Carrello vuoto
Interviste
16 Luglio

Senza nessuna etichetta

Davide Bernardini

21 articoli
Essere donne, e poi donne nello sport. Donne attraverso lo sport, donne migliori grazie allo sport. Con umiltà, decisione, discrezione.

Elisa Longo Borghini è nata a Ornavasso il 10 dicembre 1991. Ferdinando, il padre, è stato tecnico a livello giovanile e responsabile tecnico dei materiali delle nazionali di fondo; Guidina, la madre, da fondista ha partecipato a coppe del mondo, Olimpiadi e Mondiali, continuando anche dopo il ritiro ad inanellare successi internazionali e piazzamenti pesanti nello skiroll (sci a rotelle) e nella corsa in montagna. Infine c’è Paolo, il fratello, ciclista professionista per un decennio che ha vestito, tra le altre, le maglie di Liquigas e Cannondale. Elisa, nonostante non abbia ancora compiuto ventisette anni, vanta un palmarès invidiabile: Trofeo Alfredo Binda, Giro delle Fiandre, Strade Bianche, due tappe e la classifica generale della Route de France, due volte il Giro dell’Emilia, tre volte campionessa italiana nelle prove contro il tempo e un tricolore su strada. I piazzamenti valgono altrettanto: terza alla Freccia Vallone nel 2014, terza nella prova su strada dei Mondiali 2012 e delle Olimpiadi di Rio 2016, seconda nella classifica generale del Giro d’Italia 2017. Ai recenti Giochi del Mediterraneo, ha vinto la medaglia d’oro nella prova in linea. In virtù di questi eccellenti risultati, Elisa Longo Borghini è da anni una delle atlete di riferimento del movimento ciclistico femminile internazionale.

 

Elisa, partirei dall’attualità: a che punto della tua vita e carriera pensi di essere arrivata?

A un buon punto, sicuramente. Come atleta mi sono già tolta diverse soddisfazioni e lavoro per togliermene altre. So di avere un altro paio di anni per arrivare al mio massimo, me lo dicono i dati. Dal punto di vista umano e personale, mi sento tranquilla e soddisfatta. Ho la testa sulle spalle, anche se sono consapevole che non si finisce mai di imparare.

E’ più faticoso pedalare o convivere con l’idea che in molti hanno della donna nello sport?

Ecco, pedalare ed essere donna è davvero un bel mix. E’ inutile girarci intorno: è faticoso, e molto. Più degli uomini, devo dire, per il semplice fatto che per la legge italiana non esistono atlete azzurre professioniste. Dobbiamo ringraziare i corpi militari, che con il loro lavoro mettono un gran bella pezza (Elisa è tesserata per le Fiamme Oro, ndr).

Chi sono i tuoi riferimenti? Non necessariamente personaggi famosi, o del mondo dello sport.

Mai stata una fan di qualcuno o qualcosa, mai avuto idoli che mi hanno particolarmente influenzata. Sinceramente, guardo a mio fratello, Paolo. Ha saputo portare avanti con successo ciclismo ad alti livelli e famiglia. L’etica, sportiva e umana, per lui è fondamentale: e così per me.

E da tua madre, Elisa, cosa hai imparato? Cosa ti ha trasmesso lei, che è stata una grande sportiva prima di te?

La sua presenza è stata e sarà sempre fondamentale. Avere in casa una persona, a maggior ragione mia madre, che è già passata da dove sto passando io adesso è davvero prezioso. So che con lei posso parlare liberamente perché capisce in un attimo le mie sensazioni: stanchezza fisica o mentale, la ricerca del risultato, aspetti extrasportivi perché ovviamente ci sono anche questi. In più, ho avuto la fortuna di ricevere un’educazione forte, rigida, fatta di valori e principi, rispetto e sacrificio.

 

Elisa Longo Borghini trionfa in Piazza del Campo, a Siena, facendo sua la Strade Bianche 2017. (Foto LaPresse/ Gian Mattia D’Alberto)

In linea di massima possiamo affermare che il ciclismo femminile, nonostante grandi passi in avanti, riscuota meno successo del maschile. Come mai, secondo te? Nell’appassionato di ciclismo ci sono pregiudizi o malizia? Oppure è una questione di abitudine?

Abitudine, direi, e lo dimostrano i fatti: da quando viene dedicato più spazio al femminile, molte persone si sono avvicinate spontaneamente. Anche le corse che affrontiamo, più corte e quindi più combattute, favoriscono l’aspetto mediatico. Quindi, come detto, ad oggi direi per una questione di abitudine. Fino a non molti anni fa, invece, avrei risposto diversamente: c’era del residuo culturale a monte che sfavoriva il movimento femminile. Comunque, oggi abbiamo finalmente una maggiore esposizione mediatica: questo è ciò che conta.

