Carrello vuoto
Ritratti
21 Febbraio

Thomas Muster

L'Ercole moderno del tennis, che dopo un tragico incidente è riuscito a diventare n. 1 del mondo e a vincere il Roland Garros.

Un ragazzo di ventidue anni i cui occhi lo fanno già sembrare un uomo, seduto su una strana panca, la gamba sinistra ingessata, concentrato a rimandare centinaia, migliaia di diritti e rovesci su un campo da tennis. È forse questa l’immagine che più di ogni altra evoca la figura di Thomas Muster, una sorta di Eracle moderno; Ercole per i romani, che anziché destreggiarsi nelle dodici fatiche per quattordici anni della sua vita ha sgobbato sui campi da tennis di tutto il mondo, che invece di affrontare serpenti dalle molteplici teste, leoni e uccelli dalle piume affilate come lame ha sfidato campioni del calibro di Ivan Lendl, John McEnroe, Jimmy Connors, Boris Becker, Stefan Edberg, Mats Wilander, Sergi Bruguera, Michael Chang, Pete Sampras, Jim Courier e Andre Agassi.

Nato il 2 ottobre del 1967 a Leibnitz, da bambino  Thomas eccelle nel tennis quanto nel calcio. Compiuti dodici anni però, il padre gli impone di compiere una scelta: o la racchetta o il pallone. Thomas opta per il tennis. Nel giungo del 1985 l’austriaco raggiunge la finale al Roland Garros Juniores dove viene sconfitto dal peruviano Jaime Yzaga, ma è proprio nell’arco di quelle due settimane che avviene l’incontro più importante della sua vita. A Parigi, Thomas entra in sintonia con Ronnie Leitgeb, all’epoca giornalista radiofonico per un network austriaco. Il non ancora diciottenne si apre, parla dei suoi problemi con la Federazione Austriaca, del fatto che vuole diventare un professionista con tutte le sue forze eppure non sa da che parte cominciare.

Alcuni giorni dopo Leitgeb interpella Wojitek Fibak, a quei tempi coach di Ivan Lendl, ed il polacco offre a Thomas l’opportunità di allenarsi insieme a loro. Qualche mese dopo sarà lo stesso Fibak a suggerirgli una persona a suo giudizio adatta per prendersi cura di lui non solo come allenatore ma anche come manager e finanziatore: Ronnie Leitgeb.

Thomas Muster mit Pokal (AUT)
Muster con la coppa del Roland Garros 1995

A fine anno, quel taciturno biondino tutto gambe e cuore, i cui top spin esasperati diventano giorno dopo giorno sempre più profondi ed incisivi, è il n.98 del mondo. Il primo titolo ATP per Muster arriva il 3 agosto del 1986 sulla terra rossa di Hilversum, quando sconfigge in finale Jacob Hlasek 6-1 6-3 6-3. Dopo aver bazzicato per un annetto intorno alla cinquantesima posizione del ranking, nel 1988 è pronto per il grande salto e nel 1988, dopo aver conquistato ben cinque tornei, chiude la stagione come n.16 del mondo.

L’anno dopo inizia la scalata alla top ten e, a suon di pedalate e velenose rotazioni riesce ad addomesticare anche il cemento di Miami, allora Key Biskayne, tanto da recuperare due set di svantaggio e maciullare alla distanza un cavallo di razza quale Yannick Noah ed agguantare la finale che lo avrebbe visto opposto ad Ivan Lendl se solo una Lincoln Continental 1983 guidata da un trentasettenne cubano senza patente, tale Robert Norman Sobie, non si fosse schiantata contro il bagagliaio della sua auto mentre Thomas stava riponendo le racchette. L’austriaco si salva ma il paraurti gli taglia sia il collaterale mediale che il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.

Solo il ranking sembra non mettere in dubbio il ritorno di Thomas tanto da issarlo fino al sesto gradino. Operato a Vienna, i medici non gli garantiscono che possa tornare a camminare normalmente e per Muster ha inizio un calvario fatto di estenuanti sedute di riabilitazione, seguite da ore ed ore consumate a tirare sbadilate seduto sulla panca speciale, ideata dal pigmalione Leitgeb.

