Carrello vuoto
Calcio
5 Aprile

L’ultimo primo Ciro Immobile

Ultimo centravanti di sfondamento italiano o primo striker italiota?

Dal 13 agosto 2017 ad oggi Ciro Immobile realizza trentasei reti in trentanove presenze: 2 in 4 presenze nella Coppa Nazionale, 6 in 7 presenze nella Uefa Europa League, 26 in 27 presenze nella Serie A Tim; inizia bene, due ne fa alla vice-campionessa d’Europa, contribuendo al successo della banda-Inzaghi che porterà a casa la Supercoppa italiana 2017. La stagione 2016/2017 vede il centravanti biancoceleste andare in gol 23 volte in campionato (26 considerando le Coppe nazionali). Diventa il marcatore più prolifico dell’era Lotito. Quest’anno l’ingresso nella top ten della prima squadra della capitale con 62 gol in attivo, supera Pierluigi Casiraghi. Sembrano lontani i tempi degli articoli al vetriolo contro il talento partenopeo del Bild. Il quotidiano tedesco apostrofò duramente il centravanti della prima squadra della capitale: “un flop”, “troppo pigro”. Il giornale di Monaco diede il meglio di sé definendo Ciro “un solitario”.

Immobile e Klopp, un rapporto controverso (foto Matthias Hangst/Bongarts/Getty Images)

Un attributo che alla luce dei 7 assist vincenti realizzati da Immobile nella Serie A Tim nella sola stagione 2017/2018 ha quasi del grottesco. Centravanti capace di spaziare su tutto il fronte d’attacco, fisico possente, dribbling nello stretto, tra i migliori centravanti della Serie A Tim nell’attaccare la profondità, nel tiro di prima intenzione con ambo i piedi: ancora non convince molti. Quando viene paragonato ai big europei, con i quali tra l’altro è in corsa per la scarpa d’oro, in seconda posizione, suscita addirittura ilarità tra addetti ai lavori e tifosi. Perché? Le risposte sono tre. Partiamo dalla meno plausibile.

 

A) Ha giocato in una big (su questo ci torniamo tra poco) e non ne è stato all’altezza. Esaminiamo un po’ di statistiche contro il logorio del ‘Si dice’. In 6 presenze in Coppa dei Campioni fa 4 reti. Il Borussia di Immobile viene eliminato agli ottavi dalla Juventus, finalista di quella edizione. In Bundesliga il rendimento dell’attuale bomber biancoceleste è inferiore, 3 gol in 23 presenze. Nel campionato tedesco però Ciro spesso parte dalla panchina e precisamente è titolare solo 9 volte, subentrato 15, sostituito 9: non proprio il massimo per un centravanti per il quale la fiducia dell’allenatore e la costanza nel giocare è tutto. Il Borussia di Klopp nella stagione 2014/2015 è un top club? Si piazza settima in Bundesliga totalizzando 46 punti, a 36 punti dal Bayern Monaco, la capolista. Riesce a entrare in Europa per un soffio staccandosi dall’Hoffenheim, che si piazza ottavo, di soli due punti. Vero è che il Borussia riesce ad arrivare in finale nella Coppa di Germania, perdendo però in casa per 3-1 contro il Wolfsburg.

 

Il gol di Immobile contro il Cagliari. Probabilmente il più bello della sua carriera

 

B) Il centravanti di sfondamento, ruolo tipico della scuola italiana, è morto. Immobile, anche se impropriamente a dire il vero, viene ascritto alla categoria. La crisi del centravanti di sfondamento puro è stata consumata da un pezzo. Già nel ’93 Fabrizio Bocca su La Repubblica titolava ’C’era una volta il centravanti’. La svolta in Italia avvenne con Paolo Rossi “meno potente degli altri, ma agile, furbo, con un gran senso della posizione”. Vialli viene additato come esempio dell’attaccante rapido e tecnico, che vuole la palla sui piedi, psicologicamente incapace di stare “in mezzo a un nugolo di mastini”. Insomma il calcio totale prima e il guardiolismo poi hanno reso un inutile fossile calcistico il pesante centravanti di sfondamento.

 

I Riva, Pruzzo, Savoldi disposti a non toccare palla per un’intera partita in attesa di cross in area e della possibilità di giocare la palla alta, un lontano ricordo. La tradizione pesa. Il centravanti di sfondamento è un eredità che molti non vorrebbero vedere raccogliere, nemmeno con le giuste correzioni che richiedono i tempi. Infatti è evidente che Immobile non è un centravanti di sfondamento, né potrebbe esserlo nel 2018, tuttavia delle analogie ci sono: il 96,2% dei gol realizzati da Immobile in Serie A sono dentro l’area, il 19,2% delle reti di Ciro sono di testa.

