Carrello vuoto
Recensioni
11 Dicembre

Napoli e il Napoli

Mattia Di Lorenzo

12 articoli
Intervista a Luigi Di Fiore, autore di "Storia del Napoli".

“Storia del Napoli. Una squadra, una città, una fede” è il titolo dell’ultimo, delizioso lavoro di Gigi Di Fiore. Storico rigoroso e apprezzato, Di Fiore è uno dei cronisti di punta del Mattino, testata per la quale ha curato inchieste e servizi di grande importanza, specie sulle tematiche criminali e giudiziarie. Autore di numerosi libri, ama la sua città ed è un grande appassionato del Napoli. Ragioni, queste, che lo hanno ispirato per la sua ultima fatica. Gli abbiamo rivolto qualche domanda.

Napoli e il Napoli, gioie e affanni lungo l’arco di un secolo. Ma davvero è così intensa la sovrapposizione tra la città e la squadra?

Sì, è un rapporto stretto che fa del calcio a Napoli un fenomeno vissuto con dedizione assoluta. Le vicende extracalcistiche si sovrappongono e si uniscono assai spesso alla storia della squadra. Tanto che ho potuto davvero raccontare in parallelo la storia del Napoli e quella della città, con legami e personaggi intrecciati di continuo.

Lei dice che fin dai suoi albori anche il calcio ha avuto la sua “questione meridionale”.

Sì, dalla fine dell’800 agli inizi del secolo successivo, il campionato veniva giocato da pochissime squadre, tutte al nord. La prima Federazione fu costituita a Torino, lì nacque il primo embrione dello sport destinato a diventare il più seguito in Italia. Al sud si giochicchiava, con pochi mezzi e partite tra amici con scarso interesse dei giornali e l’attenzione elitaria dei soci dei circoli nautici napoletani, tra i primi appassionati del nuovo sport. Tanto che Renato Casalbore, salernitano d’origine ma trapiantato a Torino dove poi fondò il quotidiano Tuttosport, richiamò i dirigenti e gli appassionati di calcio napoletani a fare sul serio, mettendo impegno e soldi nelle squadre per metterle in condizioni di competere con le formazioni più forti di allora che erano la Juventus, il Torino, il Genoa, la Pro Vercelli, il Milan.

Dai pionieri come l’ing. Anatra, a Ferlaino e De Laurentis, passando per Ascarelli, Lauro ed altri ancora. Quanto è difficile fare calcio a Napoli?

Lo è per ricorrenti difficoltà finanziarie, oggi comuni a tutte le società del cosiddetto neocalcio. Molti, nella storia del Napoli, ci hanno rimesso di proprio, come Ascarelli che costruì uno stadio con i suoi mezzi, o Naldi il presidente ricordato per il fallimento decretato in tribunale della Società sportiva calcio Napoli, ma anche Ferlaino. Dall’era De Laurentiis tutto è cambiato, il calcio come la società che gestisce il Napoli, assorbiti da bilanci, calcoli, plusvalenze, diritti televisivi, brand, sponsor.



Nel 1905 Matilde Serao, peraltro madre di un figlio calciatore del primo Napoli, rispondeva a muso duro a chi riteneva che la città fosse un approdo ostico per la pratica sportiva, sottolineandone al contrario il suo profilo eminentemente sportivo. Un secolo dopo uno sconfortato – seppur vincente – Ferlaino sembrò smentirla con le sue parole di denuncia.

Ferlaino denunciò gli ostacoli, in una città che assolutizza il calcio, che incontrava esponendolo a intimidazioni, bombe sotto casa, pretese di tifoserie inquinate. Rischi che lo portarono a evidenziare come, rispetto a società garantite da grandi gruppi imprenditoriali come la Juventus, il Napoli possedeva mezzi inferiori ma incontrava più rischi legati, e qui torniamo al discorso sullo stretto legame città-squadra, a difficili aspetti socio-economici e anche ombre per appetiti criminali tenuti alla larga non sempre con facilità. Anche Lauro, prima di Ferlaino, ebbe una sorveglianza della polizia sotto casa, come racconto nel libro per delle minacce ricevute in un momento di risultati negativi della squadra.

Napoli è stata una incredibile palestra per il giornalismo sportivo nazionale. All’ombra del Vesuvio hanno trovato il loro humus migliore penne sublimi che hanno fatto scuola. Da Scandone a Collana a Palumbo e tanti altri.

