Carrello vuoto
Interviste
31 Ottobre

Sibilia e la FIGC: l’inizio di una nuova era?

Abbiamo intervistato in esclusiva Cosimo Sibilia, vice presidente vicario della FIGC, cruciale per l'elezione di Gravina e per il nuovo corso in Federazione.

Da una settimana la FIGC ha trovato la nuova guida in Gabriele Gravina, dopo una lunga estate travagliata che ha caratterizzato il nostro sistema calcio. Tanti ancora sono i nodi da sciogliere, dalle problematiche riguardanti il campionato di Serie B alla questione relativa ai criteri di ripescaggi (con il caso Entella da dover ancora risolvere). Il neo eletto presidente è già  a lavoro, e la figura di Gravina si lega in questo nuovo corso con quella di Cosimo Sibilia, divenuto vice presidente vicario della FIGC, nonché già presidente della Lega Nazionale Dilettanti, il quale ha rivestito un ruolo fondamentale nell’elezione del neo presidente. Da mesi l’onorevole irpino ha lavorato per trovare un punto d’incontro fra le varie componenti del sistema calcio italiano, facendo valere il peso della LND all’interno della struttura federale (circa il 34% dei voti totali), e criticando aspramente la gestione del commissario Fabbricini: “Considero Roberto Fabbricini un galantuomo, ma definire un flop la gestione commissariale della Figc è persino generoso”.

Il cambiamento al vertice e le politiche future che caratterizzeranno il nostro calcio, sono tematiche che sono state trattate da noi di sportavellino.it e rivistacontrasti.it in un’intervista esclusiva concessa dall’onorevole Cosimo Sibilia.

 

Con Gravina presidente si prospetta un periodo di riforme per il calcio italiano, dopo i risultati degli ultimi anni che hanno visto il calcio italiano regredire rispetto ad altre federazioni europee. Dal programma di Gravina si evince la volontà di apportare un drastico cambiamento al campionato di Serie C rendendolo un campionato semiprofessionistico, cosa comporterebbe un simile riforma a livello economico per i club?

 

Di sicuro ci attende un periodo di grandi riforme e tra queste c’è quella del semiprofessionismo: serve un’area ben delimitata, anche dal punto di vista fiscale e tributario, per abituare le società e i calciatori al mondo del professionismo. Una sorta di apprendistato, così come avviene per altre categorie di lavoratori.

 

 L’eliminazione dal Mondiale ha evidenziato il crollo qualitativo del nostro calcio, come possono le modifiche del semiprofessionismo e del ridimensionamento del numero di squadre migliorare il livello qualitativo dei nostri giovani talenti?

 

Il sistema del professionismo, così come è concepito adesso, non è più sostenibile. Riducendo il numero dei club ed introducendo un nuovo status per gli atleti si otterrebbero invece numerosi vantaggi, a cominciare da quelli economici. Con maggiori risorse ed una competitività più armonica, i club potranno investire maggiormente nelle attività di formazione e nella valorizzazione del proprio patrimonio sportivo.

 

Queste modifiche che verranno apportate guardano a una maggiore sostenibilità del calcio: in questo discorso, quanto incideranno i diritti televisivi?

 

Le risorse provenienti dai diritti televisivi rappresentano un punto importante per quanto riguarda la mutualità. Ci dovrà essere però una gestione diversa dei fondi, con adeguate strutture di supporto e di confronto tra tutte le componenti federali.

 

 Come si può favorire lo sviluppo dei vivai e la creazione di strutture idonee alla crescita sportiva dei giovani?

 

In primo luogo è necessario riorganizzare l’intera filiera giovanile. La formazione dovrà assumere un ruolo centrale e dovrà essere attuata in modo coordinato tra le Leghe, le società e le rappresentative nazionali. Le strutture federali ci sono, solo la LND mette a disposizione dieci centri in Italia dedicati proprio alla formazione. Ciò che serve è un orizzonte comune, che coinvolga tutti, che preveda anche la rivisitazione dei sistemi di premialità per chi valorizza i giovani talenti.

