Carrello vuoto
Papelitos
2 Novembre

Viva la Serie (RS)A!

Ugo D'Elia

2 articoli
Siamo giovanilisti, ma solo a parole.

La Serie A, negli ultimi anni, si sta confermando quel che con varie oscillazione è sempre stata: una competizione per … calciatori esperti! Ibrahimovic, Pedro, Ribery, solo per citare i più noti, ma anche i vari Palacio, Pandev, Quagliarella, Bruno Alves, Gervinho etc: giocatori che magari altrove sembravano arrivati alle ultime battute e che qui, invece, dimostrano una padronanza tecnica e “intellettuale” talmente superiore alla media da risultare imprescindibili e anzi trascinatori.

 

 

In Italia l’usato è più che sicuro, è una certezza insita nel nostro carattere nazionale, e la retorica del giovanilismo (a parole) si scontra con la cruda realtà per cui un Vidal sarà sempre preferito a un giovane emergente. Sia chiaro, non stiamo qui contestando la prassi, anzi, solo ragionando ad alta voce: se questa è l’evidenza dei fatti, non c’è cosa più ipocrita di sentire e risentire i discorsi coi quali si sbandiera una gioventù che nella nostra competizione nazionale non esiste, o che almeno non esiste come vorrebbero farci credere.

 

 

Tuttavia non è un discorso che si riduce al calcio. Mentre infatti in altri Paesi, dall’Olanda alla Germania passando per l’Inghilterra, per un giovane la normalità è lasciare casa e genitori poco dopo il termine degli studi (o anche durante), in Italia facciamo una fatica tremenda ad abbandonare il nido – vi ricordate tutte quelle polemiche sui bamboccioni e sui choosy, scomposte ma con un (seppure discutibile) fondo di verità. Questo si ripercuote inevitabilmente nei vari campionati nazionali: in molte parti d’Europa esordiscono giovani già caratterialmente formati proprio perché non considerati “giovani”, bensì uomini, calciatori fatti e finiti. E non è nemmeno tanto una questione di numeri o età media dei campionati (altrove comunque sensibilmente minore che da noi), quanto invece di “cultura”.

 

In Italia tessiamo le lodi del giovanilismo e parliamo tanto di giovani proprio perché, implicitamente, li riconosciamo ancora come corpo estraneo.

 

Qui si parla di “buttarli dentro” come se fosse una spiacevole e necessaria fase di passaggio prima che possano maturare, ma così facendo li si carica ancor più di pressioni, a maggior ragione in un Paese e in un campionato orgogliosamente “vecchi”. Il giovanilismo ostentato dalla stampa diventa allora una compensazione, un modo per pulirsi la coscienza e scusarsi dialetticamente: esso tradisce la reale percezione di quei giovani visti ancora come agnelli (più o meno sacrificali) da trattare quando con accondiscendenza, quando con protezione, quando con complimenti esagerati. Li si tratta da diversamente giocatori.

 

Giovanni Reyna (2002) ed Erling Haaland (2000), due pilastri del Borussia Dortmund in cui recentemente ha debuttato anche il diciassettenne Jude Bellingham (Photo by Sebastian Widmann/Bongarts/Getty Images)

 

 

Così i giovani calciatori in Serie A (con l’unica differenza che sono milionari) al pari dei coetanei neolaureati, neo-lavoratori, disoccupati, studenti in corso o fuori, sembrano degli sventurati, dei disadattati, in balia di un mondo più grande di loro. In modo particolare quei ragazzotti che hanno avuto la fortuna di esordire, non si sa bene per quale ragione o merito, tra le fila dei club più prestigiosi di Serie A: i nomi di Frabotta e Portanova sono comparsi ad esempio sul prato dell’Allianz Stadium esattamente come compaiono i funghi nella stagione autunnale, dal nulla sono spuntati e sinceramente non vorremmo che nel nulla tornassero.

