Carrello vuoto
Tifo
18 Agosto

In curva non sventola bandiera bianca

Alberto Fabbri

77 articoli
Malgrado il periodo più buio di sempre, i tifosi non si arrendono.

Che negli ultimi venti anni il tifo organizzato stesse attraversando una profonda crisi era evidente agli stessi protagonisti, tuttavia nemmeno i più pessimisti avrebbero potuto prevedere una sparizione così repentina. Messi all’angolo dagli sconvolgimenti dell’ecosistema calcistico, colpiti da misure repressive sempre più feroci e resi ancora più vulnerabili agli occhi dell’opinione pubblica dalle derive criminali ed affaristiche di diverse piazze, gli ultras italiani erano ormai abituati a lottare per la sopravvivenza: la curva era diventata una riserva naturale sempre più esposta e loro una specie (non protetta) a serio rischio di estinzione.

 

 

Dopo il Decreto Amato del 2007, la Tessera del tifoso ed il famigerato articolo 9, il Daspo di gruppo, il codice di gradimento ed il Decreto Sicurezza Bis, sembrava che non ci potesse essere limite al peggio. Invece, ecco la ripartenza del calcio post Covid.

Porte chiuse e palla al centro: il finale della storia iniziata oltre cinquant’anni fa non sarebbe potuto essere più triste.

E dire che i tifosi, di curva ma non solo, erano riusciti ad attirare nuovamente l’attenzione dei media, anche durante il lockdown, quando gli unici palloni che rimbalzavano erano quelli virtuali. Puntuali le accuse sul fatto che la partita Atalanta-Valencia a San Siro avrebbe rappresentato un sospetto focolaio, così come le edizioni della Coppa Italia di basket e pallavolo, disputate rispettivamente a Pesaro e Casalecchio di Reno, poco prima dell’inaugurazione della fase 1. Insomma, nemmeno tanto velatamente si puntava il dito contro i sostenitori e si preparava il terreno per una ripartenza dello sport senza pubblico.

 

 

Nel frattempo anche i funzionari di polizia avvertivano la mancanza degli ultras e, vinti dalla nostalgia, li convocavano in questura per il rispetto della misura cautelare della firma. Considerando che all’epoca gli spostamenti erano fortemente sconsigliati (i paesaggi lunari sugli spalti facevano da sfondo alle partite), e i problemi prioritari del Paese sembravano ben altri, più che un eccesso di zelo sarebbe tutto ciò appariva come puro accanimento.

 

Entusiasmo a La Spezia per l’arrivo della squadra: una scena che speriamo si possa ripetere presto in tutta Italia (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images for Lega Serie B)

 

 

Successivamente, numerose male lingue e penne ancora più malevole avevano dovuto ricredersi di fronte all’impegno sociale profuso dai gruppi organizzati in tutta la penisola. Negli spazi di manovra delle riaperture, ma perfino nelle poche libertà concesse dalla fase 1, i tifosi  scendevano in strada a difesa del territorio, organizzando svariate iniziative solidali, come raccolte fondi per gli ospedali e collette alimentari per le famiglie in difficoltà. Grande risonanza riscuoteva anche il servizio de Le Iene, che approfondiva la partecipazione di alcuni volontari della Curva Nord di Bergamo alla costruzione dell’ospedale presso la Fiera della città orobica.

 

 

Sembrava addirittura che il solito costume da “panico morale” fosse stato cucito addosso a nuove sventurate categorie, quali i “corridori della domenica” (i “joggers” per intenderci), i passeggiatori solitari ed in seguito gli animali notturni della movida. Invece è bastata una manifestazione, forse politica, sicuramente non “ultras”, organizzata al Circo Massimo il 6 giugno, per rispolverare i soliti cliché. Nonostante un’infinità di gruppi avesse smentito preventivamente la partecipazione all’iniziativa, il suo epilogo violento aveva suscitato il tradizionale coro di voci indignate, che condannavano i rapporti tra le curve e l’estremismo di destra.

 

 

A queste si univa anche il Ministro dello Sport Spadafora che qualche tempo prima, alla trasmissione Dodicesimo in campo, aveva riconosciuto pubblicamente il ruolo dei tifosi nel tessuto sociale, aprendo inoltre ad un loro ritorno allo stadio. Oggi, quando manca un mese al calcio di inizio del campionato 20/21, dopo promesse (da marinai) e relativi dietrofront da parte delle istituzioni sportive e politiche, l’orizzonte appare estremamente cupo per gli ultras, che però hanno deciso di non subire inermi questa situazione di totale incertezza.

