Carrello vuoto
Altro
26 Maggio

I Russi combattono con il Systema

Gianluca Losito

11 articoli
Un'arte marziale dalle radici antiche passata per gli zar, Putin e il KGB.

In una nazione isolata come la Russia le tradizioni culturali, politiche e sportive hanno avuto storicamente una matrice chiara, con princìpi fissi e indiscutibili. Per questo motivo lascia stupiti che uno dei costumi che più si è diffuso nel mondo occidentale dopo la Perestrojka abbia come criterio fondante l’esatto opposto di queste costanti: nessuna tecnica di base. Si tratta del Systema, un’arte marziale dalle radici antiche ed incerte caratterizzata da un solo comandamento: migliorare l’istinto guerriero.

 

 


Le origini


 

Ancora oggi vi è una certa incertezza sulle reali origini di questo stile di combattimento. La teoria più diffusa rimanda al X secolo (anno 948 per la precisione), periodo in cui i Cosacchi combattevano per difendersi dagli attacchi di vari nemici. A causa del suo vasto territorio la Russia subiva attacchi da Nord e Sud, così come da Est e da Ovest, e ai guerrieri costretti a difendersi veniva quindi richiesto di battersi sì valorosamente, ma anche con versatilità. In un’intervista risalente al 2015 Mikhail Ryabko, principale esponente della versione contemporanea del Systema, fa risalire l’introduzione di questo stile addirittura al Re Davide d’Israele; per rafforzare quest’ipotesi, Ryabko fa riferimento all’icona dell’Arcangelo Michele, che lo vede combattere impugnando una spada in una posa rilassata.

 

 

Il simbolo del Systema raffigura uno dei leggendari guerrieri russi narrati nelle bylinas, Ilya Muromets, all’interno di un ovale, con un sole sullo sfondo. Si narra che Ilya abbia sofferto problemi fisici che gli impedirono di camminare fino all’età di 33 anni, quando due pellegrini lo guarirono magicamente trasmettendogli una forza sovrumana. Ilya avrebbe quindi liberato la città di Kiev da un idolo pagano e protetto diverse altre città da varie creature mostruose, arrivando infine al servizio del principe Vladimir in quel di Kiev.

 

Ilya Muromets fieramente in sella al suo cavallo

 

 

Ad oggi, Ilya è l’unico eroe ad essere stato canonizzato dalla Chiesa russo-ortodossa. Un legame antico che giunge fino ai nostri giorni, dal momento che i principali maestri e molti dei loro seguaci sono associati al Patriarcato di Mosca. La Chiesa russo-ortodossa professa infatti che ogni cosa, buona o brutta, ci accade per un motivo: per capirlo, bisogna ricorrere all’introspezione. Allo stesso modo il Systema è un’arte marziale introspettiva, poiché solo una profonda conoscenza di sé stessi può portare al successo in combattimento.

 

 


Che cos’è il Systema


 

Negli ultimi anni la scuola di combattimento dell’Est Europa ha visto emergere diversi fighter: basti pensare a Khabib Nurmagomedov nelle MMA e Vasyl’ Lomačenko nel pugilato. Nessuno dei due però ha radici nel Systema: il primo ha una formazione che deriva principalmente dal sambo, mentre lo stile di combattimento del secondo si può riassumere parlando di impressionante intensità sul ring abbinata a grande elasticità fisica e mentale. Entrambi si contraddistinguono per dominare i loro incontri sul piano tecnico e mentale, eseguendo sempre un piano preciso.

 

 

Quello che fa il Systema è distruggere questi concetti, affidandosi largamente al singolo: la prima linea guida di quest’arte marziale è quella di non essere rigida e protocollare, ma al contrario molto flessibile. Anche per questo motivo è un’arte puramente difensiva: nel corso del combattimento deve essere l’avversario a fare la prima mossa, e a questo punto diventano fondamentali i tempi di reazione, necessariamente rapidi, e la capacità di fare la scelta giusta a livello motorio.

 

Un’antica raffigurazione del grappling nel Systema

 

 

Nell’insegnamento della disciplina recitano una parte fondamentale anche la componente psicologica e quella spirituale. D’altronde un’altra denominazione con cui il Systema è conosciuto è “познай себя”, che trascritto vuol dire “poznay sebya”, cioè “conosci te stesso”. Ryabko ha optato per il nome “canonico”, ritenendolo più universale e immediato; come lui anche Vladimir Vasiliev il quale, al pari di Ryabko, ha un passato nel mondo militare russo. Vasiliev, maestro eccezionale, dà una grande importanza a due componenti: i movimenti e la respirazione. I primi devono essere quanto più essenziali possibile, senza sbilanciare il corpo.