Thomas-Muster-panca
I primi allenamenti di Muster dopo l’incidente

Nel 1989 si presenta ad Adelaide ed il 7 gennaio conquista il torneo battendo in finale Jimmy Arias 6-1 6-7 7-5. A marzo è la volta di Casablanca, il 20 maggio incide il suo nome sull’albo d’oro degli Internazionali d’Italia dove supera 6-1 6-3 6-1 Andrei Cesnokov. Dopo aver accarezzato per una seconda volta la sesta posizione in classifica, a fine anno è settimo. Non solo, è anche esausto, per questo motivo a dicembre non vuole partire per l‘Australia. Ronnie Leitgeb non è dello stesso avviso e, autoritario come sempre, il giorno stabilito si presenta all’aeroporto. Si ritrova però solo e, di riflesso, Thomas perde il suo coach.

L’austriaco si da alla bella vita, inizia a trascorrere le sue giornate tra Parigi e Londra, fuma un pacchetto di sigarette al giorno, esce tutte le sere e beve a più non posso. Finché una mattina di febbraio decide di andare a fare una corsetta e si rende conto di non riuscire a spezzare il fiato. Thomas riprende ad allenarsi in previsione della stagione sulla terra battuta ma a Montecarlo si presenta in sovrappeso di otto kg e viene spazzato via al primo turno da Paloheimo. Caso vuole che all’incontro assista anche Ronnie Leitgeb. La sola domanda che l’ex coach gli riesce a porre è: «cosa vuoi fare della tua vita?». Crollato a n.116 del mondo, la risposta di Thomas Muster non può essere che una sola: «fare tutto il possibile per risalire».

L’austriaco riparte dai tornei minori come Firenze e Ginevra, entrambi vinti ai danni del connazionale e mai amico Horst Skoff (morto nel 2008 ad appena quarant’anni a causa di un infarto) ed anche la classifica riprende ossigeno: a dicembre del 1991 è il numero 35. Da quel momento la carriera e la vita di Thomas Muster diventano una cosa sola. Dalla vittoria a Montecarlo nell’aprile del 1992, al ventesimo titolo in carriera, il settimo stagionale, acciuffato a Palermo nell’ottobre del 1994 ai danni di Sergi Bruguera; Muster prosegue il suo cammino inanellando un’incredibile striscia positiva nel 1995 con i successi a Città del Messico, Estoril, Barcellona, e Montecarlo al termine di un’epica finale vinta 4-6 5-7 6-1 7-6 6-0 su l’acerrimo nemico Boris Becker; e poi ancora Roma, fino all’apoteosi del  12 giugno 1995 al Roland Garros, dove sconfigge in finale Michael Chang.

Una stagione coronata da ben 12 titoli, un poema consacrato il 12 febbraio del 1996 quando anche il computer lo riconosce n.1 del mondo. Ma non è tutto, nell’arco del 1996 arriva anche il terzo sigillo prima a Barcellona, poi a Montecarlo ed infine a Roma. Nel 1997 arriveranno anche il terzo ed il quarto titolo su una superficie che non sia la terra rossa, i quali coincideranno con il 43esimo ed il 44esimo titolo assoluto. Prestigiosi sono i teatri in cui si consumano le vittorie: a Dabai, dove spezza Goran Ivanisevic, e sul cemento di Miami, un luogo carico di significati, ideale chiusura di un cerchio anche per il fato, forse responsabile dell’eliminazione di Pete Sampras da parte di Sergi Bruguera più dello spagnolo stesso, poi offerto vittima sacrificale sull’altare dell’austriaco nell’atto conclusivo.

«In molti hanno detto che sono stato sfortunato, che a differenza di adesso ai miei tempi c’erano almeno dieci giocatori che avevano la possibilità di vincere il Roland Garros. Io non so cosa pensare in proposito. So che ho vinto la mia unica prova del Grande Slam a ventotto anni, che sono diventato n.1 del mondo. Forse avrei potuto vincere altri slam. Ma allo stesso tempo, anni prima, mi era stato detto che non avrei mai più potuto giocare a tennis, quindi forse non mi è andata tanto male. No, non mi sento sfortunato. E non voglio essere ricordato per un giocatore che a causa di un episodio sfortunato non ha vinto quanto avrebbe potuto. Semmai mi piacerebbe essere ricordato come un vero atleta, uno che si è dato al 100%, che ha lottato per raggiungere i suoi traguardi in modo onesto, che ha amato lo sport, l’agonismo nella sua essenza, che non ha mai mollato, fino alla fine». Una volta spentosi il grande fuoco che lo animava, di Thomas Muster è rimasto un lume destinato a far rifulgere per l’eternità quelle simboliche colonne che lui, l’Ercole moderno, ha eretto come termine del suo straordinario quanto faticosissimo viaggio.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Ritratti
Luca Capponi
30 Aprile 2022

