Carrello vuoto
Papelitos
5 Novembre

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.

“La nostra proposta è che ci sia almeno una partita di Serie A, ogni stagione, all’estero”: così si è espresso l’amministratore delegato della Lega Serie A, Luigi De Siervo, allo Sport&Business Summit della 24Ore Business School. Dichiarazioni che stanno facendo discutere, e ancor prima interrogare, addetti ai lavori e semplici tifosi: il problema infatti non è solo teorico ed etico – è giusto far disputare una partita all’estero? il business può spingersi fino a tal punto? – ma è anche decisamente pratico.

 

L’idea infatti, che arriva dalla Spagna, è stata già bocciata da Federcalcio spagnola e FIFA che la scorsa stagione hanno vietato lo svolgimento di Girona v Barcellona nell’Hard Rock Stadium di Miami. Il divieto imposto dalla RFEF e da Infantino si è infatti scontrato con le ambizioni della Liga, promotrice dell’iniziativa, che già pregustava la possibilità di aumentare i profitti derivanti dai diritti televisivi (le prove generali erano state fatte con la collaborazione tra Liga e la società privata Relevent Sports Group, organizzatrice di eventi sportivi in Asia e Stati Uniti e ansiosa di nuovi investimenti nel mondo del calcio). 

“Mi oppongo fortemente a questa idea. Non concedo il permesso in quanto ritengo opportuno che le partite di un torneo nazionale si tengano esclusivamente all’interno di quel Paese. Ne abbiamo parlato anche in sede di Consiglio FIFA, per me la questione è chiusa” (Gianni Infantino, presidente FIFA)

Ma insomma tornando a noi, dopo la Supercoppa Italiana in Arabia Saudita, ecco l’ennesima trovata per spremere “la gallina dalle uova d’oro”, citando il nostrissimo Massimo Fini. Che poi il trasferimento di partite del massimo campionato italiano all’estero – Cina o Stati Uniti – per affermare il brand del calcio nazionale, ci sembra peraltro una scelta poco saggia.

 

A guadagnarci sarebbero naturalmente i top club, in primis per risorse organizzative ma soprattutto perché, parliamoci chiaramente, a maggior ragione in Paesi sprovvisti di cultura calcistica a vendere non sarebbero certo i marchi di Lecce, Hellas Verona o anche Cagliari, bensì quelli di Juventus, Inter, Milan; non si parlasse dunque di crescita globale del “brand Serie A”, se non per la solita stucchevole teoria che i grandi trascinano tutto il movimento, anche perché la ripartizione dei nuovi diritti televisivi (per una partita l’anno) non sarebbe certo uno strumento di sostegno decisivo.

 

Il vicepresidente della FIGC Gaetano Micciche con il CEO della Serie A Luigi De Siervo (Foto di Emilio Andreoli/Getty Images for Lega Serie A)

 

Mentre negli ultimi 15 anni sono fallite e/o scomparse 150 squadre dal calcio professionistico (rendiamoci un attimo conto dei numeri), la Serie A continua a concentrarsi su espedienti, al momento neanche percorribili, per aprire il mercato ai grandi: una concezione che rispecchia lo spirito e le esigenze del nostro tempo, in cui le diseguaglianze economiche e finanziarie hanno raggiunto livelli inimmaginabili.

 

È vero che al momento la Serie A, nonostante l’aumento delle entrate dai diritti televisivi, si conferma uno dei tornei più arretrati dal punto di vista della valorizzazione del brand all’estero: qui si fonda la proposta della Lega. L’iniziativa è volta ad aumentare i profitti provenienti dai diritti televisivi, che potrebbero così incrementare l’ “appeal” sul mercato, e tutto ciò porterebbe ad un aumento dei ricavi in teoria per tutti i club di Serie A.

 

Ma seguendo questa linea di pensiero dovremmo intanto domandarci quanto potrebbe derivare dalla vendita di una singola partita (da dividere); e poi dovremmo sapere che la ripartizione di questi diritti televisivi, si badi bene, non prevede parti eguali nel massimo campionato nazionale (anche comprensibilmente).

 

Da Calcio&Finanza, la ripartizione dei diritti tv della serie a 2018/19

 

La tabella mostra chiaramente come avviene la ripartizione dei diritti televisivi nei dati del 2018/19: particolare attenzione riveste quel 20% – che dal 2021/22 dovrebbe passare al 22% – dettato dal numero di tifosi e che favorisce, ovviamente, i grandi club Italiani (Juventus, Inter, Milan, Roma, Napoli). Qui dobbiamo tornare però ai cambiamenti nella legge Melandri, che ha ridimensionato la suddivisione dei ricavi: le modifiche al testo di legge, datato 2008, hanno infatti previsto la divisione in parti uguali del 50% dei proventi della cifra totale; è diminuito il peso dei tifosi che dal 30% è passato al 20% (di cui il 12% legato agli spettatori allo stadio e l’8% all’audience); aumentato il valore in base all’ultimo piazzamento in campionato, passato dal 5% al 15%; calate infine le voci relativi alla storia (dal 10% al 5%) e all’ultimo quinquennio (dal 15% al 10%).

 

Ma al di là di questi dati tecnici, necessari per delineare la cornice generale, torniamo al punto della questione. Davvero una scelta simile può portare benefici economici al brand del calcio italiano? Le grandi squadre dalla transizione in altri continenti non si aspettano tanto la propria parte dei diritti, quanto invece l’apertura del mercato – nuovi tifosi, merchandising, social network etc: sarebbero queste ad aumentare sensibilmente i propri profitti, e il tutto snaturando un campionato nazionale e penalizzando i tifosi “autoctoni”. Ebbene siamo sicuri di dover ragionare su queste basi per crescere?

 

Un sistema calcistico pieno zeppo di problemi alla base, che invece di lavorare per mettere in sicurezza il territorio pensa a infrastrutture superflue – o meglio, fondamentali per far crescere ancora di più chi è già grande. Stiamo ancora aspettando una seria proposta per fermare l’emorragia che sta colpendo il calcio professionistico italiano, ma evidentemente non è un tema all’ordine del giorno. Chissenefrega dei tifosi, delle storie, dei campanili: ormai l’indirizzo e la direzione sono chiari, possiamo solo sperare che ci mettano più tempo possibile.

 


Nell’immagine di copertina l’Hard Rock Stadium di Miami


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Altro
Luca Pulsoni
9 Novembre 2021

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2021

Che squallore le bufere social

E i media che le alimentano, come nel caso della Supercoppa italiana.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.