Carrello vuoto
Calcio
17 Novembre

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.

La carriera di Sergio Agüero si è interrotta. Cristallizzata nel tempo. Il 13 maggio è una piacevole domenica di primavera nelle Midlands. Il sole scalda Manchester e irradia il pomeriggio con una luce carica di aspettative. Blu contro Rossi nel biliardino della città: tra City e United è conteso il titolo di campione d’Inghilterra al termine di una Premier League elettrizzante.

Nel Nord-Est del paese, allo Stadium of Lights di Sunderland, i Red Devils hanno messo il pilota automatico. Il gol di Wayne Rooney al ventesimo lascia scorrere le lancette nella quiete di una partita gestita senza problemi dagli uomini di Sir. Alex Ferguson. Le attenzioni ben presto si spostano verso casa: City e United sono appaiate in vetta, ma la differenza reti, nettamente favorevole agli uomini di Roberto Mancini, renderebbe vana la vittoria in caso di arrivo a pari punti.

Al City of Manchester Stadium (Ethiad per fini commerciali), i Citizens sono nervosi e contratti. Il QPR, in cerca di punti salvezza, non si accontenta del ruolo di comparsa, anzi agguanta e a inizio ripresa ribalta il vantaggio iniziale di Zabaleta. Passano i minuti e le facce sugli spalti tradiscono le ansie di una storia già vista. Certo, l’acquisizione del club da parte degli sceicchi ha ridato speranze ai tifosi, e la vittoria della FA Cup della stagione precedente è senza dubbio una premessa incoraggiante.

Agüero trofei City
Agüero è diventato una leggenda Citizens (Foto: Twitter)

Tuttavia, a 44 anni dall’ultimo titolo, le angosce sono lecite e la sensazione che il destino, come al solito, stia di nuovo ordendo la sua trama beffarda è inevitabile. Quando il cronometro spacca il novantesimo anche la logica, molto più inesorabile del pessimismo, stende il suo copione. Sugli spalti la rabbia prende il posto dello scoramento. Qualcuno getta la sciarpa biancazzurra violentemente per terra. Qualche altro si copre il volto per non vedere, ma basta sentire il silenzio assordante per capire: è finita.

Eppure i tre fischi non arrivano. C’è ancora il tempo di qualche attacco confuso, più per dovere che per convinzione. Da uno di queste sortite nasce il calcio d’angolo che David Silva spedisce sulla testa di Edin Dzeko: è 2 a 2 al novantaduesimo, ma non basta. La rete è una scarica elettrica che rianima la squadra, ma con neanche 180 secondi da giocare le speranze rimangono poche.

I minuti che seguono sono caotici e incomprensibili. Nigel De Jong scompagina come sempre gli equilibri con i suoi interventi ruvidi e all’improvviso riparte una folata offensiva disordinata. Il Kun improvvisa uno scambio con un Balotelli davvero ispirato. Mario, in versione – allora sì – Super, con un colpo di reni si stende allungandosi per restituire il pallone ad Agüero. Uno stranissimo triangolo a lungo raggio si chiude.

Agüero Manchester City
L’esultanza del Kun Agüero, il delirio di una parte della città (Foto: Twitter)

Il Kun riceve la sfera sul destro ed entra in una stato di catarsi. Controlla il pallone con una lucidità inspiegabile: un tocco perfetto, delicato quanto basta per eludere il tentativo disperato di Taiwo, e preciso a sufficienza per preparare la conclusione verso la porta. Il pallone è calciato forte, sul primo palo, un metro circa al di fuori dell’area piccola della porta difesa da Paddy Kenny.

93 minuti, 20 secondi: il momento esatto in cui il pallone ha gonfiato la rete, la carriera di Sergio Kun Agüero è cambiata per sempre. E non tanto per le stagione strepitose che sarebbero seguite, condite da trofei e record, quali miglior marcatore della storia dei Citizens (260 gol) e migliore marcatore straniero della Premier League (184 gol). Quanto piuttosto per quello status di eroe in patria che ne ha accompagnato il resto dell’esperienza mancuniana.

«Non capivo che avevamo vinto il campionato. Un tifoso mi ha detto ‘grazie mille per questo gol’. Il minuto 93.20 è stato uno migliori momenti della mia vita. E ogni volta che lo ricordo dico WOW».