Il mio libro è infatti anche un sincero omaggio alla scuola dei giornalisti sportivi napoletani e non, assai spesso uomini di cultura, autori di libri dalla penna brillante. Sono debitore di centinaia di articoli e collezioni di giornali per le mie ricostruzioni. Oltre ai documenti, anche giudiziari, la mia storia ha avuto come fonti essenziali proprio gli articoli di tanti colleghi che hanno segnato la storia del giornalismo non solo sportivo. Gli esempi di Gino Palumbo, o Antonio Ghirelli, tanto per fare due nomi, mi sembrano illuminanti.

Nella sua intervista rilasciata ad Enrico Parodi, proprio Gino Palumbo affermò che il vittimismo dei napoletani, a suo dire tossico lascito della cultura araba e delle dominazioni spagnole, era la più grave malattia di Napoli. Lo scudetto dimostrava invece che si può vincere e lavorare con risultati anche a Napoli.

E aveva ragione. Denunciare mali e difficoltà, oltre a contestare pregiudizi preconcetti verso Napoli e i napoletani non deve essere un alibi per sterili vittimismi. I napoletani, ma le nuove generazioni lo stanno sempre più comprendendo, devono farsi partecipi dei loro destini in prima persona, senza delegare all’eroe di turno una rinascita. Il primo scudetto, in una squadra dove ben 17 dei 23 calciatori in organico erano meridionali (cosa mai più avvenuta nel Napoli) lo dimostrò. Fatta salva, naturalmente, la presenza unica e irrinunciabile in quella squadra di un fenomeno irripetibile come Maradona.



Nel suo libro tanti aneddoti e “chicche”, come quello sul “ciuccio di Fichella” che poi diventa simbolo ufficiale.

Sì, il simbolo ufficiale della squadra era il cavallo rampante che si rifaceva all’immagine dell’antico e più importante Sedile napoletano, uno dei sei quartieri del vicereame spagnolo: quello di Porta Capuana. La figura del ciuccio comparve nel disastroso campionato 1926-27, quando in uno dei bar frequentato dai tifosi si ironizzò sulle sconfitte, paragonando la squadra al “ciuccio di Fichella”, la storia popolare di un asinello che, incapace di tirare un carretto pieno di fichi, stramazzò a terra senza riuscire più a rialzarsi. L’accostamento fu ripreso da un periodico umoristico napoletano, il Vaco’e presse, che ridisegnò il simbolo dell’allora Associazione calcio Napoli, costituita proprio il primo agosto del 1926, con il ciuccio al posto dell’ufficiale cavallo rampante.

Sull’inno invece i brani di fior di neomelodici hanno sempre segnato il passo, specie nei momenti di gloria, a ‘O surdato ‘nnammurato. Lei dice che c’è una ragione. Ce la spiega?

Una squadra così legata alla storia della città, alla sua cultura e alle sue tradizioni non può che avere come suo inno di fatto un brano della tradizione della canzone napoletana storica: ‘o surdato ’nnammurato scritta nel 1915 da Aniello Califano e Enrico Cannio. I tifosi iniziarono a intonarla, spontaneamente nel 1975, all’ottava giornata del campionato, nella partita a Roma contro la Lazio. Era il 7 dicembre e un gol di Boccolini regalò la vittoria agli azzurri, scatenando il canto dei tifosi napoletani in trasferta. L’avvenimento fu sottolineato da uno dei due settimanali sportivi del “Mattino”: “Lo sport del Mezzogiorno”.  Su You tube circola un filmato di Maradona in auto che canta ‘o surdato’nnammurato e descrive l’emozione di averla ascoltata nello stadio, cantata da 70mila tifosi.

La politica non è mai stata indifferente alle sorti del Napoli. Dal Lauro legato a casa Savoia, al Ferlaino dalle simpatie per la storia borbonica. E ancora Scotti e la DC che giocano un ruolo per favorire l’acquisto di Maradona. Perché tanta attenzione?

In ogni epoca storica, a partire dal Ventennio fascista, si è compresa l’importanza del calcio, come cassa di risonanza popolare estesa per ottenere consensi. A Napoli in maniera particolare. Furono i dirigenti fascisti a convocare un gruppo di imprenditori, tra cui Achille Lauro, per salvare le casse del Napoli. Fu il sindaco Dc Enzo Scotti e intervenire sul Banco di Napoli per caldeggiare i fidi bancari necessari all’acquisto di Maradona. Ma ogni sindaco della città ha dovuto capire a sue spese quanto fosse perdente lo scontro con i presidenti del Napoli sulla gestione dello stadio. Troppo ampia la differenza di popolarità e seguito.

