Papelitos
23 Maggio 2022

Onorare il campionato

Viva l'orgoglio, il Venezia e l'Udinese!

Ci lamentiamo sempre che l’Italia sia il luogo della trattativa sotto banco, del tengo famiglia, della legge immorale e parallela del “biscotto”. Un Paese privo di una solida etica pubblica, individualista fino al punto di diventare menefreghista, Patria “dei furbi e dei fessi”, come diceva Prezzolini, in cui sono i primi ad andare sempre avanti e i secondi… beh, avete capito. Ebbene ieri sera la lotta salvezza ha sconfessato clamorosamente questi (fondati) luoghi comuni: l’Udinese senza più nulla da chiedere al campionato ha disputato a Salerno una delle migliori partite stagionali, approfittando di avversari completamente in burnout dopo una rimonta surreale – o per dirla all’italiana scoppiati, bruciati, esauriti, incapaci di sostenere tanta pressione. Sciolti all’ultimo scatto di una lunga e faticosa marcia, tanto a livello fisico quanto, soprattutto, a livello nervoso e mentale.

Nel frattempo a quasi 800 km il Venezia già retrocesso, dopo essersi immolato con la Roma bloccandola sul pari all’Olimpico, ha dimostrato ancora una volta che in laguna c’è gente orgogliosa, non certo intenzionata a salutare la Serie A con una sconfitta davanti al proprio pubblico. E così al Penzo, uno stadio straordinariamente veneziano, gioiellino anti-moderno che riassume l’unicità di un luogo speciale, i lagunari hanno bloccato il Cagliari sullo 0-0, rischiando nel finale anche di vincere, e regalando ai salernitani la più dolce sconfitta della propria vita. Un clima paradossale quello dell’Arechi, in cui sugli spalti si guardavano solo i telefonini e non più il campo; si ascoltavano le radioline, si telefonava, ci si affidava all’Altissimo – e all’orgoglio veneziano.

La lotta salvezza ha fornito ieri sera l’immagine migliore del nostro calcio, che in questo si è avvicinata finalmente al “modello” (o sarebbe meglio dire allo “spirito”) inglese. Laddove l’Aston Villa ha dato fondo a tutte le proprie energie, issandosi sullo 0-2 all’Etihad e facendo tremare per 80 e più minuti il Manchester City di Guardiola, il Wolverhampton ha anch’esso spaventato e tanto il Liverpool, e nei bassifondi il Newcastle già da tempo salvo ha espugnato il Turf Moor – un’impresa non semplice – condannando il Burnley alla retrocessione per la contemporanea vittoria del Leeds.



Per una volta insomma non abbiamo avuto nulla da invidiare a nessuno. Sassuolo a parte, naturalmente. Con tutti i complimenti possibili per il Milan, che con ogni probabilità avrebbe vinto comunque, il club neroverde ha dimostrato – senza offesa per nessuno, ma bisogna pur dirlo – i limiti di essere una squadra senza tradizione, senza identità, senza quell’attaccamento che fa lottare per una maglia e che fa dare tutto per difenderla (in campo). Un club d’altronde con una tifoseria esigua e sparuta, costretta a diramare un comunicato prima della partita in cui venivano “diffidati” comportamenti e persone:

«Il gruppo Sic Ex Murice Gemmae ricorda che la Tribuna Sud, quando gioca il Sassuolo, è il settore adibito al solo tifo sassolese. Dunque, domenica, chiunque entrerà con altre intenzioni sarà visto come un “nemico” e di conseguenza trattato come tale. Occasionali che tifano Milan state a casa come avete sempre fatto! Inoltre tutti coloro che hanno deciso di mettere i propri abbonamenti all’asta e lucrare sui nostri colori non saranno più i benvenuti, ovunque giocheremo»

Non è servito più di tanto, vedendo l’atmosfera e gli spalti al Mapei Stadium. Cose che in campo si sentono, e hanno contribuito a far sì che il Sassuolo, su quel campo, non ci scendesse proprio. Un peccato, considerato che il Milan è stata di gran lunga la migliore squadra del campionato, e non aveva certo bisogno di un finale morbido o accomodato. Ma comunque un epilogo che non toglie nulla al campionato capolavoro dei rossoneri, frutto come ha detto Maldini di uomini ancor prima che di calciatori.

Ciò detto, oggi è giornata di verdetti: di vincitori e di sconfitti, di campioni e di retrocessi. Agostini, bandiera e allenatore del Cagliari, ha parlato della “più grande delusione della carriera”, chiedendo “scusa a tutto il popolo rossoblù”. Nicola, a Salerno, ha rivendicato un’impresa collettiva e visionaria, condivisa con Iervolino, Sabatini, con la squadra ovviamente, ma soprattutto con una piazza straordinaria, che ha dimostrato non solo negli ultimi tre mesi ma per tutto l’anno cosa significhino la passione, l’identità, l’amore per una squadra di calcio – che non è mai solo una squadra di calcio ma un rito di popolo, un simbolo d’orgoglio, una religione laica. Non è finita come ci immaginavamo la lotta salvezza, con l’Arechi in festa per una promozione conquistata sul campo e davanti ai propri tifosi, per citare lo stesso Nicola.

Di più, la Salernitana si è salvata a 31 punti: una cosa che non era mai successa, la quota più bassa di sempre. Un problema che forse da domani dovremmo affrontare, ma che oggi lascia il tempo che trova: per una volta, dopo le vicende di ieri sera, vogliamo goderci il volto migliore del calcio italiano. Non solo quello di Salerno e della sua strepitosa impresa, ma anche quello del Venezia e dell’Udinese.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Federico Brasile

72 articoli
Perché guarderemo il Mondiale in Qatar
Editoriali
Federico Brasile
20 Novembre 2022

Perché guarderemo il Mondiale in Qatar

Peggio del Qatar c'è solo l'ipocrisia sul Qatar.
L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)
Papelitos
Federico Brasile
01 Novembre 2022

L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)

La richiesta ufficiale per Qatar 2022.
Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse
Papelitos
Federico Brasile
07 Settembre 2022

Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse

La compassione, per uno come Sinisa, sarebbe l'affronto peggiore.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Baschirotto, ovunque proteggici
Italia
Annibale Gagliani
02 Settembre 2022

Baschirotto, ovunque proteggici

Il ruolo dello stopper è tornato.
De Paul e il pallone, una storia d’amore
Ritratti
Gianluca Palamidessi
18 Aprile 2021

De Paul e il pallone, una storia d’amore

Leader, fuoriclasse, capitano.
Breve mitologia di Gigi Riva
Calcio
Nicola Ventura
07 Novembre 2016

Breve mitologia di Gigi Riva

Breve fenomenologia del "Rombo di tuono".
Su Lukaku aveva ragione Di Canio
Calcio
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.
Una nuova vecchia Juventus
Italia
Andrea Antonioli
07 Novembre 2022

Una nuova vecchia Juventus

E una vittoria dal sapore antico.