Carrello vuoto
Papelitos
25 Febbraio

Solo per tre minuti

Luigi Fattore

46 articoli
Come un episodio di vergognosa insubordinazione ha oscurato agli occhi della stragrande maggioranza dei media la buona prova dei Blues di Sarri contro il City di Guardiola nella finale di League Cup.

Che Sarri non sia universalmente amato non lo scopriamo certo oggi. E’ risaputo. E’ anzi normale. Fa parte del gioco. Oltretutto neanche lo stesso allenatore toscano, da persona intelligente qual è, ambisce a tanto. Lo dimostra la sua avversione alla diplomazia. Lo sa bene Maurizio che le emozioni non sono a comando e ognuno di noi ama chi gli pare, quindi tanto vale essere se stessi e avere il coraggio di non piacere. Quando poi amore e tifo si fondono in un unico sentimento si toccano vette di soggettività inattingibili da qualsiasi forma di razionalità. Perciò non deve sorprendere neanche troppo il fatto che tra i maggiori detrattori di Sarri vi sia una cospicua parte, almeno la metà, di popolo napoletano, cioè la tifoseria che ad oggi più di tutte ha beneficiato del lavoro di Sarri in termini di risultati e di bellezza. Sì, contendere uno scudetto impossibile da vincere per chiunque e valorizzare i giocatori è un risultato, peraltro certificato dal record di punti della storia della società Napoli. E invece “Mazzarri ha vinto la Coppa Italia e Sarri no”.

 

Detto questo, il trattamento riservato dalla maggior parte dei media a Sarri per il clamoroso episodio di ieri con protagonista Kepa è stato vergognoso. Si è oltrepassato il limite. Pur di criticare il tecnico del Chelsea se ne è data un’interpretazione al di fuori da ogni logica. E si sta parlando di addetti ai lavori, non di tifosi condannati all’infelicità permanente, ammesso che le due cose siano distinte. Quei tre minuti caotici in cui il giovane portiere basco si rifiutava in maniera vergognosa di uscire dal campo con Sarri che imprecava con tutte le sue forze nella “narrazione ufficiale” hanno acquisito una priorità strepitosa. Molti organi di stampa si sono serviti della malafede più becera per spiegare l’inspiegabile, facendolo addirittura assurgere a prova inconfutabile dello strappo tra lo spogliatoio e l’allenatore. Così, chi non ha avuto il piacere di guardare la partita, non ne ha avuto bisogno per formarsi un’idea tanto netta quanto distante anni luce dalla realtà.

 

Kepa: l’uomo della discordia

 

Una realtà composta da altri 117 minuti in cui il Chelsea è stato una squadra vera. Ogni giocatore ha dato il meglio di sé assecondando tutte le richieste dell’allenatore. Che mai come in questo caso sono state “alternative”. Avete presente il tanto agognato “piano B”? Bene, ieri si è visto. I Blues hanno fatto un passo indietro giocando una partita attendista e ricorrendo al palleggio principalmente in transizione. Sarri ha rimodulato l’intensità del pressing evitando, con umiltà, di consegnarsi nuovamente nelle mani di Guardiola dopo lo 0-6 di due settimane fa. E checché ne dicano i rigori finali, ha avuto ragione. Perché, nonostante il dominio territoriale del City, Hazard e compagni hanno rischiato pochissimo. Inoltre c’è mancato davvero poco che Kanté mettesse dentro il pallone dell’1-0 nei 90’: con i Citizens imbrigliati dall’applicazione massima dei Sarri boys, il secondo tempo del Chelsea è stato veramente di spessore. Partite di quel livello si fanno solo se la squadra tutta ha sposato la visione dell’allenatore. Ma ovviamente tutto questo è troppo complesso per essere capito. Molto più agevole semplificare, strumentalizzare ed ignorare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Angelo Massimo Tuttobene
18 Novembre

God bless the Rovers

Il sogno inglese del Blackburn.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Ritratti
Enrico Leo
2 Settembre

Bill Shankly è un mito di popolo

L'epopea dell'allenatore più amato dalla Kop.
Recensioni
Emanuele Meschini
4 Giugno

Ted Lasso, non siamo americani

Cosa accadrebbe se un allenatore americano allenasse una squadra inglese?
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Calcio
Luigi Fattore
14 Giugno

È stata Bellezza vera

La Bellezza è un enigma, dice Myškin. Attraverso di essa si è salvato il mondo, si è salvato il Napoli, ci siamo salvati noi.
Calcio
Simone Galeotti
23 Novembre

Suffolk Song

C'era una volta l'Ipswich Town.
Calcio
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Calcio
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Tifosi
Luca Quartarone
16 Aprile

FC United of Manchester, il sogno della working-class

Il calcio, quello vero, è del suo popolo.
Calcio
Matteo Coral
10 Febbraio

Newcastle Upon Tyne: andata e ritorno

Dal quinto posto in Premier al primo in Championship, con tappa all'inferno.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Maggio

