Carrello vuoto
Calcio
30 Giugno

Sulla nostalgia

Alberto Girardello

37 articoli
Perché dobbiamo rimanere nel Tempo.

Una delle sfide a cui deve far fronte l’Uomo di ogni epoca è quella di vivere il proprio Tempo, l’essere calati in una dimensione in linea con la Storia universale: per sua costituzione, la natura umana è da sempre in lotta con se stessa. Quando il Primo Uomo ha pensato se stesso è uscito per sempre dal regno dell’istinto, per finire nell’anarchia della razionalità. Come la Storia ci insegna, l’Uomo è un continuo porsi di dilemmi e antinomie, di drammi e farse, un teatro dell’assurdo dove l’attore è lo spettatore di se stesso.

 

 

Generalmente questo turbamento passa sotto traccia e i più, non considerandolo, sono portati a pensare alla loro vita come la fine e il fine di tutto: scelgono la contingenza, prendono tutto ciò che il mondo gli offre, “vincono” tale sfida proprio perché non la combattono, si perdono nel Tempo perché non lo vivono. Alcuni ancora percepiscono questa tensione ma non riescono a risolverla perché non la riconoscono, e passano la loro esistenza a cercare di far pace con se stessi, percepiscono la “debolezza” che per Goethe lega i grandi uomini di ogni secolo alla loro epoca: sono questi i veri con-temporanei, i coraggiosi che si riconoscono nel mancare il proprio tempo per ritrovarlo nella coscienza straziante della discronia.

 

«La nostalgia è il dolore della vicinanza del lontano.» - M. Heidegger
«La nostalgia è il dolore della vicinanza del lontano.» – M. Heidegger

 

 

Altri, piuttosto, decidono coscientemente di calarsi nell’inquietudine, dichiarando di non far parte di questo mondo, e di combattere contro ogni manifestazione di quest’età che non è la loro. Porsi così contro l’oggi lascia all’autore della scelta due possibilità: una prevede di votarsi alla futura costruzione di un’Utopia a-dimensionale, alla formalizzazione di un Mondo Nuovo, e spesso conduce all’assegnazione da parte dei consociati della qualifica di “folle”; l’altra invece, ben più semplice della precedente, consiste nella lode del tempo andato, nel continuo guardarsi indietro, nel rimpiangere la stagione passata.

 

 

Questo sentimento non è mai stato codificato nell’antichità poiché non ce n’era la necessità: si poteva percepire la lontananza di un luogo o di una persona, si poteva criticare il Presente pensando a cosa portare nel Futuro dal buono del Passato, ma mai si è pensato di negare valore al qui e ora per elevare a unico idolo il giorno che fu. Si è dovuti attendere l’epoca moderna per avere anche il nome stesso di “nostalgia”, inventato dal giovane medico Johannes Hofer nel 1688 a identificare il mal du pays che i mercenari svizzeri provavano pensando ai loro monti mentre combattevano per il re di Francia Luigi XIV, fondendo i termini greci “νόστος”, “ritorno”, e “ἄλγος”, “dolore”, come “dolore per l’impossibilità del ritorno”.

 

 

Se allora – pur anacronisticamente – possiamo vedere nell’Odisseo omerico il più grande nostalgico di sempre, va riconosciuto che da termine medico “nostalgia” è presto passato ad indicare altro. Con Baudelaire la modernità inghiotte la nostalgia “classica” e ne fa un nuovo sentimento, come dice Antonio Prete in un suo scritto in materia, “senza oggetto e quindi non più curabile”: è la mancanza di qualcosa di impossibile, del passato e anche del futuro. In “A una passante”, il poeta parigino dice:

Ti rivedrò solo nell’eternità? / Altrove, assai lontano di qui! Troppo tardi! Forse mai! / Perché ignoro dove fuggi, né tu sai dove io vado, / tu che avrei amata, tu che lo sapevi!

