Carrello vuoto
Papelitos
23 Maggio

Onorare il campionato

Federico Brasile

66 articoli
Viva l'orgoglio, il Venezia e l'Udinese!

Ci lamentiamo sempre che l’Italia sia il luogo della trattativa sotto banco, del tengo famiglia, della legge immorale e parallela del “biscotto”. Un Paese privo di una solida etica pubblica, individualista fino al punto di diventare menefreghista, Patria “dei furbi e dei fessi”, come diceva Prezzolini, in cui sono i primi ad andare sempre avanti e i secondi… beh, avete capito. Ebbene ieri sera la lotta salvezza ha sconfessato clamorosamente questi (fondati) luoghi comuni: l’Udinese senza più nulla da chiedere al campionato ha disputato a Salerno una delle migliori partite stagionali, approfittando di avversari completamente in burnout dopo una rimonta surreale – o per dirla all’italiana scoppiati, bruciati, esauriti, incapaci di sostenere tanta pressione. Sciolti all’ultimo scatto di una lunga e faticosa marcia, tanto a livello fisico quanto, soprattutto, a livello nervoso e mentale.

Nel frattempo a quasi 800 km il Venezia già retrocesso, dopo essersi immolato con la Roma bloccandola sul pari all’Olimpico, ha dimostrato ancora una volta che in laguna c’è gente orgogliosa, non certo intenzionata a salutare la Serie A con una sconfitta davanti al proprio pubblico. E così al Penzo, uno stadio straordinariamente veneziano, gioiellino anti-moderno che riassume l’unicità di un luogo speciale, i lagunari hanno bloccato il Cagliari sullo 0-0, rischiando nel finale anche di vincere, e regalando ai salernitani la più dolce sconfitta della propria vita. Un clima paradossale quello dell’Arechi, in cui sugli spalti si guardavano solo i telefonini e non più il campo; si ascoltavano le radioline, si telefonava, ci si affidava all’Altissimo – e all’orgoglio veneziano.

La lotta salvezza ha fornito ieri sera l’immagine migliore del nostro calcio, che in questo si è avvicinata finalmente al “modello” (o sarebbe meglio dire allo “spirito”) inglese. Laddove l’Aston Villa ha dato fondo a tutte le proprie energie, issandosi sullo 0-2 all’Etihad e facendo tremare per 80 e più minuti il Manchester City di Guardiola, il Wolverhampton ha anch’esso spaventato e tanto il Liverpool, e nei bassifondi il Newcastle già da tempo salvo ha espugnato il Turf Moor – un’impresa non semplice – condannando il Burnley alla retrocessione per la contemporanea vittoria del Leeds.



Per una volta insomma non abbiamo avuto nulla da invidiare a nessuno. Sassuolo a parte, naturalmente. Con tutti i complimenti possibili per il Milan, che con ogni probabilità avrebbe vinto comunque, il club neroverde ha dimostrato – senza offesa per nessuno, ma bisogna pur dirlo – i limiti di essere una squadra senza tradizione, senza identità, senza quell’attaccamento che fa lottare per una maglia e che fa dare tutto per difenderla (in campo). Un club d’altronde con una tifoseria esigua e sparuta, costretta a diramare un comunicato prima della partita in cui venivano “diffidati” comportamenti e persone:

«Il gruppo Sic Ex Murice Gemmae ricorda che la Tribuna Sud, quando gioca il Sassuolo, è il settore adibito al solo tifo sassolese. Dunque, domenica, chiunque entrerà con altre intenzioni sarà visto come un “nemico” e di conseguenza trattato come tale. Occasionali che tifano Milan state a casa come avete sempre fatto! Inoltre tutti coloro che hanno deciso di mettere i propri abbonamenti all’asta e lucrare sui nostri colori non saranno più i benvenuti, ovunque giocheremo»

Non è servito più di tanto, vedendo l’atmosfera e gli spalti al Mapei Stadium. Cose che in campo si sentono, e hanno contribuito a far sì che il Sassuolo, su quel campo, non ci scendesse proprio. Un peccato, considerato che il Milan è stata di gran lunga la migliore squadra del campionato, e non aveva certo bisogno di un finale morbido o accomodato. Ma comunque un epilogo che non toglie nulla al campionato capolavoro dei rossoneri, frutto come ha detto Maldini di uomini ancor prima che di calciatori.

Ciò detto, oggi è giornata di verdetti: di vincitori e di sconfitti, di campioni e di retrocessi. Agostini, bandiera e allenatore del Cagliari, ha parlato della “più grande delusione della carriera”, chiedendo “scusa a tutto il popolo rossoblù”. Nicola, a Salerno, ha rivendicato un’impresa collettiva e visionaria, condivisa con Iervolino, Sabatini, con la squadra ovviamente, ma soprattutto con una piazza straordinaria, che ha dimostrato non solo negli ultimi tre mesi ma per tutto l’anno cosa significhino la passione, l’identità, l’amore per una squadra di calcio – che non è mai solo una squadra di calcio ma un rito di popolo, un simbolo d’orgoglio, una religione laica. Non è finita come ci immaginavamo la lotta salvezza, con l’Arechi in festa per una promozione conquistata sul campo e davanti ai propri tifosi, per citare lo stesso Nicola.

