Carrello vuoto
Recensioni
26 Aprile

Sunderland ‘Til I Die

Gianluca Losito

11 articoli
La docu-serie sul Sunderland mette a nudo i demoni del calcio.

“Perché Netflix ha deciso di produrre un documentario su una squadra di Championship? Cos’ha di speciale?” Questa era la domanda più frequente quando, a dicembre 2018, è arrivata su Netflix la prima stagione di Sunderland ‘Til I die’ che ha raccontato le vicissitudini dei Black Cats nella stagione 2017-2018.I biancorossi speravano di tornare in Premier ma hanno incontrato invece il destino opposto, sprofondando in League One (il terzo gradino della piramide del calcio inglese) dopo trentun anni dall’ultima volta.

Il risultato sportivo così negativo, inoltre, contribuisce alle critiche degli scettici: un progetto sportivo fallimentare non ha nulla di interessante agli occhi di uno spettatore casual. Ma, guardando gli episodi delle due stagioni in maniera più coinvolta, si riesce a capire cosa rende speciale questo prodotto rispetto a tutti gli altri.

La prima e la seconda stagione di ‘Sunderland ‘Til I Die’ sono in programmazione su Netflix.


L’UNICITÀ DELLA SERIE


Tra Netflix e Amazon Video ci sono tante squadre sportive, calcistiche e non, a cui è dedicata una serie che segue la squadra dall’interno: Juventus, Borussia Dortmund e Manchester City, per rimanere alle società calcistiche più prestigiose che si sono offerte a questo “esperimento”.

La principale differenza tra gli insight dedicati a queste squadre e quello del Sunderland, quantomeno a livello d’impatto, sta nei risultati calcistici raccolti: le prime sono società vincenti, con modelli di gestione sportiva più o meno esemplari, chi per un motivo chi per un altro (rispettivamente miglioramento del brand, scouting e capacità di migliorare tecnicamente i giocatori); l’altra è una squadra con i conti costantemente in rosso, e che per due anni di fila sbaglia i cavalli su cui puntare.

Il risultato principale di Sunderland ‘Til I Die è distruggere tutti i preconcetti errati sul calcio e sugli appassionati di calcio.

Ma STID non ha lo stesso obiettivo delle altre serie, che si prefigurano un po’ come le biografie dedicate agli imperatori in epoca romana volte a celebrarne le gesta di grandezza; il risultato principale di Sunderland ‘Til I Die è distruggere tutti i preconcetti errati sul calcio e sugli appassionati di calcio, portando sullo schermo quanto di più duro ci sia, a tutti i livelli, nel mondo del football.

Sia chiaro, però, non è un intento perseguito volontariamente, e lo si capisce già dal nome della casa produttrice: Fulwell ’73. Da qui si evince l’omaggio alla squadra del cuore, il Sunderland: Fulwell End era infatti il nome di un vecchio settore, mentre il 1973 l’anno dell’ultimo trofeo vinto dai Black Cats, la FA Cup. Insomma, l’intento fondamentale era “celebrativo”.

SUNDERLAND 1973
A Sunderland – fuori dalla casa dei Black Cats, lo Stadium of Light – la statua dello storico manager Bob Stokoe ricorda i fasti della vittoriosa FA Cup del 1973 (Photo by Stu Forster/Getty Images).

L’ORIGINE DEL MALE


Quando sono iniziate le riprese della prima stagione, nel settembre 2017, niente lasciava presagire il finale drammatico che si è poi consumato. La prima annata seguita dalle telecamere di Netflix è quella che rimarrà nel cuore di tutti per vari motivi, in primis per il carico emotivo: una retrocessione così dolorosa e inaspettata, a trentun anni di distanza dall’ultima stagione in Third Division, ha colpito nel segno tutti gli spettatori, tifosi e non.