 

Infantino, intervistato dal Corriere della Sera, ha espresso le proprie perplessità in merito alla riforma della giustizia sportiva avvenuta in estate, che ha spostato al TAR, e quindi alla giustizia ordinaria, le competenze in merito ad esprimersi sulla formazione dei campionati, sottolineando come tutto ciò avvenga solo in Italia. Quali sono le criticità del sistema di giustizia sportivo e quali soluzioni possono esser adottate per un corretto funzionamento del sistema calcio?

 

Il Presidente della FIFA, anche in occasione dell’Assemblea federale, ha sottolineato l’importanza dell’autonomia dell’ordinamento sportivo, all’interno del quale inquadrare tutti i gradi di giudizio. Lavoreremo ad un riforma non più rinviabile. Non dovranno più ripetersi situazioni come quelle che stiamo vivendo da questa estate. Servono ruoli e tempi certi, nel rispetto delle società e dello svolgimento dei campionati.

 

Cosa ne pensa di questo campionato di Serie B a 19 squadre? Crede che ci possano essere altri colpi di scena in merito ai ripescaggi richiesti da Catania, Siena, Entella e Pro Vercelli?

 

La situazione è molto delicata e purtroppo, come ho dichiarato pochi giorni fa, sono stato un buon profeta. Mi dispiace che la nuova governance debba farsi carico di tali problemi. Oggi affronteremo la questione nel primo Consiglio Federale della presidenza di Gravina.

 

Ritenuti dai più come catalizzatori di voti e di influenze, troppi presidenti ormai hanno due squadre. Non crede che sia un vincolo pesante per il calcio italiano? Le “seconde proprietà” non potrebbero infatti ambire al salto di categoria. Ci vengono in mente gli esempi di Lazio e Salernitana, Napoli e Bari.

 

In Italia, il fenomeno delle doppie proprietà è importante ma ancora circoscritto. Serve in ogni caso un’attenta riflessione sull’argomento. Bisogna salvaguardare il valore delle competizioni ed allo stesso tempo rivedere il quadro normativo di riferimento.

 

Quest’anno il calcio italiano ha visto l’introduzione delle squadre B (al momento solo la Juventus B). Non potrebbe far perdere il fascino dei campionati minori, da sempre espressione del calcio provinciale italiano?

 

Il sistema delle seconde squadre va affrontato seriamente, rivedendo le modalità con il quale è stato introdotto in estate. Nella piattaforma programmatica c’è una chiara indicazione alla volontà di modificarlo e di migliorarlo, sempre in un’ottica di crescita del patrimonio giovanile nazionale e di tutela delle competizioni.

 

Un breve ed ultimo passaggio sull’Avellino calcio. Cosa ne pensa della gestione che ha portato alla mancata iscrizione della formazione biancoverde al campionato di Serie B?

 

Non credo sia utile commentare. Per quanto mi riguarda l’Avellino è al momento una società che partecipa al campionato di Serie D, alla quale auguro, come tutte le società che rappresento, di ottenere le migliori soddisfazioni in ambito sportivo.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Italia
Michelangelo Freda
18 Dicembre 2021

Liberate la Salernitana!

Il calcio italiano si sta coprendo di ridicolo.
Italia
Michelangelo Freda
13 Luglio 2021

Lotito e la Salernitana, una triste storia all’italiana

La telenovela della multiproprietà.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo 2021

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Interviste
Michelangelo Freda
20 Febbraio 2021

Cosimo Sibilia contro tutti

Domani si vota per la presidenza FIGC: la versione dello sfidante.
Calcio
Michelangelo Freda
16 Gennaio 2021

La Serie C morirà di promesse

La politica del calcio sembra quella parlamentare.
Editoriali
Lorenzo Santucci
5 Ottobre 2020

Serie ASL

Nell'anarchia legislativa ci si fa giustizia da soli.
Storie
Gennaro Malgieri
13 Agosto 2020

Le scuole calcio hanno tradito il pallone

Desertificazione della fantasia e profitto sulla pelle dei ragazzi.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Editoriali
Federico Brasile
29 Maggio 2020