«Tutti riceviamo un dono. / Poi, non ricordiamo più né da chi, né che sia. / Soltanto ne conserviamo – pungente e senza condono – la spina della nostalgia.» - Giorgio Caproni
«Tutti riceviamo un dono. / Poi, non ricordiamo più
né da chi, né che sia. / Soltanto ne conserviamo
– pungente e senza condono –
la spina della nostalgia.» – Giorgio Caproni

 

 

Negli ultimi tempi invece, una nuova concezione di Nostalgia si è diffusa, tralignando dall’empireo mistico dei Fiori del Male alla misera Serie A italiana, aiutata dalla nascita di un gruppo con relativa pagina su Facebook che conta quasi 500.000 “mi piace”, dal nome eloquente di “Serie A – Operazione Nostalgia”. Cambiamo il piano, ma non la riflessione. Il movimento nostalgico nasce in pronta risposta all’ignoranza, al bomberismo, fenomeni nati anch’essi sul web che tra lo scanzonato e il faceto prendono in giro lo stile di vita del calciatore arricchito e ignorante, ma con una mal celata vena d’invidia per il successo raggiunto a suon di bomberate dal campione di turno.

 

 

Già da subito la questione nostalgica lascia perplessi: non ci si riferisce alle grandi epoche del calcio italiano come il Milan di Rivera, la Nazionale ’82, o ancora gli eroi del Grande Torino etc. Il termine di paragone è il calcio anni ’90, con confini temporali mobili che alla bisogna sfociano in avanti nei duemila inoltrati e difficilmente si spingono troppo indietro, e il perché è presto detto: è l’epoca della fine dell’infanzia e della prima adolescenza dell’appassionato di calcio medio di Facebook, che non può avere ricordi di un’epoca che non ha vissuto e certamente rimpiange l’età leggera e spensierata del suo calcio di strada.

 

 

Oggigiorno la crisi non è ancora finita, i posti di lavoro sono carenti e con probabilità il nostalgico è un (quasi) trentenne nell’età dell’incertezza, troppo giovane per essere vecchio e troppo vecchio per essere giovane: al grido di “machenesanno”, marchio registrato della nostalgia, si rimpiange il calciatore dimenticato, si esalta il goleador di provincia, e al contempo si biasima il nuovo, qualsiasi esso sia.

 

Bisogna qui lasciar stare l’ambiguità di un movimento che diventa prodotto, perché venduto come tale dai suoi inventori al fine di pubblicizzarsi nei circoli del marketing, di cui i raduni nostalgici sono “perfetto esempio di engagement” di pubblico disposto a uscire dal virtuale della rete per ricreare la stessa esperienza nel mondo reale e diventarne quindi non più utilizzatore passivo ma consumatore attivo, attraverso eventi che non sono altro che partite di vecchie glorie, seppur titolate. Va invece notato come se la lode alla Serie A degli anni ’90 viene per scontata data l’autoevidente supremazia del nostro calcio dell’epoca, la questione diventa grottesca con personaggi particolari, anche simpatici, i cui vizi sono portati sull’altare per poi servire, quegli stessi vizi, da frecce puntate – e scoccate – contro i viziati del calcio moderno.

 

 

Non serve perdersi in descrizioni dettagliate del caso perché il problema non è tanto la pagina su Facebook – o non solo -, quanto la dimensione che il nostalgismo ha raggiunto in relazione al pallone in senso lato. “Contro il calcio moderno” è uno degli slogan più in voga per la fetta di pubblico che si oppone al calcio-supermarket: se questo è giustificato quando i prezzi dei biglietti lievitano oltre i limiti, non lo può più essere quando la VAR è una realtà – volenti o nolenti -, il calcio d’inizio si batte all’indietro e i rinnovi dei contratti si fanno in diretta video sui social. Il mondo va avanti, anche se non come il vero tifoso vorrebbe, pro-gredisce verso il futuro: magari non è migliore (secondo quale gamma di criteri è poi da vedere) ma di certo si muove.

