Carrello vuoto
Papelitos
24 Maggio

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.

Ricapitolando: durante i festeggiamenti del Milan per il 19esimo scudetto – a distanza di undici anni dall’ultima volta – è comparso sul pullman dei calciatori rossoneri uno stendardo (portato a turno da Krunic, Rebic, Giroud, Leao, un po’ da tutti insomma) con su scritto: “La Coppa Italia mettila nel culo”, un evidente richiamo allo striscione di Ambrosini di qualche anno fa (“Lo scudetto mettilo nel culo”, dopo la vittoria in Champions nel 2007).

Lo scriviamo senza asterisco – un tifoso del Milan ha suggerito ai cugini di mettersi in quel posto anche l’*, riferendosi al recupero trascinato per mesi e chissà a cos’altro – perché non sappiamo bene chi lo usa perché lo faccia: se per paura della tagliola social e quindi della censura (comprensibile, di questi tempi), se per paura di se stesso e di tutto ciò che lo circonda o se più banalmente per moralismo.

Un concetto caro ai tifosi rossoneri, non c’è che dire

E pensare che noialtri eravamo anche contenti di leggere finalmente uno sfottò dopo tanti baci, abbracci e complimenti squallidamente inviati tra un club e l’altro via social. Lo diciamo senza riserve dialettiche e dialettali: evviva lo striscione dei calciatori del Milan, soprattutto alla luce dei trascorsi sportivi – e dei ricorsi storici: come l’urlo mitomane di Lukaku contro Ibra nel 3-0 del derby dello scorso anno, che ci aveva altrettanto esaltati – e della rivalità stracittadina che c’è tra queste due squadre.

La FIGC nel frattempo ha aperto un’inchiesta (sic!) per presunta violazione dell’articolo 4 del codice di giustizia sportiva (quello sul rispetto dei “principi di correttezza e lealtà”), ma la cosa più assurda non è questa. La cosa davvero incredibile è che in molti si stanno spremendo le meningi per denunciare l’episodio sotto il profilo giuridico: «se lo avessero fatto dei tifosi, d’accordo. Ma qui si tratta di tesserati!». Pure meglio!, rispondiamo noi. In un calcio che è diventato uno spettacolo, con i suoi interpreti costretti a seguire il copione di uno show per famiglie tra dichiarazioni e comportamenti preconfezionati, questa “caduta di stile” ci ricorda che anche i giocatori restano pur sempre uomini, con tutti i loro difetti.

Meglio lo striscione dei calciatori del Milan che la stracittadina dei tweet
1000 volte meglio lo striscione che la noiosissima stracittadina di complimenti su Twitter

Ormai però il moralismo giustizialista è arrivato ovunque, anche a colpire il solito Zlatan Ibrahimovic. Con tutto che tra il sottoscritto e lo svedese, o meglio il suo personaggio da divinità scesa in terra, non è mai sbocciato l’amore, qua il punto è un altro. Se Ibra ha vinto, ed è indubbio che il suo contributo (caratteriale, non tecnico) abbia inciso e parecchio su questa impresa, è giusto che festeggi come sta festeggiando. Anche sfottendo, perché no, Hakan Calhanoglu.

L’unico calciatore della storia (stando alle statistiche di Giuseppe Pastore) ad essersi laureato campione d’inverno per due stagioni di fila con due maglie diverse senza vincere lo scudetto a fine anno. Lui, come tutti i tifosi nerazzurri, dovrebbe aggrapparsi allo stendardo dell’inchiesta: l’ultima volta che venne issato, nel 2007, fruttò negli anni seguenti all’Inter 4 scudetti (2 Milan), 3 Coppe Italia (0 Milan), 3 Supercoppe (2 Milan), 1 Champions (0 Milan) e 1 Coppa del Mondo (0 Milan). A questo punto, pure per i tifosi dell’Inter, meglio affidarsi alla cabala che al moralismo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Marco Armocida
22 Giugno 2022

Su Lukaku aveva ragione Di Canio

E forse lo ha capito lo stesso Romelu.
Papelitos
La Redazione
19 Giugno 2022

La Serie A è la Serie B d’Europa, dice Scaroni

Ma non chiedetegli il perché.
Tifo
Nicole Pezzato
9 Giugno 2022

A Venezia i bambini non tifano l’Unione

Marketing, sabermetrica ed una società confusa.
Italia
Gabriele Fredianelli
6 Giugno 2022

Massimiliano Alvini, la gavetta in persona

Un uomo che vive per allenare, non il contrario.
Italia
Annibale Gagliani
24 Maggio 2022

Perdere per vincere, come Pioli

Una storia che parte da lontano e sterza bruscamente.
Papelitos
Federico Brasile
23 Maggio 2022

Onorare il campionato

Viva l'orgoglio, il Venezia e l'Udinese!
Tifo
Marco Gambaudo
22 Maggio 2022

Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale

I tifosi rossoblù hanno dato una lezione di tifo e d'amore.
Papelitos
La Redazione
1 Maggio 2022

La Serie A se la vedono giusto nel metaverso

L'ennesima conquista del progresso.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Aprile 2022

L’Inter sprofonda nella paura, come la Serie A

Uno scudetto a perdere, quello italiano.
Papelitos
Marco Armocida
25 Aprile 2022

La Salernitana è una lezione di sport (e di vita)

Comunque dovesse andare a finire, è già epica.
Papelitos
Federico Brasile
12 Aprile 2022

I campionati non si vincono con il gioco

E ne stiamo avendo l'ennesima dimostrazione.
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
Papelitos
Valerio Santori
23 Marzo 2022

Zanetti libero!