“Quanta più flessibilità e scioltezza hai, tanto meglio […] Possiamo provare movimenti liberi durante l’allenamento; l’importante è trovare i propri movimenti senza imitare qualcun altro. Ognuno ha un suo modo personale per muoversi”.

La respirazione, invece, aiuta a “moltiplicare” i secondi a disposizione e risulta preziosa soprattutto nelle situazioni inaspettate, come le risse in strada. Vasiliev ritiene che con la giusta respirazione e il giusto approccio si possa anche disarmare un avversario che dispone di bastoni o coltelli.

 

Vladimir Vasiliev durante una lezione

 

 

Tutto sta, ancora una volta, nel “guardare dentro sé stessi”, secondo Vasiliev.

“Se qualcuno prova a colpirti, non dovresti osservarlo o analizzare i suoi movimenti. In quel momento devi guardare dentro di te, così ti conosci e ti muovi di conseguenza”.

L’istruttore russo, che ha fondato una palestra di Systema a Toronto, ritiene che altre arti marziali trasmettano troppa enfasi ai propri allievi, mentre al contrario chi pratica il Systema deve mantenere la calma anche nella fase d’attacco. Difatti, un’altra novità introdotta in questo stile è quella di usare colpi calibrati, non troppo potenti, ma in punti inusuali del corpo. Per riassumere, nel Systema le componenti del guerriero perfetto sono tre: abilità in combattimento, corpo salutare e spirito temprato.

 

 


Il Systema nel corso della storia e oggi


 

Praticato in Russia per molti secoli, il Systema venne messo al bando con l’avvento del comunismo, che vietò tutte le tradizioni pre-sovietiche. I vertici dell’URSS, tuttavia, rendendosi conto delle potenzialità di quest’arte marziale ne trasmisero i princìpi ad alcuni corpi speciali, come il KGB e gli Specnaz; lo stesso Vladimir Vladimirovich Putin ha appreso il Systema durante il suo periodo nelle fila del KGB. Questa tecnica è rimasta segreta fino al termine della guerra fredda, per poi rivelarsi al resto del mondo proprio a partire dagli anni ’90.

 

 

Non solo ambienti militari. A praticare quest’arte marziale, infatti, sono anche i “Night Wolves”: un gruppo di motociclisti russi, sulle strade sin dal 1989, molto vicini a Putin e al Cremlino; non semplici bikers, ma veri e propri soldati della causa russa (come dimostrato nel conflitto in Donbass). Alcune fonti riportano anche le gesta di fight club, sparsi in tutta Europa, nei quali viene praticato il Systema. Tra i maggiori promotori di questi circoli occulti spicca il nome di Denis Ryauzov, soprannominato “Il Lupo”.

 

Vladimir Putin assieme ad Alexander Zaldostanov, leader dei “Lupi della notte”, in quel di Novorossiisk.

 

 

Ryauzov, fuoriuscito proprio dai reparti degli Specnaz, più precisamente dalla sezione dei GRU (il servizio segreto militare), è stato accusato dagli USA di aver formato paramilitari per la guerra in Ucraina. Anche Ryabko ha stretti legami con la politica: dopo una decorata carriera da colonnello, è considerato uno dei principali consiglieri del Ministero di Giustizia russo, nonostante sia formalmente in pensione.

 

 

La formazione marziale, quella che viene comunemente definita “educazione siberiana”, è in sostanza una componente culturale fondamentale della grande Madre Russia. I risultati ottenuti nei vari sport di combattimento non sono perciò casuali: eco di tradizioni secolari, sono frutto di una formazione ben mirata e consolidata nel tempo.

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
3 Marzo 2022

Non (s)cadiamo nella russofobia

Almeno nello sport, distinguiamo tra cose e persone.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Estero
Luca Pulsoni
26 Febbraio 2022

Lo sport si è svegliato, forse

O meglio è stato obbligato a farlo.
Altro
Gabriele Fredianelli
26 Febbraio 2022

La stoccata di Usmanov

A Sochi, malgrado tutto, si incrociano le lame.
Storie
Marco Gambaudo
22 Dicembre 2021

Il calcio nell’URSS, una questione politica

Dinamo, Cska, Lokomotiv, Spartak: intrighi di potere nel pallone.
Ritratti
Nicola Ventura
27 Novembre 2021

Bruce Lee, il piccolo drago

Il 27 novembre del 1940 nasceva un combattente pop.
Ritratti
Gianluca Losito
5 Ottobre 2021

