Carrello vuoto
Papelitos
15 Settembre

Una Dea favolosa

Luigi Fattore

46 articoli
I fuochi d'artificio dell'Atalanta in Europa League.

Dopo i maltrattamenti subiti in Champions League da Juventus e Napoli, mentre la Roma è riuscita a cavarsela per un pelo, era doveroso aspettarsi un sussulto d’orgoglio del calcio italiano sulla scena internazionale. L’Europa League ha finalmente sorriso al tricolore, con tutte e tre le squadre impegnate ieri sera uscite vittoriose dai rispettivi impegni. Ma non ce ne vogliano Milan e Lazio, protagoniste di autoritarie spedizioni in terra straniera: la vittoria dell’Atalanta è quella che ci ha emozionato di più. Gli uomini di Gasperini hanno malmenato senza pietà l’Everton di Koeman mettendo al tappeto i Toffees dopo soli 45 minuti di gioco. Un 3-0 con cui la Dea rifiuta ufficialmente il ruolo di comparsa per cui era stata scritturata dopo i sorteggi, per imporsi con prepotenza come protagonista e, perché no, possibile rivelazione del torneo. D’altra parte la storia insegna che gli orobici in Europa, all’occorrenza, ci sanno stare: semifinale della Coppa delle Coppe 1987-88, tuttora record per una formazione cadetta (nel 1987 retrocessero in B, ma il raggiungimento della finale di Coppa Italia, vinta dal Napoli già scudettato, garantì ai bergamaschi l’accesso all’Europa ndr), e quarti di finale della Coppa Uefa 1990-91 (eliminazione ad opera dell’Inter che poi avrebbe vinto il trofeo ndr), ultima traccia internazionale degli atalantini.

La carica del Papu
La carica del Papu

Difficile dire se questi precedenti europei di tutto rispetto abbiano pesato nella testa dei giocatori e nel cuore dei tifosi, certo è che l’entusiasmo dei ventimila del Mapei Stadium (si è giocato a Reggio Emilia perché l’Atleti Azzurri d’Italia non ha ottenuto il via libera dall’UEFA) era troppo coinvolgente perché la formazione di Gasperini non tirasse fuori la prestazione perfetta. A protezione sì della storia passata, ma anche di quella recente. Perché non va dimenticato che il quarto posto della scorsa stagione è stato un autentico miracolo sportivo italiano non dissimile da quello che il Leicester un anno prima aveva rappresentato per gli inglesi. E quando si accarezza la dimensione favolistica riabituarsi alla realtà di tutti i giorni non è semplice, tanto più che quest’anno, complice il ritorno in pompa magna delle milanesi, sarà pressoché impossibile ripetersi in campionato. E allora perché non proseguire il sogno in Europa? Detto, fatto. I ben più ricchi e blasonati Rooney e compagni hanno dovuto prendere atto di questa malcelata volontà neroazzurra, sublimata dall’acume tattico di Gasperini, dal prodigio di Gomez e dalla voglia matta di Masiello. Già, Masiello. Forse il protagonista più luminoso della serata. Voleva il gol più di tutti, lui che di lavoro fa il difensore, lui che ha alle spalle un passato non cristallino, fatto anche di calcioscommesse, squalifiche e patteggiamenti. E’ stato reintegrato nella rosa dell’Atalanta, dopo oltre due anni di squalifica, appena a gennaio 2015. Ma per far sì che quella storia restasse soltanto un brutto capitolo, un errore (pagato) da non rifare, si è allenato in silenzio, a testa bassa, giorno dopo giorno. E da due anni a questa parte si è ripreso il posto da titolare sfoderando un rendimento costantemente alto, condito anche da vincenti incursioni offensive, che gli è valso una riabilitazione completa: il calcio è sempre pronto a perdonarti se dimostri di tenerci davvero. La storia di Masiello è un meraviglioso esempio di come rialzarsi dopo una caduta possa essere riduttivo: si può addirittura volare, se lo si vuole. Ecco perché quel faticatore ieri sera era bramoso di qualcosa di diverso, di regalare la ribalta internazionale alla sua redenzione. E non è un caso che sia stato proprio lui a desiderare, cercare e segnare il primo gol dell’Atalanta in questa nuova stagione europea. Una favola nella favola.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Tifo
Gianluca Palamidessi
15 Aprile 2022

Il tifo infiamma Europa e Conference League

Lo ribadiamo nuovamente: in Europa si tifa solo di giovedì.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Dicembre 2021

Tra i tre litiganti, l’Inter gode

C'era una volta un campionato combattuto.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
9 Dicembre 2021

Non studio, non lavoro, non guardo la tv

Non vado al cinema, non faccio sport.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
6 Dicembre 2021

L’Atalanta è pronta per vincere lo Scudetto

Come è cambiata quest'anno la Dea.
Tifo
Lorenzo Serafinelli
3 Novembre 2021

L’Europa tifa solo il giovedì

Se lo spettacolo non è in campo ma sugli spalti.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
19 Agosto 2021

Ci mancava solo la Conference League

La competizione di cui proprio non avevamo bisogno.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Maggio 2021

Le finali non si giocano, si vincono

Il Villarreal è campione d'Europa.
Papelitos
Federico Brasile
16 Aprile 2021

Italianissima Roma

L'arte dell'adattamento e della difesa.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
27 Febbraio 2021

Gli arbitri hanno mai giocato a calcio?

