Carrello vuoto
Tifo
9 Febbraio

Sparta contro Slavia, storia di un odio

Jacopo Benefico

18 articoli
I due volti inconciliabili della Praga calcistica.

«Praga non ci lascia più andare. Questa piccola madre ha gli artigli. Non c’è altro da fare che cedere. Per potersene liberare bisognerebbe darle fuoco da due lati, il Vyšehrad e il Hradčany». Così Frank Kafka descrisse la sua città natale. Praga è una città meravigliosa in cui si intrecciano stili e culture, un museo a cielo aperto di cui è difficile non innamorarsi.

Questa città piena di storia e di cultura ha però anche una marcata impronta calcistica. Infatti sono ben 14 le squadre della città e il calcio è parte integrante della capitale boema. Impossibile non citare il Dukla, vecchia gloria del calcio cecoslovacco legata alle forze armate e ora finita nel dimenticatoio, o il Bohemians 1905, indissolubilmente connesso alla figura talentuosa di Antonín Panenka, leggenda del club, che nel 1976 portò la sua nazionale sul tetto d’Europa con l’invenzione del “cucchiaio” nel rigore decisivo. Ma le squadre più importanti del Paese sono senza dubbio Slavia e Sparta Praga, due opposti che non si attraggono; anzi, si ripudiano.


Sparta vs Slavia, il derby di Praga dalle origini


Il primo dissidio riguarda la data di fondazione. La storia dice infatti che lo Slavia venne fondato nel 1892 mentre lo Sparta l’anno seguente. Tuttavia le due squadre si affrontarono solo nel 1896 poiché, prima di quell’anno, la società sportiva dello Slavia si concentrava sul ciclismo e non aveva una sezione calcistica – rimane negli annali la coreografia dei rivali che recitava cyklistika není fotbal, cioè «il ciclismo non è calcio».

D’altra parte, come spesso accade nel contesto dei derby, l’antagonismo sportivo ha contorni che vanno ben oltre il lato calcistico. L’incolmabile distanza è innanzitutto geografica dal momento che a dividerle c’è un fiume, la Moldava, che spacca in due l’affascinante capitale ceca e separa Letná e Holešovice, zone dello Sparta sulla riva occidentale, da Vršovice, zona a “tinte Slavia” sulla riva orientale. L’appartenenza territoriale è quindi un fattore rilevante per le due fazioni che, orgogliosamente, si identificano e vivono nella propria zona. Un esempio emblematico sono proprio i tifosi dello Sparta, che in svariati cortei cittadini si raggruppano tutti dietro uno striscione con scritto Letenští, ovvero “di Letná”.

C’è poi da considerare l’aspetto sociale: storicamente lo Sparta rappresenta la working-class locale mentre lo Slavia, fondato da alcuni studenti di medicina, è ideologicamente legato alla borghesia e agli intellettuali. Una simile differenza, quasi ancestrale, ha avuto anche ripercussioni storiche che hanno segnato in maniera indelebile l’ultracentenaria vita dei club.



Il comunismo e il monopolio del Dukla Praga


Dopo la seconda guerra mondiale, più precisamente nel 1948, il partito comunista cecoslovacco vinse le elezioni e la storia del Paese cambiò radicalmente. Oltre ai mutamenti socio-politici, anche a livello sportivo ci fu un drastico sconvolgimento: molte squadre tanto per iniziare dovettero cambiare nome – ad esempio lo Slavia fu ribattezzato Dynamo, e l’allora Bohemians AFK Vršovice divenne Spartak Praha Stalingrad – ma poi il calcio si ritrovò improvvisamente con un nuovo padrone, il Dukla Praga, fondato dalle forze armate nel 1947.

