Papelitos
21 Agosto 2020

Il Tour de France inaugura il podio sessualmente corretto

Niente più miss a premiare i corridori, ma un uomo e una donna.

Stucchevole, a dir poco. Una meringata così stopposa che proprio non ne vuol sapere di staccarsi e scivolare giù dal palato. E così finisce che oltre a rimanerti sul gozzo, ti spuntano pure le carie e dopo qualche giorno di indicibili sofferenze la fattura (sempre se te la fa) del dentista. Oltre il danno, eccoti la beffa insomma.

 

 

Per una volta, la notizia non riguarda, Dio ce ne scampi, l’emergenza sanitaria in corso e, venendo a cose di pedale, nemmeno l’esclusione da parte della corazzata Ineos di Chris Froome e di Geraint Thomas dal Tour de France che scatterà da Nizza il prossimo 29 agosto: il titolone dell’ultima ora se lo prendono gli organizzatori della Grande Boucle dopo aver accolto la protesta dei movimenti femministi d’Oltralpe che chiedevano, attraverso la raccolta di 38.000 firme, l’esclusione della coppia di Miss dal palco al momento delle premiazioni, usanza in auge dall’alba della storia del ciclismo.

Il motivo? La pratica, udite udite, è ritenuta sessista. Tanto che sul palco, a premiare i protagonisti delle 21 tappe della corsa in giallo, avremo ora un uomo e una donna.

Par condicio (anche qua!), emancipazione salvaguardata e onore al merito di anni di battaglie e conquiste femministe. Non più di due miss, non sia mai, ma una miss e un mister! Tutti contenti quindi? Mah…Permetteteci le perplessità (eufemismo dichiarato) se ci permettiamo di dire che a noi, questa geniale trovata annunciata in pompa magna progressista (ma de che…?) dal numero uno del Tour Christian Prudhomme, pare proprio un’operazione di maquillage da portare in scena sul palco del teatrino del politicamente corretto; esercizio che, quando palesemente in eccesso (come in questo caso), rischia seriamente di scivolare goffamente nell’alveo del penoso ridicolo.

 

 

D’altronde, come sottolinea un bell’articolo-intervista del Foglio, queste mosse così mediatiche non riescono a nascondere la reale condizione del ciclismo femminile: Anne Lettier, prima ciclista e poi modella, ha dichiarato al giornale di aver dovuto smettere con la bicicletta perché non riusciva a sostenersi economicamente (e a pagare la retta universitaria). Ed è addirittura dal 2009 che non non va più in scena il Tour de France femminile, per problemi economici ed organizzativi, mentre il ciclismo in rosa è costretto a basarsi sul lavoro di volontari. Tuttavia, come visto, il problema oggi sembra essere un podio sportivamente e sessualmente corretto.

 

 

Arrivati a questo punto però reclamiamo anche noi: e lo facciamo con quei beceri sessisti dell’Academy Awards di Hollywood. La celebra statuetta è un Toy Boy che offende la dignità maschile. Raus. Ci mettano Biancaneve. I sette nani vadano pure a prenderli a Parigi negli uffici della Societé Tour de France. Con ogni probabilità ne troveranno anche più di sette. Così va il mondo.

 

 

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Lorenzo Fabiano

10 articoli
TelenovHellas
Calcio
Lorenzo Fabiano
14 Ottobre 2022

TelenovHellas

A Verona regnano caos e masochismo.
Totonero 1980, una classica storia all’italiana
Calcio
Lorenzo Fabiano
23 Marzo 2022

Totonero 1980, una classica storia all’italiana

Alla vigilia dell'Europeo casalingo del 1980, il calcio si scopriva corrotto.
Anche le belle storie finiscono
Calcio
Lorenzo Fabiano
28 Maggio 2021

Anche le belle storie finiscono

Juric e il Verona, un divorzio all'italiana.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo
Altro
Luca Pulsoni
14 Marzo 2022

Il Tour de France è la Superlega del ciclismo

E nessuno si fila più il Giro d'Italia.
La corsa dei Grandi Giri
Altri Sport
Nicola Galati
11 Gennaio 2017

La corsa dei Grandi Giri

La lunga crisi del Giro d'Italia, sempre più snobbato in favore del Tour de France e insidiato dalla Vuelta spagnola.
Sylvain Chavanel
Ritratti
Davide Bernardini
12 Luglio 2018

Sylvain Chavanel

Il più francese dei barodeur: anarchico, sanguinario, incendiario. Nato per la fuga.
Tour de France 2000: Courchevel-Morzine
Altri Sport
Davide Bernardini
18 Luglio 2018

Tour de France 2000: Courchevel-Morzine

Meglio fallire tentando l'impresa, che non tentare affatto. Pantani ci ha provato ma, quel 18 luglio 2000, ha fallito.
Ode al Monte Ventoso
Altri Sport
Giovanni Guido
01 Luglio 2022

Ode al Monte Ventoso

Il manifesto dell'unicità, al Tour de France.