Uno di quei privilegi esclusivi che solo una ristretta cerchia di sportivi può vantare. Una condizione se possibile amplificata addirittura dal suo addio, una manciata di mesi fa, quando è stata annunciata una statua in suo onore posta fuori dallo stadio e un mosaico installato invece alla City Football Academy. Come se non bastasse sulla maglia, confezionata da Puma per la stagione 2021/2022 in occasione del decennale di quella storica impresa, è stato impresso nella parte interna il riferimento ormai celebre: 93’20”.

Le immagini di un pomeriggio indimenticabile.

La carriera di Sergio Agüero si è interrotta. Cristallizzata nel tempo. Stavolta è il 30 ottobre, a Barcellona si gioca l’ennesima partita complicata del dopo Messi. Il Kun Agüero, dopo un inizio stagione tribolato a causa di qualche infortunio di troppo, ha ritrovato il campo, e con lui si spera la continuità. Il minuto è il 38, quando l’argentino si accascia sul manto del Camp Non toccandosi ripetutamente la gola e il petto.

Lo sguardo sembra vacuo, perso nell’impotenza di una situazione anomala che il Kun non riesce a decifrare. Una vita spesa sui campi di pallone, l’esperienza di conoscere le dinamiche del gioco, così come quelle del fisico. I muscoli che si allungano e si sforzano un po’ troppo. Elongazioni, stiramenti, strappi e traumi, quante ne ha passate Agüero. Ma questa cosa Sergio non l’ha mai sentita.

Esce dal campo comprensibilmente frastornato, e non sa ancora che forse non ci rientrerà più. ‘Aritmia maligna’ recita il referto degli accertamenti cardiologici effettuati nei giorni seguenti. Una dinamica simile a quella che lo scorso giugno, oltre alla carriera, stava portando via la vita a Christian Eriksen. La stessa che qualche anno fa aveva anche minato la salute di Iker Casillas che qualche giorno fa ha ammonito:

«Serve prevenzione, maggiore prevenzione. I casi di calciatori che si sentono male sul campo ormai sono all’ordine del giorno. Su quegli stessi campo giocano anche i bambini. Le squadre sono attrezzate per questo ma spesso si parla solo quando accadono certe cose».

Kun Barcelona
Agüero scortato dall’equipe medica lascia il Camp Nou, forse per l’ultima volta. (Foto: Twitter)

Da parte sua, il Kun ha professato cautela e rassicurato sui profili social i suoi tifosi, dopo le illazioni su un ritiro imminente diffuse da Mundo Deportivo: «Visti i rumors, rispondo dicendo che sto seguendo le indicazioni dei medici del club, facendo esami, seguendo cure e tenendo nota dei miei progressi per i prossimi 90 giorni. Sempre positivo». Ma poi ha anche aggiunto:

«Sto bene, bene… I rumors sono terribili. Questa cosa del cuore richiede tempo, almeno 6 mesi. Ho 33 anni e dovrei aspettare 6 mesi, più tre di allenamento per tornare in campo. Beh, è complicato. Dovrei stare fuori 9 mesi, quasi un anno, ecco perché speculano sul mio ritiro. Se mi dicono che devo smettere lo farò, ma prima aspetto i risultati»

Realisticamente, dobbiamo considerare conclusa la carriera del Kun. Ovvio, in questi casi è un aspetto decisamente marginale rispetto alla prospettiva di poter continuare a vivere un’esistenza serena. Al netto dei messaggi positivi, delle dichiarazioni di speranza e fiducia, i tempi di recupero e l’età di Agüero gli consentiranno, nella migliore delle ipotesi, di tornare a strappare gli ultimi applausi in una passerella di addio. Magari volgendo lo sguardo a Sud, in direzione Avellaneda, dove il sogno di del DS Burruchaga di rivedere il Kun alla Doble Visera, con la maglia dell’Independente, potrebbe avversarsi, fosse anche solo per un attimo.

Un attimo che non cancellerà una carriera: quella di uno dei migliori attaccanti della sua generazione, che proprio in un attimo ha cambiato la storia e che l’ha consegnato alla leggenda di una squadra. La corsa di Agüero si ferma qui, ma non si potrà mai fermare l’eco di quelle gesta impresse a fuoco sulla pelle di Sergio, spaccando le lancette della storia Citizens. Novantatré minuti, venti secondi. In bocca al lupo, Kun.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

È questo il calcio che volete?