 

Un imponente contraltare al nostalgismo: il Leicester di Claudio Ranieri
Un imponente contraltare al nostalgismo: il Leicester di Claudio Ranieri

 

 

Dare acqua a una pianta morta invece di curare il germoglio è porsi in quella posizione di passatismo sterile che nulla porta al dibattito sull’oggi. Il nostalgismo ammicca alla Memoria ma non fa Storia: è mero opporsi alla realtà. Sempre sul web sono infatti nati luoghi “anti-nostalgici” che ne sono parodia, esaltandone – almeno qui per scherzo – il contrario. “Non farti fottere dalla nostalgia” – dice un attempato e cieco Alfredo a Salvatore in Nuovo Cinema Paradiso. Il personaggio anziano ammonisce il giovane sull’intensità dell’allontanamento, quasi a praticare quello che per Croce era doveroso distacco dal contemporaneo, poiché manchevole della distanza che permette una valutazione critica dell’oggetto.

 

 

Contro Heimweh, nostalgia, i tedeschi hanno costruito Fernweh, la “nostalgia della lontananza”, la voglia di andare oltre, di lasciare il porto sicuro e di sondare l’orizzonte che prese Goethe alla vista del Reno, e che prese ancora l’Ulisse di Dante, tutt’altro che nostalgico: egli non cedette ad Itaca e proseguì dalle Colonne d’Ercole verso l’infinito, l’oltre. “Chi lascia la casa ha già fatto ritorno”, ha detto Borges, lo stesso che dava teoria estetica al presente come negazione di passato e futuro:

Il tempo è la sostanza di cui sono fatto. Il tempo è un fiume che mi trascina, e io sono il fiume; è una tigre che mi sbrana, ma io sono la tigre; è un fuoco che mi divora, ma io sono il fuoco. Il mondo, disgraziatamente, è reale; io, disgraziatamente, sono Borges.

Il nostalgismo calcistico, quindi, è una contraddizione, non solo perché arriverà sempre qualcuno che dopo dirà che prima era meglio per il solo fatto di essere stato prima, ma anche perché essere nel Tempo è l’unico modo per viverlo: riconoscersi nella condizione esistenziale di dis-locazione, di quella debolezza che Goethe attribuisce solo ai grandi uomini, essere Storia per poterla fare: non esistere passivamente, ma incidere sul Presente.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Papelitos
Filippo Peci
18 Aprile

Il crepuscolo degli idoli

Le polemiche degli ultimi giorni non fanno altro che dimostrare come i vecchi eroi sportivi italiani non siano più in grado di competere.
Editoriali
Luca Giannelli
5 Luglio

Calcio Italia: un sistema senza speranza?

Conflitti di interessi, rapporti tra calcio, politica e giornalismo, strapotere dei procuratori e dei giocatori: il mondo del calcio (e non solo) in Italia è al collasso.
Editoriali
Sebastiano Caputo
10 Novembre

La prima rivista sportiva per gentiluomini

Signore e Signori, nasce "Contrasti", finalmente.
Calcio
Lorenzo Santucci
16 Gennaio

Il calcio è di chi lo paga

Il costo dei biglietti cresce a tassi doppi rispetto quello degli stipendi o del costo della vita. Anatomia di un problema che attanaglia il calcio moderno.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Calcio
14 Gennaio

Damiano Tommasi

Dalla Roma a San Marino, una vita da mediano controcorrente.
Papelitos
Alberto Fabbri
8 Ottobre

Prime sentenze

All'ottava giornata la Serie A si è già espressa.
Calcio
Simone Galeotti
8 Dicembre

El Bocha

Storia di Ricardo Bochini, leggenda del calcio argentino.
Recensioni
Alberto Fabbri
7 Agosto

