Papelitos
15 Luglio 2023

Buttiamo in mare il tifoso ragioniere

Dovremmo sognare e ci ritroviamo a contare.

Ieri sera sentivo che l’Inter dovrebbe pagare 6 milioni al Bayern Monaco per liberare il portiere Sommer ma, visti i “buoni rapporti” tra i due club, il Biscione potrebbe anche ottenere uno sconto. Che pena, amici. Qualche anno fa il buon Massimone avrebbe chiuso il discorso svuotando il portamonete, e rimarcando con accento bauscia che l’amico bavarese avrebbe potuto tenersi il resto. Al di là della nostalgia, l’amara e lapalissiana verità è che sono cambiati i tempi, ma soprattutto siamo cambiati noi tifosi.

Un tempo il calciomercato evocava speranze e sogni, evasioni da dormiveglia sotto l’ombrellone, con il giornale stretto tra le mani. Le nostre fantasie amorose andavano di pari passo con le trattative: l’entusiasmo per gli amori sbocciati a giugno, la delusione per i tradimenti di luglio, l’ansia per le conquiste di fine agosto, le promesse di rivedersi al prossimo solstizio estivo. Oggi abbiamo perso quella spensieratezza, la voglia di vivere e di rischiare fino a soffrire, di abbandonarci ad utopie infantili, costruendo castelli di sabbia destinati ad essere travolti dalla prima onda.

Siamo diventati freddi, calcolatori e volgari, come chi parla sempre di soldi perché non ne ha.

Con un lessico fintamente forbito, una trama di supercazzole per non confessare la crisi tecnica e gestionale, prima ancora che economica, del nostro calcio, ci hanno corrotto la lingua e quindi avvelenato la mente. Ci ritroviamo a straparlare della diversa convenienza tra obbligo e diritto di riscatto, di bonus, di percentuali sulla futura rivendita, sulla necessità “di vendere prima di comprare”. Abbiamo perso il senso dell’estate e del calciomercato. L’evasione dai nostri problemi quotidiani, dal caro benzina ed energia, dal mutuo e dall’affitto, dall’inflazione che ci mangia la busta paga. Non sappiamo più emozionarci per una giocata ed un sorriso; prima ancora di rincorrere un onirico aquilone di piacere, facciamo i conti su quanto costerebbe vestire il 10 con la nostra maglia e portare la bella fuori a cena.

Inutile vivere fuori dal mondo, rifugiarsi nella nostalgia e rimpiangere il Presidente principe rinascimentale, ma almeno rivendichiamo il diritto di fare gli splendidi con il portafoglio altrui! Proprio perché i tempi impongono risparmio, revisioni di spesa e la cinghia tirata, reagiamo in senso contrario. Al costo di passare per illusi ed insoddisfatti a settembre, esigiamo che il fondo straniero faccia follie e che il presidente (in primis se straniero) dilapidi il patrimonio di famiglia per la gioia egoistica di noi tifosi. La società non deve investire, deve spendere, in barba all’ipocrita fair play finanziario. Un invito alla frode finanziaria? Nemmeno per scherzo, anche se chi dovrebbe vigilare su condotte penali e finanziarie permette agli squali di continuare a nuotate nelle solite acque (chiedere di Ferrero, Tacopina, e co.). Dobbiamo ripudiare la pesantezza del revisore di conti, svestire i panni del contabile, riscoprire la beata leggerezza dell’essere tifosi. D’altronde si dice che sognare non costi nulla.

Gruppo MAGOG

Alberto Fabbri

81 articoli
Tifare alla giapponese
Ultra
Alberto Fabbri
17 Gennaio 2024

Tifare alla giapponese

Come adattare il modello da stadio nel Paese del Sol Levante.
Andare ai tori non è andare allo stadio
Ultra
Alberto Fabbri
29 Dicembre 2023

Andare ai tori non è andare allo stadio

La corrida non è uno sport, bensì un mistero.
Voci da Sarajevo
Ultra
Alberto Fabbri
19 Settembre 2023

Voci da Sarajevo

Il tifo di una città, le culture di un popolo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

L’anti juventinismo è il nuovo grillismo
Editoriali
Andrea Antonioli
23 Maggio 2023

L’anti juventinismo è il nuovo grillismo

Un giustizialismo vittimista che ha fatto il suo tempo.
Nereo Rocco, il Paròn degli italiani
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Febbraio 2024

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Bellerin: il mondiale itinerante è un insulto ai tifosi
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Febbraio 2024

Bellerin: il mondiale itinerante è un insulto ai tifosi

Il difensore spagnolo ha parlato ancora una volta senza filtri.
Raf Vallone fino alla fine dei giorni
Ritratti
Michele Larosa
17 Febbraio 2024

Raf Vallone fino alla fine dei giorni

Le innumerevoli vite di un uomo straordinario.
Dario Fabbri, lo sport come linguaggio dei popoli
Interviste
Jacopo Gozzi
16 Febbraio 2024

Dario Fabbri, lo sport come linguaggio dei popoli

Intervista sportiva alla voce della geopolitica italiana.