Cavanna, Zoff, Cannavaro, Lippi, calciatori e allenatori iridati che si sono fatti le ossa nella squadra azzurra. Il Napoli ha dato tanto all’Italia.

Sì, da Napoli e con il Napoli sono passati tanti nomi che hanno dato lustro alla nazionale italiana e al calcio in generale. Sono molti. Cavanna fu campione del mondo, seppure come portiere di riserva, nel 1934. Allora giocava nel Napoli. Fu campione d’Europa anche Dino Zoff quando era in azzurro, così come il capitano Antonio Juliano, primo napoletano a giocare una finale, seppure per pochi minuti, di un campionato del mondo nel 1970. E poi il pallone d’oro Fabio Cannavaro, Ciro Ferrara fino a Insigne. Hanno giocato nel Napoli anche futuri allenatori di successo come Nereo Rocco, Manlio Scopigno, Bruno Pesaola. E poi Lippi, Ranieri, così come tanti altri. Insomma, il Napoli è stato palestra e trampolino per molti campioni e allenatori.

Con due storiche prime pagine del Mattino alle spalle

Un tifo totalizzante e asfissiante che non aiuta i calciatori a trovare la necessaria serenità per esprimersi al meglio. Molti sono costretti a vivere in “clandestinità”, qualche altro scappa, altri ancora preferiscono non venire. La città è anche questo, purtroppo.

Sì, il tifo è asfissiante. Al calciatore che veste la maglia azzurra si chiede dedizione, fede, quasi una militanza per la causa dell’immagine cittadina. Si dimentica molto spesso che, invece, i calciatori sono dei professionisti, impegnati in un’attività legata da contratto e retribuzioni. Maradona visse difficoltà, l’ammise anche Higuain che, lo ricordo nel libro, raccontò come a Torino poteva camminare senza problemi, cosa impossibile a Napoli.

E poi la camorra. Lei è un profondo conoscitore del fenomeno. Quanto male hanno fatto al calcio cittadino i clan?

Tantissimo, dal mio archivio personale ho attinto documenti di ricostruzione su vicende oscure che hanno messo a rischio la squadra e la società. Per fortuna, i clan sono rimasti sempre fuori dal Napoli dove la camorra ha cercato intromissioni, lusinghe sui calciatori, pressioni sui dirigenti. Un pericolo bloccato in tempo, che andava raccontato nei dettagli, come ho provato a fere nel mio libro.

Dedica il suo libro innanzitutto al Pibe. Una presenza immanente in città.

Sì, lo hanno dimostrato le celebrazioni a un anno dalla sua morte, il 25 novembre scorso. Maradona è diventato un mito, un’immagine eterna immortalata ormai in ogni angolo della città. Icona pop e simbolo di riscatto e vittoria. Un patrimonio per la città e la società calcistica che, se vuole dare valore al suo brand, ha capito deve riempirlo di storia, personaggi del passato, immagini di decenni andati. Proprio come hanno fatto nei loro musei il Real Madrid e il Barcellona, ad esempio.

Con la maglia (autografata) del più grande di tutti

Perché i napoletani hanno perdonato tutto a Maradona?

Perché a un mito tutto si perdona. Ma anche perché, nella sua grandezza sul campo, Maradona restava un uomo fragile e buono, di grande umanità e altruismo come hanno dimostrato decine di episodi della sua permanenza a Napoli e non solo. Uno scugnizzo nato per caso in Argentina, che ha fatto sentire importanti e vincenti tutti i napoletani. Nell’eterna storia di Davide contro Golia, finalmente Davide usciva vittorioso. De Laurentis, da imprenditore navigato e di successo, fiutò l’affare Napoli. Col tempo è però sbocciato un amore vero per la squadra, a riprova della sua contagiosità.

