Carrello vuoto
Altro
17 Giugno

Il Tour unisce e rivela la Francia

Mattia Azario

2 articoli
Un viaggio lungo oltre cent'anni, da quando il ciclismo era sport di popolo.

Il Tour de France, nonostante produca un giro d’affari stimato attorno ai 150 milioni di euro, è stato capace di mantenere e valorizzare la sua dimensione popolare e localistica.

 

Questa duplice natura, commerciale ed identitaria, era già evidente alla sua nascita. L’idea di organizzare una grande corsa a tappe per tutta la Francia era venuta nel novembre del 1902 a Henri Desgrange, direttore de “L’Auto-Vélo”, durante un pranzo con il giornalista Géo Lefèvre. Il Tour era stato pensato con lo scopo di aumentare la tiratura del giornale, in quel momento sull’orlo di una crisi economica. Eppure, sulle pagine gialle de “L’Auto”, era descritto come il tentativo di unire, rappresentare ed esaltare la Nazione. Effettivamente così sarebbe stato.

 

 

Il Tour infatti “è più di una gara, è la Francia”, come ha detto Lucien Petit-Breton, il primo ciclista a vincere due volte la Grande Boucle. La corsa ha avuto un ruolo importante nella vita e nella cultura dei francesi: nella prima parte del secolo scorso molti di loro hanno avuto l’occasione di conoscere la storia e la geografia del loro Paese soltanto attraverso le cronache e i racconti della gara. Il linguaggio, che ancora oggi è sopravvissuto, attingeva alla sfera bellica, storica ed eroica.

 

La bellezza del Tour de France è racchiusa nei dettagli

 

 

Il Tour simboleggiava infatti qualcosa di più grande di un evento sportivo: era la sfida che dei mortali lanciavano all’immensità del Tourmalet, all’imponenza del Galibier, all’ostilità del Mont Ventoux. Il Tour come una chanson de geste, un poema cavalleresco con i suoi eroi, i suoi martiri, i suoi sconfitti e i suoi sopravvissuti. I ciclisti erano “superuomini” con “muscoli d’acciaio”, che percorrevano in pochi giorni una distanza più grande di quella che molti francesi avrebbero percorso in tutta la loro vita.

 

 

Erano ancora “les forçats de la route”, che partivano di notte, su una bici a scatto fisso pesante più di 15 chili e con le ruote di scorta avvolte intorno alle spalle. Correvano “à tombeaux ouvert”, sulle più aspre salite e sulle più insidiose discese. Il loro viaggio univa, e continua ad unire, punti remoti della Francia riunendo milioni di persone attorno a una radio, nelle strade, nelle case, nei bar e nei giardini. Come hanno scritto i giornalisti canadesi Aili e Andres McConnon:

 

“Il ciclismo professionistico portava l’ancestrale eccitazione delle corse dei cavalli fuori dagli ippodromi, sulle strade, nella vita di tutti i giorni. Il pubblico accorreva alle gare, ipnotizzato dallo spettacolo di uomini che si sfidavano in sella ai loro cavalli di ferro”.

 

I ciclisti come degli eroi capaci di riscattare un passato di povertà. Erano infatti figli di mugnai, braccianti, muratori, minatori, boscaioli, casari. Il ciclismo, lo sport degli affamati e degli emarginati, era “il treno su cui saltare in cerca di fortuna. E pazienza se non era l’Orient Express ma una terza classe fumatori”, come ha scritto Gianni Mura, suiveur di trentatré Tour de France.

 

Christiane Bobet mentre incita suo marito Louison durante la salita di Mont Ventoux, Tour de France 1955

 

 

I ciclisti avevano scoperto il loro talento nella normalità e nella fatica della vita quotidiana, su strade distrutte dalle guerre e dunque impraticabili ad altri mezzi di trasporto: usavano la bici per andare a lavorare, per comprare del cibo, per ricevere notizie. Era un’epoca in cui la bicicletta, come scriveva Bruno Roghi, ex direttore della Gazzetta dello Sport, aveva un’alta considerazione:

 

“Compagna inseparabile del contadino, dell’operaio, del professionista, dell’impiegato, dello studente, della casalinga e delle nostre ragazze dalle guance di rosa”.

