Carrello vuoto
Tifosi
14 Febbraio

Quando gli ultras scendono in piazza

Alberto Fabbri

74 articoli
Nel 2011 il tifo organizzato del Cairo è stato garante e difensore delle rivolte popolari.

Nell’ultimo decennio la conflittualità sociale ha raggiunto l’apice in Paesi come Cile, Turchia, Egitto, Grecia ed Ucraina, scatenando tumulti popolari e rivolte, fino alla caduta di governi ed autentici conflitti. Ad un occhio esperto non potevano passare inosservati i colori sociali dei vari club apparire sulle bandiere sventolate nelle piazze, sulle magliette indossate dai manifestanti e sulle sciarpe che mascheravano i volti e proteggevano dai gas lacrimogeni: un’inequivocabile traccia delle presenza attiva di tifosi, o propriamente ultras, tra le file dei manifestanti.

 

 

 

Sulle nostre pagine virtuali, abbiamo già raccontato l’inedito asse che ha congiunto le tifoserie di Universidad de Chile e Colo Colo, le due anime di Santiago, durante le ultime rivolte. Allo stesso modo, abbiamo cercato di cogliere l’essenza di Istanbul, scissa tra Europa ed Asia, ma soprattuto frammentata nei suoi tre sodalizi sportivi, i cui colori si sono riconciliati nelle manifestazioni di Piazza Taksim del 2013. Inoltre abbiamo dato voce agli ultras dello Shakhtar Donetsk per farci raccontare l’aspra quotidianità della guerra nel Donbass. In questo caso sfruttiamo la ricorrenza di uno dei più grandi massacri della storia del calcio mondiale per ripercorrere la cronaca recente all’ombra delle Piramidi.

 

Innescata dall’uccisione di un esponente di questi ultimi per mano della polizia, l’entrata in campo dei due gruppi organizzati è decisiva una settimana più tardi, quando guidano la difesa di Piazza Tahrir durante la “Battaglia dei cammelli”.

 

Qui, durante i primi giorni giorni del 2011, il vento della Primavera Araba incendia le coscienze popolari, provocando un’ insurrezione contro il trentennale potere del presidente Mubarak. Alla vigilia della “giornata della collera” organizzata per 25 gennaio 2011, gli “Ultras Ahlawy”, frangia estrema del tifo del Al Alhy SC del Cairo e primo gruppo ultras egiziano, diramano un comunicato in cui annunciano che non avrebbero partecipato ufficialmente alla protesta; tuttavia è accertato che alla manifestazione prendano parte singoli componenti, così come i membri degli Ultras White Knights dello Zamalek SC, la nemesi cittadina.

 

 

Il fuoco delle proteste

 

 

Innescata dall’uccisione di un esponente di questi ultimi per mano della polizia, l’entrata in campo dei due gruppi organizzati è decisiva una settimana più tardi, quando guidano la difesa di Piazza Tahrir durante la “Battaglia dei cammelli”. Al fianco di studenti, operai, agricoltori e dimostranti di ogni estrazione sociale, compongono la prima linea che respinge l’assedio delle forze di sicurezza, ottenendo una vittoria determinante per le dimissioni di Mubarak. Grazie alla loro abitudine allo scontro e all’esperienza maturata nelle strade, gli ultras divengono così capofila dei dimostranti in quelle critiche giornate, ma presto pagano le sanguinose conseguenze del loro intervento.

 

 

Il calendario segna il primo febbraio 2012 quando l’Al Ahly è ospite dell’Al Masry, club di Port Said, dove è atavico l’odio nei confronti dei capitolini. Alla rete del 3-1 sembra pronta a scatenarsi una festa lunga tutta la notte, ma l’invasione di campo dei tifosi locali è tutt’altro che pacifica. I padroni di casa sono armati con coltelli e bastoni, si avvicinano agli ospiti e scoppia uno scontro campale. Mentre i giocatori dell’Al Ahly cercano riparo negli spogliatoi, la polizia sembra inerme. Si spengono i riflettori e si consuma il massacro. Il bilancio finale è un bollettino di guerra che conta 74 morti, la maggior parte soffocati dalla calca, oltre a circa un migliaio di feriti tra i tifosi giunti dal Cairo.