Ad inizio agosto si è tenuto infatti un incontro tra alcuni membri delle istituzioni ed una delegazione di rappresentanti di gruppi ultras italiani (di calcio, ma anche basket per esattezza).

Presso le sale del Maschio Angioino di Napoli amministratori ed esponenti politici, come il sindaco napoletano De Magistris e il Viceministro dell’Interno Crimi, hanno ascoltato le istanze degli esponenti del tifo organizzato: alla base del confronto l’interessante dossier “Ridimensionamento del Sistema Calcio – Uno sport a misura di tifoso”, un documento che indaga la deriva imboccata dal pallone e dalle sue strutture.

 

 

Sul banco degli imputati il doping finanziario da cui dipende ormai il calcio tele-centrico, lo strapotere degli agenti, la pratica delle plusvalenze fittizie ed il crescente ammontare di debiti. In sintesi, si auspica il ripensamento di un sistema divenuto ormai insostenibile non più solo dal punto di vista morale ma anche da quello economico, con un nuovo paradigma che ponga il tifoso al centro. Allo stesso tempo si è chiesto di dare seguito al superamento delle criticità repressive della Tessera del tifoso, strumento che ha ormai dimostrato la sua inutilità e che andrebbe destinato ad un impiego esclusivamente commerciale.

 

 

Inoltre, coerentemente con il Protocollo di Intesa già approvato nel 2017 dai ministri Minniti e Lotti, i tifosi chiedono l’introduzione di settori effettivamente popolari, in cui possano sostenere la loro squadra senza il rischio di incorrere in multe e sanzioni varie per l’utilizzo dei tipici strumenti del tifo. Un incontro tra gruppi di tifosi organizzati ed esponenti della politica si era già verificato nel 2016, i cui frutti però non erano maturati in seguito agli stravolgimenti parlamentari; senza considerare il rischio, sempre concreto, che questi episodi si tramutino in mere passerelle elettorali.

 

 

Questa volta però si spera che gli esiti siano più positivi e duraturi, tenendo sempre a mente da un lato la caducità dei politici e delle loro visioni, dall’altro le divisioni di un mondo che fa dell’eterogeneità una delle sue massime caratteristiche. Allo stesso modo, la tenacia e la grinta sono tra i pregi che hanno sempre accomunato i gruppi organizzati di tutta la penisola. Quel che appare certo, allora, è che gli ultras sono pronti a vendere cara la pelle, oggi paradossalmente ancora più di ieri.

 


Immagine di copertina di Francesco Pecoraro/Getty Images


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Calcio
Michelangelo Freda
26 Maggio 2022

Ciriaco De Mita e l’Us Avellino

È morto oggi, a 94 anni, un autentico uomo di potere.
Cultura
Annibale Gagliani
25 Maggio 2022

Enrico Berlinguer, il calciatore

Tra una passione autentica e la Juventus “comunista”.
Tifo
Michelangelo Freda
19 Maggio 2022

Si può essere ultras a Lipsia?

Un tifo in provetta, o meglio in lattina.
Tifo
Alberto Fabbri
13 Maggio 2022

Le sottoculture contro la società moderna

Intervista a Mauro Bonvicini, esperto ed interprete delle sottoculture giovanili.
Calcio
Matteo Mancin
3 Aprile 2022

Maurizio Mosca, il colto giullare

Qual è il vero Maurizio Mosca?
Tifo
Lorenzo Serafinelli
27 Marzo 2022

L’anima nera degli ultras ucraini

Dalle curve al fronte, tra guerra e ultranazionalismo.
Altri Sport
Lorenzo Innocenti
22 Marzo 2022

A che punto è la notte del rugby italiano?