Se ricoprissi una carica istituzionale, cosa faresti per rendere il movimento ciclistico femminile ancora più appetibile?

Credo che se ogni team del World Tour maschile allestisse anche una divisione femminile, il movimento rosa ne guadagnerebbe sicuramente in prestigio, livello e visibilità. Praticamente quello che nelle ultime stagioni sta succedendo nel mondo del calcio. Da esterna, mi sembra stia andando bene e la reputo una valida soluzione.

Nel tuo futuro c’è il desiderio di candidarti per un posto di rappresentante del ciclismo femminile?

Adesso sono concentrata sulla carriera da atleta, ci penserò quando sarà al momento. Ad essere sincera, il mio pensiero va anche alla Polizia di Stato: vorrei dare indietro tutta la disponibilità che mi hanno dimostrato. Non so se sdebitarsi è la parola adatta, ma il senso è quello.

Il gruppo come ti sembra? Unito?

Sì, senz’altro. E la cosa sta migliorando sempre di più. Da questo punto di vista, sono serena e fiduciosa.

Dal tuo punto di vista, voi ragazze state già facendo il massimo? Oppure c’è qualcosa che ti senti di rimproverare o consigliare alle tue colleghe?

Non vedo cos’altro potremmo fare, a dirla tutta. Ci facciamo sentire, abbiamo chi ci rappresenta e chi ci sostiene e non ci fa mancare il suo supporto. Ovviamente si può sempre fare di più ma direi che stiamo lavorando bene, nella direzione giusta.

 

Elisa Longo Borghini con la divisa delle Fiamme Oro, il gruppo sportivo militare d’appartenenza. (Foto LaPresse – Marco Alpozzi)

Qual è il problema principale del movimento ciclistico femminile, per te?

Non esiste una categoria intermedia, e mi spiego. Una volta terminato il percorso delle “giovanili”, una ragazza di indicativamente diciotto anni si ritrova subito a pedalare con le Élite, la categoria massima. Manca questa realtà di mezzo, sia a livello di categoria sia a livello di corse ed eventi. E’ brutto da dire, ma le cose stanno così: tante giovani ragazze si ritrovano a correre in competizioni troppo dure per loro, firmano alla partenza con la consapevolezza che dopo un certo numero di chilometri dovranno alzare bandiera bianca. E’ un problema che l’UCI dovrebbe prendere in seria considerazione, così facendo si bruciano tante ragazze e anche quelle che meritano rischiano di non essere svezzate nella maniera giusta.

Breve riflessione. Ci sono alcuni movimenti femministi estremi che partono con buoni intenti salvo poi perdersi per strada tra manifestazioni discutibili e azioni di cattivo gusto. Finiscono per fare più danni del maschilismo. Cosa pensi a riguardo?

Che essere donna significa ben altro, situazioni di questo tipo penalizzano e basta. Che la sfera femminile, dal punto di vista dei diritti e della parità, si collochi indietro rispetto a quella maschile mi sembra un dato di fatto: questi movimenti, e comunque le donne in generale, non devono però giocare e approfittarsi di questa situazione per spingere troppo, come via via succede. Il mio sogno è poter vivere in un mondo dove vengono meno le etichette. Essere uomo o donna comporta delle differenze, è chiaro, è giusto riconoscerle. Ma per quanto riguarda il mondo dello sport, vorrei che ogni atleta fosse considerato per quello che è: una persona.

Ormai da qualche stagione, sei uno dei riferimenti nazionali e mondiali del ciclismo femminile. Senti questa responsabilità?

Allora, partendo dal presupposto che qualsiasi azione, parola o ruolo porta con sé delle responsabilità, ovviamente mi rendo conto di averne. Però guardo il tutto da un altro punto di vista: per me, è un privilegio poter essere un riferimento del genere. Avere le carte in regola per sfondare nel mondo dello sport non è da tutti. E non lo dico con arroganza, anzi, al contrario: è l’umiltà che mi fa dire questo, perché con un talento ci si nasce, è Gesù Cristo che ti ha voluto bene. Mi sento fortunata, ecco. E probabilmente, per una ragazza è ancora più complicato arrivare al successo nello sport. Nel mio piccolo, spero e credo di far bene, di essere da stimolo.

Nell’immediato futuro, Elisa, cosa c’è?

Da ciclista, e so per certo di non essere la sola, sogno la maglia iridata di campione del mondo. Da donna, sicuramente un bambino con l’uomo che mi sta accanto. Non chiedetemi una gerarchia, però.

