Carrello vuoto
Calcio
29 Agosto

This is (not) England

Lorenzo Santucci

44 articoli
Esiste ancora l'identità britannica?

Negli ultimi anni ci siamo abituati ad un calcio sempre più internazionale, che tende ad aprirsi a nuove frontiere. Frontiere che sono ricche di risorse, soprattutto economiche ovviamente. Dimentichiamoci i vecchi presidenti tifosi che investivano per amore, dove le spese erano sì pazze, ma fatte con il cuore e per la gioia della tifoseria; il club è diventato un’azienda a tutti gli effetti, dove il segno più a fine stagione è meglio averlo nelle casse della società piuttosto che nella bacheca dei trofei.

 

Nel 1962 Betty Curtis usciva con una canzoncina intitolata Soldi, Soldi, nella quale veniva cantata la bellezza dell’essere ricchi. Ed i ricchi, si sa, investono dove il mercato offre maggior possibilità di guadagno. Probabilmente, anzi sicuramente, quando parliamo della bellezza del calcio anglosassone dobbiamo mettere in conto che questo tipo di calcio, lasciando da parte gli aspetti tecnico-tattici, è stato rivoluzionato dall’arrivo di acquirenti stranieri. Prima di loro, la Premier League (chiamata con questo appellativo solo dal 1992), era un campionato povero di talenti, non il punto di arrivo per un calciatore come è attualmente.

 

Sulla destra, il primo ministro degli Emirati Arabi e presidente del Manchester City, Sheikh Mansour.
Sulla destra, il primo ministro degli Emirati Arabi e presidente del Manchester City, Sheikh Mansour

 

Nel 2016 su venti squadre inglesi ben quindici erano di proprietà straniera. Un caso abbastanza particolare, unico si potrebbe dire. Proprio pochi giorni fa, il Southampton, già svizzero, di Khatarina Liebherr è diventato per l’ottanta per cento cinese. Una delle prime ad affidarsi a soldi esteri è stata il Chelsea, che grazie agli investimenti di Roman Abramovic è riuscita a tornare più volte sul trono d’Inghilterra ed anche d’Europa. Anche la città di Manchester è stata sottoposta a questo esperimento, con esiti differenti per le due sponde calcistiche della città: il City che, dopo aver convissuto per anni con stagioni fallimentari e dormito sotto l’ombra dei trofei reds, è tornata a lottare su tutti i fronti e lo United, che a dirla tutta non ha mai avuto problemi di vittorie, dopo esser passata sotto la dirigenza americana ha continuato a vincere (grazie anche alla leggenda di Sir Alex), ma ha dovuto fare i conti con un problema più grande, forse. Non pochi tifosi, infatti, hanno fatto notare il loro disappunto per questo passaggio di consegne.

 

Forse non fiduciosi delle intenzioni dei nuovi proprietari (che fa riferimento alla famiglia Glazer), o semplicemente contrari ad una dirigenza che non potesse comprendere fino in fondo quello che potesse significare lo United (vedasi in Italia i casi attuali di Inter e Roma), fatto sta che da questa protesta si è dato vita ad una realtà calcistica molto più popolare, che incarna in pieno il pensiero calcistico dei tifosi e che adesso inizia a far parlare di sé nelle categorie più basse della federcalcio inglese: lo United of Manchester. Ma è un qualcosa di raro che una squadra basata sull’azionariato popolare riesca a farsi strada, riuscendo anche a trovare i fondi necessari per poter costruire uno stadio di proprietà. Il motivo è semplice e, inevitabilmente, sempre lo stesso: i soldi fanno girare il mondo e chi ne ha di più possiede sicuramente maggiori opportunità di ottenere i risultati.

 

E’ un concetto banale, ma è bene ricordare che in un investimento quel che conta è rientrarci, ed ora nel mondo del calcio funziona così. Come riporta Calcio e Finanza, uno studio realizzato dal giornalista David Conn ha spiegato il perché sempre più americani cercano di investire nel campionato inglese. Eppure il calcio è uno sport molto lontano dall’identità statunitense (seppur in grande crescita, sempre grazie all’arrivo di proprietari stranieri guarda caso). Quello che è emerso è che la maggior parte di questi ultimi tenta di fare soldi sul valore di capitale crescente del club, incentivati anche dalla gestione dei diritti tv e dal controllo dei costi.

