Carrello vuoto
Papelitos
25 Maggio

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.

Il 30 marzo scorso, sul sito della Uefa, usciva un brevissimo elogio alla carriera di Sergio Ramos, baluardo – non solo difensivo – del Real Madrid e della nazionale spagnola. Ironia della sorte, l’articolo a cura di Joe Walker terminava ricordando come, ad Euro 2020, Ramos avrebbe superato l’egiziano Ahmed Hassan in quanto a presenze con la propria nazionale. Un record mondiale che, evidentemente, Luis Enrique ha deciso di negare al fenomeno con la 4 sulle spalle.

La notizia fa il paio con l’altra notizia della settimana: per la prima volta nella sua storia, la nazionale spagnola non avrà alcun giocatore del Real Madrid a vestire la roja in una competizione internazionale. Una doppia decisione storica – e quantomeno discutibile – che ha attirato su Luis Enrique diverse accuse della stampa e dell’opinione pubblica spagnola. In primis da Tomas Roncero, caporedattore di AS, che ha parlato di antimadridismo di Luis Enrique:

«Luis Enrique ha mostrato il suo vero volto. Nessun giocatore del Real Madrid convocato per gli Europei. Ha scaricato il capitano Sergio Ramos e Nacho. Un’aberrazione. Non si possono fare le convocazioni lasciandosi trasportare dalle proprie convinzioni o paure personali. La Spagna dovrebbe essere più importante».

Tomas Roncero dal proprio profilo Twitter

Sulle sue orme anche Antonio Romero, di Cadena SER:

«La lista è strana. Nacho è stato il miglior difensore centrale spagnolo nell’ultima parte di stagione; tre dei quattro difensori centrali convocati sono stati riserve per la maggior parte dell’anno, un Ramos a metà è migliore di tutti i difensori convocati e lasciare fuori Aspas e Canales è assurdo».

Antonio Romero dal proprio profilo Twitter

Lontani dalle vicende della corona spagnola, preferiamo alle polemiche partitiche (e politiche) un’altra chiave di lettura, riprendendo le parole che il CT dell’Under 21 De La Fuente tuonava con patetico moralismo sulla condotta di gara degli azzurrini di Nicolato, un paio di mesi fa: «alcune situazioni non dovrebbero esistere su un campo da calcio». È un’accusa che Jurgen Klopp, all’indomani della finale di Champions persa contro il Real Madrid, rivolgeva proprio al difensore castigliano, reo di aver infortunato Momo Salah. E qui, a nostro avviso, sta il vero punto della questione.

Certo, Sergio Ramos non sarà più quello di due anni fa, ma rimane il miglior difensore della Spagna e, probabilmente, il miglior difensore al mondo insieme a Giorgio Chiellini. Il quale, tra parentesi, quasi elogiava l’intervento su Salah, affermando che «quello [è stato] un colpo da maestro».

Ma Chiellini non è l’unico a credere che Ramos sia tra i più forti al mondo. Nonostante una stagione difficile, tormentata dal covid e dagli infortuni, il difensore e capitano del Real Madrid (e della Spagna, almeno in teoria) rimane un fuoriclasse assoluto, soprattutto in una squadra – come quella spagnola – in fase calante e assente di un vero giocatore di personalità. La Spagna manca di un leader, ma evidentemente l’identità non è tutto – anche in materia di nazionali.

L’identità non è una parolaccia.

Il nuovo corso del calcio, difeso da De La Fuente e sposato da Luis Enrique prevede un calcio pulito, armonioso, quasi esclusivamente palla a terra, con ruoli inesistenti e difese groviera. A tutela dei giocatori di qualità e a discapito di quelli nati per difendere – con tutti i mezzi necessari, talvolta rudi, e viva Dio!

