Carrello vuoto
Papelitos
21 Aprile

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.

Le barricate sul divano di casa o negli stadi le fai per conto delle baronie calcistiche, che creano falsi miti di progresso o di conservazione in un mondo in cui non c’è più nulla da conservare. Ma quasi peggio dei golpisti di mezzanotte che sventolano questa formuletta magica e messianica della Superlega, ci sono i dirigenti di UEFA, FIFA e Federazioni, che dopo essersi nascosti dietro un’etica di cartapesta adesso si preparano a cantare vittoria con una retorica falsamente populista e nostalgica.

 

 

Ma guai a sottovalutare il silenzio – a parte alcune nobili eccezioni, giunte soprattutto da Oltremanica – di troppe icone calcistiche: i guardiani della magia, i custodi della mitologia, i taumaturghi del campo, coloro che dovrebbero insorgere per primi contro una catena di montaggio che vuole spremerli, annichilirli, distruggerli, riducendo la loro speranza di vita professionale già cortissima allo stato attuale.

 

 

La verità è che dopo questa vicenda umanoide, cioè post-umana, ci sentiamo tutti più soli. Sono soli i dirigenti che operano in stanze chiuse; sono soli i calciatori costretti a reprimere qualsiasi istinto di sopravvivenza e di contestazione; sono soli soprattutto i tifosi, che siano fanatici della curva o telespettatori compulsivi, i quali dopo essere stati allontanati dagli spalti per ragioni sanitarie adesso vengono tenuti lontani dalle grandi decisioni sul futuro di uno sport che, almeno a livello morale, gli dovrebbe appartenere.

 

Consigli di lettura

 

 

E nella matrice umanoide, cioè post-umana, si fanno i conti con il mutamento antropologico assecondandolo nella sua fase più avanzata invece di rimetterlo in discussione. Se come scrive giustamente Giancarlo Dotto sul Corriere dello Sport non si tratta di “una guerra di religione”, siamo invece dentro ad una dimensione elitaria in cui due diversi clan, con la stessa visione del mondo, lottano per conquistare la gestione burocratica, economica e amministrativa del potere.

 

 

La SuperLega infatti non è una rivoluzione ma l’accelerazione di un processo già in atto, perfettamente organico allo spirito del tempo, che adesso porteranno avanti gli anti-superleghisti. L’obiettivo non è tanto quello di offrire un “prodotto migliore”, ma di fare del calcio un gioco a pezzi riproducibile sulle nuove piattaforme digitali di oggi, in primis Instagram e Tik Tok, e di domani. E parallelamente di rimuovere le emozioni e i sentimenti più umani come il dolore, la sofferenza, la rabbia, l’odio, la noia.

 

 

Non contano più i novanta minuti, il risultato finale, tantomeno lo sforzo collettivo di una squadra, o il suo retroterra storico-culturale, bensì la capacità di una partita di generare “clip” spettacolari in cui si vedono le grandi giocate dei “top player” o gli attimi salienti – scusate, si dice highlights – che riescono in un modo o nell’altro a catturare l’attenzione di una persona, e di conseguenza a tenere alto un livello di concentrazione che non era mai stato così basso nella storia dell’umanità. A rivelarlo è stato lo stesso Andrea Agnelli nell’intervista pubblicata su La Repubblica:

 

“I più giovani vogliono vedere i grandi eventi e sono meno legati agli elementi di campanilismo che hanno segnato le generazioni precedenti, compresa la mia […] e il dato più allarmante è che il 40 per cento di coloro che hanno fra i 16 e 24 anni non ha interesse nel mondo del calcio.

 

Andare a creare una competizione che simuli ciò che fanno sulle piattaforme digitali significa andargli incontro e fronteggiare la competizione di Fortnite o Call of Duty che sono i veri centri di attenzione dei ragazzi di oggi, che spenderanno domani. Il calcio sta vivendo una crisi enorme di appetibilità verso le nuove generazioni”.

 

Per quanto la fotografia sia lucida e corretta, la grandezza di un uomo si misura dal coraggio di sovvertire un ordine costituito dannoso, a meno che non si ritenga nobile e giusto paragonare il gioco del calcio alla simulazione del gioco del calcio. Allora piuttosto che alimentare un processo di destrutturazione della società diventa necessario insegnare a quelle nuove generazioni, senza moralità e nostalgia, a fare i conti con sé stesse nella dimensione di individui parte di una collettività imperfetta ma perfettibile.