Il caso Mkhitaryan e il silenzio della UEFA

Il lato corrotto del politicamente corretto.
Papelitos
Lorenzo Solombrino
18 Aprile

Eupalla ha detto Tottenham

La partita di ieri è difficilmente spiegabile perché, ancor prima, è stata irrazionale: alla fine hanno prevalso la forza del Tottenham e la fragilità del City.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
16 Febbraio

Nulla è perduto

Un Napoli tirato a lucido si perde in pragmatismo nella notte del Bernabeu. Ma i conti sono aperti.
Interviste
Luigi Fattore
16 Giugno

Contro il procuratorismo

Claudio Pasqualin ci parla senza peli sulla lingua e senza retorica. E forse anche con un filino di nostalgia per il calcio di vent'anni fa, auspicando che in qualche modo se ne possano recuperare i valori.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
14 Febbraio

Il miracolo di Gordon Banks, ep. 2

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte II.
Storie
Simone Galeotti
21 Agosto

The Rush Hour

Ian Rush, l'uomo che fece innamorare la Kop.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Calcio
Remo Gandolfi
4 Aprile

Bere Eddie Howe e ubriacarsi del Bournemouth

Il figlio più amato di Bournemouth sta scrivendo un romanzo calcistico.
Calcio
Paolo Pollo
1 Marzo

Quanto ci mancano i Toscani

Allegri, Spalletti, Sarri, Mazzarri: non conoscevamo la noia.
Calcio
Lorenzo Santucci
29 Agosto

This is (not) England

Esiste ancora l'identità britannica?
Interviste
Alberto Fabbri
4 Aprile

Nella culla del Football

Intervista all'autore Stefano Faccendini, impareggiabile appassionato di calcio inglese.
Tifosi
Andrea Mainente
15 Ottobre

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
23 Luglio

Casuals, ep. II: il riscatto di Manchester

Gli scontri coi Reds, i furti dei negozi, la musica maledetta.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre

Il tifoso del Manchester City sta morendo

Persone che diventano cose.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Calcio
Andrea Fantucchio
15 Febbraio

Goodbye Manchester city

Chi c'è dietro alla maxi squalifica inflitta ai Cityzens.
Calcio
Lorenzo Santucci
28 Maggio

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Ritratti
Marco Metelli
28 Settembre

Hernán Crespo

Innamorarsi a Parma.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Calcio
Gianluca Losito
18 Settembre

Maglie da calcio e identità, il filo invisibile del pallone

Se anche la tradizione diventa una strategia di marketing.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
31 Maggio

Può un Conte uccidere Madama?

Antonio Conte è il nuovo allenatore dell'Inter.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
7 Agosto

Il miracolo di Gordon Banks, ep. I

Intervista al miglior portiere della storia d'Inghilterra, parte I.
Calcio
Luigi Fattore
23 Gennaio

L’equivoco Higuain

Il deprezzamento del Pipita nella percezione calcistica collettiva segue quello sul piano economico. L'approdo al Chelsea come ultima spiaggia per tornare a sorridere.
Interviste
Leonardo Aresi
10 Marzo

All’ombra del Big Ben

Intervista a Roberto Gotta, cantore del calcio inglese e giornalista per Fox Sports.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
13 Maggio

Wonderwall

Al termine di una Premier League entusiasmante, la spunta il Manchester City.
Papelitos
Federico Brasile
16 Ottobre

Maurizio Sarri uno di noi

Il calcio come show uccide l'amore.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Tifosi
Alessandro Imperiali
8 Gennaio

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Papelitos
Vittorio Ray
6 Giugno

Sarri ai Lakers

Sarri alla Juventus sarebbe l'ennesima storia del XXI secolo: l'individuo che schiaccia la narrazione collettiva.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Calcio
Antonio Grimaldi
13 Dicembre

La caduta degli dei

La storia di Roberto Di Matteo, dalla Champions all'anonimato.
Calcio
Luca Giorgi
2 Ottobre

Concilio et Labore

Manchester è tornata più forte che mai.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio

Paolo Di Canio, sacerdote della Premier League

Lo spettacolo nello spettacolo.
Interviste
Gianluca Palamidessi
8 Gennaio

Poison Lasagna. Arsenal, agonia ed estasi

Intervista con i ragazzi di Poison Lasagna, magazine indipendente di Londra.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Editoriali
Andrea Antonioli
6 Novembre

Quale autodeterminazione dei popoli nel calcio

Il caso Pep Guardiola. L'ideologo del tiki-taka alle prese con l'identità calcistica inglese.
Editoriali
Giovanni Tarantino
24 Luglio

Gli Inglesi se ne fregano del fascio

In Inghilterra simboli e formule del mondo latino non causano dibattiti ideologici, ma sono lo spunto per immergersi nel fascino della tradizione.