Dana White sembra uscito da una serie americana

Il presidente della UFC è una delle figure più influenti dell’intrattenimento sportivo moderno.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Altro
Giacomo Rossetti
11 Luglio 2021

Sic Transit Conor McGregor

The Notorious ha subito la furia di Poirier per un round intero, poi la caviglia ha fatto crack.
Altro
Giacomo Rossetti
13 Giugno 2021

Caro Marvin, è (ancora) troppo presto

Il fighter trentino a UFC 263 ha perso ai punti contro Adesanya, che conserva la cintura mondiale dei medi.
Altro
Gennaro Chiappinelli
6 Maggio 2021

La scuola russa ha segnato gli scacchi

Una disciplina e tradizione della grande Madre Russia.
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo 2021

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Altro
Gianluca Losito
13 Febbraio 2021

McGregor vs Khabib, la guerra dei mondi

Una rivalità che ha segnato le MMA del decennio scorso.
Altro
Gennaro Chiappinelli
28 Gennaio 2021

Limonov e Kasparov, oltre il limite

Alla ricerca del superamento, nella vita come negli scacchi.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Altro
Alessandro Imperiali
6 Dicembre 2020

Vladimir Putin, lo sport per la Russia

Patriottismo e soft power declinati in ambito sportivo.
Cultura
Leonardo Palma
25 Novembre 2020

Yukio Mishima

50 anni fa moriva un uomo che ha segnato il Novecento.
Altro
Munenori
22 Settembre 2020

La generazione Cobra Kai e il significato di pietà e onore

Non esistono arti marziali buone o cattive, esistono solo persone che vivono come viene loro insegnato.
Altro
Gianluca Losito
8 Settembre 2020

Musica, lotta e mito nell’Iran profondo

Per comprendere intimamente la Nazione iraniana bisogna conoscere la sua tradizione combattente.
Altro
Gianluca Losito
8 Luglio 2020

Il Krav Maga tempra l’anima d’Israele

Un’arte marziale nata sulla strada, divenuta bandiera ideale di un intero popolo.
Ritratti
Alberto Girardello
3 Giugno 2020

Elena Isinbaeva e la Madre Russia

Un modello tutto russo di “femminismo”.
Storie
Leonardo Palma
31 Maggio 2020

Harukichi Shimoi: il samurai tra Dante, D’Annunzio e Mussolini

Un giapponese a Fiume tra ju-jitsu, imprese aeronautiche e studi danteschi.
Ritratti
Andrea Antonazzo
3 Maggio 2020

Rey Mysterio, fra tradizione e marketing

Il luchador mascherato più famoso al mondo e il significato della maschera.
Cultura
Leonardo Palma
1 Aprile 2020

La maschera dell’Uomo Tigre

Dietro la maschera del celebre lottatore manga si cela un vasto immaginario legato al Giappone del secondo dopoguerra.
Ritratti
Giuseppe Genna
19 Marzo 2020

Lev Yashin, l’acchiappasogni

Trent'anni fa ci lasciava l'uomo che ha rivoluzionato il ruolo di portiere.
Storie
Antonio Aloi
14 Marzo 2020

Le origini della Muay Thai

Vita e lotta nella Thailandia profonda.
Ritratti
Antonio Aloi
1 Febbraio 2020

Giorgio Petrosyan

Il Dottore che ha scelto di vivere.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno 2018

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Recensioni
Gezim Qadraku
14 Giugno 2018

Mosca Football Guide

Alla scoperta del calcio nella capitale russa.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
28 Febbraio 2018

Il silenzio di Arshavin

L’amor perduto di Leningrado.
Storie
Michelangelo Freda
21 Novembre 2017

Shakhtar Donetsk, tra guerra e politica

In Ucraina si sta consumando da anni una guerra geopolitica, militare e infine anche calcistica.
Altro
Leonardo Palma
25 Settembre 2017

L’uomo che pensa

La trilogia di Batman e il Keysi Fighting Method.
Storie
Maurizio Fierro
9 Settembre 2017

Scacco matto

Quando pallacanestro e scacchi significarono Guerra Fredda.
Altro
Leonardo Palma
13 Luglio 2017

Sopravvivere a Belfast

Sporcarsi le mani in combattimento per salvare la pellaccia.
Ritratti
Leonardo Palma
13 Giugno 2017

Conor McGregor, pioggia d’Irlanda

Le radici profonde e le origini.
Altri Sport
Samantha Casella
5 Maggio 2017

I dominatori del ghiaccio

Tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta l'hockey su ghiaccio ha avuto un padrone assoluto: la Russia. Tre nomi hanno fatto la storia: Valerij Charlamov, Vjaceslav Fetisov e Vladislav Tretiak.