Stato della (dis)unione dell'ovale tricolore.
Tifo
Jacopo Benefico
20 Marzo 2022

Feyenoord v Ajax, il classico del calcio olandese

Due Olande diverse, due visioni del mondo inconciliabili.
Tifo
Alessandro Imperiali
1 Marzo 2022

Stefano Furlan vive

La morte di un tifoso, la morte senza giustizia di un ragazzo.
Ritratti
Emanuele Iorio
22 Febbraio 2022

La telecronaca è una cosa seria

Ritratto di Nando Martellini.
Tifo
Jacopo Benefico
9 Febbraio 2022

Sparta contro Slavia, storia di un odio

I due volti inconciliabili della Praga calcistica.
Cultura
Francesca Lezzi
29 Gennaio 2022

Cossiga e lo stile Juventus

Il più bianconero tra i nostri Presidenti della Repubblica.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Tifo
Alessandro Imperiali
15 Dicembre 2021

Andy Capp tra denuncia sociale e post-modernità

Icona Ultras, il fumetto ha radici storiche e politiche ben definite.
Tifo
Alberto Fabbri
12 Dicembre 2021

ToroMio: un altro Toro è possibile!

Intervista a Guido Regis, presidente della più attiva associazione di tifosi granata.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Tifo
Alberto Fabbri e Domenico Rocca
26 Novembre 2021

Curve pericolose: quando le gradinate minacciano il potere

Intervista-recensione a Giuseppe Ranieri, penna militante sulla strada e sui gradoni.
Estero
Luca Pulsoni
25 Novembre 2021

Orfani di Maradona

Un anno senza Diego e al calcio è già successo di tutto.
Tifo
Alessandro Imperiali
24 Novembre 2021

Francia violenta

Negli stadi d'oltralpe la situazione sta degenerando.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Novembre 2021

Serie A isola Felix (per gli stranieri)

Cosa ci dice la doppietta del classe 2003 giallorosso.
Ritratti
Alberto Fabbri
16 Novembre 2021

Edmondo Fabbri, il controritratto

Verità e bugie sull'allenatore della Nazionale eliminata dalla Corea del Nord.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
16 Novembre 2021

Questi siamo

Campioni d'Europa, ma dove sono i campioni?
Tennis
Vito Alberto Amendolara
12 Novembre 2021

Musetti al rovescio

Lorenzo sta cercando di ritrovare se stesso.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Italia
Enrico Leo
4 Novembre 2021

Padova, amare l’amaro

Sotto la notte stellata di Giotto, il calcio è una ferita aperta.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Altri Sport
Luca Pulsoni
4 Ottobre 2021

Sonny Colbrelli trionfa in un inferno di fango e pavé

22 anni dopo l'ultima vittoria, Roubaix si tinge nuovamente di azzurro.
Tifo
Alessandro Imperiali
25 Settembre 2021

Tutti in piedi, in Inghilterra si torna a tifare

Sono tornate le standing areas.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Interviste
Leonardo Aresi
21 Settembre 2021

A tu per tu con Dino Zoff

Conversazione con il campione friulano.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre 2021

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Altri Sport
Luca Pulsoni
20 Settembre 2021

É Bagnaia l’erede di Valentino?

Il ducatista trionfa a Misano nel giorno del saluto al Dottore.
Tifo
Alberto Fabbri
16 Settembre 2021

O tutti o nessuno: il tifo organizzato si divide ancora

Le curve si dividono sugli stadi al 50%, mentre gli ultras del basket chiedono un confronto alle istituzioni.
Ritratti
Luca Pulsoni
15 Settembre 2021

Fausto Coppi, ribelle e traditore

Vivere intensamente fino a bruciarsi.
Papelitos
Valerio Santori
10 Settembre 2021

Salutava sempre

A suon di milioni, s'intende.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
8 Settembre 2021

Ci son Cassano di nuovo!

Antonio pensa sia un gioco.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre 2021

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Italia
Luca Pulsoni
24 Agosto 2021

La Serie A non par(l)a più italiano

Su 20 squadre di A, 13 hanno il portiere titolare straniero.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Italia
Diego Mariottini
15 Agosto 2021

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Papelitos
Luca Pulsoni
12 Agosto 2021

Il ciclismo italiano è a un punto di non ritorno

L'allontanamento di Cassani è solo la punta dell'iceberg.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto 2021

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto 2021

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Podcast
La Redazione
4 Agosto 2021

Mamma Italia

Un podcast con Bruno Pizzul.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto 2021

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto 2021

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto 2021

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio 2021

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Cultura
Gabriele Fredianelli
27 Luglio 2021

La disciplina del vero cavaliere

La storia della scherma in Italia, parte I: dal Rinascimento a fine '800.