Non a caso al posto di Ramos è stato scelto Laporte, il prototipo del difensore moderno – il basco, che ha sempre giocato per la Francia, ha recentemente cambiato idea sulla nazionale da rappresentare. Un difensore che prima di saper difendere sa impostare. Molto meglio di Sergio Ramos, il cattivo per eccellenza con 26 espulsioni in maglia bianca – un record, uno dei tanti. E poco importa se, parola di Ancelotti, «Sergio Ramos è il più completo». O se, parola di Suarez, «è il più forte avversario che abbia mai incontrato» (l’altro l’ha morso). O, ancora, che se fosse per lui «[andrebbe] in Qatar con la barba grigia». Per Luis Enrique si è trattato di «una scelta complicata». Il tecnico cerca «il beneficio della squadra e del gruppo». Giustifichiamolo, Sergio. Perché non sa quello che dice.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
3 Maggio 2022

Paul Breitner tra Marx, Mao e Che Guevara

Eroe della controcultura, fino ai patti col sistema.
Italia
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Ritratti
Gabriele Tassin
11 Marzo 2022

Helenio Herrera, più visionario che mago

Un ultramoderno, che ha rivoluzionato il calcio italiano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Italia
Edoardo Franzosi
17 Settembre 2021

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio 2021

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio 2021

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Paolo Cammarano
6 Luglio 2021

La Spagna che non tifa Spagna

La Roja non unisce tutto il Paese.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio 2021

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Giugno 2021

Francia, perdere e morire

Fuori dagli Europei e sull'orlo del collasso, il paese fa i conti con se stesso.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Giugno 2021

La sofferenza aiuta a crescere

La vittoria mette a tacere inutili polemiche, almeno per ora.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno 2021

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Estero
Emanuele Meschini
22 Giugno 2021

Repubblica Ceca, calma e libertà

Una nazionale sospesa nel tempo.
Papelitos
Luca Pulsoni
17 Giugno 2021

Governare l’entusiasmo

Non soffiare sul fuoco, ma nemmeno spegnerlo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Giugno 2021

Il calcio ha bisogno del TSO

L'Uefa ha costretto la Danimarca a giocare contro la Finlandia.
Estero
Paolo Cammarano
9 Giugno 2021

La guerra (delle radio) più assurda di sempre

Un potere che in Spagna superava quello dei club.
Podcast
La Redazione
8 Giugno 2021

Essere scozzesi

Essere scozzesi è una merda, ed è anche meraviglioso.
Ritratti
Gianluigi Sottile
24 Maggio 2021

Sami Khedira fuori dagli schemi

Si ritira un calciatore dall'intelligenza differente.
Estero
Gianluca Losito
23 Maggio 2021

L’Atletico Madrid non muore mai

Gli uomini di Simeone hanno vinto l'undicesimo titolo.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Maggio 2021

Il cuore è il nostro tamburo

Oggi entriamo in una nuova fase.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
28 Marzo 2021

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Marzo 2021

C’era una volta il Catenaccio

E funzionava pure, a detta di molti.
Calcio
Antonio Aloi
17 Febbraio 2021

Non esiste solo la costruzione dal basso

La palla lunga, se codificata, può essere un'alternativa.
Calcio
Carlo Garzotti
17 Febbraio 2021

Adriano, alla fine dell’impero

Un fenomeno vittima dei propri demoni.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Storie
Luca D'Alessandro
9 Agosto 2020

L’Islanda è rinata con il calcio

Strappare i giovani al nichilismo e votarli al pallone.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto 2020

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Papelitos
Federico Brasile
24 Luglio 2020

L’Udinese di Gotti è meravigliosamente reazionaria

Catenaccio e contropiede 2.0: viva l'arte italiana dell'adattamento.
Ritratti
Andrea Catalano
18 Luglio 2020

Giacinto Facchetti, capitano mio capitano

Il 18 Luglio del '42 nasceva una leggenda dell'Inter e colonna della Nazionale.
Tifo
Jacopo Benefico
21 Maggio 2020

Perché Florentino Perez obbliga degli attori a tifare il Real?

La scomparsa degli Ultras Sur e i nuovi pupazzi del Bernabéu.
Ritratti
Vincenzo Di Maso
13 Maggio 2020

La dittatura del colonnello Lobanovsky

Un uomo geniale che non potrebbe convivere con il calcio odierno.