 

Il distacco passionale e coraggioso dei tifosi del United of Manchester.
Il distacco passionale e coraggioso dei tifosi dello United of Manchester

 

Emirati Arabi, Cina, Usa: economie forti che hanno deciso di investire nella patria del calcio. E del football, quello originario, che cosa ne rimane? E’ una domanda lecita, a cui è difficile dare una risposta del tutto oggettiva. I così chiamati romantici potrebbero essere i primi a scagliarsi contro questo tipo di gestioni, ma chi vive di passato, si sa, non può guardare con lucidità al presente né tantomeno al futuro. Il mondo è in continua evoluzione e se decidiamo di rimanere in questo sistema economico bisogna accettare i cambiamenti che esso richiede. Soprattutto, bisogna riconoscere ciò che di positivo hanno portato questi investitori all’interno del panorama calcistico.

 

La Premier League è, a detta di molti, il campionato più bello del mondo. Veloce, poco tattico e altamente spettacolare. Ma come è riuscito a diventare così affascinante? Dare totalmente i meriti a chi ha deciso di investire su squadre inglesi sarebbe sbagliato, ma grazie a loro hanno iniziato ad approdare oltremanica i migliori giocatori in circolazione, che con un tipo di gioco simile hanno dato inizio ad un matrimonio perfetto. Il calcio, in questo momento, dovrebbe essere inteso un po’ come la cucina. Il paragone è abbastanza azzardato ma altamente metaforico: la cucina che adesso va per la maggiore è quella capace di saper coagulare nella giusta maniera la tradizione all’innovazione. Il gioco del pallone deve saper fare lo stesso. La bellezza del calcio inglese risiede soprattutto nei tifosi, stadi sempre gremiti di gente. E’ vero, rispetto a venti o trenta anni fa molte cose sono cambiate, ma ciò è dovuto alle politiche intraprese durante questi anni e non a chi ha deciso di puntare forte su un club.

 

Roman Abramovich, magnate russo proprietario del Chelsea.
Roman Abramovich, magnate russo proprietario del Chelsea.

Il problema degli hooligans ha portato il governo di Margaret Thatcher, allora Primo Ministro, ad alzare drasticamente il prezzo dei biglietti in modo tale che a vedere le partite ci andasse solamente chi davvero poteva permetterselo (un motivo in più forse per apprezzare la bellezza del progetto dello United of Manchester). In questi casi, come in quello dell’ormai ex tessera del tifoso italiana, i club non possono far altro che mettere in atto ciò che viene deciso. Con alcune variazioni magari, ma il concetto rimane lo stesso. Un esempio di come queste dirigenze stiano attente a non snaturare l’identità calcistica l’abbiamo avuta proprio nella primavera passata: la società del Manchester United ha deciso di pagare la trasferta di Rostov, in Europa League, per via dei prezzi molto alti del visto.

 

Allo stesso modo, per via di un cambiamento di giorno e di orario, l’Everton ha deciso di rimborsare ai tifosi o l’intero costo della trasferta in Galles contro lo Swansea o solamente il viaggio. Insomma, le società ai loro tifosi ci tengono. E’ vero che puntano maggiormente agli introiti, ma sono consci del fatto che senza tifoseria non sarebbero niente. E’ un concetto antico ma vero nel mondo del calcio. In Inghilterra lo hanno capito, magari con il tempo si inizierà a farlo anche altrove. E per rispondere alla domanda che ci siamo posti prima, tranquilli: l’identità anglosassone è viva e lo sarà ancora per diverso tempo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Leonardo Arigone
28 Maggio 2022

El fútbol vuelve a casa

Il calcio è argentino, non inglese.
Estero
Marco Marino
9 Maggio 2022

Il Salford City, tra cuore e denaro

A Manchester non ci sono solo City e United (forse).
Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Estero
Vito Alberto Amendolara
11 Aprile 2022

Manchester City-Liverpool, e tutto il mondo fuori

Da qui passano i destini del calcio attuale (non solo inglese).
Papelitos
La Redazione
7 Marzo 2022

La resa totale del Manchester United

Per dirla con Roy Keane: “non voglio più vedere 5-6 giocatori”.
Estero
La Redazione
13 Febbraio 2022

Perché nessuno parla del City Football Group?