 

 

Come accade spesso in queste drammatiche circostanze, le prime versioni sono puramente di facciata. Il Consiglio delle Forze Armate, che ha occupato il vuoto di potere lasciato da Mubarak, scarica immediatamente la colpa sulle intemperanze dei tifosi locali, che da sempre identificano l’Al Ahly come espressione dell’odiato governo centrale.

 

Immagini letteralmente incredibili

 

 

Tuttavia la superficialità dei controlli all’ingresso del Port Said Stadium, il mistero dello spegnimento dei fari, così come la chiusura dei cancelli del settore ospiti, non sembrano imputabili ai locali Ultras Green Eagles. Nelle strade del Cairo si vocifera di infiltrati e di trama governativa, una vendetta da parte del vecchio regime, oppure una dimostrazione offerta dalla contestata giunta militare. Il messaggio è chiaro: “senza di noi il caos”. Dopo cinque anni di processi, undici persone sono condannate a morte per gli omicidi, mentre una quarantina di agenti della polizia locale ricevono pene comprese tra i cinque ed i quindici anni per le negligenze del servizio.

 

 

Dalla strage di Port Said il campionato egiziano è sospeso, quindi si disputa a porte chiuse, nonostante le proteste ed alcuni riusciti tentativi di forzare il divieto da parte delle tifoserie. In queste dimostrazioni di forza si può cogliere la volontà da parte degli ultras di riappropriarsi del loro territorio, cercando di tornare dalle strade alle curve. Infatti i gruppi non sono più in grado di resistere alle pressioni, politiche, poliziesche e mediatiche, conseguenti alla loro presa di posizione.

 

Dal 2013 il golpe militare capeggiato da Al Sisi ha inaugurato una feroce politica di repressione contro le frange eversive della società egiziana, dal partito dei Fratelli Musulmani fino ai gruppi ultras.

 

Decidendo di smarcarsi dalla militanza politica ufficiale, i tifosi cercano di riguadagnare la loro dimensione tradizionale, l’enclave costruito su aggregazione e partecipazione mediante il tifo collettivo, in cui è stato possibile sottrarsi all’opprimente quotidianità già dai tempi del regime di Mubarak. Dal 2013 il golpe militare capeggiato da Al Sisi inaugura una feroce repressione contro le frange eversive della società egiziana, dal partito dei Fratelli Musulmani fino ai gruppi ultras. In questa realtà di arresti arbitrari, torture ed intimidazioni, o addirittura condanne a morte, il sostegno dei tifosi egiziani è diventato impossibile.

 

 

ultras egitto
Gli Ultras White Knights non accendono candele ma torce, in ricordo dei compagni caduti (foto AgenziaDire)

 

 

Nel febbraio 2015 il permesso di ritornare legalmente sulle gradinate coincide con l’ennesimo dramma e questa volta sono le bandiere dei sostenitori dello Zamalek ad essere listate a lutto. Infatti la partita casalinga contro l’Ennpi è preceduta da disordini con le forze di polizia, che lanciano lacrimogeni per disperdere la folla. L’intervento spinge i tifosi ad ammassarsi ai cancelli dell’Air Defence Stadium, dove venti persone rimangono soffocate nella calca. Nuovamente le verità gridate dalle strade si contrappongono ai comunicati stampa rilasciati dal ministero degli Interni.

 

Oggi i settori popolari non sono più la nicchia in cui gli egiziani di ogni classe ed età hanno potuto respirare la libertà per almeno novanta minuti a settimana.

 

Attualmente una sentenza giudiziaria ha decretato illegale qualsiasi attività riconducibile ai gruppi ultras egiziani, dentro e fuori dagli stadi. Nella pratica equiparati ai terroristi, i tifosi organizzati hanno visto cancellare i loro murales e vietare l’esposizione del loro materiale. Nel 2018 i tifosi sono stati riammessi negli stadi egiziani, ma in numero contingentato e soltanto previa cessione dei dati personali alle autorità. In realtà nulla di così scandaloso visto dalle nostre tristi latitudini, ma sufficiente per spingere gli ultras alla ritirata strategica. Oggi i settori popolari non sono più la nicchia in cui gli egiziani di ogni classe ed età hanno potuto respirare la libertà per almeno novanta minuti a settimana.

 

Non possiamo evitare di domandarci se questa esperienza non sia premonitrice riguardo il futuro dei gruppi organizzati nostrani, che già hanno promesso “ci togliete dagli stadi, ci troverete nelle strade”.