Per volere dichiarato del governo questa squadra sarebbe dovuta diventare la società calcistica più importante di tutto il Paese: fu così che ebbe inizio il declino inesorabile dello Slavia che, malvisto per via della sua connotazione borghese, fu “perseguitato” e volutamente fatto cadere nel baratro. Il Dukla al contrario si avvalse addirittura di una regola ad hoc per formare la propria rosa, che gli permise di ingaggiare automaticamente ogni giocatore che avesse prestato servizio militare di leva, a prescindere dal fatto che giocasse in un altro club.

La situazione si aggravò quando nel 1951 lo Slavia si ritrovò praticamente senza alcun giocatore (furono tutti reclutati dalla casa centrale dell’Esercito) e dovette schierare la squadra giovanile, indebolendosi al punto che arrivò la prima storica e sofferta retrocessione.

Delle immagini, queste recenti, dalla rivalità calcistica ceca per eccellenza

Prima di questo monopolio, SK Slavia Praha e AC Sparta Praha fotbal avevano dominato la scena nazionale e internazionale: i Červenobílí, che tradotto significa biancorossi, diedero una svolta nel 1905 quando arrivò John Madden, uno scozzese proveniente dal Celtic che portò nuove tattiche, idee e una filosofia calcistica all’avanguardia. Il risultato? Un’epoca d’oro in cui lo Slavia vinse 134 partite su 169 aggiudicandosi il soprannome di Věčná Slavia, ovvero “Slavia Eterno”.

Dal canto suo lo Sparta – che inizialmente giocava con la maglia nera finché nel 1906 il presidente di allora, Petřík, si innamorò della maglia dell’Arsenal durante una tournée nel Regno Unito e decise di portare in patria un set di maglie rosse – visse il momento di maggior splendore a cavallo degli anni ’20 e ’30. La squadra fu infatti ribattezzata Zelezna Sparta (Sparta d’acciaio) dopo che, tra il 1920 e il 1923, riuscì a non perdere nemmeno una partita.

Va poi ricordato un dato importante: il calcio cecoslovacco dell’epoca era una fucina di talenti. Basti pensare alla nazionale, che raggiunse la finale dei mondiali del 1934 (poi persa 2 a 1 contro l’Italia di Pozzo), la quale aveva un undici titolare formato da otto giocatori dello Slavia e tre dello Sparta, di cui uno era Oldrich Nejdelý, capocannoniere della competizione.


La Rivoluzione di Velluto e il nuovo calcio ceco(slovacco)


Venendo a tempi più recenti, nel 1989 si registrò un altro stravolgimento: otto giorni dopo la caduta del muro di Berlino, il 17 novembre, le strade di Praga furono invase da milioni di persone che chiedevano a gran voce un cambiamento politico e sociale. Ebbe così inizio la famigerata Rivoluzione di Velluto, una rivolta pacifica guidata dal dissidente Václav Havel che riuscì infine a sovvertire il regime comunista in vigore da oltre quarant’anni e condusse la Cecoslovacchia verso la repubblica parlamentare.

I travagli di questa tormentata nazione non erano però ancora giunti al termine. Il 1º gennaio 1993 venne ufficializzata la dissoluzione, anch’essa pacifica, della Cecoslovacchia e la creazione di due Stati indipendenti: Repubblica Ceca e Slovacchia. Pertanto nacque la česká fotbalová liga, il nuovo campionato nazionale ceco. Questo cambiamento coincise con il ritorno in pompa magna dello Sparta, che fu padrone assoluto nel primo decennio vincendo ben otto scudetti. Il predominio fu interrotto proprio dai rivali di sempre nella stagione ’95/96 (prima vittoria dopo ben 49 anni di digiuno) e dallo Slovan Liberec nel 2001/2002.

Nei quasi trent’anni dalla nascita delle due distinte identità nazionali, salvo qualche exploit del Viktoria Plzeň, lo scettro è sempre passato alternativamente tra le mani delle due compagini di Praga.