Sì, il Napoli è diventato per De Laurentiis il suo core business, soprattutto nel periodo della pandemia quando con la Filmauro ha potuto produrre pochi film. Dopo 17 anni, ha compreso molte cose. Innanzitutto, che l’azzeramento del passato del Napoli è impossibile, che la storia della squadra è essa stessa ricchezza del brand azzurro. Un cambio di passo dimostrato nelle celebrazioni di Maradona a un anno dalla morte, ma anche con altri segnali. De Laurentiis è diventato, lui che prima non lo era, un tifoso della squadra. E probabilmente, da tifoso, comprenderà che ogni squadra ha bisogno di bandiere, simboli da identificare con la città. C’è una consolidata tradizione di capitani napoletani nella storia della squadra: Juliano, Ferrara, Bruscolotti che è di Sassano ma è radicato a Napoli, fino a Insigne. E tanti calciatori e allenatori che hanno voluto restare a Napoli anche dopo aver smesso, come Pesaola, Vinicio, Canè. I tifosi hanno bisogno, al di là dei campioni stranieri che vanno e vengono per contratto, di un legame con la loro identità. Una bandiera di immedesimazione nella squadra, da amare e odiare, perché parte di se stessi.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Andrea Antonioli
11 Gennaio

Sono gli uomini a fare i calciatori

O almeno così è sempre stato.
Calcio
Valerio Santori
10 Gennaio

A Sassuolo è iniziata una nuova era

Pragmatismo e verticalità: ecco la ricetta di Dionisi.
Tifosi
Raffaele Scarpellini
16 Dicembre

Il tifo a Marsiglia, tra identità e violenza

Gli ultras dell'OM non si piegano al potere.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Interviste
Vito Alberto Amendolara
23 Settembre

Osvaldo Casanova e l’arte di disegnare il calcio

Come far convivere arte e sport.
Calcio
Antonio Torrisi
22 Settembre

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Calcio
Edoardo Franzosi
17 Settembre

Gianluca Vialli e il tempo della gratitudine

Il cancro, la fede, il calcio.
Ritratti
Raffaele Scarpellini
2 Settembre

Emiliano Martinez è Argentina pura

Il "Dibu" nell'arte dell'inganno.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Calcio
Gianluca Palamidessi
16 Agosto

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Calcio
Alessandro Imperiali
10 Agosto

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Calcio
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Calcio
Marco Armocida
8 Agosto

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Calcio
Lorenzo Ottone
18 Luglio

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Calcio
Alberto Maresca
16 Luglio

Viaggio calcistico nel Messico mitologico

Siamo stati a Città del Messico tra calcio, vita e morte.
Editoriali
Valerio Santori
15 Luglio

Gli Expected goals sono una cagata pazzesca

Il calcio dei Big Data ci inorridisce.
Ritratti
Gianluigi Sottile
14 Luglio

Luis Enrique, leader e gentiluomo

L'allenatore che non accetta compromessi.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Luglio

Amici miei

Il ritorno col botto di Mourinho e Spalletti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Luglio

Occhi lucidi

Il cuore dell'Italia non muore mai.
Calcio
Emanuele Meschini
7 Luglio

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Cultura
Edoardo Franzosi
2 Luglio

Lo sport secondo Ernest Hemingway

Il 2 luglio del '61 moriva suicida un'icona del Novecento.
Papelitos
Marco Armocida
1 Luglio

La Spagna gioca al ritmo di Sergio Busquets

Un giocatore insostituibile.
Altro
Diego Mariottini
30 Giugno

Lo sport non avrebbe mai salvato la Jugoslavia

L'illusione che i successi potessero evitare il collasso.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Giugno

La virtù dei vinti

E la paura dei vincitori.
Calcio
Emanuele Meschini
22 Giugno

Repubblica Ceca, calma e libertà

Una nazionale sospesa nel tempo.
Altri Sport
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
20 Giugno

Galles, il fuoco dei Dragoni

Una nazionale che rappresenta lo spirito di un popolo.
Calcio
Gianluca Palamidessi
19 Giugno

Polonia, la fede impossibile

Il calcio nel paese più cattolico d'Europa.
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Giugno

Il totalitarismo di Novak Djokovic

Nole contro tutti.
Altro
Giacomo Rossetti
13 Giugno

Caro Marvin, è (ancora) troppo presto

Il fighter trentino a UFC 263 ha perso ai punti contro Adesanya, che conserva la cintura mondiale dei medi.
Calcio
Marco Armocida
13 Giugno

Macedonia, alla ricerca dell’identità perduta

Una nazione che gioca per le proprie radici.
Papelitos
Valerio Santori
4 Giugno

Il calcio spezzatino è un calcio dilaniato

Dieci partite, dieci orari differenti: è la proposta di Dazn alla Lega Calcio.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Recensioni
Annibale Gagliani
27 Maggio