 

Dal 2007, anno di fondazione degli Ultras Alhawy, il tifo egiziano ha offerto un luogo di dibattito e di espressione della conflittualità sociale, caratterizzato da una base interclassista ed originariamente apolitica. Attualmente le promesse della rivoluzione del 2011 sono state tacciate dal regime militare, mentre dalle curve non si alza più nessun coro. Non possiamo evitare di domandarci se questa esperienza non sia premonitrice riguardo il futuro dei gruppi organizzati nostrani, che già hanno promesso “ci togliete dagli stadi, ci troverete nelle strade”.

 

 

Vittime della cieca repressione e sempre più spesso delle proprie mani, chissà che non possano ritrovare lo slancio vitale, eversivo e contro-culturale, lontano dagli stadi ormai assoggettati al paradigma deprimente che domina il nostro calcio. Un ritorno alle origini, dai settori popolari all’asfalto delle piazze, dove tutto ha avuto inizio ormai cinquant’anni fa.

 

 

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifosi
Domenico Rocca
17 Giugno

Caccia alle streghe

Nel modello che punta agli stadi-teatro, gli ultras rappresentano una minaccia e un ostacolo da eliminare nella loro interezza.
Calcio
Alberto Fabbri
13 Dicembre

Ultras d’Italia, ep. III

I sanguinosi anni Ottanta.
Tifosi
Michelangelo Freda
29 Gennaio

The Club Shakhtar, tifosi sul fronte

Intervista al The Club, il gruppo ultras più influente dello Shakhtar Donetsk, tra tifo organizzato, nazionalismo e guerra.
Papelitos
Lorenzo Ottone
14 Maggio

Non ci ribelliamo perché non andiamo (più) in Curva

Il lockdown, in realtà, non ci è pesato affatto.
Papelitos
Beniamino Scermani
24 Agosto

Attenti al lupo sessista!

Malgrado un'estate che ha messo a dura prova la tenuta del nostro calcio, le battaglie simboliche e marginali continuano ad occupare il dibattito e le prime pagine dei giornali.
Recensioni
La Redazione
6 Settembre

La vita segreta degli Ultras siriani

Recensioni
Alessandro Saviano
2 Marzo

Hool non è solo letteratura sportiva

Vite ribelli tra pub, palestre e cimiteri.
Papelitos
Matteo Paniccia
27 Giugno

Porgere la mano al tifoso. Ma accade in Francia

Il biglietto, in trasferta, avrà un prezzo unico, per tutte le partite di Ligue 1 e Ligue 2.
Interviste
La Redazione
6 Novembre

Pierluigi Spagnolo, una voce fuori dal coro

Intervista all' autore de' I ribelli degli Stadi e Contro il calcio moderno.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
17 Dicembre

La Jugoslavia degli ultras

Umesto Top Liste, la prospettiva dagli spalti.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Interviste
Eduardo Accorroni
14 Novembre

Conta vincere, conta il risultato

Intervista a Stefano Cusin, allenatore del Sud Sudan.
Tifosi
Emanuele Meschini
17 Dicembre

Genoa-Siena: tra farsa e realtà

Una tragedia inscenata sul palcoscenico dello Stadio Ferraris.
Tifosi
Alberto Fabbri
20 Dicembre

A Natale regala un DASPO

Alle diffide sotto l'albero preferiamo il carbone della Befana.
Papelitos
Alberto Fabbri
16 Giugno

Da spettatori (divertiti) del Mondiale

Il bilancio dopo due giorni di Russia 2018.
Tifosi
26 Novembre

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Ritratti
Carlo Brigante
2 Dicembre

La leggenda di Shikabala

Una storia vera ma non per questo verosimile.
Interviste
La Redazione
17 Aprile

Ragazzi di stadio

Intervista a Daniele Segre, il regista che ha raccontato la nascita dei gruppi ultras italiani.
Tifosi
Alberto Fabbri
6 Maggio

La presa di Old Trafford: un’opportunità per il tifo italiano

La rivoluzione deve essere innanzitutto culturale.
Interviste
Raffaele Arabia
14 Ottobre

Catanzaro mon amour

Negli anni '70 e '80 era la Regina del Sud e da allora a sostenerla ci sono gli Ultras Catanzaro. Chiacchierata con uno dei gruppi ultrà più fieri d'Italia.
Storie
Michelangelo Freda
20 Febbraio