Forse sì, in un tempo molto lontano.
Ritratti
Andrea Angelucci
11 Febbraio 2021

Lo strano caso di Aritz Aduriz

Compie oggi 40 anni un simbolo del calcio basco.
Calcio
Francesco Andreose
30 Dicembre 2020

Le favole non esistono

Dall'uso all'abuso di un termine inflazionato.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Calcio
Gianluca Palamidessi
9 Novembre 2020

Bravo, fortunato e insopportabile

Giampiero Gasperini, l'allenatore più antipatico d'Italia.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
13 Agosto 2020

L’Italia che dorme aggrappata al sogno dell’Atalanta

Siamo stati costretti a credere in un miracolo.
Tifo
Matteo Paniccia
28 Marzo 2020

Ultras vuol dire Comunità

Tantissime sono le curve che, da Nord a Sud, si sono attivate durante l'emergenza.
Ritratti
Roberto Tortora
26 Marzo 2020

Gianluigi Lentini contro Eupalla

Le sliding doors di un potenziale crack del calcio italiano.
Ritratti
Luigi Fattore
16 Marzo 2020

Claudio Caniggia, l’antieroe

Uno dei calciatori più sottovalutati della storia, che ha pagato a caro prezzo un gol di troppo.
Ritratti
Marco Metelli
9 Marzo 2020

Per Mondonico il calcio era condivisione

Una vita spesa per il pallone, una passione che trascendeva riconoscimenti e categorie.
Calcio
Federico Brasile
6 Marzo 2020

Agnelli, era meglio tacere

Il presidente bianconero ha in testa un modello di calcio esclusivo, elitario e antidemocratico.
Calcio
Annibale Gagliani
28 Febbraio 2020

Il modello Atalanta viene da lontano

L'Atalanta non è solo scouting e pianificazione: storia recente della polenta meccanica.
Calcio
Francesco Andreose
24 Febbraio 2020

Il riscatto del calcio di provincia

Le serie minori credono ancora nel calcio di una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
17 Gennaio 2020

Anche Gasperini può sbagliare

Gli insulti alla madre di Gasperini hanno sollevato un (ingiustificato) polverone.
Papelitos
Federico Brasile
12 Dicembre 2019

L’Atalanta ci fa tornare bambini

Il trionfo dell'Atalanta è la vittoria dei belli e dei giusti.
Tifo
Jacopo Benefico
29 Novembre 2019

Brescia-Atalanta è storia, ma senza tifosi che derby è?

Contro-storia del derby più sentito del Nord Italia.
Calcio
Gianluca Palamidessi
2 Ottobre 2019

Abolite l’Europa League

Una competizione confusa nella teoria e brutta nella pratica.
Calcio
Matteo Donadoni
20 Settembre 2019

La caduta della Dea

È difficile rimproverare qualcosa all'Atalanta, ma il tracollo di Zagabria deve almeno farci interrogare.
Calcio
Alberto Maresca
20 Agosto 2019

Il calcio a Baku

Tra politica, petrolio e assolutismo.
Calcio
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio 2019

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
Critica
Pippo Russo
2 Ottobre 2018

La sensazione del remix invasivo abbastanza esondante

Dalla Gazzetta a Sky Sport, come se non ci fossimo mai lasciati.
Calcio
Luigi Fattore
20 Settembre 2018

Prendiamola sul serio

Il minore appeal che esercita rispetto alla sorella maggiore Champions non giustifica lo snobismo nei confronti dell'Europa League. Lazio e Milan sono chiamate ad invertire la rotta.
Calcio
Matteo Mancin
20 Settembre 2018

L’epoca d’oro del calcio italiano

Quando le piccole d'Italia fecero le grandi d'Europa.
Interviste
Gianluca Palamidessi
15 Agosto 2018

Il cacciatore di stadi

Intervista a Federico Roccio.
Papelitos
Alberto Fabbri
14 Marzo 2018

Nein zu RB

La Red Bull e il calcio, un rapporto complicato (almeno per noi tifosi).
Storie
Domenico Rocca
19 Gennaio 2018

L’ultima scommessa

Se pensiamo al fenomeno calcio-scommesse abbiamo in mente, nella migliore delle ipotesi, solamente confusione e vaghi ricordi.
Papelitos
Gianmarco Galli Angeli
25 Maggio 2017

L’importanza della tradizione

Il Manchester United fa valere l'esperienza, conquistando la sua prima Europa League.
Calcio
Alberto Girardello
25 Aprile 2017

La poetica del fanciullino

L'Ajax ha sempre puntato sui giovani: quest'anno con risultati eccezionali.
Papelitos
Luca Rubeo
27 Febbraio 2017

Quando il gioco si fa duro

Ventiseiesima giornata di Serie A (quasi) alle spalle, tra incroci ad alta quota e transizione domenicale.
Calcio
Gennaro Malgieri
22 Novembre 2016

In campo per la rivoluzione

La campagna contro la città, il popolo contro le èlites. Un giro per l'Europa passando in rassegna le sorprese (e le speranze) all'attacco dei centri del potere.