 

 

La retorica sui loro esordi è tanta, soprattutto finché si vince, ma se volgiamo per un attimo lo sguardo alla realtà dei fatti, cosa dovremmo aspettarci dal futuro di questi due baldi giovani? Due astri nascenti o due rapide meteore? Nessuno può dirlo con certezza ma, nonostante la potenziale abilità dimostrata nelle competizioni minori, possiamo essere sicuri che tra qualche mese, quando la rosa tornerà a pieno regime e le partite scotteranno, per loro sarà difficile ricavarsi anche un angolo di panchina. E quindi ci risiamo: precari part-time, niente di più, niente di nuovo!

 

 

Questo è quel che succede quasi sempre; ed arrivati ad un certo punto delle loro carriere, stanchi dello status di eterne promesse, iniziano a prendere altre vie scivolando in squadre più modeste oppure sprofondando direttamente di categoria. In tutta questa storia sembra rivedersi il paradigma di quei tanti ragazzi che escono di casa con l’auspicio di svoltare la propria vita, di rivoluzionare i propri piani e in un certo senso, magari, di risorgere dalle ceneri familiari, e finiscono invece poi per rientrare da quella porta poco tempo dopo.

 

Delusi dalla mancanza di prospettive, scavalcati dagli “anziani” di ritorno che hanno quasi sempre la meglio su di loro, assistiamo ad un canovaccio ricorrente che inevitabilmente si ripete.

 

Da qui la nostra proposta rivoluzionaria: non + giovani, ma – retorica sui giovani! Guardiamoci negli occhi, prendiamo atto che ora come ora troppe dinamiche sociali e culturali ci trattengono e affermiamolo senza ipocrisie: lunga vita ai nostri vegliardi! Chi ama la Serie A non può che amare anche la terza età del calcio, e poco o per nulla dovrebbe cadere nei tranelli di quelli che per forza ripiombano nella stanca e trita retorica della narrazione giovanilistica. Perché, diciamocelo francamente: per vincere non servono i giovani ma i campioni.

 

Otto anni fa decisivi in Europa, oggi in Italia: Pedro e Ribery, due “top player” nei nostri blandi ritmi nazionali (Photo by Christof Koepsel/Bongarts/Getty Images)

 

 

Non che la nostra competizione non abbia giovani molto talentuosi (vedi i vari Chiesa, Tonali, Bastoni, Zaniolo, Kumbulla etc) ma questo, come è ovvio, non significa che tutti i ragazzi che esordiscono siano tali. Qui sembra che la narrativa calcistica incappi nell’errore che i logici di professione definiscono dell’affermazione del conseguente e che funziona più o meno così: se Mario esordisce in serie A e Mario è giovane allora Mario è forte. Prima di ogni constatazione, prima di ogni plausibile dimostrazione sul campo, con un senso di aprioristica avventura i giovani, dopo la prima mezza partita, sono sempre forti!

 

 

Un simile ragionamento, che appartiene al senso comune, è tanto limitato quanto ricorrente. Perché diciamocelo, noi vorremmo benedire la vecchiaia ringraziando quei dirigenti e quegli allenatori che ci fanno godere ancora un po’ della scolatura calcistica dei vecchi Dei. Gente che aveva slacciato uno scarpino o che li aveva addirittura appesi tutt’e due al chiodo, per passare tranquillamente il resto della propria vita (sportiva) in posti esotici dove poco è l’impegno e lauto il compenso, può tornare nel Belpaese per farci godere ancora un po’.

 

 

E a noi, in fondo, tutto questo piace: ci piace rivederli, e alla fine chissenefrega dei giovani! Preferiamo quindici partite di un Ribery in forma che trenta e passa di un diciottenne che non sa nemmeno dribblare. Per concludere invece di fare le anime belle a parole, e in attesa di stravolgimenti culturali che ci portino dritti nell’Europa più progredita e giovanilista, godiamoci placidi i Matusa del calcio nostrano. Calciatori già con un piede in pensione ma che, sempre di più, continuano a dare lezioni di classe e di stile.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.