Carrello vuoto
Italia
18 Marzo

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.

Il grottesco e imbarazzante caos generatosi intorno all’affaire Salernitana ha di fatto messo a nudo per l’ennesima volta, semmai ce ne fosse stato il bisogno, il sistema calcio italiano in tutta la sua inadeguatezza. Un sistema da anni compromesso nelle fondamenta, incapace ed arruffone, che naviga a vista con l’unico interesse di auto-conservarsi. Un sistema che negli anni ha fagocitato e portato alla ribalta personaggi talmente impresentabili da risultare folcloristici, tipici del contesto raffazzonato all’italiana, appuntoIn questo universo gremito di ciarlatani e millantatori, una menzione d’onore va a Giampietro Manenti e le sue vicissitudini con il Parma Calcio. La vicenda di Manenti, infatti, racchiude una serie di minuzie e sfaccettature tali da consacrarla a pietra miliare di questo mondo picaresco, con una trama da teatro dell’assurdo degna di Beckett. Una trama che può essere sintetizzata, proprio come nell’Aspettando Godot del drammaturgo irlandese, in due atti. 


ATTO I – DEUS EX MACHINA


Il nastro si riavvolge per tornare all’ormai lontana stagione 2014-2015. A dicembre, il Parma è già in una situazione disastrosa. L’ultimo posto in classifica è solo la punta di un iceberg fatto di debiti e insolvenze, fino a quel momento tenuto fuori dai radar dal presidente Ghirardi e dal ds Leonardi. Quando però i primi stipendi iniziano a saltare (in aggiunta alla mancata partecipazione all’Europa League conquistata sul campo la stagione precedente), la pressione diventa insostenibile e Ghirardi è giocoforza costretto a vendere. Il magnate albanese Rezart Taci rileva la società, piazzando alla presidenza prima l’avvocato Fabio Giordano, poi il 29enne Ermir Kodra.

Il suo ciclo tuttavia durerà meno di due mesi: una volta preso atto del pantagruelico debito (il netto stimato a più di 140 milioni), Taci molla la presa, lasciando il Parma preda di sciacalli ed avvoltoi; il fallimento a campionato in corso deve però essere scongiurato a tutti i costi. Ecco quindi arrivare, come un deus ex machina, il nostro uomo: il 9 febbraio 2015 l’amministratore delegato della Mapi Group, Giampietro Manenti, acquista il Parma per un euro – Manenti è già conosciuto nel settore per aver tentato, senza successo, di rilevare il Brescia. Al suo fianco, il temporary manager delegato è Fiorenzo Alborghetti: l’improvvisato duo organizza subito una conferenza stampa, per “rassicurare la città di Parma”. Una conferenza stampa destinata ad entrare nell’immaginario collettivo del calcio italiano.

L’intervento di Gerevini alla conferenza stampa di insediamento di Manenti.

I microfoni si aprono con Manenti che prontamente precisa di stare «correndo contro il tempo» ma di essere di fiducioso, perché saranno «purtroppo (??) i fatti a fare la differenza». Il chewing-gum masticato nevroticamente, la giacca color vomito con qualche primavera di troppo, l’espressione di chi sembra essere lì per caso: anche se è vero che l’abito non fa il monaco, Manenti non fa assolutamente nulla per apparire un imprenditore credibile. Le domande si susseguono, focalizzate soprattutto su un cardine: i soldi. Come Godot, il denaro «sta arrivando», rassicura Manenti, con «le prime tranches» già pronte a partire in mattinata. Il gruppo Mapi, di cui egli stesso è il proprietario, è pronto a «veicolare investitori esteri», che per il momento non possono essere rivelati.

Le tempistiche strette e la voragine lasciata dai predecessori lasciano poco spazio per dettagli di questo tipo: quello che importa è che Giampietro Manenti è genuinamente ambizioso e vuole riportare in alto il Parma attraverso dei «piani industriali quinquennali» di staliniana memoria. Mapi Group, che contiene al suo interno Mapi Italia e Mapi Ambiente, punta a far nascere anche Mapi Channel, Mapi Energia e Mapi Fashion: insomma, grandi progetti per la squadra e la città, pronta a tornare protagonista anche «a livello enogastronomico». Seppur condita da qualche strafalcione, la conferenza sembra filare più o meno liscia fino a quando non prende la parola Mario Gerevini, giornalista del Corriere della Sera. Il suo intervento fa da spartiacque ed apre il secondo atto.


