Carrello vuoto
Calcio
24 Febbraio

Un re nella polvere

Un finale non degno di un'epopea sportiva senza precedenti.

Un re nella polvere. Nove mesi fa la tribù del calcio celebrava Claudio Ranieri come una sorta di sciamano. Il “miracolo” che aveva compiuto guidando una ventina di non eccelsi calciatori alla conquista della Premier League lasciò attoniti ed ammirati estimatori (pochi) e scettici (quasi tutti in Inghilterra e fuori). In meno di un anno il patrimonio di credibilità del Leicester è stato misteriosamente dilapidato. Ranieri è stato messo alla porta. Rinnegato dal suo presidente, un thailandese che comprando la società credeva di aver fatto un affare a buon prezzo; disprezzato dai suoi giocatori, modesti travet da Championship; abbandonato dai pochi più dotati venduti a peso d’oro, cosa rimaneva a Ranieri fin dopo le prime sconfitte subite non certo per colpa sua?

Il rimpianto di non essersene andato dopo la vittoria inaspettata. Ma il vecchio signore che ha attraversato tutti i gironi dell’inferno calcistico non è sensibile ai soldi come molti altri. La dignità ha imparato a coltivarla al Testaccio e su campi polverosi circondati da gradinate ingrate. Sublimi vagheggiamenti al Vigor Lamezia e al Campania Puteolana. La gloria appena sfiorata al Napoli, al Valencia, al Chelsea, alla Juventus, alla Roma, all’Inter. Caduto, ma sempre con onore. Si è rialzato quando nessuno gli tendeva la mano, tranne che per comprare i suoi servigi per disperazione o, talvolta, speranza da parte di dirigenti galantuomini (pochi). Le vittorie più belle? Lontano dal gran mondo, laddove il football è una religione. Dal Cagliari in Serie C al Leicester “non pervenuto”, fino a quando gli inglesi non spalancarono i loro occhi increduli su un fenomeno senza precedenti nella storia del calcio isolano e rarissimo in quello continentale.

qaqap04t.uhq
“Leicester are crowned the most amazing champions in history”

La vita agra di Ranieri, segnata da sorrisi amari, è un pellegrinaggio lungo quanto un sogno. Ed i sogni finiscono sempre quando iniziano. Lo sa l’Esonerato. Non ne fa un dramma. Non ha dovuto aspettare molto per sapere che la sua avventura sarebbe terminata prima di quando i soliti esperti pronosticavano. Questo calcio non è il suo, dopotutto. Il calcio è fatto di attese. Inutile farsi illusioni. Chi non ha pazienza è destinato a soccombere. Il genio può dare l’impressione dell’invincibilità, ma resta un’impressione. Il Maestro Zdenek Zeman lo sperimenta da sempre: a settant’anni ha ancora voglia di insegnare il calcio e domare un circo impazzito con la sua ironia: “E’ solo una partita di calcio“, dice ai suoi ragazzi prima di scendere in campo. Ranieri non sappiamo che cosa dice, ma ai milionari del Leicester, aspiranti fino ad un anno fa a resistere all’usura del tempo, o ad offrire non esaltanti testimonianze – come quel tale Vardy, campione a sua insaputa perché l’allenatore italiano gli ha insegnato come si fa il centravanti – certamente non ha offerto illusioni da spendere al mercato della gloria effimera, come ha creduto Kanté aggregatosi alla corte di Conte.
Ha offerto a tutti la sua signorile discrezione, la sua cultura calcistica, il suo volto segnato dal lungo cammino per mezza Europa e l’allegria che sapeva comunicare fino a contagiare ragazzi che vincevano contro tutti (o quasi) come se fosse la cosa più naturale del mondo. Non era abbastanza, evidentemente. L’essere arrivato agli Ottavi di Champions League, con una formazione depauperata e divisa (non sapremo mai i motivi dei malumori scoppiati nello spogliatoio): neppure questo era abbastanza per la dirigenza e per gli stessi calciatori. Cinque sconfitte pesano. Ma si può rimediare. E per chi ha vinto un campionato che resterà nella storia – Ancelotti e Mancini hanno ottenuto lo stesso risultato, ma con squadre blasonate difronte alle quali il Leicester semplicemente non esisteva – dovrebbe essere prevista una clausola di salvaguardia se il successivo torneo dovesse andare male: farglielo terminare.

