Carrello vuoto
Storie
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.

Si sa, in Italia il calcio è roba seria. È passione viscerale e irrazionale, rituale sacro dei fine settimana della gran parte degli uomini e donne di tutte le età. Per la verità, il football è “l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo”, per dirla con Pasolini. Nonostante la parziale disaffezione partecipativa degli stadi italiani degli ultimi anni, rimaniamo abituati, almeno nelle partite più attese e affascinanti, a vedere settori gremiti di sciarpe e bandiere, dai quali si alzano cori distintivi. Ma quando nacque tutto ciò? Quando, ai ventidue duellanti del rettangolo verde, si aggiunsero come parte integrante dello spettacolo calcistico tutti coloro che quei ventidue guardano e incitano? La curiosità del pubblico verso questo sport assunse tratti rilevanti già negli anni 20 del 900, quando il numero di nuove società cominciava a crescere esponenzialmente.

 

Siamo però solo agli inizi: non possiamo ancora parlare di tifo vero e proprio ma soltanto di passatempo domenicale, di luogo di ritrovo in sostituzione del bar o del biliardo. Per poter parlare di vera e propria passione, dobbiamo arrivare agli anni ’50. Il dopoguerra, complice la doppietta mondiale della Nazionale di Pozzo negli anni precedenti il conflitto, rappresenta una vera e propria rampa di lancio per lo sviluppo del tifo sulle tribune. E’ proprio in questo periodo che il tifo si fonde con un forte senso di territorialità. Le più accese rivalità cittadine in campo politico e sociale di fatti si trasferiscono sulle gradinate dei campi comunali. Il calcio comincia ad essere vissuto con attiva partecipazione: esibire certi colori significa difendere le proprie radici e le proprie terre.

bisceglie
Gentiluomini e bambini popolano le gradinate dello stadio comunale di Bisceglie

Con l’inizio degli anni Sessanta si assiste alla nascita dei primi fan club organizzati. L’iniziativa viene direttamente dalle società. Una delle prime a muoversi in questo senso è l’Inter. In particolare Helenio Herrera, storico allenatore dei Bauscia in quegli anni, una volta intesa l’importanza di avere un corposo seguito di sostenitori suggerisce l’idea ai vertici societari: da qui alla creazione della prima associazione di tifosi, il passo è breve. Il progetto funziona, tant’è che in pochi mesi gran parte delle altre società di rilievo del panorama calcistico nazionale seguiranno l’esempio nerazzurro. Una cesura netta, non solo in questo ambito, è rappresentata dalla fine degli anni ’60 e dagli inizi del decennio successivo. In campo politico e sociale l’Italia è scossa da moti di protesta che porteranno a profondi mutamenti; così è anche nel mondo del pallone. La netta e decisiva contrapposizione tra padri e figli viene proiettata anche sulle tribune.

 

Nascono quindi i primi gruppi ultras, ragazzi poco meno che ventenni che si distaccano dal modello classico dei padri, caratterizzato da sobrietà e rigore, e cominciano a organizzarsi in movimenti di tifo dai toni più esasperati e ribelli. La separazione dai padri è anche fisica. Le curve, e non più le tribune centrali, diventano i settori distintivi di questi ragazzi. L’obiettivo è contraddistinguersi a tutti i costi dai gruppi ultras rivali, e da qui viene l’adozione di sciarpe, bandiere e altro materiale. Questi sono gli anni degli opposti estremismi. Nel segno del nero e del rosso le strade delle principali città italiane sono teatro di violente guerriglie. Di conseguenza, anche nelle curve, la fiera appartenenza territoriale si lega all’identificazione politica. Le curve catalogabili nell’estrema destra (come ad esempio Lazio ed Hellas Verona) si contrappongono a quelle di estrema sinistra (Livorno e Bologna le più ‘accese’), creando tese rivalità che sfociano nei primi scontri tra ultras.