Lo sviluppo di questa stagione ha un aspetto più puramente “tecnico”: all’interno delle 8 puntate in cui si snoda la serie, infatti, le telecamere seguono molto spesso i calciatori negli spogliatoi, ma anche in casa. Ciò porta alla luce svariati coni d’ombra della vita di un calciatore: diversi di loro palesano mancanza di empatia, che in campo si rispecchia in una grande insicurezza dannosa per il collettivo. La pressione di una piazza esigente come quella di Sunderland, in questo caso, non fa che acuire le difficoltà.

Ellis Short è il proprietario americano del Sunderland odiato dalla tifoseria, che lo ritiene a ragion veduta il principale responsabile del disastro.

Seguendo Johnny Williams notiamo come sia psicologicamente complicato per un giocatore esprimersi al meglio dopo una serie di infortuni: anche qui le paure fanno la differenza. La struttura societaria non è delle più solide, per usare un eufemismo: l’unico dirigente presente, Martin Bain, è responsabile di errori tecnici ed economici ripetuti che portano la squadra negli inferi della Football League One, e causano il suo ovvio allontanamento. Ellis Short invece è il proprietario americano del Sunderland assente durante tutto l’arco della serie, che non fa nulla per evitare il deragliamento della propria squadra o attutire l’odio della tifoseria (la quale lo ritiene a ragion veduta il principale responsabile del disastro).

Sunderland Ellis Short
Il Chairman del Sunderland Ellis Short è uno dei principali colpevoli del tracollo sportivo e finanziario del SAFC (Photo by Bethany Clarke/Getty Images).

UN NUOVO INIZIO


La prima serie si chiude con un barlume di speranza: nell’ottava e ultima puntata, infatti, Stewart Donald si aggiudica all’asta la società. Donald, imprenditore nel campo assicurativo, ha già esperienza nel mondo del calcio: è stato proprietario dell’Eastleigh FC, (6ª serie del calcio inglese), e socio di minoranza dell’Oxford United, la sua squadra del cuore. É lui il gancio tra la prima e la seconda serie: quest’ultima si apre infatti con una riunione che vede lui e Charlie Methven, socio di minoranza e amministratore delegato del nuovo board del Sunderland, come attori principali.

I due mettono subito le cose in chiaro: la situazione economica del SAFC è difficilmente sostenibile. Rimanere in League One sarebbe un grave danno per le casse del club. I Mackems si portano dietro un grosso problema di fondo dalla loro discesa in Championship: ogni anno il monte ingaggi è spropositato rispetto a quanto permetterebbe la categoria. Così, situazioni quella come di Jack Rodwell, divenuta celebre ed emblematica (col centrocampista inglese chem pur di continuare a guadagnare 200mila sterline a settimana, ha preferito rimanere fuori rosa) gravano come un macigno sul Sunderland.

Emerge un altro fattore gravoso del calcio odierno: il peso sempre maggiore dei procuratori, che decidono a proprio piacimento sulle carriere dei loro assistiti.

Donald e Methven cercano di sfoltire le spese dei Black Cats in moltissime voci, in quello che diventerà il motivo della seconda stagione, più incentrata su questioni di scrivania che su quelle di campo. Ma è un lato del calcio con cui si deve convivere: Donald non è un freddo imprenditore dedito solo al guadagno, e lo dimostra stando sempre a fianco della squadra.

Nel Deadline Day, ultimo giorno di calciomercato, arriva a spendere 3 milioni di sterline per accaparrarsi un deludente Will Grigg. L’attaccante nordirlandese è il rimedio alla fuga di Josh Maja, giovane promettente nella prima stagione e acquistato per due spiccioli dal Bordeaux nel mese di gennaio, approfittando del contratto in imminente scadenza. Qui emerge un altro fattore gravoso del calcio odierno: il peso sempre maggiore dei procuratori, che decidono a proprio piacimento sulle carriere dei loro assistiti, scavalcando a tratti anche i pareri della famiglia.

Grigg Sunderland till i die
L’attaccante nord-iralndese Will Grigg è solo l’ulitmo, in ordine di tempo, degli sfortunati rinforzi dei Black Cats. Nemmeno lui, come Johnny Williams prima, riuscirà ad accendere la scintilla bianco-rossa (Photo by Alex Davidson/Getty Images).