Di più, la Salernitana si è salvata a 31 punti: una cosa che non era mai successa, la quota più bassa di sempre. Un problema che forse da domani dovremmo affrontare, ma che oggi lascia il tempo che trova: per una volta, dopo le vicende di ieri sera, vogliamo goderci il volto migliore del calcio italiano. Non solo quello di Salerno e della sua strepitosa impresa, ma anche quello del Venezia e dell’Udinese.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.
Papelitos
La Redazione
19 Giugno 2022

La Serie A è la Serie B d’Europa, dice Scaroni

Ma non chiedetegli il perché.
Ritratti
Marco Metelli
12 Giugno 2022

Federico Bonazzoli, innamorarsi a Salerno

Il giocatore più amato, e quello che ha amato di più la Salernitana.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Italia
Gabriele Fredianelli
6 Giugno 2022

Massimiliano Alvini, la gavetta in persona

Un uomo che vive per allenare, non il contrario.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Tifo
Marco Gambaudo
22 Maggio 2022

Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale

I tifosi rossoblù hanno dato una lezione di tifo e d'amore.
Papelitos
La Redazione
1 Maggio 2022

La Serie A se la vedono giusto nel metaverso

L'ennesima conquista del progresso.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Aprile 2022

L’Inter sprofonda nella paura, come la Serie A

Uno scudetto a perdere, quello italiano.
Papelitos
Marco Armocida
25 Aprile 2022

La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)

Comunque dovesse andare a finire, è già epica.
Papelitos
Federico Brasile
12 Aprile 2022

I campionati non si vincono con il gioco

E ne stiamo avendo l'ennesima dimostrazione.
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
Papelitos
Valerio Santori
23 Marzo 2022

Zanetti libero!

Una bestemmia di un veneto non vale.
Italia
Valerio Santori
22 Marzo 2022

Gli scudetti non si vincono (solo) col gioco

L'Inter di Inzaghi è troppo poco “sporca”.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Marzo 2022

Se non reggi la pressione, non puoi vincere

Per ammissione dello stesso Spalletti.
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Cultura
Alberto Fabbri
23 Gennaio 2022

La strage dello Stadio Olimpico

23 gennaio 1994, la Mafia alza il tiro contro lo Stato.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Ritratti
Alberto Maresca
14 Ottobre 2021

Fabian O’Neill, un altro bicchiere grazie

Brindiamo ai 48 anni (e al talento perduto).
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
3 Luglio 2021

Uno, nessuno e Nicolò Barella

L'amore per la Sardegna, l'importanza della famiglia.
Italia
Luca Pulsoni
16 Maggio 2021

Fabrizio Castori se ne frega delle mode

La Salernitana è l'esaltazione del calcio di provincia.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
18 Aprile 2021

De Paul e il pallone, una storia d’amore

Leader, fuoriclasse, capitano.
Italia
Giacomo Maria Bertocco
5 Marzo 2021

Resurrezione a Venezia

La città più bella del mondo nel calcio, tra nostalgie e speranze.
Calcio
Alessio Masala
23 Febbraio 2021

Il centenario nefasto del Cagliari

Prima il sogno Europa, poi l'incubo Serie B.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Calcio
Marco Gambaudo
13 Agosto 2020

Genoa, un altro anno aspettando Godot

Sulla sponda rossoblù del Bisagno si naviga a vista.
Papelitos
Federico Brasile
24 Luglio 2020

L’Udinese di Gotti è meravigliosamente reazionaria

Catenaccio e contropiede 2.0: viva l'arte italiana dell'adattamento.
Calcio
Diego Mariottini
12 Aprile 2020

Lo Scudetto del popolo sardo

Il 12 aprile di cinquant'anni fa il Cagliari si laureava Campione d'Italia.
Ritratti
Rudy Galetti
1 Aprile 2020

Alberto Zaccheroni, l’arte di essere se stessi

Compie oggi 67 anni un allenatore poco mediatico ma molto umano.
Calcio
Diego Mariottini
2 Marzo 2020

Te lo do io Zico

La Leggenda di uno dei più forti numeri 10 della storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Ottobre 2019

Ci siamo innamorati del Cagliari

Una squadra forte tecnicamente e ancor più mentalmente.
Storie
Domenico Rocca
19 Giugno 2019

Cento anni di Salernitana

La Salernitana è sopravvissuta un secolo a tanti bassi e pochi alti ma risultati, categorie, presidenti e dirigenti non hanno minimamente scalfito l'autentica passione di tutta una città.
Calcio
Matteo Mancin
1 Marzo 2019

Corrado Orrico

L'uomo che è rimasto nella storia per i suoi fallimenti.
Ritratti
Marco Metelli
17 Agosto 2018

Álvaro Recoba, il più grande talento sprecato di sempre

La leggendaria pigrizia del venerato Chino.
Papelitos
Domenico Rocca
18 Giugno 2018

Maledetta cadetteria

L'incertezza, le sorprese, le delusioni ed il futuro della Serie B, un campionato sempre più imprevedibile ed interessante.
Storie
Maurizio Fierro
14 Giugno 2017

Il Cagliari alla conquista degli States

Il torneo USA e l'estate d'oltreoceano alla testa di Manlio Scopigno.
Storie
Gianluca Caboni
10 Giugno 2017

12 settembre 1970

Storie di uomini leggendari. L'ultimo saluto al Sant'Elia.
Calcio
Giuseppe Gerardi
30 Maggio 2017

Ma il cielo è sempre più blu

Il Crotone è salvo. Tragedia e rinascita di una città intera.
Calcio
Filippo Peci
28 Novembre 2016

L’amore dura tre anni

Perché Guidolin fu l’amante perfetto per l’Udinese? Senza scavare nel sentimentalismo, e sottostando alle logiche del mercato, possiamo rispondere che per tre anni fu l’unico capace di coniugare il modello di autosufficienza dei Pozzo con risultati stupefacenti.
Calcio
Nicola Ventura
7 Novembre 2016

Breve mitologia di Gigi Riva

Breve fenomenologia del "Rombo di tuono".