La rinascita di Immobile nasce anche dal lavoro di Simone Inzaghi (foto Marco Rosi/Getty Images)

C) Il terzo punto, strettamente connesso al secondo. Immobile come Filopemene: ultimo erede della scuola del centravanti di sfondamento italiano o primo striker italiota? Quello che ci interessa di Immobile è la sua ricezione, e troviamo in questa parallelismi onirici con il mito storiografico dello stratega di Megalopoli. Per secoli Filopemene fu considerato “l’ultimo dei Greci”. Un pesante attributo conferitogli da Plutarco e condiviso da storiografi e genialità illustrissime (Polibio, Tito Livio, Machiavelli per fare qualche nome). C’erano ottime ragioni per considerarlo l’ultimo degli Elleni “guerriero valoroso, ufficiale esperto, politico sagace…”. A questi meriti per Gaetano De Sanctis fa da contraltare la ristrettezza di vedute; questi fu infatti il primo tra gli storici a ritenere Filopemene il primo dei Greculi. Lo stratega, sostiene De Sanctis, non si avvide mai della necessità di una leale cooperazione con la Macedonia per la salvezza comune.

 

Filopemene non si rese conto che il vero nemico era Roma, tant’è che la sua vittoria più celebrata fu quella di Sellasia nel 222 dove si distinse contro Sparta. Secondo De Sanctis proprio a causa della sua miope caccia all’unità peloponnesiaca, che aveva piuttosto causato il predominio di Roma in Grecia, Filopemene sarebbe il primo dei Greculi e non l’ultimo dei Greci. Tornando a Ciro, credo avvenga qualcosa di analogo nella valutazione delle sue qualità sia tra gli addetti ai lavori che tra i tifosi. Abbiamo già detto quanto sia sgradita la prospettiva di un giovane calciatore che raccolga l’eredità della tradizione del calcio italiano, nello specifico del centravanti di sfondamento. Ma c’è qualcosa di più carsico… una nostalgia passatista, una tensione apocalittica: non si potrà mai essere all’altezza del ‘fu’ centravanti di sfondamento, ogni erede è una copia posticcia dei titani incoronati dalla nostra immaginazione e ipostatizzati nella nostra memoria.

Con la doppietta al Benevento Immobile è arrivato a 26 reti in campionato (foto Paolo Bruno/Getty Images)

Immobile rimane tra i pochi che tenta di smarcare il portiere, oppure di ottenere il rigore spostando la palla all’ultimo; abile nel leggere le situazioni, non sempre tenta di saltare l’uomo, ma spesso si accontenta di un utile angolo, o una provvidenziale punizione. Ha un istinto che gli ha consentito di realizzare una rete candidata ad essere la più bella del campionato 2017/2018, che molti hanno paragonato alla rete di tacco su corner realizzata da un campione come Mancini (sempre con la maglia della Lazio). Supera per gol fatti in una singola stagione Chinaglia grazie alle due reti contro il Benevento, 36 contro le 34 di Long John nella stagione 1973/1974. Da buon allievo Ciro prova a ripagare il maestro non rimanendo scolaro, raccoglie il testamento di una pesante tradizione ma non si fa custode di un cimitero imbiancato. Il centravanti di sfondamento è qualcosa che dev’essere superato: ma se biasimiamo chi ci prova che cosa abbiamo fatto per superarlo?


Foto di copertina: Paolo Bruno/Getty Images

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Altro
Valerio Santori
9 Maggio 2022

Caro Jurgen, ma non è che stai a rosica’?

Viva il Liverpool e i rosiconi, ma quelli sinceri!
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Italia
Raffaele Scarpellini
18 Marzo 2022

La tragica commedia del Parma di Manenti

La pagina più triste della storia dei Ducali.
Podcast
La Redazione
23 Febbraio 2022

Il più sudamericano dei nove italiani

Un podcast con Bruno Giordano.
Ritratti
Emanuele Iorio
8 Febbraio 2022

Matthias Sammer, dalla Stasi al Pallone d’Oro

Una carriera e un giocatore incredibili.
Papelitos
Valerio Santori
7 Febbraio 2022

I want you, Serie A TIM!