FINO ALLA MORTE


C’è il campo, c’è la scrivania, ci sono gli spogliatoi. Ma poi ci sono gli spalti ed è lì che Sunderland ‘Til I Die – che deve il nome proprio ad un coro della sua tifoseria – fa la differenza. Il fil rouge che connette le due stagioni e le rende un corpo unico è la presenza dei tifosi, della gente di Sunderland, il tessuto sociale che rimane compatto attraverso le vicende della squadra, orgoglio della città.

Sunderland rappresenta una zona dell’Inghilterra in cui il sentimento anti-europeo è molto forte (alle votazioni del 2018 per la Brexit, il Leave ha raggiunto il 62% a Sunderland).

Sunderland, è una città del Nord industriale inglese che negli anni ’60 ha avuto un exploit grazie all’industria navale, ma che oggi è in piena decadenza. Nella seconda stagione, inoltre, questo fattore assume una sfaccettatura anche politica: l’introduzione della quinta puntata segue da vicino una manifestazione pro-Brexit, in una zona dell’Inghilterra in cui il sentimento anti-europeo è molto forte (alle votazioni del 2018 il Leave ha raggiunto il 62% a Sunderland).

La funzione del SAFC è certo simbolica e rappresentativa ma anche “biecamente” lavorativa, considerato che molti abitanti della città sono impiegati all’interno della società da magazzinieri, cuochi o inservienti semplici. Il ruolo del calcio come collante tra le persone emerge quindi in tutte le puntate: la presenza dei tifosi è massiccia e anche loro sono seguiti in casa, dove lo spettatore può assistere alle condizioni economiche dei fan di lunga data e immedesimarsi.

till i die fans
A Sunderland il matchday è un rito profano di vitale valore. La passione dei tifosi è l’elemento identitario della città (Photo by Jan Kruger/Getty Images).

Il matchday è l’unica cosa che rimane a molti, il frullatore settimanale in cui si mescolano tutte le emozioni represse – rabbia, ansia, paura, ma anche la gioia dei momenti più belli.

“Molti di loro non hanno un soldo, ma hanno voluto essere qui”

dice uno dei Season Ticket Holder (gli abbonati) più fedeli, riferendosi alla “gita” a Wembley dei tifosi del Sunderland in occasione della finale play-off per l’accesso alla Championship. La seconda volta in tre mesi in cui i Black Cats se la giocano nel tempio del calcio. La prima, in occasione della finale del Checktrade Trophy, è arrivata una sconfitta ai rigori. La seconda, ugualmente una sconfitta e per di più al 90’, dopo essere stati in vantaggio di un gol fino all’85′.

Una situazione tipicamente sunderlandiana, in cui si riconoscono tragicamente molti tifosi: arrivare ad un passo dal traguardo e rimanere con un pugno di mosche. Sembra però che a loro quasi non importi, anzi, da un certo punto di vista i tifosi del Sunderland sono fieri della sfortuna ontologica della loro squadra: un team capace di arrivare sempre ad un centimetro dalla gloria e fallire, e proprio per questo fragile, bisognoso di cure, diverso dagli altri.

In una città come Sunderland è facile rispecchiarsi in questi valori, anche dal punto di vista esistenziale. Proprio per questo loro rimarranno lì qualunque cosa accada. Pioggia, vento, neve, terza serie. Qualcuno se l’è anche tatuato sulla pelle, e non è certo un caso: Sunderland ‘til I die.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo 2021

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre 2020

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Lorenzo Ottone
26 Agosto 2020

Harry Maguire, ultimo baluardo di Britannia

Una scazzottata in stile british gli è costata tantissimo.
Calcio
Lorenzo Solombrino
3 Agosto 2020

Burnley, Britishness and Brexit

La squadra più britannica della Premier rispecchia la città.
Calcio
Antonio Torrisi
14 Luglio 2020

La supremazia della Premier è un falso storico

Non è tutto inglese quel che luccica, anzi.