Carrello vuoto
Papelitos
28 Marzo

Viva il pragmatismo degli Azzurrini di Nicolato!

Lotta, sudore, sacrificio: ma per De La Fuente è l'anticalcio.

Fare di necessità virtù non è più una virtù. Almeno nel calcio. Il CT spagnolo Luis De La Fuente, al termine di Spagna-Italia U21, ha criticato la condotta di gara degli azzurrini di Nicolato affermando che “alcune situazioni non dovrebbero esistere su un campo da calcio”. Eccolo, il professor De La Fuente, venuto dalla splendida Spagna per insegnarci il mestiere del pallone.

 

 

Ora, a prescindere dalla condotta di gara a dir poco pietosa dell’arbitro Osmers, a incuriosire è lo sfogo dell’allenatore spagnolo, evidentemente abituato a un tipo di calcio che, tra triangolazioni stantie, controlli da urlo e passaggi a un metro di distanza, è ormai il marchio di fabbrica della scuola spagnola. Chiamateci pure reazionari, ma a questo tipo di calcio preferiamo di gran lunga quello che – sia chiaro, con i mezzi attuali! – opta per la lotta e quel sano pragmatismo che contraddistingue la scuola italiana. Perché non tutto è da buttare, e come direbbe qualcuno ci vuole equilibrio.

 

L’unica vera occasione da gol della partita di ieri, prima del finale convulso con due espulsioni azzurre (Scamacca e Rovella, entrambe assurde) e una spagnola (ancor più inventata, per Mingueza), è capitata sul piede destro dell’ottimo Frattesi su errore/orrore del centrocampo spagnolo, che si stava dilettando nella costruzione da dietro.

 

La palla ce l’hanno avuta sempre loro, o quasi sempre: ma con quali risultati? L’Italia è stata molto più pericolosa delle Furie Rosse.

 

Il primo tiro nello specchio azzurro è arrivato dopo 20′ nella ripresa, mentre l’unica grande occasione spagnola, nata da un assalto finale che, guarda caso, ha messo da parte ogni sorta di abbellimento estetico, è stata salvata da un doppio intervento da urlo di Carnesecchi, portierino dal futuro assicurato.

 

 

La Spagna ha eseguito in tutto 634 passaggi, l’Italia 394. Il possesso palla, che ve lo dico a fare, dice 58% Spagna e 42% Italia. Ma mai e poi mai la Spagna ha dato la sensazione di dominare il gioco, di assediare la porta azzurra. L’Italia si è difesa con ordine, con coraggio, con sacrificio: parole appartenenti al secolo scorso, pericolosissime. Ma il risultato finale dice comunque 0-0.

 

Il più cattivo dei suoi è senza dubbio Cucurella, non a caso un uomo del Getafe (Jurij Kodrun/Getty Images)

 

Per il CT spagnolo De La Fuente, però, questo non è calcio: “Se una squadra è autorizzata a fare quello che vuole in termini di contrasti e aggressioni, è ingiusto nei confronti di chi prova a giocare a calcio e usa esclusivamente le armi concesse dal regolamento – ha dichiarato in conferenza stampa. Così gli avversari rovinano il nostro lavoro in modo antisportivo”.

 

Eccolo De La Fuente, neo e non richiesto rappresentante del nuovo corso calcistico: o ti adegui a questo tipo di calcio, che è ormai diventato calcetto, o meriti di essere escluso. Noi possiamo anche consigliare a De La Fuente di andarsi a fare un tour in giro per le nostre categorie minori, ma probabilmente non servirebbe a nulla: si inventerebbe che quello non è calcio, ma Medioevo. Secondo il nostro luminare, la Spagna ha giocato secondo le armi concesse dal regolamento, l’Italia no.