 

Il ciclismo era lo sport del popolo. E dal popolo veniva praticato. Per questo era tanto amato. Il Tour portava la festa, l’estate e la voglia di stare insieme anche nelle zone più povere e dimenticate della Francia. Regalava un lieto ricordo condiviso, univa la Nazione, attraversava i campi di girasole dell’Occitania e i vitigni della Borgogna, le distese di lavanda della Provenza e le scogliere della Normandia, sotto il sole dei Pirenei e il vento della Bretagna, lungo le salite delle Alpi e le pianure del centro.

 

Federico Ezquerra intento a sfidare le montagne francesi durante il Tour del 1934

 

 

Ma, assieme a tutto ciò, il Tour è sempre stato una questione di soldi. Fin dalla sua prima edizione non era soltanto un’occasione per vendere giornali (il 24 luglio 1933 “L’Auto” aveva registrato un incremento di 800mila copie vendute rispetto alla media del 1903), ma anche per sponsorizzare altri prodotti. Negli anni Quaranta era stata introdotta la carovana e le grandi marche avevano iniziato a pagare per accostare il loro nome alla corsa, ai ciclisti e alle loro squadre.

 

 

Di conseguenza il valore del montepremi era schizzato verso l’alto: dai 7mila franchi vinti nel 1903 da Maurice Garin si arriva – passando attraverso i 30mila di André Leducq (1932) e i 200mila di Roger Lapébie (1937) – ai due milioni vinti da Louison Bobet nel 1953. Oggi, invece, il vincitore guadagna 500mila euro.

 

 

Questa competizione, seppur abbia vissuto dei fisiologici cambiamenti, continua a unire il popolo delle province e delle campagne attraverso un percorso che termina sempre a Parigi. Il Tour infatti è anche la glorificazione della Capitale, circondata, elevata e difesa dai confini francesi. È solo in mezzo allo sfarzo di Parigi e dei Campi Elisi, dove il campione viene celebrato come un Re su un cavallo bianco, che può terminare la sua regia perfetta.

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Michelangelo Freda
22 Giugno

Platini, la pedina del Qatar

La vicenda Platini-Qatar viene da lontano, e coinvolge molti altri attori in un sistema marcio fin nel midollo.
Tennis
Edoardo Pastorello
7 Maggio

Fotografia del tennis francese

Un grande movimento, in vetta alle classifiche mondiali, che però non ha visto - ancora - nascere un campione vero.
Interviste
Davide Bernardini
19 Giugno

Essere professional

L'Androni-Sidermec è un team Professional italiano che anche quest'anno si è fatto notare per le ottime prestazioni in ogni gara, tra cui il Giro101. In ammiraglia c'è Alessandro Spezialetti: dopo una carriera da gregario, mette a disposizione della squadra tutta la sua esperienza.
Altro
Luca Pulsoni
4 Luglio

Guida al Tour de France 2019

Percorso e favoriti della Grande Boucle numero 106.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Luglio

Nazionali senza Nazioni

Come la globalizzazione calcistica ha privato il Mondiale della sua essenza.
Papelitos
Alberto Fabbri
9 Maggio

Vivere autenticamente, o chiamarsi Les Herbiers

PSG-Les Herbiers, ricchi contro poveri.
Altro
Cristian Lovisetto
3 Febbraio

6 Nazioni 2019, primo atto

Cosa c'è da sapere sulla prima giornata del più antico torneo internazionale di rugby.
Altri Sport
Davide Bernardini
15 Marzo