 

 

Non a caso è proprio nella collettività che quelle emozioni e quei sentimenti più disumani, che si vorrebbero rimuovere dall’esperienza umana e calcistica, riacquisiscono un senso, perché è nella collettività che si superano. Rivendichiamo dunque il nostro diritto ad annoiarci davanti a una partita di novanta minuti, ad arrabbiarci per un errore arbitrale, a soffrire per una sconfitta, a odiare il nostro avversario.

 

 

Ma soprattutto, come scrive il giornalista Mattia Ferraresi nel suo magnifico libro Solitudine (Einaudi), pretendiamo tutto ciò quello che ci è stato levato: «ordinamenti, strutture, sistemi, partiti, chiese, leggi, abitudini, tradizioni, dogmi, codici, regimi, opinioni, usanze, costumi e perfino assetti biologici». Perché a furia di divincolarci dalle autorità, dalle gerarchie e dalle costrizioni tradizionali ci siamo ritrovati soli con uno smartphone in mano a scrollare, dall’alto verso il basso. Sedotti, accontentati, impotenti.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
La Redazione
4 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Giugno 2021

Il calcio ha bisogno del TSO

L'Uefa ha costretto la Danimarca a giocare contro la Finlandia.
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
22 Aprile 2021

UEFA e FIFA, non ci sono poteri buoni

Le anime belle non sono credibili.
Papelitos
Andrea Antonioli
21 Aprile 2021

Che figura di m…

Se questi sono i padroni del football, stiamo freschi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Estero
Michelangelo Freda
25 Marzo 2021

Olanda, Belgio e il nuovo calcio transnazionale

La BeNeLeague, una prova tecnica di Superlega.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Marzo 2021

Andrea Agnelli e il Grande Reset

Il teorico dell'irreversibile è tornato a parlare.
Altro
Alessio Masala
19 Febbraio 2021

I Francesi hanno inventato (quasi) tutto

FIFA, Coppa Rimet, Pallone d'oro, Coppa dei Campioni, F1 etc.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Italia
Diego Mariottini
15 Dicembre 2020

Tutto è iniziato con la sentenza Bosman

Compie 25 anni una riforma che ha stravolto il calcio europeo.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
17 Settembre 2020

Perché Lukaku si lamenta del proprio valore a Fifa?

Una questione più seria di quel che sembra.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2020

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Federico Brasile
23 Aprile 2020

Siete voi che avete bisogno di soldi

Non la gente che ha bisogno di calcio.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile 2020

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Calcio
Andrea Muratore
4 Dicembre 2019

Il calcio tra politica e globalizzazione

Come lo sport più bello del mondo è stato plagiato da geopolitica e globalizzazione finanziaria.
Recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Novembre 2019

Qatar 2022, l’isola che (non) c’è

Inchiesta dal libro di Gianluca Mazzini.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre 2019

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Papelitos
Matteo Paniccia
25 Luglio 2019

La Uefa vuole schiavi gratis

Per Euro 2020 la Uefa sta raccogliendo volontari da tutto il continente, con lo scopo di “promuovere i valori dello sport”. Cosa aspetti? Iscriviti anche tu!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio 2019

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Calcio
Luca Giannelli
10 Dicembre 2018

Strizza calcio scacciapensieri

Le elites in azione, ma c'è chi pensa ai falli di mano.
Calcio
Daniele Berardi
29 Settembre 2017

Il calcio ai tempi della Play Station

Come la console più famosa del mondo ha cambiato il nostro modo di pensare (e di intendere) il gioco.
Calcio
Ermanno Durantini
7 Settembre 2017

L’essenza della tecnica

Il VAR è ormai entrato nella realtà del nostro calcio. Perché supportarlo, anziché detestarlo.
Calcio
Gezim Qadraku
31 Agosto 2017

Molto più di uno sport

Cosa ha veramente significato l'affare Neymar (e Mbappè) per la proprietà qatariota del Paris Saint Germain?
Interviste
Luigi Fattore
9 Giugno 2017

I veri padroni del calcio

Intervista a Marco Bellinazzo, alla scoperta dei rapporti di forza nel mondo del calcio (e non solo).