Il Divin Codino

Cosa ci ha detto il film evento su Roberto Baggio.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Maggio

Lasciare a casa Sergio Ramos non è una scelta di campo

Un leader tanto decisivo da risultare scomodo.
Interviste
Valerio Santori
18 Maggio

Anche i sacerdoti giocano a calcio

La chiesa in uscita (palla al piede).
Cultura
Massimiliano Vino
18 Maggio

Battiato e il calcio, spirito e materia

La meno conosciuta tra le passioni del cantautore siciliano.
Papelitos
Federico Brasile
16 Maggio

Rocco Commisso fa l’assist ai giornalisti

Altro che “Rocco Benito” o dittatore.
Calcio
Luca Pulsoni
16 Maggio

Fabrizio Castori se ne frega delle mode

La Salernitana è l'esaltazione del calcio di provincia.
Tifosi
Alessandro Imperiali
14 Maggio

Zulu, Zulu, Zulu!

Chi sono i folli tifosi del Birmingham.
Editoriali
Andrea Antonioli
14 Maggio

Il cuore è il nostro tamburo

Oggi entriamo in una nuova fase.
Papelitos
Leonardo Aresi
9 Settembre

In NBA si sta smarrendo la cultura del gioco

Dan Peterson denuncia una tendenza sempre più marcata nel mondo professionistico della palla a spicchi d'oltreoceano.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Ritratti
Cristian Lovisetto
25 Maggio

Jonny Wilkinson, Il Re taumaturgo

Jonny Wilkinson è uno dei più grandi marcatori della storia del rugby, e la sua storia sportiva è legata a doppio filo con la Coppa del Mondo.
Altri Sport
Alberto Fabbri
25 Dicembre

L’eterno ritorno del derby di Bologna

La poltrona per due del basket italiano.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Agosto

Allegri, l’Italiano perfetto

Intelligente, pratico e anti-dogmatico, anarchico ma conservatore.
Ritratti
Andrea Muratore
5 Maggio

Gino Bartali nella storia d’Italia

Ginettaccio pedala al nostro fianco.
Calcio
Luigi Fattore
29 Settembre

Prove da anti-Juve

Siamo ancora a settembre, ma la supersfida dell'Allianz Stadium sembra già decisiva.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
11 Marzo

Abbiamo ancora bisogno di eroi

O come Nardi e Ballard hanno insegnato che si può vivere morendo.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Altri Sport
Cristian Lovisetto
11 Maggio

La parabola di Re Carlos

Alla corte di Carlos Spencer. Lì dove il rugby è più bello.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Febbraio

Lewis Hamilton, alla ricerca di un vero rivale

Punti di forza e debolezze di un mito (forse) imbattibile.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Marco Gambaudo
23 Dicembre

Il fu Mattia Perin

Le scelte sbagliate di un portiere straordinario.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Altro
Francesco Zambianchi
21 Aprile

Una stagione tra neve e ghiaccio

Uno sguardo alla stagione degli sport invernali, che ha avuto il suo culmine nell'olimpiade coreana.
Tifosi
Jacopo Benefico
7 Novembre

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Calcio
Simone Galeotti
3 Giugno

Droga, Football, Trainspotting: un pomeriggio a Leith

I ragazzi terribili di Irvine Welsh e la loro impresa criminale nel giorno del derby di Edimburgo tra Hibernian e Hearts.
Ritratti
Maurizio Fierro
29 Giugno

Primo Carnera

L’uomo più forte del mondo.
Calcio
Alberto Girardello
25 Aprile

La poetica del fanciullino

L'Ajax ha sempre puntato sui giovani: quest'anno con risultati eccezionali.
Papelitos
Andrea Antonioli
19 Dicembre

Nulla di nuovo sotto il sole

Gli spietati bianconeri ci hanno detto ancora una volta che Babbo Natale non esiste, e che sotto l'albero non troveremo nessun campionato aperto.
Recensioni
Gezim Qadraku
10 Maggio

Curva Est

Un viaggio calcistico nella cultura dei Balcani.
Papelitos
Paolo Pollo
10 Ottobre

La presunzione degli allenatori olandesi

Il dogma prima di tutto.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Altro
Filippo Peci
9 Gennaio