Cosa pensare della Milano-Sanremo

Perché tenere in alta considerazione le Milano-Sanremo? O davvero è una corsa noiosa?
Altro
Luca Pulsoni
22 Settembre

Il Tour de France 2020 ha battezzato la ferocia di Tadej Pogačar

Lo sloveno di Komenda, 22 anni compiuti ieri, è Il più giovane vincitore del Tour dal 1904. Un predestinato che farà parlare molto di sé.
Papelitos
Alessandro Autieri
2 Aprile

Il Manifesto del professor Niki Terpstra

Al Giro delle Fiandre è un gran giorno per l'Olanda, tra le donne Anna Van Der Breggen aggiunge l'ennesimo tassello ad una carriera con pochi eguali, poche ore dopo Niki Terpstra conquista la prova maschile, entrando nella storia.
Storie
Maurizio Fierro
6 Giugno

Germania 2006

Contro tutto e tutti.
Altro
Lorenzo Innocenti
30 Agosto

Geopolitica di Francia-Italia. Il rugby come metafora della guerra

Il rugby è molto più di un semplice sport.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Altro
Davide Bernardini
22 Giugno

Anche Quintana sa attaccare

Confutazione di una delle più ingiuste bugie del ciclismo recente.
Interviste
Davide Bernardini
22 Febbraio

Quando parla Silvio Martinello

Le lunghe telecronache ciclistiche e la responsabilità di dover sempre dire la cosa migliore, se non quella giusta.
Altro
Alessio Nannini
18 Aprile

Quell’imbroglione di Lance Armstrong

La caduta in disgrazia di un mito moderno.
Altro
Cristian Lovisetto
10 Febbraio

6 Nazioni 2019, secondo atto

Inghilterra dominatrice. Irlanda, Galles e Scozia in scia. Francia e Italia in affanno.
Altri Sport
Lorenzo Cafarchio
30 Novembre

Ventoux e Courchevel, gli arrembaggi finali del Pirata

Quando Pantani fece inginocchiare la più grande “truffa” dello sport: Lance Armstrong.
Calcio
Lorenzo Cafarchio
26 Novembre

Éric Cantona, abbattiamo il sistema!

Apologia di Re Eric. Dalla Gallia, alla conquista di Albione.
Altro
Lorenzo Fabiano
2 Novembre

Chris Froome ci ha dato una lezione di sport

Da gregario, con onore ed umiltà.
Ritratti
Stefano Zago
8 Giugno

Franco Bitossi

Cuore Matto: storia di un vincente su ogni terreno, dalla sua Toscana alla beffa di Gap. Una carriera unica nel segno dell'imprevedibile e dell'assurdo.
Altro
Lorenzo Bravi
27 Dicembre

Il ciclismo in Italia non tira più

Un'analisi storica sui motivi che hanno portato il ciclismo in Italia ad essere, da sport nazionale per eccellenza, una passione di nicchia, seppur nutrita.
Interviste
Davide Bernardini
7 Aprile

Così è (se vi pare)

Intervista a Marco Ballestracci, narratore di vita e di sport.
Altro
Alessandro Autieri
12 Giugno

La percezione del ciclismo italiano

Ad eccezione di Nibali il ciclismo italiano sembra non uscire dalle sabbie mobili: ma è davvero tutto così nero?
Altri Sport
Alberto Girardello
3 Marzo

Per le Strade Bianche

Come può una competizione in dieci anni di vita diventare già un classico?
Ritratti
Davide Bernardini
12 Luglio

Sylvain Chavanel

Il più francese dei barodeur: anarchico, sanguinario, incendiario. Nato per la fuga.
Storie
Maurizio Fierro
22 Maggio

Francia 98

Le Monde est à nous.
Altro
Luca Pulsoni
4 Settembre

Egan Bernal, l’ultimo degli eroi di Colombia

Un sogno che ha radici lontane e profonde.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Altri Sport
Nicola Galati
11 Gennaio