Un campionato da sfigati, guardoni e addetti ai lavori

Pronti a ripartire, nel menefreghismo di milioni di tifosi.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile 2020

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile 2020

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo 2020

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Papelitos
Federico Brasile
9 Marzo 2020

Quel pasticciaccio brutto della Serie A

Un Paese sportivo d'accordo su una sola cosa: la deresponsabilizzazione, l'incapacità di prendere decisioni.
Editoriali
Lorenzo Santucci
1 Marzo 2020

Si scrive Serie A, si legge WWE

Il rinvio delle partite è la decisione tardiva di un sistema ipocrita.
Editoriali
Andrea Antonioli
25 Febbraio 2020

Il Coronavirus colpisce i tifosi

Ma giocare a porte chiuse è l'unica soluzione per non interrompere il campionato.
Calcio
Michelangelo Freda
21 Novembre 2019

Colpo di stato in Serie A

La guerra intestina nel mondo del calcio italiano continua a mietere vittime.
Calcio
Michelangelo Freda
20 Novembre 2019

La Serie C va abolita in favore del semiprofessionismo

Le fondamenta della Serie C scricchiolano sempre di più, tra forfait e fallimenti: è tempo di riforme, si impone il semiprofessionismo.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Novembre 2019

La Serie A morirà in esilio

L'ennesima genialata della Lega Serie A: trasferire almeno una partita all'anno in Asia o Stati Uniti, alla faccia dei tifosi ma a favore dei mercati.
Papelitos
Beniamino Scermani
2 Settembre 2019

Il calcio femminile contro le regole base dell’economia

Il professionismo femminile non può salvare il calcio italiano.
Papelitos
Simone Meloni
28 Agosto 2019

La discriminazione territoriale è una buffonata

Quando un semplice sfottò diventa pericoloso.
Papelitos
Matteo Paniccia
25 Luglio 2019

La Uefa vuole schiavi gratis

Per Euro 2020 la Uefa sta raccogliendo volontari da tutto il continente, con lo scopo di “promuovere i valori dello sport”. Cosa aspetti? Iscriviti anche tu!
Calcio
Michelangelo Freda
6 Giugno 2019

La Serie B è un enorme conflitto di interessi

L'annus horribilis della Serie B tra stravolgimenti, sentenze ad personam e clamorose smentite.
Papelitos
Michelangelo Freda
5 Marzo 2019

In Serie C tutto tace

Proclami elettorali e propaganda twitteriana. Ma le riforme nel campionato di Serie C dove sono?
Papelitos
Michelangelo Freda
18 Febbraio 2019

Pro Piacenza, la partita della vergogna

Il 20-0 incassato dal Pro Piacenza grida letteralmente allo scandalo, ed evidenzia un calcio minore sull'orlo del collasso.
Papelitos
Michelangelo Freda
18 Gennaio 2019

Malagò, il Coni ed i gialloverdi: il re è nudo

Viva la riforma sportiva dei gialloverdi (che però deve essere solo l'inizio): la monarchia al CONI di Malagò è al tramonto.
Calcio
Domenico Rocca
25 Agosto 2018

Odissea Serie B

Dopo una tormentata estate passata tra sentenze, appelli e tribunali federali, ritorna finalmente il campionato cadetto.
Interviste
Gezim Qadraku
24 Febbraio 2018

Essere un procuratore

Intervista a Marco Chiofalo, giovane procuratore calcistico.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre 2017

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Calcio
Gennaro Malgieri
14 Novembre 2017

Crisi di identità

L'apocalisse dell'Italia calcistica si inscrive in un più generale fallimento culturale, sociale e programmatico.
Calcio
Lorenzo Santucci
7 Novembre 2017

(D)all’altezza di Ventura

Un allenatore allo sbaraglio.
Calcio
Alberto Fabbri
24 Aprile 2017

Lettera al presidente

Gentile Presidente le scrivo.
Calcio
Giuseppe Gerardi
7 Marzo 2017

Il vecchio che avanza

La conferma di Carlo Tavecchio, una vittoria più di clientele che di programmi.