Papelitos
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.

Non è mai successo in tutta la storia della Serie A che l’Associazione Italiana Arbitri si sia scusata per un suo arbitraggio con i dirigenti della squadra lesa. Eppure, è quanto accaduto in seguito all’arbitraggio di Serra in Milan-Spezia. Arrivata la notizia, immaginiamo quindi qualche esitazione in redazione prima della sparata in prima pagina, che come ci si poteva aspettare fomenta la solita “rabbia social”:

“E allora Orsato in Inter-Juve del 2018? Lì l’AIA non chiese scusa”, “E il diluvio di Perugia?” “E il mani di D’Ambrosio?” “E il gol di Turone?”.

Robe da tifosi, per carità, del tutto lecite e anche simpatiche se limitate allo sfottò. Meno divertenti se in campo l’arbitro Serra è poi scoppiato in lacrime, avendo capito l’errore commesso e notato i riccioli da capro espiatorio che man mano gli crescevano sul dorso. Senza incappare in facili sentimentalismi – chi sbaglia sbaglia ed è giusto che ne paghi le conseguenze (sportive) -, è difficile non notare l’evidente stortura di un’istituzione che non protegge un suo associato, ma anzi decide di esporlo al pubblico ludibrio per salvare, toh, l’onore della categoria, come se questo non fosse minacciato proprio dalla stessa gogna mediatica che le scuse hanno contribuito ad amplificare!

Servendo un delizioso assist a giornali e tv, nonché alle recriminazioni campanilistiche di cui sopra, si è infatti ottenuto l’esatto opposto di quanto ricercato: la classe arbitrale ha mostrato di non possedere più alcun briciolo di autorevolezza, mentre crollano uno dopo l’altro i tabù che la rendevano così antipatica ma anche così fondamentale per un sano svolgimento del gioco.

E così non pare nemmeno troppo sorprendente la richiesta del Codacons divenuta virale successivamente alle scuse: se errore fu e tutti lo ammettono, che si rigiochi la partita! D’altronde se si è scelto di garantire l’oggettività dell’arbitraggio tramite mezzo tecnologico, è del tutto normale che di fronte a errori oggettivi si avanzino ricorsi. Anzi, avanziamo pure noi una richiesta ancora più radicale: che si rigiochino proprio tutti i campionati disputati prima del VAR! Che a questo punto non possono essere considerati regolari.

Gruppo MAGOG

Valerio Santori

37 articoli
L’Italia femminile campione mondiale di TikTok
Critica
Valerio Santori
02 Agosto 2023

L’Italia femminile campione mondiale di TikTok

Analisi tecnico-social-tattica di una disfatta.
Mitologia di Byron Moreno
Editoriali
Valerio Santori
03 Marzo 2023

Mitologia di Byron Moreno

Il più formidabile capro (espiatorio) nella storia d'Italia.
Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi
Calcio
Valerio Santori
21 Settembre 2022

Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi

Responsabilizzare i giocatori è una prassi superata.

Ti potrebbe interessare

Le follie di Luciano Gaucci
Ritratti
Matteo Paniccia
02 Febbraio 2020

Le follie di Luciano Gaucci

In memoria di Luciano Gaucci.
Perdere per vincere, come Pioli
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale
Calcio
Michelangelo Freda
27 Novembre 2018

Supercoppa Italiana, un’ipocrisia nazionale

Dai segni rossi sul viso alla finale di Supercoppa in Arabia Saudita la strada è breve.
Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?
Calcio
Gianluca Palamidessi
01 Aprile 2019

Perché nessuno parla (male) del Sassuolo?

Mentre tutti, in realtà, ne parlano malissimo?
Il Virtual audio e il trionfo del grottesco
Calcio
Alberto Fabbri
03 Luglio 2020

Il Virtual audio e il trionfo del grottesco

I cori registrati non potranno mai sostituire il calore di una curva.