Più che un gruppo una multinazionale.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
31 Dicembre 2021

Caro Romelu, non funziona così

Troppo facile giurare adesso amore eterno.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Papelitos
Andrea Antonioli
30 Novembre 2021

Il Chelsea ha tracciato la via

Colonizzare il calcio con l'Academy.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Vito Alberto Amendolara
17 Novembre 2021

Il tempo del Kun

Una carriera vissuta in un attimo.
Ritratti
Marco Metelli
17 Novembre 2021

Louis van Gaal, maestro di vita

L'evoluzione di un allenatore incredibile.
Cultura
Emanuele Iorio
11 Novembre 2021

Joe Strummer, blue is the color

Frontman dei The Clash, ultras del Chelsea.
Italia
Edoardo Franzosi
6 Novembre 2021

Moriremo americani

Il nostro calcio è sempre più a stelle e strisce.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Papelitos
Marco Armocida
30 Settembre 2021

L’Italia chiamò

La Juventus è tornata (italianissima).
Altri Sport
Antonio Aloi
26 Settembre 2021

Joshua vs Usyk, il ritorno della grande Boxe

L'incontro nella contea del Middlesex è stato tutto ciò che il Pugilato con la P maiuscola esige.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Estero
Diego Mariottini
30 Luglio 2021

La regina d’Inghilterra era Geoff Hurst

55 anni fa, l'unica tripletta in una finale mondiale.
Italia
Lorenzo Ottone
18 Luglio 2021

Il (difficile) Rinascimento italiano

La patria del tifo non ha un tifo nazionale.
Editoriali
Andrea Antonioli
11 Luglio 2021

Gareth Southgate, l’inglese

Unire il Paese attraverso il football.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Estero
Emanuele Meschini
7 Luglio 2021

It’s (not) coming home

Storia controculturale dell'inno calcistico inglese per eccellenza.
Estero
Luca Pulsoni
30 Giugno 2021

L’Inghilterra non convince, ma vince

E può sfruttare un tabellone favorevolissimo.
Editoriali
Lorenzo Ottone
29 Giugno 2021

Che fine ha fatto l’Inghilterra

Una nazionale che sembra aver perso la sua anima.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Maggio 2021

Sempre il solito Conte

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Maggio 2021

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio 2021

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
Ritratti
Diego Mariottini
22 Maggio 2021

George Best, lunga vita ai ribelli

Il più grande affronto ad Eupalla.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio 2021

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Podcast
La Redazione
15 Maggio 2021

Albione tradita

Insieme ad uno dei massimi esperti del calcio inglese in Italia e non solo, abbiamo parlato della crisi d'identità della Premier League, sempre meno inglese e sempre più americana (spettacolarizzata, patinata, in una parola tradita).
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Ritratti
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2021

David Beckham, il professionista

La persona prima del personaggio.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Storie
Massimiliano Vino
27 Marzo 2021

L’impero britannico si è forgiato nello sport

444 milioni di sudditi uniti da football, rugby e cricket.
Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio 2021

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Editoriali
Roberto Gotta
10 Gennaio 2021

Non è più la nostra FA Cup

Il (fu) torneo più bello del mondo.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Recensioni
Emanuele Meschini
30 Dicembre 2020

La solitudine di Paul Gascoigne

Il documentario su Gazza è differente, come lui.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Ritratti
Andrea Mainente
14 Dicembre 2020

L’insostenibile leggerezza di Michael Owen

Bruciare le tappe per poi infine bruciarsi.