2016-05-08t112150z_105708110_mt1aci14373193_rtrmadp_3_soccer-england-lei-eve_hP25BQQ
La favola di Re Claudio finisce nel peggiore dei modi, o ancor peggio finisce senza finale

I thailandesi hanno fretta, come tutti nel mondo impazzito del football che parla cinese ed arabo nella borse di Wall Street e della City. Gli sponsor scappano. I diritti televisivi sono in pericolo. I campioni rischiano di essere dimenticati. La gente si allontana. Che cada il re e, se del caso, gli si mozzi la testa: il principio è questo, ma anche la fine. Ha dimenticato come si allena, come si costruisce uno schema, quali accorgimenti adottare? Macché!

King Claudio ha perduto la sua corte senza neppure la soddisfazione di vedere come sarebbe andata a finire. Manca un bel po’ alla fine del campionato: ci si può salvare ancora. Forse. Se accadrà diranno che sarà stato merito del nuovo allenatore (Mancini?). Se non accadrà la colpa ricadrà soltanto sul re decaduto. Il calcio è una festa crudele. Non imbellettiamolo più di quanto meriti. Ci si esalta la sera della battaglia vinta, ci si deprime nel giorno della sconfitta. Ma Ranieri che c’entra? Già, che c’entra? Comandava una piccola armata, gli dèi non l’hanno assistito; gli umani gli hanno tolto i guerrieri migliori e non li hanno rimpiazzati neppure con i soliti mercenari a fine carriera. L’arena attende comunque l’apparizione del prossimo sciamano. Il Leicester continuerà a sognare nei prossimi anni, ma quel profumo italiano che l’ha inebriato svanirà più in fretta di quanto ci ha messo per stordire tifosi increduli e pazienti. I soldi della King Power di Bangkok non possono dormire, diceva il cinico Gekko; se dormono si perdono.

Avanti un altro.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
Andrea Antonioli
5 Maggio 2022

Tradizione, mistica, religione

Así gana el Madrid.
Papelitos
Gianluca Palamidessi e Andrea Antonioli
27 Aprile 2022

Manchester City-Real è stata utopia

Tra orrori difensivi e talento smisurato dei singoli.
Papelitos
La Redazione
31 Marzo 2022

La nuova Champions sarà una Superlega

Tanto valeva fare quella originale.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
26 Febbraio 2022

La carne è forte, ma lo spirito è debole

Antonio Conte è sempre lo stesso, non i risultati della sua squadra.
Estero
Eduardo Accorroni
3 Febbraio 2022

Mikel Arteta è un maniaco del controllo

È lui il vero erede di Pep Guardiola?
Italia
Vito Alberto Amendolara
13 Gennaio 2022

L’anno del Serpente

L'Inter è ancora la squadra da battere.
Ritratti
Marco Armocida
3 Gennaio 2022

Momo Salah è un’icona vivente

Di sicuro in Egitto, probabilmente anche nel mondo.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Cultura
Niccolò Maria de Vincenti
9 Dicembre 2021

L’Inno della Champions

Storia della melica più celebre del Calcio.
Papelitos
Federico Brasile
8 Dicembre 2021

Siamo periferia d’Europa

Mai così impotente e lontana del centro.
Estero
Marco Marino
22 Novembre 2021

Il calcio senza pazienza

Quando cambiare allenatore diventa il gioco preferito.
Estero
Emanuele Iorio
21 Novembre 2021

Manchester United, una crisi lunga otto anni

Da Ferguson a Solskjaer, i colpevoli sono sempre gli stessi: Ed Woodward e i Glazer.
Estero
Eduardo Accorroni
20 Novembre 2021

Aaron Ramsdale, ovunque proteggimi

Il portiere dell'Arsenal è matto come un cavallo e forte come un leader.
Papelitos
Federico Brasile
20 Ottobre 2021

L’Europa chiama, l’Italia non risponde

Il calcio italiano deve guardarsi allo specchio.
Estero
Diego Mariottini
20 Ottobre 2021

Il caos calmo di Claudio Ranieri

Compie 70 anni un uomo innamorato del calcio (e della vita).
Calcio
Gianluigi Sottile
1 Ottobre 2021

I campionati non valgono più nulla

Ormai, per le grandi squadre, è solo la Champions il metro della stagione.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
29 Settembre 2021

Non ditelo a Florentino

Lo Sheriff Tiraspol dà una lezione al Real e ai (pre)potenti del calcio.
Papelitos
Valerio Santori
15 Settembre 2021