brigate rossonere
Giovani e ribelli: le Brigate rossonere in azione a San Siro

Arriviamo quindi agli anni ’90. La crescita del movimento ultras è sotto gli occhi di tutti. Nelle partite più importanti, le coreografie e l’atmosfera che i gruppi delle curve riescono a creare sono un autentico spettacolo. Nel 1995 accade però un episodio che farà da apripista a quell’aria di cambiamento che arriva fino ai nostri giorni. Il 29 Gennaio, a Marassi, si gioca Genoa-Milan. La data passerà alla storia per un altro motivo, ovvero l’omicidio di Claudio Spagnolo, giovane ultras genoano accoltellato fuori dallo stadio da un rivale rossonero, durante uno scontro tra due gruppi di tifosi avvenuto poco prima del fischio d’inizio.

 

È l’episodio che in qualche modo blocca la parabola ascendente del movimento ultras. Da questo momento verranno presi seri provvedimenti nei confronti del tifo organizzato. Più controlli, più restrizioni e meno libertà allo spirito di iniziativa dei vari gruppi. Tutti provvedimenti, almeno apparentemente, in favore della sicurezza, i quali, nel corso degli anni, limiteranno in maniera drastica lo spazio alla fantasia, alla goliardia e al folclore. Ultimo in ordine di tempo è la tessera del tifoso, simbolo di riconoscimento individuale con strette limitazioni, specialmente per quanto riguarda gli spostamenti in trasferta, che da qualche anno porta con sé feroci polemiche da parte dei movimenti ultras.

Spagnolo
Gli ultras del Genoa in corteo per ricordare Claudio Spagnolo

Per fortuna c’è ancora spazio per la passione e per la fantasia che caratterizza i tifosi dello Stivale. Prendiamo un caso che esula dall’andamento cronologico che abbiamo assunto in questa breve ricostruzione storica del tifo italiano, e scendiamo nelle categorie inferiori. Si tratta dei sostenitori della Sambenedettese, squadra di San Benedetto del Tronto che da anni ormai galleggia nelle più basse leghe professionistiche del nostro calcio.

 

Il senso di appartenenza di centinaia di tifosi di questa città li porta a seguire non solo le partite, ma addirittura gli allenamenti della squadra nei giorni antecedenti la gara domenicale. Un esempio di realtà del tifo radicata nei territori, e di una pratica comune anche tra le squadre di periferia delle serie amatoriali regionali e provinciali. Un forte senso di appartenenza al di fuori delle logiche impostate e restrittive dei grandi palcoscenici. Un tifo genuino, rurale, che caratterizza il Belpaese da quasi un secolo e che non abbiamo la minima intenzione di sacrificare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Federico Brasile
15 Giugno 2022

Nel calcio ci sono le categorie

E la nostra è sempre più bassa.
Italia
Gabriele Tassin
13 Giugno 2022

La storia si ripete, come l’Italia fuori dai Mondiali

Anche nel calcio, la storia è ciclica.
Tennis
Diego Mariottini
7 Giugno 2022

Il rogo del Ballarin, una tragedia dimenticata

Il più grande dramma in uno stadio italiano, in un periodo molto delicato.
Tifo
Domenico Rocca
4 Giugno 2022

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Tifo
Alberto Fabbri
8 Marzo 2022

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Tifo
Alessandro Imperiali
27 Gennaio 2022

Sì, viaggiare

Alba e tramonto degli Eagles Supporters, storico gruppo della Curva Nord laziale.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Tifo
Simone Meloni
25 Dicembre 2021

Avellino e Foggia, amici mai

Reportage sul tifo delle due curve dal Partenio.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Tifo
Emanuele Meschini
2 Novembre 2021

Avete mai giocato a PES con Andy Warhol?

Chi non salta, una mostra artistica tra calcio, cultura e identità.
Tifo
Andrea Mainente
15 Ottobre 2021

No one likes us, we don’t care

Viaggio nel mondo Millwall e nel popolo degli abissi.
Tifo
Diego D'Avanzo
12 Ottobre 2021

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.