Carrello vuoto
Calcio
23 Gennaio

Il Mihajlovic politico

Federico Brasile

62 articoli
Non possiamo giudicare Sinisa Mihajlovic con le nostre categorie.

Sinisa Mihajlovic è così, prendere o lasciare. È un uomo di un’altra epoca, cresciuto in un altro contesto ancor prima che in un’altra parte del mondo: non facciamo distinzioni geografiche, tuttavia un elemento chiamato guerra fa tutta la differenza del mondo nella personalità e nel carattere di un individuo. Aver vissuto certe dinamiche è anche complesso da spiegare: di base noi non riusciamo a capire, dalla nostra prospettiva parzialissima, confortevole e semplificatrice, che in certe pieghe della storia ci si può semplicemente trovare.

 

“Le guerre, tutte le guerre, fanno schifo. Ma quella fratricida che abbiamo vissuto noi nella ex Jugoslavia è quanto di peggio possa capitare (…). Il mio migliore amico ha devastato la mia casa. Mio zio, croato e fratello di mia madre, voleva «scannare come un porco», disse così, mio padre serbo. Fu trovato dalla tigre Arkan, stava per essere ucciso, gli trovarono addosso il mio numero di cellulare, gli salvai la vita.

 

Del necrologio per Arkan, che conoscevo da prima della guerra, della mia condanna dei suoi crimini, di cosa rappresentava per i serbi in quel momento, ho detto già così tante volte… Dovranno passare due generazioni prima di poter giudicare cosa è accaduto. È stato devastante per tutti. Quello che racconto io, lo può raccontare anche un croato o un bosniaco. Abbiamo vissuto un impazzimento della storia”. (dall’intervista rilasciata ad Andrea Di Caro de La Gazzetta dello Sport, 20 Febbraio 2019)

Ecco perché non abbiamo mai condannato il Mihajlovic politico, pur non condividendone tante opinioni: e siamo letteralmente disgustati dagli attacchi che il tecnico serbo sta ricevendo sui social per l’endorsement al duo Salvini/Borgonzoni in Emilia Romagna. Premettiamo, chi scrive non è passibile di simpatie leghiste né condivide la rappresentazione del segretario leghista come “uomo del fare” tratteggiata da Sinisa, ma non scadiamo nella politica, non ci compete e il punto non è certo questo.

 

 

Nella persona di Mihajlovic si condensano però tutte le contraddizioni di un tempo frenetico, e di tanti frustrati che non riescono a vedere più in là del proprio naso: Mihajlovic è “altro da noi” quando parla di guerra, di nazione, di politica; qualcuno potrebbe avanzare l’ipotesi che è meno lucido, ma anche questa idea della “politica” (in senso lato) come esercizio razionale e dispiegamento del logos lascia alquanto a desiderare.

 

“So dei crimini attribuiti a Milosevic, ma nel momento in cui la Serbia viene attaccata, io difendo il mio popolo e chi lo rappresenta” (da un’intervista al Corriere della Sera, 2009)

 

Nelle guerre jugoslave veramente, come afferma il tecnico serbo, è capitato di trovarsi su lati opposti della barricata a familiari, amici, parenti. Un impazzimento della storia lo chiama lui, e ha ragione: è l’irrazionale che irrompe sul palcoscenico della storia, e c’è una gigantesca letteratura in questo senso di filosofi, poeti, giornalisti e così via (soprattutto considerati i drammi del Novecento). Come scriveva Dostoevskij, «se ogni cosa sulla Terra fosse razionale, non accadrebbe nulla».

 

A proposito di irrazionale: Željko Ražnatović, in “arte” la tigre Arkan, con i suoi.

 

 

Anzi che le condizioni di salute hanno portato a Sinisa molto affetto e vicinanza: ma anche qui, sembra che noi siamo in grado di provare rispetto ed empatia solo ex post o nella malattia (forse, adesso, neanche più questo). Certo, ormai in molti stanno perdendo il senso del limite, anch’esso un concetto filosofico alla base della nostra civiltà: il metron greco, che è un limite pre-razionale, etico in quanto siamo abitanti del mondo; e passando al mondo latino la pietas che con il tempo, come dimostra Virgilio, si smarca dal campo religioso per diventare parte della humanitas dell’uomo.

