Carrello vuoto
Tifo
24 Aprile

I tifosi salveranno il calcio

Jacopo Benefico

18 articoli
Il calcio è del suo popolo, non dei consumatori.

La tempesta mediatica alimentata dall’introduzione (e rapida dissoluzione) della Superlega ha riportato al centro del dibattito diverse tematiche. Una su tutte, quella relativa a coloro che il calcio lo vivono con impareggiabile passione e che, tra le altre cose, lo alimentano con i propri soldi. I tifosi.

 

 

In questi giorni abbiamo potuto vedere come i supporters siano stati tirati in ballo da ogni fronte, partendo proprio dalle dichiarazioni di Andrea Agnelli che, dopo aver annunciato la creazione della nuova competizione europea, ha dichiarato:

«La Super League è per i tifosi. Vogliamo un programma che alimenti il desiderio del calcio».

 

Sorge immediatamente una domanda: a quali tifosi si riferisce esattamente? Probabilmente ai clienti o abbonati digitali di cui hanno bisogno le società di oggi. Non di certo a coloro che seguono la propria squadra in ogni dove, e che non hanno bisogno di una Superlega per appassionarsi allo sport che amano dalla culla.

 

 

Dopo le sparate del patron bianconero, non si sono fatte attendere le parole di altri autorevoli esponenti delle più grandi organizzazioni governative del calcio. In primis Čeferin, presidente UEFA, che non solo ha accusato i club coinvolti di avidità – da che pulpito – ma ha aggiunto che «il progetto è uno sputo in faccia ai tifosi».

 

Poi è stato il turno di Gianni Infantino, numero uno della FIFA, che al congresso UEFA tenutosi a Montreux ha detto: «Sono qui oggi per dare pieno supporto al calcio europeo, alla UEFA, alle 55 federazioni, alle leghe, ai club, ai giocatori e a tutti i tifosi».

 

superlega tifosi chelsea
Petr Cech circondato da tifosi del Chelsea in preda alla disperazione (Rob Pinney/Getty Images)

 

 

Risulta quantomeno bizzarro che costoro si ergano a difensori dei diritti dei tifosi, e abbiano la presunzione di sapere quali siano le loro necessità. Proprio loro che hanno contribuito alla commercializzazione e alla mercificazione spietata del calcio a discapito degli appassionati. Basta citare qualche esempio per capire quanto questi personaggi, novelli salvatori del pallone, abbiano realmente a cuore il calcio e il benessere dei tifosi.

 

 

Aumento esponenziale del costo dei biglietti – soprattutto nelle partite europee, vero Uefa?; pressoché totale abolizione dei settori popolari a vantaggio di ogni sorta di VIP area; calendari che prevedono partite il venerdì, il lunedì sera, il martedì alle 18, il mercoledì alle 15 e via discorrendo; finali di Supercoppe nazionali (di federazioni quindi affiliate all’UEFA), disputate in Cina o negli Emirati Arabi per meri scopi di lucro; assegnazione dei mondiali in Qatar, con tutti i lati oscuri del caso; mancanza di una vera regolamentazione che attutisca l’egemonia dei super-agenti; telenovela dei diritti TV che ogni anno costringe gli abbonati a migrare su sempre nuove piattaforme, sempre e comunque a pagamento; e chi più ne ha, più ne metta.

 

Per fortuna di questo sport, i mega manager non sono stati gli unici a parlare dei tifosi. Tra i primi a esporsi dopo la creazione della Superlega Gary Neville, che ha definito il progetto un «atto criminale» e in qualità di «tifoso del Manchester United da 40 anni» ha dichiarato che «i tifosi vanno protetti da questo scempio dettato dall’avidità».

 

Alle sue parole si sono aggiunte quelle di Gary Lineker – «Il calcio non è niente senza i suoi tifosi. Lo abbiamo visto chiaramente negli ultimi 12 mesi. Se i fan si oppongono a questo schema piramidale anti-calcio, può essere fermato sul nascere» –, di Jurgen Klopp – «Le cose più importanti del calcio sono i tifosi e la loro squadra, e dobbiamo assicurarci che niente si metta in mezzo tra di loro» – e di tantissimi altri addetti ai lavori.

 

 

Addirittura il Leeds del ‘loco’ Bielsa, nel riscaldamento dell’incontro di Premier contro il Liverpool, è sceso in campo con delle magliette che riportavano la scritta «Football is for the fans». A queste dichiarazioni si è poi aggiunto il pensiero, mai banale, di Eric Cantona: «Questi grandi club hanno chiesto ai tifosi cosa ne pensassero? No, purtroppo non l’hanno fatto. E questa è una vergogna».