ATTO II – LA SCOPERTA


Da quando il microfono – inizialmente non funzionante, con tanto di sfottò da parte dello stesso Manenti («chiamiamo Mapi Channel?») – passa nelle mani di Gerevini l’atmosfera tutto sommato positiva generatasi fino a quel momento si modifica radicalmente. E dire che il giornalista non fa nulla di particolare se non, appunto, fare il giornalistaLa prima considerazione riguarda i documenti bancari, al momento totalmente assenti, così come i nomi delle banche coinvolte. Manenti reagisce veementemente, dando del “male informato” a Gerevini e ribadendo come lui voglia solo «rassicurare la città di Parma». 

Quando si passa all’analisi della potenza imprenditoriale di Mapi Group e delle altre società satellite, Gerevini è spietato: «Sono tutte scatole vuote». Il castello di carte traballa, Alborghetti prova goffamente a tamponare con risultati circensi, ai limiti del comico. L’imbarazzo è lapalissiano, le frasi sempre più sconclusionate fino all’epilogo: «Queste domande le faccia il 17». Un invito che appare più un maldestro tentativo di temporeggiamento. Ma ormai è tardi:

La breccia del dubbio aperta da Gerevini è destinata a diventare un cratere. 

Nelle settimane successive, infatti, emergono numerosi dettagli su Manenti e la Mapi Group. Dettagli che non fanno certo presagire orizzonti sereni ai tifosi: dal passato da venditore di olive su Ebay alla Citroen scassata utilizzata per gli spostamenti zeppa di multe non pagate, fino alla rivelazione della sede di Mapi: una casa privata su due piani alla periferia di Nova Gorica, che nessuno conosce. Il vaso di pandora aperto da Gerevini è oramai totalmente scoperchiato. I soldi, come Godot, continuano a non arrivare seppur Manenti si appelli ai “tempi tecnici” e addirittura faccia ironia su se stesso (c’ho la valigia”). Ma al centro sportivo di Collecchio la voglia di fare ironia sembra finita già da un po’.


Dipendenti senza stipendio, addirittura l’assenza di acqua calda: il punto di non-ritorno sembra vicino. Arriverà qualche giorno dopo quando Manenti, a seguito di un colloquio finito male con il sindaco Pizzarotti, viene riconosciuto e insultato dalla gente di Parma. Ci sarà bisogno di una scorta della polizia per salvarlo dal linciaggio verbale, mentre incalzato dai giornalisti continua a promettere l’imminente arrivo di liquidità con l’espressione di chi si sta scavando la fossa da solo. Il triste, preannunciato epilogo arriverà il 18 marzo: Manenti viene arrestato per tentato reimpiego di capitali illeciti. Se la caverà con un paio di settimane di prigione, mentre il Parma verrà dichiarato fallito il giorno dopo. 

Per fortuna, il passare degli anni ed il ritorno del Parma tra i professionisti allevieranno le cicatrici di questa grottesca parentesi.

A rimanere vivide sono però le sfaccettature, i personaggi farseschi e le sfumature esilaranti del breve apogeo calcistico di Manenti. Il canale youtube “Mapi Channel” ha recentemente riproposto le migliori, con un vero e proprio boom di visualizzazioni (oltre 2 milioni), elevando la vicenda a fenomeno cult. Ed è recente la notizia – non a caso riportata dallo stesso Gerevini – della liquidazione di Mapi per la mancata ricapitalizzazione della società, con il capitale sociale sceso sotto il minimo legale di un euro. Proprio quell’euro, quel misero euro che aveva dato il via all’epopea, ora ne sancisce la fine. Una conclusione coerente per una storia, assurda ma divenuta oramai indelebile. Una storia espressione di un sistema calcio, quello italiano, talmente tanto assuefatto alla farsa da diventare commedia.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Ritratti
Marco Metelli
29 Agosto 2021

Enzo Maresca il saggio

Un allenatore da seguire.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Italia
Luca Pulsoni
4 Giugno 2021

Un Italiano a La Spezia

Il Golfo dei poeti ha stregato la Serie A.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Italia
Edoardo Franzosi
25 Maggio 2021

Salvate il Tardini, salvate Parma

Cosa si nasconde dietro al rifacimento dello stadio gialloblu.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Maggio 2021

Errare è umano, perseverare…

La classe arbitrale italiana ha bisogno di una rivoluzione.
Italia
Enrico Leo
3 Maggio 2021

Beppe Marotta, l’uomo della svolta

Da Venezia a Genova, da Torino a Milano: non si vince solo sul campo.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
6 Aprile 2021

Pietro Vierchowod contro tutti

Compie oggi 62 anni l'ultimo Zar del calcio italiano.
Papelitos
Lorenzo Santucci
1 Aprile 2021

La giustizia sportiva è una chimera

Dalla gestione del Covid alle bestemmie.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.