Carrello vuoto
Papelitos
1 Novembre

È Superclasico in finale!

Il sogno diventa realtà, sarà il primo Superclasico di sempre in finale di Libertadores.

Alla fine, sarà quello che tutti speravano. La finale di Copa Libertadores sarà la celebrazione della messa profana più iconica del continente Latino. Sarà Superclasico. Sarà Boca Junior-River Plate. Nella prima delle due semifinali il River Plate festeggia una qualificazione sofferta sotto il diluvio di Porto Alegre. La squadra di Gallardo, riprendendo il filone tattico già sperimentato tra le porte amiche del Monumental, comanda la gestione del pallone, che si rivela tuttavia sterile di fronte al perfetto scacchiere tattico disposto sull’Arena do Grêmio da Renato Portaluppi. Le ondate della Banda si infrangono puntuali sui faraglioni del muro difensivo Geromel- Miranda eretto dal Tricolor Imortal.

.

Non pago dell’invidiabile solidità difensiva, il Grêmio si permette addirittura di pungere alla prima occasione: il River ripiomba nell’incubo delle palle inattive e subisce ancora una volta la beffa nel suo momento migliore. Leo Gomes sfrutta una palla vagante e dopo un flipper di rimpalli infila il pallone alle spalle di Armani per il provvisorio vantaggio Tricolor. Nella ripresa paradossalmente la spinta del River si affievolisce e gradualmente il Grêmio prende possesso del campo; il Tricolor avrebbe anche nei piedi di Everton la palla per chiudere game, set and match, ma l’attaccante brasiliano appoggia il pallone decisivo addosso a Franco Armani che sarebbe anche il portiere più forte del Sudamerica, ma in questo caso si limita a opporre la figura, alimentando i rimpianti dell’attaccante del Grêmio e le reazioni scomposte della torcida Tricolor.

 

Il momento in cui la storia sarebbe potuta cambiare

 

Sono le ‘sliding doors’ della semifinale, la svolta decisiva, infatti come da tradizione il pareggio del River si materializza proprio a seguito del goffo errore di Everton: stavolta la palla inattiva dice bene agli uomini del Muñeco e la deviazione di testa di Santos Borré trova impreparato per la prima volta il reparto difensivo Tricolor dopo 170 minuti complessivi di chiusure perfette.  Il Grêmio perde tutte le certezze in una manciata di secondi e piomba in un thriller senza lieto fine, il River fiuta l’odore del sangue e non perdona.

.

Nacho Scocco si gira al minuto 87 e calcia in porta in equilibrio precario, gli si para davanti Bressan – subentrato all’ottimo Miranda – che allarga in modo scomposto l’alettone e devia in angolo il pallone impattandolo con il braccio. Secondo la ricostruzione al VAR è calcio di rigore e secondo giallo per il difensore classe ’93 che archivia la propria semifinale dopo un quarto d’ora scarso. Il Pity Martinez si trasforma in Mr. Freeze e calcia in rete il pallone più pesante della stagione. L’epilogo amaro del match serve solo ad alimentare i rimpianti del Grêmio e calcolare le proporzioni siderali dell’impresa della Banda, ma poco conta. Il River Plate è in finale.

I festeggiamenti dei giocatori del River (AP Photo/Andre Penner)

.

Il secondo capitolo di questo splendido romanzo latino si svolge sul velluto del Parque di San Paolo. Il Boca Juniors, forte della doppia perla del Pipa all’andata si può permettere il lusso di controllare le mosse e agire di rimessa. Sfruttando gli spazi lasciati dal Verdao, gli Xeneizes passano addirittura nel primo tempo con il sigillo di Wanchope Abila, ben imbeccato da Villa.

.

Il Palmeiras non demorde e rialza la testa bussando ben due volte (reti della coppia centrale, Luan e Gomez) tra i pali difesi da Rossi e mettendo in seria apprensione la tenuta psicologica degli Xeneizes nella prima metà del secondo tempo. Ma quando Schelotto si ricorda di avere in panchina il diamante più prezioso della competizione, le speranze del popolo verde si
dissolvono seguendo il tracciante diagonale che il Pipa Benedetto deposita con gesto tecnico sublime alle spalle di Weverton.

Benedetto di nuovo al centro della scena

.

Il Boca Juniors è in finale. Così, nell’atavica sfida per la supremazia sportiva del continente latino è la bandiera albiceleste a sventolare sul fortino. Con onore, il Brasile si eclissa e lascia la scena a Buenos Aires che la settimana prossima sarà il centro del mondo calcistico. Finalmente un epilogo che la massima competizione per club del subcontinente si merita, una vetrina per promuovere un calcio che ancora vive di sentimenti primordiali ed emozioni forti. E nonostante la notte fonda di chi vive le partite di futbol latino, no, non è un sogno.

.


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Storie
Vito Alberto Amendolara
14 Giugno 2022

Il Che Guevara sportivo

Se la dimensione sportiva segna la vita del guerrigliero più famoso.
Papelitos
Lorenzo Serafinelli
2 Giugno 2022

La nazionale è solo un passatempo estivo

Per il resto dell'anno, un intralcio o poco più.
Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
17 Aprile 2022

La guerra intestina del River Plate

La dirigenza (e le autorità) contro i tifosi.
Cultura
Diego Mariottini
2 Aprile 2022

Entrenamos en suelo argentino!

