Papelitos
07 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?

A tutti i dirigenti FIFA: non crediate che del vostro Mondiale ci importi più di tanto. Non crediate che un’eventuale esclusione a marzo cambi per noi italiani qualcosa. Siamo sempre il Paese più bello del mondo, o’ mare, o’ viento, o’ mandolino ce l’abbiamo solo noi. E se proprio lo volete sapere… Vi abbiamo pure già rimpiazzati. Abbiamo già preparato un torneo parallelo in America con tutti i crismi che promette ricavi da urlo, e così il prossimo inverno mentre in Qatar giocheranno i vostri Messi, Neymar e compagnia bella noi invece ci spareremo Salernitana-Genoa in the USA! Alla facciaccia vostra! Non ci credete? Beh andatevi a leggere lo scoop di tuttomercatoweb pubblicato venerdì. 

È tutto pronto, ci dispiace per voi. Andrea Butti, Head of Competitions della Lega, ha rivelato al mondo intero un maxi-progetto «sul tavolo da un paio di mesi», mica «una cosa estemporanea». Un torneo da «una ventina di giorni in tutto», che per la prima volta nella storia si propone di traslocare l’intera Serie A nel paese dello Zio Sam. Le squadre si sfideranno secondo una  formula che prevederà gironi e scontri diretti, e tutte e venti risiederanno, giocheranno e si alleneranno per il periodo del torneo in una stessa struttura-bolla. Like NBA, yes, just like NBA! Pare ci sia pronta pure la CBS a riempirci di soldoni, perché si sa che gli americani stravedono per le progressioni di Saelemaekers, le incornate di Joao Pedro, ma soprattutto per le punizioni di Biraghi.

«Ci siamo posti una domanda sportiva. Cosa fare per tenere alto il livello della preparazione dei giocatori durante la pausa? I ragazzi devono lavorare ma anche giocare partite, perché di fatto sarebbe un precampionato».

Andrea Butti

In sostanza lo fanno anche per i giocatori, per consentire «a tutti di arrivare a gennaio alla pari con chi parteciperà in Qatar»: giustamente, trasferire venti squadre negli Stati Uniti era la prima opzione a cui chiunque avrebbe pensato. Ma al di là di ciò, l’obiettivo primario della “missione esplorativa” di Luigi De Siervo (AD della Lega Serie A) e di Michele Ciccarese (Direttore Marketing), volati a New York per valutare la fattibilità dell’operazione con sponsor e broadcaster, resta quello di fare cassa ma nel contempo di «non generare nulla che possa fare oscurità o creare danno a FIFA o ad altre istituzioni».

Insomma, per essere ancora più chiari, il tutto sarà strutturato «per non andare in contemporanea con le gare del Qatar». Che non si dica che vogliamo sabotarvi. Ekuban e Gagliolo li faremo giocare solo quando a Doha è notte fonda, ve lo garantiamo. Poi certo, magari potrebbe succedere che nei luminescenti stadi qatarioti qualche tifoso francese o tedesco non riesca a resistere alla tentazione, e sbirci ossessivamente i risultati del nostro super torneo mentre la sua nazionale è in campo… Beh, amici della FIFA, ci dispiace molto ma su questo non possiamo proprio farci nulla. 


Il calcio negli States è in grande crescita, ma dipende come


Ci dispiace ma abbiamo imparato la lezione, tutto qua. Vi ricordate quando non ci siamo qualificati per il Mondiale in Russia del 2018? Ecco, noi di quella esperienza abbiamo fatto tesoro. Abbiamo triplicato gli investimenti sul settore giovanile, o magari fatto giocare più italiani? Macchè! Confessiamo anzi che proprio dopo la mancata qualificazione abbiamo introdotto una norma chiamata “Decreto Crescita” che ha reso più conveniente pagare gli stipendi dei calciatori stranieri rispetto a quelli dei nostri connazionali, anche nelle primavere. Abbiamo elaborato una soluzione per permettere alla nazionale di arrivare ai playoff di marzo con più giorni di allenamento sulle spalle, magari spostando il turno di campionato immediatamente precedente? Macché! Siete ancora completamente fuori strada. 

L’unica grande lezione che abbiamo imparato è stata fondamentalmente questa: che mentre tutto il mondo giocava in Russia il vostro bel Mondiale, noi, qui in Italia, abbiamo perso un sacco di soldi. E allora vi avvertiamo che questa volta non andrà così. Nossignore. Che non si dica poi che le nostre istituzioni non ci sanno fare! Questa volta abbiamo avuto il colpo di genio, il guizzo, l’illuminazione! Serie A in the USA e tanti saluti a tutti! Serie A in the USA e vai con la samba! Come l’NBA, come Springsteen! Ah, e quasi ci scordavamo: forza azzurri!

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Valerio Santori

35 articoli
Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi
Calcio
Valerio Santori
21 Settembre 2022

Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi

Responsabilizzare i giocatori è una prassi superata.
In morte di Sua Maestà il Calcio
Papelitos
Valerio Santori
12 Settembre 2022

In morte di Sua Maestà il Calcio

Allo Juventus Stadium ieri sera si è consumato un delitto.
L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa
Papelitos
Valerio Santori
22 Agosto 2022

L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa

A forza di safety-first non usciremo più di casa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Disintossichiamoci dal calciomercato
Papelitos
Federico Brasile
03 Settembre 2019

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Moriremo di VAR
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto 2017

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Zdeněk Zeman
Calcio
Matteo Mancin
21 Giugno 2019

Zdeněk Zeman

Il fumo del bel gioco.
Il fine settimana di calcio
Calcio
La Redazione
26 Novembre 2016

Il fine settimana di calcio

Dopo cinque giorni di ricatti, il fine settimana diventa una terra selvaggia in cui il singolo può finalmente rifugiarsi. Insomma per Junger era il bosco, per noi il calcio del sabato e della domenica
La fattoria degli animali
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Giugno 2020

La fattoria degli animali

Questo calcio mette a rischio la salute dei giocatori.