Se quello di ieri è football, meglio votarsi al tennis.
Calcio
Alberto Maresca
9 Ottobre

La lunga crisi del talento argentino

Le ragioni di un tracollo socio-culturale.
Calcio
Luigi Fattore
6 Luglio

Alle origini del carisma

Italia '90 non è stato il miglior mondiale di Maradona, ma è stato il Mondiale migliore per comprenderne l'essenza.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
26 Novembre

Vergogna finale

La festa è finita.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Calcio
Remo Gandolfi
26 Aprile

Andare in guerra con Marcelo Gallardo

Il Muñeco è figlio della più pura tradizione River Plate.
Storie
Maurizio Fierro
8 Maggio

Italia 90

Il Mondiale dei grandi rimpianti.
Storie
Remo Gandolfi
17 Aprile

Marcelo Bielsa e Bilbao si sono tanto amati

Dalla stima alla rottura, un amore argentino nei Paesi Baschi.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
4 Gennaio

Pablo Daniel Osvaldo, uomo libero

In una carriera divisa equamente tra spettacolari acrobazie e assurde follie, El Loco - non a caso - ci ha regalato l’ennesimo colpo di scena.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Ritratti
Simone Galeotti
18 Settembre

Ubaldo Fillol conquistò l’Argentina

Difendere la Nazione a proprio modo.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio

Kevin De Bruyne, l’ultimo dei poeti

Un fenomeno introverso è sempre più il leader tecnico del Manchester City.
Calcio
Graziano Missud
6 Maggio

Javier Zanetti

Trabajo y sudor. Y gloria.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
12 Aprile

Diventa ciò che sei

O di come la Juventus è tornata grande.
Recensioni
Luigi Fattore
22 Marzo

Herr Pep

Uscito ormai quattro anni fa, il libro di Perarnau è già diventato un classico della letteratura sportiva.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
Papelitos
Mattia Curmà
17 Gennaio

Da Valverde a Valverde

La settimana dei Valverde: Federico ed Ernesto, tra gloria e fallimento.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
28 Agosto

Neymar è diventato un pagliaccio

Ma è ancora in tempo per salvarsi.
Ritratti
Edoardo Salvati
12 Novembre

Julio Velasco

Allenatore, filosofo, leader, vate.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Aprile

Boca Juniors significa La Bombonera

Il 3 Aprile del 1905 nasceva il Boca Juniors, una squadra inscindibile dal suo stadio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
8 Marzo

La maledizione di Zielinski

Tevez urla, Maradona ride, Román osserva: il Boca torna campione, nella notte dei campioni.
Ritratti
Luca Giorgi
9 Maggio

Joey Barton, non essere cattivo

Joey Barton non è solo quello che vi aspettate.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Calcio
Luca Giorgi
2 Ottobre

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
Recensioni
Gezim Qadraku
1 Luglio

Jimmy Grimble

Quando tifare il Manchester City era una questione d’amore.
Ritratti
Cristian Lovisetto
15 Marzo

Sergio Parisse

Venerabile gigante.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Jacopo Falanga
13 Ottobre

Paradosso argentino

Debiti, lotte intestine e contraddizioni scuotono la federazione sudamericana.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre

Messi male

L'amaro (non) finale di una storia che avrebbe meritato ben altro esito.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Calcio
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Calcio
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Storie
Maurizio Fierro
10 Aprile

Argentina 78

Mondiali di regime.
Recensioni
Luigi Fattore
30 Ottobre

Maradonapoli

La narrazione collettiva di un mito che va ben oltre il calcio.
Calcio
Michelangelo Freda
5 Aprile

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Altro
La Redazione
14 Giugno

Il rigore più lungo del mondo

Maestri, Episodio VIII: Osvaldo Soriano.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Calcio
Luigi Fattore
3 Maggio

Messico 86

Il mondiale di Diego.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Storie
Simone Galeotti
28 Settembre

Boca de mi vida

Origini e storia del club più affascinante al mondo.
Papelitos
Luigi Fattore
25 Febbraio

Solo per tre minuti

Come un episodio di vergognosa insubordinazione ha oscurato agli occhi della stragrande maggioranza dei media la buona prova dei Blues di Sarri contro il City di Guardiola nella finale di League Cup.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
25 Gennaio

Le due facce di Daniel Passarella

Chi meglio di Luciano Wernicke per mostrarle?