La corsa dei Grandi Giri

La lunga crisi del Giro d'Italia, sempre più snobbato in favore del Tour de France e insidiato dalla Vuelta spagnola.
Altro
Luca Pulsoni
18 Marzo

La leggenda del Bandito e del Campione

La storia di Sante Pollastri e Costante Girardengo. Tra mito e realtà: come cantava De Gregori.
Altri Sport
Alberto Girardello
25 Aprile

In memoriam

Il nostro ricordo di Michele Scarponi.
Altri Sport
Davide Bernardini
11 Aprile

L’enigma Aru

Fabio Aru è l'ultimo erede della grande tradizione italiana degli scalatori puri. Da criticato a incensato nello spazio di giorni, non può permettersi di restare un campione a metà.
Altro
Andrea Muratore
12 Giugno

Il Giro pedala nella storia d’Italia

Caleidoscopio dell’italianità, il Giro ci ricorda come la nostra nazione sia sempre, al contempo, centro e periferia.
Altro
Graziano Berti
24 Ottobre

Rugby, Francia e territorio

Genesi e apogeo del rugby francese. Il perché di uno sport, il perché di un popolo.
Interviste
Davide Bernardini
21 Maggio

Scrivere per rabbia, magari per amore

A colloquio con il Maestro.
Altro
Alberto Girardello
17 Luglio

Tornate al prossimo appello

Majka, Zakarin e Mollema: non vengono al Giro d'Italia per preparare la Boucle. E il professor Tour, giustamente, li boccia.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
29 Giugno

Francia, perdere e morire

Fuori dagli Europei e sull'orlo del collasso, il paese fa i conti con se stesso.
Altri Sport
Alberto Girardello
21 Marzo

Ode a Peter Sagan

Quando perdere non macchia l'epica di una volata.
Altro
La Redazione
5 Luglio

Tour Bistrot

Discussioni sul Tour de France 2018: dialogo-intervista multipla nella redazione ciclismo di Contrasti. Rispondono Alessandro Autieri, Davide Bernardini, Leonardo di Salvo, Alessandro Veronese, Francesco Zambianchi.
Calcio
Giovanni Pigozzo
11 Settembre

2000: Odissea a Calais

L'inspiegabile semplicità dell'eroismo.
Ritratti
Andrea Catalano
8 Marzo

Ivan Basso

Storia del ciclista che visse due volte: polvere e gloria, solitudine e rivincita.
Altro
Davide Bernardini
2 Luglio

L’illusione di aver risolto

Risolvere una questione per alimentarne altre cento: il ciclismo eccelle anche in questo.
Ritratti
Davide Bernardini
16 Giugno

Primož Roglič

Il vento. Nel salto con gli sci, deve essere leggermente contrario per sostenerti, mentre in bicicletta - se non ti è a favore - da lui cerchi di nasconderti. Primož Roglič su quel vento sta costruendo non solo la sua carriera, ma la sua vita.
Altro
Matteo Latini
9 Giugno

Non è la pioggia a farlo cadere

Luis Ocaña era per tutti l'uomo giusto per interrompere il dominio del Cannibale, ma sui pedali come nella vita era una tenebra a spingerlo avanti. Vincitore, non vincente.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Storie
Andrea Catalano
10 Luglio

La mistica del rigore. Francia-Germania 82

Tutto iniziò nella "Notte di Siviglia".
Papelitos
Alberto Girardello
9 Aprile

Per la memoria di Michael Goolaerts, 23 anni

La verità è che morire fa schifo. Sempre.
Altro
Davide Bernardini
9 Luglio

Tour de France 2014: Ypres-Arenberg

Era il 9 luglio 2014 quando Vincenzo Nibali dipinse uno dei capolavori più belli nella storia recente del Tour de France.
Editoriali
Alberto Girardello
21 Marzo

Lo sport è una merda

Un allenatore non incita suoi atleti, insegna loro a vivere.