Boris Becker, sempre al massimo

Bum-Bum è stato il prodigio del tennis mondiale, ora è sull'orlo della bancarotta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
18 Aprile 2022

Montecarlo tra terra, mare e cielo

Rivoluzione di costume ma soprattutto tecnica.
Interviste
Luca Capponi
23 Marzo 2022

Djokovic contro tutti

Intervista a Simone Eterno, autore di “Contro: vita e destino di Novak Djokovic”.
Tennis
Giulia De Agnoi
11 Febbraio 2022

Camila Giorgi, originale non risolto

La tennista, la modella, la donna.
Tennis
Diego Mariottini
2 Febbraio 2022

Fred Perry non è solo un marchio

Il più grande tennista britannico, allergico all'etichetta.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Tennis
Andrea Antonioli
14 Novembre 2021

Carlos Alcaraz, un selvaggio meccanico

Crudele e animalesco, venuto per sbranare il tennis.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Settembre 2021

Djokovic è umano, dopo tutto

L'automa che si scoprì fragile.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Settembre 2021

Vincere e sorridere come Emma Raducanu

La britannica è entrata nella storia vincendo gli U.S. Open partendo dalle qualificazioni.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
4 Luglio 2021

Amare la prima settimana degli Slam

Il cuore dei Major è la culla degli appassionati.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno 2021

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Tennis
Raffaele Cirillo
25 Giugno 2021

Pete Sampras contro il tempo

Essere il più grande ha le sue responsabilità.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
21 Giugno 2021

Matteo Berrettini non fa notizia

Il più forte tennista italiano si è imposto al Queen's.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
3 Giugno 2021

Osaka contro Osaka

Cosa ci dice la giapponese del tennis e del mondo contemporanei
Tennis
Filippo Peci
19 Aprile 2021

Maria Sharapova e lo spirito di gravità

La tennista russa è stata una grande promessa dello sport mondiale, mantenuta solo a metà.
Tennis
Jacopo Natali
7 Marzo 2021

Ivan Lendl, la classe al servizio della dedizione

Il primo tennista moderno, che ha trasformato un gioco in uno sport.
Tennis
Samantha Casella
16 Febbraio 2021

Quel genio pazzoide di John McEnroe

SuperBrat, il ribelle del tennis, compie 62 anni.
Tennis
Francesco Albizzati
19 Gennaio 2021

Stefan Edberg era estetica allo stato puro

Un genio del tennis in giacca e cravatta.
Tennis
Edoardo Biancardi
4 Gennaio 2021

Sampras v Federer 2001: il re è morto

Wimbledon, campo centrale. Lunga vita al (nuovo) re.
Tennis
Andrea Crisanti
3 Gennaio 2021

Marat Safin non è uno di noi

L'uomo che visse una vita mille volte.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
14 Novembre 2020

Buona la prima, ma è solo l’inizio

Un altro record di precocità, che deve essere solo il punto di partenza.
Tennis
Marco Armocida
2 Novembre 2020

Andre Agassi e la morte del padre

Nel tennista americano si condensa la psicologia del Novecento.
Tennis
Andrea Crisanti
19 Ottobre 2020

Mario Fiorini, la modestia oltre la rete

Sacrificare i riflettori per la passione.
Tennis
Andrea Antonioli
7 Settembre 2020

Il tennisticamente corretto ha stroncato Djokovic

Ormai la narrazione ha superato la realtà.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
31 Agosto 2020

Caravaggio, violenza e pallacorda

E di come l'antenato del tennis ha segnato la vita del genio.
Tennis
Paolo Pollo
29 Agosto 2020

Perché Djokovic non riesce a farsi amare

L'unico riconoscimento che manca al numero uno del mondo.
Tennis
Guido Dell'Omo
23 Agosto 2020

Match Point, o dell’essenza della vita

Il tennis e l'esistenza secondo Woody Allen: un intreccio di Fortuna e Volontà.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Luglio 2020

