Papelitos
15 Settembre 2023

La mixed zone non è più un luogo libero e per tutti

Una notizia di cui si sta parlando troppo poco.

Prima di scrivere questo articolo, abbiamo aspettato qualche giorno in attesa di una presa di posizione da parte di ODG (Ordine dei Giornalisti) e USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana), che però non è mai arrivata. La notizia in realtà non ha avuto molto risalto mediatico, eppure è abbastanza importante: la Lega Serie A ha deciso di negare – a partire dal prossimo turno di campionato – ai giornalisti (esclusi Sky e DAZN) la possibilità di lavorare nella mixed zone, dove si svolgono interviste a calciatori, allenatori e addetti ai lavori.


Una libertà sotto contratto


Al termine della riunione svoltasi lo scorso mercoledì, con tutti e venti gli uffici stampa del campionato, la Lega di Serie A ha diffuso un comunicato, parlando di un “aggiornamento sulle strategie e sulle trattative in corso per la cessione dei diritti audiovisivi internazionali e dei Pacchetti Dati e Betting Streaming”. Detto cosi, non sembra nulla d’interessante. Eppure, tra i tanti temi toccati c’è anche – ancora una volta – la lotta alla pirateria.



Attenzione però: non stiamo parlando dello streaming illegale, ma dei blog e siti web, che svolgono un servizio d’informazione per i tanti appassionati (e tifosi) sparsi sulla penisola. Ci saranno più controlli nelle tribune stampa, perché i giornalisti non possono scattare foto o registrare video all’interno dello stadio, e questo ci sembra più che giusto. Anzi, ci meravigliamo che la Lega se ne sia ricordata soltanto adesso, rilasciando nei vari anni soltanto dei semplici comunicati, che di certo non scoraggiano nessuno se poi i controlli sono nulli.

Quello che ci lascia basiti però è l’aver tolto ai giornalisti locali la possibilità di accedere alla mixed zone, area della sala stampa in cui a fine partita vengono intervistati uno o più calciatori delle due squadre. Stando a quanto deciso dai vertici della Serie A infatti, l’accesso (e quindi le relative interviste) saranno appannaggio esclusivo dei possessori dei vari pacchetti televisivi. È vero che alcuni club di Serie A avevano già vietato l’accesso ai giornalisti locali alla mixed zone – come l’Udinese – ma perché regalare un’altra esclusiva a Sky e DAZN, togliendo materiale importante – e quindi del lavoro – ai giornalisti di giornali e siti web?

Ma soprattutto: come si può giustificare questo cambiamento con la scusa della pirateria? A noi sembra che l’unica giustificazione dietro l’ultimo regalo alle emittenti televisive (e di streaming) sia legata a motivi economici. La cosa non ci stupisce, sia chiaro, ma ci rattrista una volta di più. Com’è che diceva Carmelo Bene? No alla libertà di stampa sì alla libertà dalla stampa. Tutta però: non una parte.


Grafica Contrasti da un’immagine di kenshinstock su Freepik

Gruppo MAGOG

Matteo Paniccia

40 articoli
Tadej Pogacar nel nome di Marco Pantani
Altri Sport
Matteo Paniccia
06 Maggio 2024

Tadej Pogacar nel nome di Marco Pantani

Il tutto, però, in un Giro d'Italia ormai svuotato.
A Sora si prendono i Daspo senza aver fatto nulla
Papelitos
Matteo Paniccia
24 Marzo 2024

A Sora si prendono i Daspo senza aver fatto nulla

Senza nemmeno essere entrati allo stadio, per la precisione.
Il Frosinone è una realtà sana del calcio italiano
Calcio
Matteo Paniccia
01 Febbraio 2024

Il Frosinone è una realtà sana del calcio italiano

Tradizione, sostenibilità, innovazione: per lottare contro i grandi.

Ti potrebbe interessare

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Il diritto di cronaca è messo a rischio dalla Lega Calcio
Calcio
Domenico Rocca
19 Dicembre 2019

Il diritto di cronaca è messo a rischio dalla Lega Calcio

Orwell, di nuovo. Questa volta in Serie A, questa volta tocca al calcio italiano.
Quello sui diritti tv era un flop annunciato
Calcio
Matteo Paniccia
27 Giugno 2023

Quello sui diritti tv era un flop annunciato

L'illusione della Lega si è scontrata con la realtà.
Altri 5 anni di Dazn, si salvi chi può
Papelitos
Matteo Paniccia
02 Novembre 2023

Altri 5 anni di Dazn, si salvi chi può

Una società coi conti in rosso per un calcio indebitato.
Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato
Calcio
Valerio Santori
04 Giugno 2021

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.