrea Mainente
10 Febbraio 2022

Vittorio Sereni e il fantasma nerazzurro

Un amore dolce e intenso come pochi, consumato a San Siro.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre 2021

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Cultura
Andrea Mainente
7 Ottobre 2021

Alfonso Gatto, un poeta allo stadio

Vita, calcio e ciclismo come un'unica testimonianza d'amore.
Interviste
Vito Alberto Amendolara
23 Settembre 2021

Osvaldo Casanova e l’arte di disegnare il calcio

Come far convivere arte e sport.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto 2021

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Altro
Luca Pulsoni
16 Agosto 2021

Elogio dell’arte di Gimondi

Un ciclista immortale, per sempre scolpito nella leggenda.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Estero
Paolo Cammarano
6 Luglio 2021

La Spagna che non tifa Spagna

La Roja non unisce tutto il Paese.
Cultura
Edoardo Franzosi
2 Luglio 2021

Lo sport secondo Ernest Hemingway

Il 2 luglio del '61 moriva suicida un'icona del Novecento.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio 2021

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Editoriali
Andrea Antonioli
24 Giugno 2021

Che stanchezza il calcio arcobaleno

Kneeling, rainbows and conformism.
Estero
Paolo Cammarano
9 Giugno 2021

La guerra (delle radio) più assurda di sempre

Un potere che in Spagna superava quello dei club.
Tifo
Antonio Torrisi
31 Maggio 2021

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Estero
Gianluca Losito
23 Maggio 2021

L’Atletico Madrid non muore mai

Gli uomini di Simeone hanno vinto l'undicesimo titolo.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Cultura
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Battiato e il calcio, spirito e materia

La meno conosciuta tra le passioni del cantautore siciliano.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo 2021

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.