 

arsenal superlega tifosi
Tifosi dell’Arsenal fuori dall’Emirates, con un messaggio molto chiaro (Justin Setterfield/Getty Images)

 

 

Dice bene Cantona, una vergogna. Non a caso sono subito “scesi in campo” i tifosi che popolano, o almeno popolavano, gli stadi, e che vivono per la propria squadra del cuore. In Inghilterra, forse agevolati dalle minori restrizioni in vigore, si sono immediatamente ritrovati in strada a protestare e a manifestare il loro dissenso. A Liverpool, sponda Reds, hanno prima annunciato che avrebbero immediatamente tolto le storiche bandiere dalla Kop, poi hanno appeso alcuni striscioni emblematici fuori dai cancelli di Anfield: «LCF fans against European Super League» e ancora «Shame on you, R.I.P LCF 1892-2021».

 

 

Anche le altre tifoserie inglesi non si sono fatte attendere, così i fan di Tottenham, Arsenal e Chelsea hanno espresso il loro totale disappunto facendo sentire la propria voce in ogni modo possibile. Gli ultimi, prima della sfida contro il Brighton, si sono presentati in massa fuori da Stamford Bridge a inveire contro la proprietà e il “folle progetto”. Durante la protesta è poi giunta la notizia che il club aveva deciso di fare un passo indietro, scatenando la pazza gioia dei supporters.

 

 

Anche in Italia, seppur in maniera più blanda, le tifoserie delle squadre coinvolte nel progetto si sono fatte sentire con striscioni e comunicati. Il più emblematico è sicuramente quello congiunto di Curva Sud Milano e AIMC (Associazione italiana Milan Clubs), nel quale i tifosi hanno scritto di non essere affatto stupiti di fronte al progetto della Superlega. Quest’ultimo è senz’altro da condannare, il senso del messaggio, ma Fifa e Uefa hanno solo spianato la strada in questi anni.

 

Due vecchi tifosi del Liverpool con un messaggio chiarissimo (Clive Brunskill/Getty Images)

 

 

Non sono state da meno anche tutte le altre tifoserie italiane, che hanno espresso una netta contrarietà. Alcuni, come atalantini e spezzini, auspicavano addirittura che la Superlega andasse in porto, cosicché il pallone dei meno potenti potesse riacquisire quella genuinità ormai perduta. Altri hanno semplicemente rimarcato il concetto per cui il calcio resta “della gente”, quasi una banale tautologia in un mondo normale. In ogni caso il messaggio è sempre lo stesso: disprezzo totale verso una competizione basata esclusivamente su logiche di mercato e conti in banca, peraltro segnati da debiti strutturali.

 

Così dopo il tramonto della Superlega, forse grazie anche alle innumerevoli manifestazioni di dissenso, i colletti bianchi di moltissimi club coinvolti hanno dovuto ritrattare.

 

Il primo è stato il patron statunitense del Liverpool, John W. Henry, che ha fatto ammenda pubblicamente con un video in cui, tra le altre cose, dice: «Voglio scusarmi con tutti i tifosi e sostenitori del Liverpool Football Club per lo sconvolgimento che ho causato». E ancora: «Sono desolato di avervi deluso. Sono io il responsabile della negatività che si è creata in questi giorni. Non lo dimenticherò e farò di tutto per riconquistare la vostra fiducia».

 

 

Poi è stata la volta del Ceo del Manchester City, Ferran Soriano, che ha inviato una lettera ai propri tifosi in cui si legge: «Il board si rammarica profondamente di aver preso una decisione che ha perso di vista i valori storici di questo club. Abbiamo fatto un errore e ci scusiamo sinceramente con i nostri fan per la delusione che gli abbiamo causato nelle ultime 72 ore».

 

 

In casa Inter, Beppe Marotta ha recentemente affermato che nella questione Superlega «sono stati sottovalutati alcuni aspetti importanti, tra cui la voce dei tifosi». Citando Gramellini, la disfatta del progetto dei dodici si può riassumere con il fatto che «i golpisti non hanno avuto il sostegno dell’esercito e della nomenclatura, rappresentati nel calcio dai tifosi e dalle vecchie glorie».

 

tifosi superlega chelsea
Intelligente ed emblematico messaggio di alcuni giovani sostenitori del Chelsea (Mike Hewitt/Getty Images)

 

 

Nonostante i validi e spassionati commenti di personaggi che il calcio lo vivono (o l’hanno vissuto) da protagonisti sul campo, le prese di posizione di leader politici e tifosi, e quelle di coscienza di alcuni dirigenti “scissionisti”, continua ad aleggiare nell’aria – soprattutto in casa Pérez e Agnelli – la convinzione secondo cui le nuove generazioni abbiano bisogno di un prodotto diverso. Più spettacolare, più interattivo e soprattutto più esclusivo.

 

 

Purtroppo per loro la realtà sembra essere assai diversa. La sollevazione popolare del mondo del calcio ha evidenziato come il tempo della rivoluzione oligarchica sia di fatto ancora lontano. E non si tratta del pensiero di una risicata minoranza nostalgica, bensì di un popolo che il calcio ce l’ha nelle vene e lo vive con trasporto incondizionato.

