Carrello vuoto
Papelitos
21 Maggio

La FIFA sapeva tutto

Lorenzo Santucci

44 articoli
Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.

“L’ho già detto e lo ripeto di persona. Dietro al progetto della SuperLeague c’è Infantino”. Le parole pronunciate poco più di una settimana fa dal numero uno della Liga spagnola, Javier Tebas, trovano riscontro sulle pagine del New York Times, in cui viene esplicitamente chiamata in causa la massima istituzione calcistica come complice “silenziosa” dei vari club separatisti.

In fondo le condanne unanimi delle istituzioni calcistiche al tentato golpe, già nell’immediato, erano apparse un po’ di facciata. Ma chi pensava che i dodici-quindici club fossero degli sprovveduti arroganti potrebbe doversi ricredersi (almeno sulla parte degli sprovveduti). Secondo il Times, entrato in possesso di documenti riservati, erano mesi che si susseguivano incontri e contatti tra il gruppo degli A22 – un consorzio di consiglieri già da tre anni attivo per dar vita al nuovo campionato, capitanati dai finanzieri spagnoli Anas Laghari, amico d’infanzia di Florentino Perez, e John Hahn – e alcuni esponenti di spicco della FIFA (identificata segretamente come W01), tra cui figurerebbe il vice segretario generale Mattias Grafstrom.

Insomma, Infantino sapeva e anzi era considerato il fulcro dell’intera questione. Senza il suo appoggio la SuperLega non sarebbe mai potuta nascere, come poi abbiamo visto. D’altronde, avere dalla propria parte il più importante esponente del mondo calcistico fa tutta la differenza del caso, specie se si vogliono reinterpretare le regole del gioco. Per tale motivo la dichiarazione della FIFA di fine gennaio, con cui si condannava qualsiasi ipotesi di campionato chiuso ed elitario, aveva sorpreso gli addetti ai lavori. Ma non scoraggiato.


Il progetto era chiaro: ricreare una Coppa del mondo per club, simile a quella che organizza la FIFA ogni anno, con la garanzia che le squadre della SL sarebbero state disposte a rinunciare a circa un miliardo di dollari derivanti dalla competizione. Una sorta di “tassa di solidarietà” nei confronti della FIFA che, secondo i loro piani, avrebbe reinvestito in altri progetti calcistici in tutto il mondo.

Un giro d’affari che avrebbe fruttato un miliardo all’anno per la FIFA, ben felice di stare ad ascoltare e decisa a non opporsi qualora il piano fosse stato progettato in un certo modo. Proprio per questo la dichiarazione di inizio anno non era stata letta come una chiusura, piuttosto come un “invito” ad apportare qualche modifica. Cambiamenti non più attuabili dopo la condanna definitiva della FIFA arrivata in seguito alla dichiarazione di mezzanotte dei separatisti, il 18 aprile scorso, seppur tardiva e poco decisa.

Una timidezza giustificata, si fa per dire, da vecchie voci che avevano già parzialmente smascherato le trame dei golpisti, FIFA inclusa. A fine anno scorso, una SuperLega tra i club europei più ricchi finanziati da JP Morgan, disposta a mettere sul piatto fino a 6 miliardi di euro, era diventata una notizia riportata da varia testate – tra cui noi – giustamente inquietate da una rivoluzione ben poco democratica.

Anche il premier Boris Johnson, ultimo baluardo contro il calcio elitario, è stato messo in discussione dal Guardian, che ha scritto di un incontro tra lui e l’ad del Manchester United, Ed Woodward, avvenuto a Downign Street dieci giorni prima che il piano fosse svelato ai pochi – a questo punto – che non ne erano a conoscenza.

In questo giochino delle parti dove nessuno è colpevole ma tutti sanno, le parole scritte (o pronunciate) hanno la sola, fondamentale, funzione di far luce su una situazione già evidente dal principio. Il golpe notturno dei dodici presidenti firmatari aveva lasciato attoniti per l’incapacità comunicativa e la superficialità nel trasmettere il messaggio. Ma perché badare al modo in cui rimischiare le carte del mazzo se tanto il croupier è già d’accordo con te? Peccato che poi, a causa di bluff, pressioni o calcoli sballati, il banco sia saltato del tutto.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
La Redazione
4 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Gennaio 2022

Per Infantino i Mondiali possono salvare i migranti

L'ultima sparata del capo Fifa è oltre ogni limite.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Tifo
Jacopo Benefico
24 Aprile 2021

I tifosi salveranno il calcio

Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
22 Aprile 2021

UEFA e FIFA, non ci sono poteri buoni

Le anime belle non sono credibili.
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile 2021

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Papelitos
Andrea Antonioli
21 Aprile 2021

Che figura di m…

Se questi sono i padroni del football, stiamo freschi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Estero
Michelangelo Freda
25 Marzo 2021

Olanda, Belgio e il nuovo calcio transnazionale

La BeNeLeague, una prova tecnica di Superlega.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Marzo 2021

Andrea Agnelli e il Grande Reset

Il teorico dell'irreversibile è tornato a parlare.
Altro
Alessio Masala
19 Febbraio 2021

I Francesi hanno inventato (quasi) tutto

FIFA, Coppa Rimet, Pallone d'oro, Coppa dei Campioni, F1 etc.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
17 Settembre 2020

Perché Lukaku si lamenta del proprio valore a Fifa?

Una questione più seria di quel che sembra.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?
Papelitos
Alberto Fabbri
7 Agosto 2020

Champions League 19/20: prove tecniche di Superlega

E se l'élite europea se ne andasse davvero per conto suo?
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Calcio
Michelangelo Freda
6 Aprile 2020

Fuori i mercanti dal tempio

È ora di finirla con lo strapotere dei procuratori sportivi.
Calcio
Andrea Muratore
4 Dicembre 2019

Il calcio tra politica e globalizzazione

Come lo sport più bello del mondo è stato plagiato da geopolitica e globalizzazione finanziaria.
Recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Novembre 2019

Qatar 2022, l’isola che (non) c’è

Inchiesta dal libro di Gianluca Mazzini.
Calcio
Luca Giannelli
10 Dicembre 2018

Strizza calcio scacciapensieri

Le elites in azione, ma c'è chi pensa ai falli di mano.
Calcio
Michele Di Virgilio
24 Gennaio 2018

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Calcio
Daniele Berardi
29 Settembre 2017

Il calcio ai tempi della Play Station

Come la console più famosa del mondo ha cambiato il nostro modo di pensare (e di intendere) il gioco.
Calcio
Luigi Fattore
8 Settembre 2017

Il VAR è una mancanza di rispetto

Nata dall'insopprimibile urgenza di migliorare il gioco del calcio, la tecnologia Var rischia al contrario di minarne il fascino e ostacolare definitivamente la nascita di una cultura sportiva.
Interviste
Luigi Fattore
9 Giugno 2017

I veri padroni del calcio

Intervista a Marco Bellinazzo, alla scoperta dei rapporti di forza nel mondo del calcio (e non solo).
Calcio
Marco Telluri
28 Marzo 2017

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.