 

 

Per uno come Mihajlovic, tuttavia, non dobbiamo provare rispetto in quanto malato. Al contrario dovremmo riconoscere nella parabola del tecnico serbo una storia che, pur non condivisibile, ci porta qualcosa a livello umano: non condividerla ma appunto riconoscerla, rispettarla. Il serbo ha vissuto una vita da guerriero, e molti di noi – purtroppo o per fortuna – non possono nemmeno immaginare la forza e la struttura di Sinisa.

 

 

È qualcosa che ci resta alieno, per cui le categorie che ormai sempre utilizziamo per emettere giudizi sono insufficienti: bisogna iscrivere tutto nel contesto, altrimenti commetteremmo lo stesso errore di chi vuole bandire l’insegnamento di Aristotele perché schiavista, di Lenin perché ideologo del comunismo sovietico, o di chi pretende di cancellare Heidegger e Carl Schmitt dai libri di testo perché “filo-nazisti”. È questo un comportamento terribilmente arrogante di chi crede di rappresentare la fine della storia, la luce contro le tenebre, l’emancipazione del genere umano che finalmente si è liberato.

“Lo rifarei [il necrologio, ndr], perché Arkan era un mio amico: lui è stato un eroe per il popolo serbo. Era un mio amico vero, era il capo degli ultras della Stella Rossa quando io giocavo lì. Io gli amici non li tradisco né li rinnego” (dall’intervista al Corriere della Sera, 2009).

Come potremmo noi condividere la definizione di eroe rivolta ad Arkan? Magari si può discutere sulla presa di posizione contro l’indipendenza del Kosovo – «Il Kosovo è Serbia. Punto. Non si possono cacciare i serbi da casa loro. No, l’indipendenza non è giusta per niente” – ma è naturale che Mihajlovic non ragioni, ma ancor prima “senta”, secondo i nostri valori infiacchiti da 75 anni di pace. È semplicemente un uomo diverso da noi, un personaggio ingombrante che, tuttavia, riteniamo un valore aggiunto nel claustrofobico mondo del calcio.

 

Mihajlovic
La Bologna migliore, di qualsiasi orientamento politico e culturale, continuerà a stare accanto a Sinisa, ne siamo certi (Foto di Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

 

 

Ecco perché, se il nostro ruolo di avvocati del diavolo si spinge fino alla comprensione del necrologio per Arkan, figuriamoci se non si estende all’insignificante – a paragone – campagna elettorale emiliano-romagnola. Non intendiamo qui riportare i mostruosi insulti e “auguri” rivolti a Sinisa per la sua presa di posizione, ma leggendo certi messaggi ci si è gelato il sangue nelle vene, e non potevamo esimerci dal scrivere qualche riga.

 

 

Potremmo essere criticati dai talebani del progresso, sì insomma da chi vorrebbe plasmare la storia e la cultura a propria immagine e somiglianza, ma onestamente ci interessa il giusto. Per quanto possa valere noi difenderemo gli ultimi uomini che portano un’esperienza, una forma di vita nel sempre più inconsistente mondo sportivo: anche, e soprattutto, quando non siamo d’accordo.

 

 

Se poi infine vogliamo chiudere da dove siamo partiti, ovvero con la politica, non possiamo che riprendere la lezione di stile di Stefano Bonaccini, candidato presidente per il centro-sinistra: questa, in un paese normale, esaurirebbe de facto il “dibattito” senza bisogno di perdersi in (ulteriori) chiacchiere inutili.