Siete pronti a trasferirvi a Nuova York?
Papelitos
Valerio Santori
18 Gennaio 2022

Gli arbitri non contano più nulla

Dopo il VAR, ora addirittura le scuse dell'AIA.
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Papelitos
Alessandro Imperiali
9 Gennaio 2022

Chissenefrega dei tifosi

Questo, in sostanza, è il messaggio congiunto di Lega calcio e governo.
Italia
Lorenzo Serafinelli
9 Gennaio 2022

È la Lazio a sceglierti

122 anni di gioia, sofferenza e senso d'appartenenza.
Italia
Marco Armocida
6 Gennaio 2022

La crisi della Juventus non può sorprendere

Analisi alla prima parte di stagione della Vecchia Signora.
Italia
Gianluca Palamidessi
4 Gennaio 2022

Il sarrismo non esiste, Sarri sì

Il tecnico toscano ha bisogno di più tempo e meno retorica.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Italia
Lorenzo Santucci
28 Novembre 2021

La normalità di Simone Inzaghi

L'allenatore dell'Inter non fa notizia, ed è un bene.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Novembre 2021

Sarri e Ancelotti parlano anche per noi

Troppe partite, troppo calcio. Ma noi tifosi siamo pronti a rinunciarci?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Papelitos
Lorenzo Santucci
9 Novembre 2021

DAZN fa rima con disperazione

Tolta la concurrency.
Papelitos
Federico Brasile
8 Novembre 2021

Un derby che viene dal futuro

Per intensità, ritmo, qualità. La partita dell'anno.
Papelitos
Federico Brasile
1 Novembre 2021

Il Milan (in Italia) sta un passo avanti

Almeno ad oggi, almeno in Serie A.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
25 Ottobre 2021

Zero a zero è puro punk

Roma vs Napoli è stata la partita perfetta.
Tennis
Marco Armocida
19 Ottobre 2021

Radja Nainggolan, guerriero incompreso

Un giocatore irripetibile, come i suoi eccessi.
Estero
Eduardo Accorroni
13 Ottobre 2021

Türkgücü München, preservare le radici

Una squadra turca che gioca in Germania.
Tifo
Diego D'Avanzo
12 Ottobre 2021

In fondo al buio c’è la luce

La storia del Dortmund, la storia del Muro Giallo.
Italia
Edoardo Franzosi
3 Ottobre 2021

Il Pisa parla russo

Una squadra da capogiro con un progetto serissimo alle spalle.
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Settembre 2021

Sarri ha fatto il Mourinho

Il derby va alla Lazio.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
23 Settembre 2021

Anche basta

Il terribile teatrino dei calciatori allenatori.
Italia
Antonio Torrisi
22 Settembre 2021

Joe Tacopina, il primo tifoso

Il giro d'Italia del Presidente d'America a tempo determinato.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
21 Settembre 2021

Impossibile nascondersi

Zitto zitto, il Napoli di Spalletti è in testa alla classifica.
Italia
Antonio Aloi
18 Settembre 2021

Allenatore padre padrone

Quanto incide sul risultato finale il lavoro di un tecnico.
Papelitos
Valerio Santori
11 Settembre 2021

Il lancio degli Inter Fan Token è stato imbarazzante

Il sonno dei tifosi produce mostri.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Papelitos
Vittorio Ray
5 Settembre 2021

Lunga vita ai fantallenatori

Vitelloni, immobili, finto-impegnati. Meravigliosamente italiani.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
30 Agosto 2021

Ridateci la fascia di Davide Astori

La Lega insegna che anche la memoria ha una data di scadenza.
Papelitos
Marco Armocida
26 Agosto 2021

Ci vuole equilibrio

La stampa italiana e la sindrome da titolite.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Italia
Gabriele Fredianelli
20 Agosto 2021

Il sentimento infinito di Borja Valero e Francesco Flachi

Quando il calcio è qualcosa di simile all'amore.
Ritratti
Edoardo Franzosi
17 Agosto 2021

Smetto quando voglio

Da campione a clochard. Le mille vite di Maurizio Schillaci.
Italia
Alessandro Imperiali
10 Agosto 2021

Sarri alla Lazio è una rivoluzione

Ambientale, culturale, politica.
Italia
Raffaele Scarpellini
31 Luglio 2021

Lo Scudetto dimenticato a La Spezia

Sotto le bombe i Vigili del Fuoco diventavano Campioni d'Italia.
Ritratti
Marco Metelli
23 Luglio 2021

Julio Cruz, il giardiniere di San Siro

Il dodicesimo uomo nerazzurro.
Papelitos
Luca Pulsoni
19 Luglio 2021

Il boomerang del Decreto Crescita

Il capolavoro di Mancini rischia di essere un episodio isolato.
Podcast
La Redazione
13 Luglio 2021

Lasciateci il pallone

Due chiacchiere con Francesco Repice.
Italia
Paolo Cammarano
10 Luglio 2021

Maurizio Sarri torna alle origini

La Lazio non è la Juventus, per sua fortuna.
Ritratti
Marco Metelli
3 Luglio 2021

La leggenda di Osvaldo Bagnoli

Compie oggi 86 anni un mito della panchina.
Italia
Raffaele Scarpellini
23 Giugno 2021

Dal Pescara alla Nazionale

Immobile, Insigne e Verratti: da Zeman a Mancini.
Ritratti
Marco Metelli
5 Giugno 2021

Alberto Malesani, l’ultimo degli umani

Sorridere in faccia al fallimento.