Il nostro tennis è Rino Tommasi e Gianni Clerici

Una coppia da circoletto rosso che non potremo mai dimenticare.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Tennis
Niccolò Maria de Vincenti
24 Giugno 2020

Roma, maggio, il tennis

Gli Internazionali d'Italia si terranno a settembre, e sarà tutto diverso.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
29 Aprile 2020

Andre Agassi per vincere le tenebre

La vita stessa di Vegas' Kid è letteratura (sportiva).
Tennis
Diego Mariottini
23 Novembre 2019

Il glorioso principio di Boris Becker

Come il tedesco si impose, ancora minorenne, a Wimbledon nel 1985 da (quasi) perfetto sconosciuto. Le stimmate di un fuoriclasse della racchetta.
Tennis
Carlo Garzotti
11 Novembre 2019

Jannik Sinner è un predestinato

Jannik Sinner, classe 2001, è già più che una speranza per il tennis italiano.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
10 Settembre 2019

Quel genio maligno di Daniil Medvedev

O di come lo Zarevich è pronto a scalare il tennis mondiale: a modo suo, ovviamente.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
13 Luglio 2019

Federer-Nadal è poesia

Wimbledon, 12 luglio 2019: l'ennesimo atto di un'eterna sfida.
Tennis
Davide Bartoccini
15 Maggio 2019

Battle of Sexes

L'ossessione femminista per l'unfair competition scardinata da uno sbronzo crucco nel gennaio del '98. Karsten Braash, eroe per caso.
Ritratti
Nicola Ventura
6 Febbraio 2019

Giampiero Galeazzi

Bisteccone e la sua genuinità, una storia da raccontare.
Altro
Alessandro Mastroluca
18 Ottobre 2018

Un americano a Parigi

Vita, meriti sportivi e carattere di Jim Courier, l'esprit de finesse e galantuomo del tennis.
Tennis
Luca Capponi
11 Settembre 2018

Nick Kyrgios, il cocco di mamma

Un ragazzone incompreso che voleva solo giocare a basket.
Tifo
Gianluca Palamidessi
1 Agosto 2018

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
11 Giugno 2018

Roi Rafael XI et reine Simona: la Francia è vostra!

Infranto ogni record, Nadal resta imbattibile, e tra le donne trionfa finalmente Halep. Dietro di loro sorprese, sogni infranti, qualche delusione e tanto tanto buon tennis.
Tennis
Simone Spada
9 Giugno 2018

Cecchinato, il cervello prima di tutto

L'avventura parigina di Marco Cecchinato è un sogno costruito sul lavoro, è una redenzione sportiva che, se interpretata bene, può essere l'inizio di una nuova carriera.
Tennis
Simone Morichini
6 Giugno 2018

Cecchinato, un italiano a Parigi

Marco Cecchinato compie l'impresa che nessuno avrebbe pronosticato, ma non si tratta di un miracolo. 40 anni dopo Barazzutti c'è un italiano in semifinale all'Open di Francia.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio 2018

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Tennis
Alberto Girardello
23 Aprile 2018

Nadal e Jungles, epifanie e conferme

Nadal trionfa a Montecarlo mentre Jungels vince la sua prima grande gara, la Liegi-Bastogne-Liegi.
Tennis
Nicola Caineri Zenati
16 Aprile 2018

Il re e il suo trono

Con la stagione sulla terra rossa si aprono le danze per il campione di Maiorca, quel Rafael Nadal che ha costruito su questa superficie il suo monopolio. Eppure le incognite sono tante, tra la mancanza dei big e le nuove stelle nascenti.
Tennis
Alberto Girardello
19 Marzo 2018

Del Potro, Federer e la personalità dell’arbitro

Del Potro batte Federer al Master1000 di Indian Wells, e pure con l'occhio di falco resta il problema della personalità dell'arbitro.
Tennis
Michele Alinovi
19 Febbraio 2018

Numero uno

Siamo cresciuti nell'epoca di Roger Federer, il più grande di tutti i tempi.
Ritratti
Edoardo Pastorello
17 Febbraio 2018

LLeyton Hewitt

Un tennista capace di restare 80 settimane al n.1 ATP imploso su se stesso, perché spesso grinta e abnegazione non sono sufficienti.