Una bestemmia di un veneto non vale.
Italia
Valerio Santori
22 Marzo 2022

Gli scudetti non si vincono (solo) col gioco

L'Inter di Inzaghi è troppo poco “sporca”.
Italia
Federico Brasile
14 Marzo 2022

La Serie A decresce, ma è felice

Una lotta al vertice mai così avvincente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
7 Marzo 2022

Se non reggi la pressione, non puoi vincere

Per ammissione dello stesso Spalletti.
Papelitos
Paolo Pollo
13 Febbraio 2022

Di cosa parliamo quando parliamo di calcio?

Dalla danza classica al pallone originario, in 24 ore.
Cultura
Alberto Fabbri
23 Gennaio 2022

La strage dello Stadio Olimpico

23 gennaio 1994, la Mafia alza il tiro contro lo Stato.
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Italia
Pierfilippo Saviotti
7 Novembre 2021

Baùscia contro Casciavìt

Quando il derby aveva un sapore tipicamente meneghino.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Ritratti
Raffaele Cirillo
1 Aprile 2021

Arrigo Sacchi, l’eretico

Le rivoluzioni si fondano sempre su un amore divenuto ossessione.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
22 Febbraio 2021

Sulle spalle del gigante

Lukaku ha trascinato l'Inter in vetta al nostro calcio.
Ritratti
Marco Armocida
16 Gennaio 2021

Ecce Homo

Il cuore, le radici e le idee di Gennaro Gattuso.
Papelitos
Matteo Paniccia
13 Gennaio 2021

Agli ordini di Sanremo

Perché Sanremo è Sanremo.
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2020

Dove sono finiti quelli di Rangnick?

Il Milan comanda senza aver ceduto all'esterofilia.
Calcio
Diego Mariottini
23 Novembre 2020

The Ibrahimovic dilemma

Può Zlatan dominare a tal punto la Serie A?
Papelitos
Paolo Pollo
10 Novembre 2020

Marco Silvestri e la sottile arte della provocazione

Come il portiere del Verona ha fregato sua maestà Zlatan.
Ritratti
Diego Mariottini
31 Ottobre 2020

Van Basten l’impenetrabile

Compie oggi 56 anni un uomo che non si è mai concesso.
Calcio
Dario Bezzo
16 Ottobre 2020

Morto uno stadio se ne fa un altro

Il travaglio del nuovo San Siro.
Calcio
Antonio Aloi
7 Ottobre 2020

Il Milan senza pubblico è da Scudetto

Giovane, senza pressioni e solido: il Diavolo sta tornando?
Calcio
Rudy Galetti
5 Agosto 2020

L’eccezionale normalità di Jack Bonaventura

L'addio al Milan in un silenzio dal rumore assordante.
Cultura
Rudy Galetti
28 Maggio 2020

Ugo Tognazzi e il Milan, il Diavolo per le palle

Un amore mai nascosto per i colori rossoneri, iniziato con un battesimo singolare.
Ritratti
Rudy Galetti
1 Aprile 2020

Alberto Zaccheroni, l’arte di essere se stessi

Compie oggi 67 anni un allenatore poco mediatico ma molto umano.
Ritratti
Jacopo Benefico
28 Marzo 2020

Enzo Jannacci, l’arcimilanista

La storia rossonera di un artista a tutto tondo, capace di rappresentare una milanesità ormai perduta.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Rudy Galetti
25 Marzo 2020

Ruud Gullit era fuori dal coro

Un calciatore e ancor prima un uomo extra-ordinario.
Calcio
Lorenzo Solombrino
14 Marzo 2020

Ivan Gazidis e l’House Of Cards del calcio italiano

La storia di un manager machiavellico, tra luci (finanziarie) e ombre (sportive).
Ritratti
Alberto Fabbri
1 Marzo 2020

Giuseppe Meazza, il divo dai piedi d’oro

Alla scoperta di Peppìn, icona nerazzurra e monumento del calcio nazionale.
Storie
Sergio Taccone
12 Febbraio 2020

Il canto del cigno del grande Ajax

Supercoppa europea 1974, Ajax v Milan 6-0: l'ultima esibizione di una squadra rivoluzionaria.
Papelitos
Federico Brasile
10 Febbraio 2020

L’Inter può vincere lo scudetto? Pro e contro

Riflessioni dopo un derby extra ordinario.
Ritratti
Enrico Leo
30 Gennaio 2020

Dejan Savicevic, il Genio

Il Genio nato all'ombra dei Balcani che ha stregato l'Europa.
Storie
Massimiliano Vino
8 Gennaio 2020

Unione Sportiva Milanese, il cuore a scacchi di Milano

L'Unione Sportiva Milanese, terza squadra di milano, alle radici dell'Ambrosiana.