 

 

Lo sport più popolare al mondo ha evidentemente bisogno di un’evoluzione, che probabilmente sarebbe meglio chiamare rifondazione. C’è chi sostiene che il calcio si debba adattare alle nuove generazioni per evitare un disamoramento di massa, ma forse è proprio il contrario. Il segreto di questo sport è la sua semplicità: per questo il calcio è cultura di popolo e i tifosi, anche quelli giovanissimi del Chelsea scesi in piazza per ribadirlo, ne sono la prova.

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Gianluca Palamidessi
1 Aprile 2022

L’Iran impari dalla FIFA il rispetto dei diritti umani!

La battaglia liberale, democratica e moralista dell'occidente prosegue a vele spiegate.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Papelitos
La Redazione
4 Marzo 2022

Superlega, chi non muore ci riprova

Ciak 2, si gira: i golpisti tornano alla carica.
Editoriali
Andrea Antonioli
1 Marzo 2022

Figli e figliastri, da sempre

Ma davvero vi stupite dell'esclusione russa?
Basket
Filippo Chili
17 Febbraio 2022

Studiare l’Eurolega per capire la Superlega

Cosa potrebbe succedere se il calcio imitasse la pallacanestro?
Italia
Alberto Fabbri
12 Gennaio 2022

Palermo vive di calcio

Il tifo per i rosanero, il Palermo Calcio Popolare e l'amore per il meraviglioso gioco.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Ottobre 2021

Evil Beckham

L'Europa si è svegliata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Ottobre 2021

Scritto e diretto da Quentin Infantino

Mondiale ogni due anni? Sì, per i nostri figli!
Papelitos
Gianluca Palamidessi
5 Ottobre 2021

Il futuro del calcio? Lo decidono i vecchi

Wenger come Perez: giudici supremi del pallone che verrà.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Giugno 2021

Il calcio ha bisogno del TSO

L'Uefa ha costretto la Danimarca a giocare contro la Finlandia.
Tifo
Alberto Fabbri
10 Giugno 2021

NOIF: una legge per l’azionariato popolare

Intervista a Massimiliano Romiti, presidente del comitato "Nelle Origini Il Futuro".
Papelitos
Lorenzo Santucci
21 Maggio 2021

La FIFA sapeva tutto

Sulla Superlega Infantino avrebbe fatto il doppio gioco.
Tifo
Alberto Fabbri
6 Maggio 2021

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
22 Aprile 2021

UEFA e FIFA, non ci sono poteri buoni

Le anime belle non sono credibili.
Papelitos
Sebastiano Caputo
21 Aprile 2021

La solitudine dei vinti e dei vincitori

Il calcio nell'epoca della sua riproducibilità tecnica.
Papelitos
Andrea Antonioli
21 Aprile 2021

Che figura di m…

Se questi sono i padroni del football, stiamo freschi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Andrea Antonioli
19 Aprile 2021

Fate la Superlega e levatevi dai c*glioni

Il calcio appartiene a noi, non a loro.
Tifo
Valerio Santori
9 Aprile 2021

Il posto dei tifosi è all’inferno

Quello spot Nike in cui rappresentavano il Male.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Papelitos
Luca Pulsoni
3 Aprile 2021

Alla faccia della Superlega

La Juventus perde punti con le piccole e medie squadre.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Marzo 2021

Psicopatologia del tifo

L'ultima grande narrazione collettiva rimasta.
Papelitos
Matteo Paniccia
26 Marzo 2021

Tra Sky e Dazn ci rimettono i tifosi

La battaglia per i diritti tv ha più vinti che vincitori.
Estero
Michelangelo Freda
25 Marzo 2021

Olanda, Belgio e il nuovo calcio transnazionale

La BeNeLeague, una prova tecnica di Superlega.
Interviste
Giuseppe Cappiello
12 Marzo 2021

US Fasano, il calcio del suo popolo

Il pallone come rito e bene collettivo.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Marzo 2021

Andrea Agnelli e il Grande Reset

Il teorico dell'irreversibile è tornato a parlare.
Altro
Alessio Masala
19 Febbraio 2021

I Francesi hanno inventato (quasi) tutto

FIFA, Coppa Rimet, Pallone d'oro, Coppa dei Campioni, F1 etc.
Editoriali
Lorenzo Ottone
18 Dicembre 2020

Il calcio liquido e la scomparsa del fattore identitario

Abituiamoci a tifare tutti la stessa squadra: magari una All Star europea.
Italia
Diego Mariottini
15 Dicembre 2020

Tutto è iniziato con la sentenza Bosman

Compie 25 anni una riforma che ha stravolto il calcio europeo.
Tifo
Alberto Fabbri
19 Novembre 2020

I colori dividono le torcidas, Bolsonaro le unisce

Le tifoserie organizzate unite contro il presidente.
Tifo
Alessandro Imperiali
11 Novembre 2020

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.