Lo sport argentino nel conflitto delle Malvinas.
Estero
Diego Mariottini
9 Marzo 2022

Juan Sebastian Veron, il pallone nel destino

Dal campo alla scrivania al campo.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
15 Febbraio 2022

Peronismo, futbol e rivoluzione

Per una nuova Argentina fondata sullo sport.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Interviste
Antonio Aloi
8 Ottobre 2021

Il pallone è rotondo come il mondo

Intervista ad Antonio Stelitano, tornato a Messina dopo aver giocato (quasi) ovunque.
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Ottobre 2021

Carlos Bilardo e il fantasma di Maradona

Il mitico ct dell'Argentina campione del mondo non sa ancora che Diego è morto.
Estero
Vito Alberto Amendolara
6 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Cultura
Lorenzo Serafinelli
22 Agosto 2021

Quella canalla di Fontanarrosa

In una vita spesa tra china e parole il Rosario Central è stata la vera passione del 'Negro'.
Ritratti
Paolo Cammarano
14 Agosto 2021

Jorge Valdano e il gioco infinito

L'ultimo poeta del fútbol.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
4 Agosto 2021

Fernando Signorini, all’ombra di Maradona

Due chiacchiere con lo storico preparatore di Diego.
Interviste
Leonardo Aresi
30 Luglio 2021

Conversazione con Jorge Burruchaga

A tu per tu con il campione argentino.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Cultura
Sergio Taccone
20 Luglio 2021

Osvaldo Soriano, del San Lorenzo

Il fútbol come riassunto dell'esistenza.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2021

Finalmente Leo, finalmente Argentina!

L'Albiceleste vince la Copa America.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Ritratti
Luca Giannelli
29 Maggio 2021

Bruno Pesaola, napoletano d’adozione

Le estrose geometrie calcistiche attraverso il fumo delle sigarette.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Maggio 2021

La lezione del calcio sudamericano

E la brutta figura del nostro calcio.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
6 Aprile 2021

Lasciate riposare Maradona

Non l'abbiamo fatto vivere, e neanche morire, in pace.
Ritratti
Antonio Torrisi
3 Aprile 2021

La vita di Maxi Lopez è una serie tv

Con l'evoluzione umana del protagonista.
Estero
Marco Metelli
22 Marzo 2021

Walter Samuel, l’ultimo muro difensivo

La nobile arte dello Stopper.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
15 Marzo 2021

Certe giocate ti rimettono al mondo

De Paul, Lautaro, Lamela: semplicemente grazie.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
4 Marzo 2021

Ariel Ortega ci ha fatto sognare

Un fenomeno umano, troppo umano.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Ritratti
Marco Metelli
1 Febbraio 2021

Batistuta giocava con il cuore e segnava come un pazzo

Compie oggi 52 anni Gabriel Omar Batistuta.
Ritratti
Mattia Di Lorenzo
25 Gennaio 2021

Le due facce di Daniel Passarella

Chi meglio di Luciano Wernicke per mostrarle?
Calcio
Simone Galeotti
14 Gennaio 2021

Palmeiras è sapore italiano

Palestra Italia è in finale di Copa Libertadores.
Ritratti
Remo Gandolfi
21 Dicembre 2020

Matias Almeyda, non mollare mai

Compie 47 anni un uomo capace di lasciare il segno.
Altro
Raffaele Scarpellini
13 Dicembre 2020

Classismo e razzismo del rugby argentino

La palla ovale come specchio delle diseguaglianze sociali.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
25 Novembre 2020

Nessuno tocchi Maradona

L'arte è arte perché amorale, al di là del bene e del male.
Ritratti
Vito Alberto Amendolara
9 Novembre 2020

Marcelo Salas, l’autentico Matador

L'attaccante più forte della storia cilena.
Calcio
Vito Alberto Amendolara
3 Novembre 2020

Il circo del Payaso

Compie 41 anni uno degli argentini più amati.
Calcio
Andrea Meccia
30 Ottobre 2020

Il Maradona politico

Populista, socialista e terzomondista, ma soprattutto Diego.
Storie
Massimiliano Vino
10 Settembre 2020

Argentina ’78 segnata dalla loggia P2

Quando la massoneria scese letteralmente in campo.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
5 Settembre 2020

Messi male

L'amaro (non) finale di una storia che avrebbe meritato ben altro esito.
Storie
Andrea Meccia
22 Giugno 2020

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Calcio
Giacomo Proia
7 Giugno 2020

Papa Francesco non poteva che tifare San Lorenzo

L'azzurro e il rosso, la Vergine Maria Ausiliatrice, il calcio e il cattolicesimo.
Ritratti
Giacomo Amorati
29 Maggio 2020

Miroslav Klose, l’umiltà porta alla gloria

Controritratto di un fuoriclasse.
Storie
Luca Pulsoni
24 Maggio 2020

Victor Hugo Morales, Maradona e l’aquilone cosmico

Quando la narrazione sportiva diventa letteratura.
Storie
Luigi Fattore
11 Maggio 2020

Veron e il calcio, un affare di famiglia

Carriere iniziate e finite all'Estudiantes, e condite da sfide leggendarie.
Calcio
Diego Mariottini
27 Aprile 2020

L’Argentina è una Repubblica fondata sullo Sport

Quando lo sport diventa mito fondativo dell'identità nazionale.
Calcio
Remo Gandolfi
26 Aprile 2020

Andare in guerra con Marcelo Gallardo

Il Muñeco è figlio della più pura tradizione River Plate.
Storie
Remo Gandolfi
17 Aprile 2020

Marcelo Bielsa e Bilbao si sono tanto amati

Dalla stima alla rottura, un amore argentino nei Paesi Baschi.
Storie
Vito Alberto Amendolara
13 Aprile 2020

La maglia di Maradona

Storia reale di una vicenda incredibile.
Calcio
Remo Gandolfi
9 Aprile 2020

Rodrigo Bentancur è un calciatore per caso

Ma ora è tra i centrocampisti più forti del pianeta.