Mihajlovic sostiene chi gli pare, io gli auguro di vincere la partita più importante che sta combattendo per lui, per la sua famiglia e per tutte le persone che gli vogliono bene. Tra queste c’è anche il sottoscritto”.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Michelangelo Freda
26 Maggio 2022

Ciriaco De Mita e l’Us Avellino

È morto oggi, a 94 anni, un autentico uomo di potere.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Ritratti
Diego Mariottini
29 Gennaio 2022

Romário, dall’anarchia al socialismo

Dalla leggenda in campo alla vicepresidenza del Senato.
Tennis
Andrea Antonioli
18 Gennaio 2022

Djoko al massacro

Ammazzare il serbo e vivere felici.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Cultura
Francesca Lezzi
10 Settembre 2021

Lo sport nel Nazismo

Una preparazione alla guerra.
Papelitos
Eduardo Accorroni
6 Settembre 2021

Griezmann l’eterno indeciso

Dallo strappo con la Cina (Huawei) al ritorno all'Atletico (Wanda Metropolitano).
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Papelitos
Stefano Brunetti
29 Luglio 2021

Marko Arnautovic, il ragazzo d’oro

L'austriaco si ama o si odia, nessuna via di mezzo.
Estero
Lorenzo Serafinelli
26 Luglio 2021

La squadra di Arkan

E non era la Stella Rossa.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio 2021

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Editoriali
Andrea Antonioli
24 Giugno 2021

Che stanchezza il calcio arcobaleno

Kneeling, rainbows and conformism.
Tifo
Antonio Torrisi
31 Maggio 2021

La Ternana ha il cuore d’acciaio

Il calcio come specchio della città.
Estero
Edoardo Biancardi
12 Maggio 2021

Quel pomeriggio al Maksimir

13 maggio 1990.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Cultura
Leonardo Palma
7 Aprile 2021

La vita da romanzo di Graham Greene

Un viaggiatore ed esploratore in fuga dalla noia e dall’inquietudine.
Papelitos
Federico Brasile
30 Marzo 2021

Perché boicottare quando si può sensibilizzare?

Le nobili battaglie degli sportivi impegnati.
Editoriali
Valerio Santori
24 Marzo 2021

Lo sport è politica, non propaganda

Gli atleti impegnati non sono tutti uguali.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Storie
Alberto Maresca
18 Gennaio 2021

Morto un Re Cecconi non se ne fa un altro

44 anni fa un omicidio assurdo, nel pieno degli anni di piombo.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Ritratti
Gianluigi Sottile
22 Dicembre 2020

La guerra di Mario Mandzukic

Un uomo contro lo spirito del suo tempo.
Calcio
Marco Gambaudo
12 Dicembre 2020

La Familia Abraham

Gli accordi di Abramo portano gli sceicchi nella squadra più razzista d'Israele.
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre 2020

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Ritratti
Massimiliano Vino
3 Dicembre 2020

Quel meticcio di Luciano Vassallo

La condanna senza patria del miglior calciatore etiope.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre 2020

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Storie
Matteo Picconi
27 Ottobre 2020

La squadra di Ceausescu

Il Viitorul Scornicesti per capire il regime rumeno.
Storie
Massimiliano Vino
14 Ottobre 2020

Lo sport in Libia per capire il Fascismo

Calcio, ciclismo e motori per forgiare l'uomo nuovo fascista.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Storie
Massimiliano Vino
10 Settembre 2020

Argentina ’78 segnata dalla loggia P2

Quando la massoneria scese letteralmente in campo.
Tifo
Alberto Fabbri
18 Agosto 2020

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Papelitos
Federico Brasile
17 Agosto 2020

Gli Stati (dis)Uniti nello sport

Black lives matter divide anche nel basket e nel calcio.
Tennis
Diego D'Avanzo
7 Agosto 2020

Leandro Arpinati: il dissidente creatore dello sport fascista

Anarchico, poi gerarca e ideatore dello sport in camicia nera. Infine fiero dissidente.
Recensioni
Roberto Tortora
29 Luglio 2020

I giusti dello sport

Un libro collettivo, con racconti tra gli altri di Gianni Mura e Darwin Pastorin, sugli sportivi impegnati in nobili lotte politiche e sociali.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Storie
Luigi Della Penna
15 Giugno 2020

Mussolini e il calcio come arma di consenso

Il Duce intuì il valore politico e sociale del pallone.
Editoriali
Andrea Antonioli
20 Maggio 2020

Trump, il wrestling e l’America profonda

Il successo sta tutto nella conquista dell'immaginario.
Storie
Alberto Fabbri
25 Aprile 2020

Paradiso-inferno, andata e risorto

La drammatica vicenda di Mario Pagotto, dai campi della massima serie ai lager, morto e risorto.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile 2020

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.