 

Crediti foto copertina: Foto LaPresse/ Gian Mattia D’Alberto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altri Sport
Luca Pulsoni
6 Maggio 2022

A nessuno piace più il Giro d’Italia

Parte da Budapest la corsa più povera degli ultimi anni.
Cultura
Giovanni Guido
21 Aprile 2022

Paolo Conte, di musica e bicicletta

Un viaggio in un mondo antico, anche sportivo.
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Cultura
Andrea Muratore
22 Luglio 2021

Montanelli al Giro, un affresco d’Italia

Vent'anni fa ci lasciava un grande giornalista italiano.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile 2021

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre 2020

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Altro
Luca Pulsoni
14 Ottobre 2020

Giro Covid

8 positivi alla Corsa Rosa. Perché la bolla anti Covid non funziona.
Recensioni
Fabrizio Naldoni
14 Ottobre 2020

Il caso Pantani, l’omicidio di un campione

Per l'atleta straordinario e per l'uomo venuto dal mare.
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre 2020

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno 2020

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Altro
Mattia Azario
17 Giugno 2020

Il Tour unisce e rivela la Francia

Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio 2020

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo 2020

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Storie
Alberto Fabbri
12 Marzo 2020

Il D’Annunzio sportivo

Un ritratto del Vate attraverso lo sport.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre 2019

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Altro
Luca Pulsoni
22 Ottobre 2019

La fine del Pirata

Quindici anni di nuove inchieste, archiviazioni e malinconia.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre 2019

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altro
Luca Pulsoni
20 Luglio 2019

Apollo Merckx 11

Mezzo secolo fa la prima carneficina del Cannibale nel giorno dello sbarco sulla luna.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio 2019

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno 2019

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno 2019

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Altro
Remo Gandolfi
15 Gennaio 2019

Michele Scarponi e il senso dell’amore

Non dimentichiamo l'insegnamento dell'aquila di Filottrano.
Altro
Luca Pulsoni
1 Novembre 2018

Gran Bretagna dominatrice sulle due ruote

Si è da poco conclusa la stagione ciclistica. I britannici dominano, l’Italia arranca.
Altro
Luca Pulsoni
15 Settembre 2018

Un uomo solo al comando

Il racconto della più grande impresa ciclistica di tutti i tempi. Il volo di Fausto Coppi verso la leggenda.
Ritratti
Giovanni Pigozzo
7 Settembre 2018

Alfonsina Strada

Il mito della prima ciclista a correre il Giro d'Italia.
Altro
Alessandro Autieri
19 Luglio 2018

Remco Evenepoel: il divoratore di mondi

Dopo aver lasciato il calcio per fare il ciclista, un giovane belga dal nome affascinante potrebbe diventare il nuovo tiranno che minaccia il mondo delle pedalate.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio 2018

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Ritratti
Matteo Latini
13 Luglio 2018

Tom Simpson

Un vita in fuga, la morte sul Ventoux. Era Tom Simpson, l'uomo che non sapeva ascoltare il proprio dolore.
Altro
La Redazione
5 Luglio 2018

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio 2018

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
25 Giugno 2018

Óscar Freire

Il ritratto di uno squalo, un predatore da volata: annusa, attende, attacca. Sbrana.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno 2018

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno 2018

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno 2018

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altro
Davide Bernardini
11 Giugno 2018

Keep calm and ride Brit

Ascesa e dominio del ciclismo britannico, da Tom Simpson a Froome e ai gemelli Yates, passando per Boardman, Cavendish e Wiggins.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno 2018

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno 2018

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Alberto Girardello
1 Giugno 2018

La maglia nera non esiste

Una noiosa retorica e un occhio strizzato al marketing rischiano di far degenerare in pagliacciata un simbolo di rispetto per la fatica.
Altro
Alberto Girardello
26 Maggio 2018

Froome è uno di noi

Chris Froome spezza il tempo in due, prima e dopo il Colle delle Finestre, prima e dopo il 25 maggio 2018. Con un gesto di 82km ha distrutto il ciclismo che lui stesso ha contribuito a creare.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio 2018

Gianni Mura: scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Davide Bernardini
17 Maggio 2018

L’innominabile

Peter Sagan è un corpo alieno nel gruppo, capace di colpi impossibili: non per questo però si può sottrarre alla critica.
Altri Sport
La Redazione
1 Maggio 2018

Bar Giro

Discussioni sul Giro d’Italia 2018, dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Interviste
Davide Bernardini
27 Aprile 2018

Bidon, o un sorso di buon ciclismo

Intervista alla redazione di ciclismo con poche news e nessuna classifica, senza ricerca del virale né richiamo dell’hype. "Un posto per storie e visioni, per raccontare di biciclette senza scadenze fisse, ma soltanto quando vien voglia di un sorso fresco. Per la sete, o anche solo per il gusto".
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Ritratti
Davide Bernardini
18 Aprile 2018

Andy Schleck

Ritratto del campione lussemburghese: il legame con il fratello, il talento cristallino, il dualismo con Contador, il coraggio, la fantasia.