Sin dagli albori, essere di una o dell’altra sponda è, letteralmente, una questione di sangue e tradizione di famiglia. La sfida sul campo è il climax della stagione per tutta la Repubblica Ceca, che si spacca in due nell’attesa febbrile per l’incontro dell’anno. Vincere il derby a Praga significa allora battere il nemico di sempre. Significa consolidare la supremazia cittadina e nazionale. Significa soprattutto essere l’orgoglio praghese e questo, per molti, è la cosa più importante di tutte.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tennis
Massimiliano Vino
29 Giugno 2022

Il tifoso Giacomo Leopardi

Prima del calcio, uno sport nazionale trascinava folle e intellettuali.
Ritratti
Giovanni Guido
10 Giugno 2022

Il mistero di Jan Arpas

Un fantasma e una spia, prima che un calciatore.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo 2022

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Tifo
Jacopo Benefico
1 Febbraio 2022

Trainspotting

Il derby di Edimburgo: Hearts v Hibernian.
Tifo
Alessandro Imperiali
27 Gennaio 2022

Sì, viaggiare

Alba e tramonto degli Eagles Supporters, storico gruppo della Curva Nord laziale.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Tifo
Simone Meloni
25 Dicembre 2021

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre 2021

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Tifo
Andrea Mainente
15 Ottobre 2021

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Tifo
Diego D'Avanzo
12 Ottobre 2021

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Settembre 2021

Moriremo di moralismo

Lasciate in pace Nicolò Zaniolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Italia
Diego Mariottini
18 Marzo 2021

Un derby degli anni di piombo

L'ultimo Roma-Lazio prima della tragedia Paparelli.
Italia
Gianluca Palamidessi
14 Marzo 2021

Il modello AlbinoLeffe tra futuro e distopia

Luci e ombre della società bergamasca.
Recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo 2021

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Tifo
Jacopo Benefico
1 Marzo 2021

Il derby di Sarajevo

FK Sarajevo e Željezničar, diverse ma unite.
Editoriali
Alberto Fabbri
27 Febbraio 2021

Controstoria del tifo americano

Non tutti negli USA si accontentano dello Sports Entertainment.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Tifo
Jacopo Benefico
3 Febbraio 2021

Ferencváros-Újpest, l’inferno magiaro di Budapest

La nobiltà ungherese contro la classe rurale.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Tifo
Emanuele Meschini
17 Dicembre 2020

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Tifo
Jacopo Benefico
19 Novembre 2020

Marsiglia vs Nizza, il derby del mare

Storia di due città che si odiano da sempre.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Interviste
La Redazione
6 Novembre 2020

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Interviste
Alberto Fabbri
1 Ottobre 2020

Noi resistiamo: non c’è calcio senza tifo

Intervista ad Andrea Rigano, autore di #WeStand.
Storie
Domenico Rocca
25 Settembre 2020

San Siro a mano armata

La parabola criminale di Gilberto Cavallini, dai Boys SAN ai Nuclei Armati Rivoluzionari.
Calcio
Giuseppe Cappiello
20 Settembre 2020

Il calcio a Bari è un Ideale

Il pallone dal basso che non si arrende al business.
Tifo
Domenico Rocca
15 Settembre 2020

Supertifo, il peso del tempo

Parabola della prima storica rivista dedicata al tifo organizzato.
Tifo
Alberto Fabbri
18 Agosto 2020

In curva non sventola bandiera bianca

Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.
Calcio
Marco Gambaudo
13 Agosto 2020

Genoa, un altro anno aspettando Godot

Sulla sponda rossoblù del Bisagno si naviga a vista.
Papelitos
Lorenzo Ottone
4 Luglio 2020

L’insostenibile inutilità del derby di Torino

La fine delle rivalità attraverso la stracittadina all'ombra della Mole.
Calcio
Alberto Maresca
12 Giugno 2020

Tifare Sevilla tra sangue e sangria

I Biris Norte tra Federico García Lorca e Francisco Franco.
Tifo
Michelangelo Freda
30 Maggio 2020

Il Bastia come orgoglio della Corsica

Una squadra che, insieme ai suoi tifosi, si identifica totalmente con il proprio territorio.