Da Malmö a Malmö

Sta tornando la Juventus di Allegri?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Settembre 2021

Ronaldo è un sogno

E insieme un incubo.
Estero
Lorenzo Solombrino
12 Settembre 2021

A beautiful mind (and club)

Costruito sugli algoritmi, il Brentford sta scrivendo la storia del calcio.
Tifo
Lorenzo Santucci
6 Settembre 2021

State attenti ad insultare i tifosi

La protesta dei tifosi del Milan è sacrosanta ma non sufficiente.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
30 Agosto 2021

C’era una volta il calcio inglese

Secondo Klopp e Solskjaer alcuni club giocano un calcio troppo duro.
Estero
Eduardo Accorroni
21 Agosto 2021

In Inghilterra c’è un razzismo di serie b

Quello nei confronti dei British Asian.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Ritratti
Marco Armocida
5 Maggio 2021

Toni Kroos, il principe

Elegante, intelligente, colonna del Real Madrid.
Cultura
Vito Alberto Amendolara
28 Aprile 2021

Il Manchester City è quello dei Gallagher

Noel e Liam: fratelli divisi da tutto, ma uniti dal City.
Estero
Luca Pulsoni
23 Aprile 2021

La Brexit nel calcio di Boris Johnson

Il primo ministro britannico ha deciso la partita.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
14 Aprile 2021

Le follie dell’imperatore

Le spese del City e l'obbligo di vincere la Champions.
Estero
Gianluca Palamidessi
13 Aprile 2021

La difesa è il miglior attacco

Il Chelsea di Tuchel lo dimostra.
Italia
Federico Brasile
18 Marzo 2021

Il fallimento italiano non è colpa del “gioco”

Ma del ritardo (tecnico, fisico e caratteriale) del nostro calcio.
Papelitos
Marco Armocida
13 Marzo 2021

È troppo facile prendersela con Cristiano Ronaldo

Da leggenda vivente a fardello il passo è in un click.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
10 Marzo 2021

L’identità non è un’opzione

Cosa ci ha detto l'eliminazione della Juventus.
Calcio
Antonio Aloi
17 Febbraio 2021

Non esiste solo la costruzione dal basso

La palla lunga, se codificata, può essere un'alternativa.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Ritratti
Gianluca Palamidessi
30 Gennaio 2021

Dimitar Berbatov, il più elegante svogliato di sempre

Compie oggi 40 anni un gentiluomo del pallone.
Tifo
Alessandro Imperiali
8 Gennaio 2021

I tifosi del West Ham United tra storia e mitologia

Congratulations, you have just met the Inter City Firm.
Calcio
Lorenzo Solombrino
27 Dicembre 2020

Ancelotti ha stravolto l’Everton

Una squadra che si era rassegnata a galleggiare.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
24 Dicembre 2020

Più si gioca, meno si gioca

Un calendario sanguinoso che sta alterando il paradigma.
Ritratti
Emanuele Meschini
16 Dicembre 2020

Lo strano caso del dottor Dennis e di mister Wise

Compie 54 anni un fuoriclasse che amava picchiare gli avversari.
Ritratti
Emanuele Meschini
23 Novembre 2020

James Maddison, un 10 (extra)ordinario

Radici, talento e musica del centrocampista inglese.
Storie
Simone Galeotti
21 Novembre 2020

L’Aston Villa è un pilastro del calcio inglese

Compie oggi 146 anni una squadra simbolo d'Inghilterra.
Calcio
Gianluigi Sottile
27 Ottobre 2020

All or nothing: la strategia di Amazon nel calcio

Lo sport come nuova frontiera da conquistare.
Papelitos
Federico Brasile
21 Ottobre 2020

Una Superlega made in JP Morgan

Sembra tutto pronto per la stretta degli oligarchi.
Ritratti
Mattia Curmà
9 Ottobre 2020

Mesut Özil, contraddire il talento

Gli assist in campo, gli autogol nella vita.
Calcio
Gianluca Palamidessi
30 Settembre 2020

Il Wolverhampton è più portoghese del Portogallo

La più grande magia del mago Jorge Mendes.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre 2020

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Calcio
Andrea Antonioli
24 Agosto 2020

Il Bayern Monaco non è un top club qualsiasi

Affrontare la modernità con la forza della tradizione.
Tennis
Lorenzo Ottone
23 Agosto 2020

Il calcio post-Covid è più finto della Playstation

Quanto è triste alzare una coppa in uno stadio vuoto?