 

 

Queste sono frasi inquietanti, ma che non ci stupiscono affatto. Chi ha spinto per l’omologazione del football, ormai tutto uguale in qualsiasi parte del pianeta – e se qualcuno resiste, è solo per una questione di ritardo temporale -, non può storcere il naso davanti a certe dichiarazioni. Cercando l’essenza del gioco, cercando il bel gioco, il gioco palla a terra, il calcio è diventato calcetto. E chi usa ancora le vecchie e care “armi del mestiere”, la spinta, il tackle, la sgomitata, sta semplicemente giocando un altro sport. Quale? Ce lo stiamo dimenticando anche noi. Intanto, però, viva gli Azzurrini di Nicolato.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Marco Metelli
26 Aprile 2022

Wales, Golf, Madrid. In that order

Perché Gareth Bale è una leggenda.
Italia
Luca Pulsoni
30 Marzo 2022

I ragazzi che diventeranno uomini senza l’Italia ai mondiali

Storia di un disamore antico: quello tra i ragazzi italiani e il pallone.
Italia
Valerio Santori
28 Marzo 2022

La disfatta dell’Italia senza un capro espiatorio

Perché la conferma di Mancini è una buona notizia per il movimento.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Marzo 2022

Capello: seguire il modello tedesco, non quello (defunto) di Guardiola

Don Fabio indica la via al calcio italiano.
Papelitos
Andrea Antonioli
25 Marzo 2022

È giusto così

Il male oscuro dell'Italia è tornato.
Ritratti
Gabriele Tassin
11 Marzo 2022

Helenio Herrera, più visionario che mago

Un ultramoderno, che ha rivoluzionato il calcio italiano.
Papelitos
Matteo Paniccia
9 Marzo 2022

Non tifare, investi! (e perdi)

Perché i fan token sono pericolosi.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Cultura
Gabriele Fredianelli
30 Novembre 2021

Luciano Bianciardi e quella notte speciale a Cagliari

Conversazioni alcolico-notturne con Scopigno tra Hegel, Guttuso e Gershwin.
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
26 Ottobre 2021

Stefano Cerioni diventerà il Mancini della scherma?

Un parallelo tra i CT del fioretto e del calcio.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Italia
Michelangelo Freda
4 Settembre 2021

Il modello del Südtirol

La Bolzano biancorossa sogna il calcio che conta, ma è divisa tra tedeschi e italiani.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio 2021

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2021

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Estero
Valerio Santori
2 Giugno 2021

Guardiola non vuole più essere Guardiola

La dura vita del profeta, fuori dalla patria.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Maggio 2021

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio 2021

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Maggio 2021

Il cuore è il nostro tamburo

Oggi entriamo in una nuova fase.
Italia
Valerio Santori
2 Maggio 2021

La scuola italiana ha vinto ancora

L'Inter di Conte è campione d'Italia.
Interviste
Michelangelo Freda
30 Aprile 2021

Piero Chiambretti: l’unico e la sua proprietà

Intervista al più grande sperimentatore nazionalpopolare della tv.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Editoriali
Andrea Antonioli
10 Marzo 2021

C’era una volta il Catenaccio

E funzionava pure, a detta di molti.
Calcio
Antonio Aloi
17 Febbraio 2021

Non esiste solo la costruzione dal basso

La palla lunga, se codificata, può essere un'alternativa.
Ritratti
Alberto Fabbri
12 Febbraio 2021

Giacomo Bulgarelli, eterna bandiera

Di Bologna figlio, del Bologna sposo.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Calcio
Luca Pulsoni
8 Febbraio 2021

Suning naviga in cattive acque

Nel frattempo l'Inter non può concedersi distrazioni.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Tennis
Alberto Fabbri
13 Gennaio 2021

Fulvio Bernardini, una vita per il pallone

Giocatore, allenatore, giornalista, dirigente. Dottore del calcio italiano.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Calcio
Alberto Fabbri
29 Dicembre 2020

Nessun vaccino per il calcio italiano

All'estero piani concreti, in Italia fumo negli occhi.
Tifo
Emanuele Meschini
17 Dicembre 2020

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Storie
Emanuele Meschini
12 Novembre 2020

Amatori Ponziana, la squadra che scelse Tito

La squadra di Trieste che giocò nel campionato jugoslavo.
Calcio
Andrea Mainente
6 Novembre 2020

Lunga vita al Lanerossi Vicenza

La squadra e la città, unite per sempre.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre 2020

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Giuseppe Cappiello
23 Ottobre 2020

Cosa significa tifare la Bari

Una religione laica, tra San Nicola e la città vecchia.
Calcio
Alberto Fabbri
6 Ottobre 2020

Arte e calcio, un amore lungo un secolo

Gli artisti hanno usato il pallone per raccontare la storia d'Italia nel '900.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.