Jihad nel pallone

L'integralismo islamico e il calcio, un rapporto complesso e problematico.
Tifosi
Alberto Fabbri
8 Marzo

Ragazze Ultrà

L'emancipazione femminile è passata anche dalle curve.
Tifosi
Domenico Rocca
2 Febbraio

Le ombre del caso Speziale

Ricorre oggi l'anniversario di una tragedia dai tratti oscuri.
Interviste
Michelangelo Freda
25 Settembre

Tobias Jones – God save the Ultras

Intervista allo scrittore e giornalista inglese Tobias Jones, esperto di sottoculture italiane e del fenomeno ultras nel nostro Paese.
Tifosi
Andrea Angelucci
20 Aprile

Il calcio è di tutti

Azionariato popolare e Finanziamento collettivo. L'utopia esiste.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Giugno

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifosi
Jacopo Benefico
7 Novembre

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Recensioni
Alberto Fabbri
22 Maggio

I Furiosi

Nanni Balestrini ha composto il primo ed inimitabile poema sugli ultras italiani.
Tifosi
Alberto Fabbri
6 Agosto

No allo stadio teatro!

Diffidate da chi rinnega il valore emotivo degli spalti.
Tifosi
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Domenico Rocca
18 Luglio

Contro il campionato spezzatino

Il calcio che siamo abituati a conoscere è una carcassa abbandonata nel deserto: l’avvoltoio che la smembra è il business televisivo.
Calcio
Giuseppe Cappiello
20 Settembre

Il calcio a Bari è un Ideale

Il pallone dal basso che non si arrende al business.
Storie
Pierfilippo Saviotti
10 Febbraio

Tifosi

Facciamo un viaggio alla scoperta dello spirito che ha animato le origini del nostro calcio, al riparo dalla compostezza e dal conformismo dell’attuale Serie A.
Ritratti
Massimiliano Vino
3 Dicembre

Quel meticcio di Luciano Vassallo

La condanna senza patria del miglior calciatore etiope.
Tifosi
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Casuals, ep. III: c’era una volta Londra

Dopo gli Skinhead e i Mods, solo il Casuals nella capitale.
Tifosi
Alberto Fabbri
28 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. II

Il decennio della diffusione in tutta la Penisola.
Tifosi
Michelangelo Freda
6 Maggio

L’altro volto del Paris Saint-Germain

La storia che non conoscete dietro al PSG.
Cultura
Domenico Rocca
8 Aprile

La sciarpa, il tamburo e la siringa

Negli anni '70 l'eroina ha cancellato una generazione, dalle piazze e dagli stadi.
Interviste
Michelangelo Freda
9 Gennaio

Shkendija, non chiamateci macedoni

Intervista ai Ballistet, ultras dello Shkendija, tra nazionalismo albanese e supporto alla causa kosovara.
Tifosi
Alessandro Imperiali
8 Gennaio

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Tifosi
Alessandro Imperiali
11 Novembre

Gabriele Sandri, storia di un omicidio

Tredici anni fa veniva ucciso un cittadino italiano.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Editoriali
Luca Giannelli
28 Dicembre

Il fallimento di un modello che non c’è

Concentrarsi sul singolo fatto per non mettere in discussione un sistema marcio.
Papelitos
Domenico Rocca
4 Agosto

L’estate del buonismo

Dopo il codice etico, il daspo digitale. La direzione intrapresa dal calcio in Italia da un lato si allontana sempre di più dai tifosi, dall'altro si avvicina notevolmente ai consumatori.
Tifosi
Matteo Paniccia
28 Marzo

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Tifosi
Alberto Fabbri
5 Ottobre

Ultras d’Italia, ep. I

Incipit della storia del tifo italiano.
Interviste
Alberto Fabbri
4 Novembre

Contucci, l’avvocato del diavolo

Voce all'avvocato Lorenzo Contucci, sindacalista dei tifosi.
Tifosi
Domenico Rocca
4 Giugno

Nel nome di Antonio De Falchi

04/06/1989: il buio a San Siro.
Tifosi
Alberto Fabbri
17 Maggio

Psicanalisi di Curva

Scambio di epistole digitali con Giuseppe Ranieri, autore Ultras.