Papelitos
24 Maggio 2022

Evviva lo striscione dei calciatori del Milan!

Il calcio vive di sfottò, non di leccate social.

Ricapitolando: durante i festeggiamenti del Milan per il 19esimo scudetto – a distanza di undici anni dall’ultima volta – è comparso sul pullman dei calciatori rossoneri uno stendardo (portato a turno da Krunic, Rebic, Giroud, Leao, un po’ da tutti insomma) con su scritto: “La Coppa Italia mettila nel culo”, un evidente richiamo allo striscione di Ambrosini di qualche anno fa (“Lo scudetto mettilo nel culo”, dopo la vittoria in Champions nel 2007).

Lo scriviamo senza asterisco – un tifoso del Milan ha suggerito ai cugini di mettersi in quel posto anche l’*, riferendosi al recupero trascinato per mesi e chissà a cos’altro – perché non sappiamo bene chi lo usa perché lo faccia: se per paura della tagliola social e quindi della censura (comprensibile, di questi tempi), se per paura di se stesso e di tutto ciò che lo circonda o se più banalmente per moralismo.

Un concetto caro ai tifosi rossoneri, non c’è che dire

E pensare che noialtri eravamo anche contenti di leggere finalmente uno sfottò dopo tanti baci, abbracci e complimenti squallidamente inviati tra un club e l’altro via social. Lo diciamo senza riserve dialettiche e dialettali: evviva lo striscione dei calciatori del Milan, soprattutto alla luce dei trascorsi sportivi – e dei ricorsi storici: come l’urlo mitomane di Lukaku contro Ibra nel 3-0 del derby dello scorso anno, che ci aveva altrettanto esaltati – e della rivalità stracittadina che c’è tra queste due squadre.

La FIGC nel frattempo ha aperto un’inchiesta (sic!) per presunta violazione dell’articolo 4 del codice di giustizia sportiva (quello sul rispetto dei “principi di correttezza e lealtà”), ma la cosa più assurda non è questa. La cosa davvero incredibile è che in molti si stanno spremendo le meningi per denunciare l’episodio sotto il profilo giuridico: «se lo avessero fatto dei tifosi, d’accordo. Ma qui si tratta di tesserati!». Pure meglio!, rispondiamo noi. In un calcio che è diventato uno spettacolo, con i suoi interpreti costretti a seguire il copione di uno show per famiglie tra dichiarazioni e comportamenti preconfezionati, questa “caduta di stile” ci ricorda che anche i giocatori restano pur sempre uomini, con tutti i loro difetti.

Meglio lo striscione dei calciatori del Milan che la stracittadina dei tweet
1000 volte meglio lo striscione che la noiosissima stracittadina di complimenti su Twitter

Ormai però il moralismo giustizialista è arrivato ovunque, anche a colpire il solito Zlatan Ibrahimovic. Con tutto che tra il sottoscritto e lo svedese, o meglio il suo personaggio da divinità scesa in terra, non è mai sbocciato l’amore, qua il punto è un altro. Se Ibra ha vinto, ed è indubbio che il suo contributo (caratteriale, non tecnico) abbia inciso e parecchio su questa impresa, è giusto che festeggi come sta festeggiando. Anche sfottendo, perché no, Hakan Calhanoglu.

L’unico calciatore della storia (stando alle statistiche di Giuseppe Pastore) ad essersi laureato campione d’inverno per due stagioni di fila con due maglie diverse senza vincere lo scudetto a fine anno. Lui, come tutti i tifosi nerazzurri, dovrebbe aggrapparsi allo stendardo dell’inchiesta: l’ultima volta che venne issato, nel 2007, fruttò negli anni seguenti all’Inter 4 scudetti (2 Milan), 3 Coppe Italia (0 Milan), 3 Supercoppe (2 Milan), 1 Champions (0 Milan) e 1 Coppa del Mondo (0 Milan). A questo punto, pure per i tifosi dell’Inter, meglio affidarsi alla cabala che al moralismo.

Gruppo MAGOG

Ancelotti, il più grande di tutti
Estero
Gianluca Palamidessi
02 Giugno 2024

Ancelotti, il più grande di tutti

Nel club che sta sopra tutto.
Ma quale sfortuna
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Maggio 2024

Ma quale sfortuna

La Fiorentina ha giochicchiato, l'Olympiakos, meno forte di lei, ha vinto con merito.
L’Atalanta entra in un’altra dimensione
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Maggio 2024

L’Atalanta entra in un’altra dimensione

Cosa significa il trionfo sul Leverkusen nella finale di Europa League.

Ti potrebbe interessare

Zhang-Inter: il tempo è scaduto
Italia
Luca Pulsoni
04 Ottobre 2022

Zhang-Inter: il tempo è scaduto

Siamo all'epilogo di un rapporto mai davvero sbocciato: quello tra i tifosi nerazzurri e il giovanissimo patron cinese.
Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale
Tifo
Marco Gambaudo
22 Maggio 2022

Il Genoa scende, la Gradinata Nord sale

I tifosi rossoblù hanno dato una lezione di tifo e d'amore.
L’ultimo canto del Cigno di Utrecht
Calcio
Sergio Taccone
26 Maggio 2023

L’ultimo canto del Cigno di Utrecht

30 anni fa, l'epilogo della carriera di Marco van Basten.
Derby made in China?
Calcio
Ermanno Durantini
17 Marzo 2017

Derby made in China?

Per la prima volta il derby di Milano si disputerà all'ora di pranzo per venire incontro alle esigenze cinesi. Il rischio è che la dicotomia nostalgici-moderni perda di vista i veri problemi delle due milanesi e del calcio italiano in generale.
La crisi del Milan viene da lontano
Calcio
Enrico Leo
22 Novembre 2019

La crisi del Milan viene da lontano

Il momento negativo del Milan rispecchia l'incapacità gestionale della sua dirigenza.