Il presidente del Borgorosso Football Club

Una commedia semplice, spontanea ed ingenua come l'animo del tifoso, eppure tremendamente attuale. 
Calcio
28 Marzo

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Recensioni
Lorenzo Santucci
15 Aprile

Il tifo è una malattia giovanile che dura tutta la vita

Il Pasolino calciofilo, calciatore e amante dello sport più bello del mondo. L'opera di Curcio diventa essenziale nelle nostre biblioteche sportive.
Storie
Stefano Peradotto
11 Settembre

Il calcio in Israele è una questione da adulti

In Israele la scelta della squadra per cui tifare è una questione maledettamente importante, collegata spesso alla politica e all’appartenenza etnica.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

La superiorità del Gioco

Ajax-Tottenham: la nostra definitiva resa di fronte all'imponderabilità del calcio.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Calcio
Simone Galeotti
6 Dicembre

Umbro is the name

Storia del marchio sportivo più inglese di sempre.
Storie
Filippo Simonelli
28 Maggio

Il calcio è il balletto per le masse

La storia d’amore tra Shostakovich e lo sport più popolare del mondo.
Editoriali
Francesco Andreose
12 Marzo

Non sparate sulla nostalgia

Il popolo escluso dagli addetti ai lavori.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Novembre

Elogio del pareggio

Una questione filosofica.
Papelitos
Giuseppe Masciale
11 Maggio

Lo spirito sportivo

Lo sport è come la guerra, ma senza l'esecuzione. Parola di George Orwell.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Storie
Simone Galeotti
8 Dicembre

Il Subbuteo ci ricorda che il calcio non è solo un gioco

Prima della Playstation, c'è stato il Subbuteo.
Calcio
Renato Ciccarelli
24 Aprile

Perché sono vecchio

La mia generazione, il calcio, se lo immaginava.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre

L’atto, non l’azione

Papelitos
Alberto Fabbri
6 Marzo

Giù le mani dal Meazza!

Contro l'abbattimento dello stadio di San Siro.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
21 Marzo

Sostiene Cagnucci: il calcio è del popolo (ma tutto)

Il direttore de Il Romanista si scaglia contro i prezzi del Camp Nou: gli diamo ragione, ma non su tutto.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Calcio
Gezim Qadraku
3 Gennaio

Derby dell’odio

A Mostar si tratta di Est contro Ovest, Armata Rossa contro Ultras, operai contro nobili, stella rossa contro šahovnica. Quando si affrontano Velez e Zrinjski la Bosnia torna inesorabilmente indietro di vent'anni, ai tempi delle guerre jugoslave.
Storie
Maurizio Fierro
28 Giugno

Un calcio alla crisi

Nel 1937, tra venti di guerra che imperversano, ad Amsterdam si disputa una partita alquanto particolare.
Editoriali
Alberto Girardello
27 Novembre

I bambini sono seri e non conoscono l’impossibile

Sport e gioco condividono una libertà sempre più compressa dalla spettacolarizzazione.
Altro
Andrea Catalano
21 Febbraio

Di padre in figlio

L'eredità sportiva è un peso o una risorsa?
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.
Papelitos
Lorenzo Santucci
22 Gennaio

Nel calcio di oggi si giocano troppe partite?

Un problema comune, ma evidente in Premier League.
Interviste
Luigi Fattore
22 Giugno

Un passo indietro al gioco

Intervista a Lele Adani, rivoluzionario della dialettica sportiva contemporanea.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Recensioni
Andrea Antonioli
9 Novembre

PPP non aveva paura di parlare di calcio

Calcio
Alberto Maresca
26 Febbraio

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Calcio
Matteo D'Argenio
21 Ottobre

I calciatori che non esistono

Molti calciatori esistono solo nella memoria dei social, e altri hanno visto la loro immagine stravolta da nuove dinamiche contemporanee. Attenzione però a dare le colpe al nuovo mezzo.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.