Hagakure. L’arte della palla ovale

Ogni pomeriggio in Giappone, allo scoccare della campanella, miriadi di studenti escono nelle strade delle grandi città e si riversano sulle tante occupazioni post-scolastiche a loro disposizione. Questa consuetudine ormai consolidata sta assistendo negli ultimi anni a una lenta e irreversibile inversione di tendenza. Sempre meno giovani calcano i campi da baseball, i tappeti delle […]
Calcio
Remo Gandolfi
26 Aprile

Andare in guerra con Marcelo Gallardo

Il Muñeco è figlio della più pura tradizione River Plate.
Storie
Vito Alberto Amendolara
12 Gennaio

Il Cobresal cresce nel deserto

In una città fantasma, I Mineros lottano per non sparire.
Calcio
Matteo D'Argenio
22 Febbraio

Rivoluzione conservatrice

Un pressing per sovvertire le gerarchie, capitolo 1: l'ascesa di Mauricio Pochettino.
Altro
Lorenzo Santucci
26 Gennaio

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Altro
Luca Pulsoni
3 Giugno

L’ecuadoriano in rosa

Richard Carapaz ha vinto il Giro d’Italia facendo esplodere di gioia il suo popolo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
13 Febbraio

Contro l’ Ünder-mania

Si plachi l’entusiasmo per il calciatore, si plachi la turcofilia (governativa) che comporta.
Recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio

Nostalgia Chinaglia

Un'intima chiacchierata con Angelo Carotenuto, autore de Le canaglie (Sellerio, 2020).
Papelitos
Matteo D'Argenio
19 Marzo

Perché il Leicester dovrebbe vincere la Champions League

Il Leicester è l'ultima squadra inglese sopravvissuta in Champions League ed è anche la nostra unica speranza di veder trionfare il vero calcio inglese, quello delle vecchie abitudini, di una classe operaia ormai stuprata da soldi e idealisti del pallone.
Altro
Giacomo Amorati
24 Giugno

Il ciclismo in Eritrea: una storia italiana

Viaggio alla scoperta di Asmara, tra caffè espressi e due ruote.
Storie
Massimiliano Vino
13 Marzo

Solo la guerra aveva fermato il calcio italiano

Maggio 1915, l'Italia entra in guerra: il campionato viene interrotto e poi assegnato al Genoa.
Calcio
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Altri Sport
Samantha Casella
5 Maggio

I dominatori del ghiaccio

Tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta l'hockey su ghiaccio ha avuto un padrone assoluto: la Russia. Tre nomi hanno fatto la storia: Valerij Charlamov, Vjaceslav Fetisov e Vladislav Tretiak.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Settembre

L’Italia è questa, che vi piaccia o no

Una squadra fenomenale in assenza di fenomeni.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Ritratti
Alberto Maresca
21 Novembre

Carlos Monzòn

Le origini, il talento, la violenza.
Calcio
Alberto Maresca
19 Maggio

L’Olympique Marsiglia paga, il Valenciennes intasca

E lo Scudetto truccato va all'OM.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Calcio
Alberto Fabbri
12 Gennaio

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Interviste
Luigi Fattore
26 Giugno

Che vi siete persi

Scrittore di gialli tradotti in tutto il mondo, autore di successo di opere teatrali, racconti sportivi e serie tv, ma prima di tutto tifoso del Napoli. Maurizio de Giovanni ce ne parla in questa lunga chiacchierata.
Calcio
Francesco Polizzotto
24 Marzo

La battaglia di Siviglia

Quando storia e calcio si mescolano e danno vita ad uno spettacolo memorabile. Mondiali di Spagna ’82: Francia e Germania si contendono un posto in finale, ma in palio c’è qualcosa di più importante. Dai campi di battaglia a quelli da calcio, analisi di un intreccio storico-calcistico tra due nazioni.
Altro
La Redazione
29 Maggio

La gallina dalle uova d’oro

Maestri, Episodio VI: Massimo Fini.
Altri Sport
Matteo Fontana
9 Aprile

Sono tornate le V nere

L’accesso della Virtus Bologna alle Final Four di Champions sancisce il ritorno della magia bianconera.
Altri Sport
Luca Capponi
11 Settembre

The Australian Job

Ritratto breve di Kyrgios, un mammone a cui piaceva il basket.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Lorenzo Santucci
10 Dicembre

Eriksen è una questione di rispetto

Per l'uomo prima che per il calciatore, al di là dei risultati.