Carrello vuoto
Interviste
23 Novembre

Una nuova alba per la cultura Casual?

Gianluca Palamidessi

126 articoli
Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.

Abbiamo scambiato due chiacchiere con Sergio Francesco Tagliabue, autore di Una nuova alba (2020, ed. Urbone Publishing). In questa intervista partiamo dal suo ultimo libro per approfondire alcuni aspetti della sottocultura Casuals, tra origini, storia e attualità.

 

 

casuals phil thornton
casuals

Caro Sergio, iniziamo con una domanda semplice ma cruciale. Al di là dell’ottimo Casuals di Phil Thornton, edito in Italia da Boogaloo Publishing (2004, trad. di G. Ravagni), la letteratura sull’argomento è quasi inesistente. Il tuo libro, in questo senso, riempie un vuoto?

 

 

Ciao, diciamo che non ho questa pretesa anche se inizialmente, quando ho cominciato a pensare di scrivere questo tipo di libro, ho certamente riflettuto sul fatto che su questo argomento a noi così caro c’è davvero poca informazione a parte il fantastico libro che hai citato, una guida fondamentale per chiunque voglia seguire e conoscere la sottocultura dei Casuals; ho quindi in qualche modo voluto omaggiare questa passione, questo stile di vita, senza però mai voler scrivere un’ulteriore sorta di guida o riportando fatti storici già descritti in quel libro o che si possono trovare su internet. Ho preferito parlarne attraverso una storia di fantasia, cercando di far conoscere meglio questo fenomeno e provando in qualche modo ad immedesimarmi nei ragazzi che lo hanno originato dai sottofondi della working class, in silenzio e senza annunci e titoloni su riviste patinate.

 

Questo libro vuole sicuramente approfondire la conoscenza della sottocultura dei Casuals e lo fa in modo molto dettagliato, ma principalmente questa, come il calcio e la musica, sono dei bellissimi contorni a quello che voglio realmente trasmettere attraverso le storie dei miei protagonisti e cioè sentimenti come l’amore e l’amicizia, oltre al loro rapporto con la violenza e la propria coscienza, il proprio cuore. Penso di poter dire che il mio romanzo non è soltanto un libro sul calcio o sui Casuals, ma va molto oltre, parla di ragazzi coi quali ognuno di noi può identificarsi, dei loro problemi, delle loro paure ed incertezze, dei loro primi amori, delle loro difficoltà.

 

 

Come ti spieghi l’esplosione del fenomeno Casuals in Italia? Semplice marchetta o riadattamento all’italiana?

 

 

Penso che abbiano influito tantissimo il cinema ed internet. Come spiegato anche nell’omonimo documentario, infatti, questo ritorno prepotente dei Casuals è coinciso con l’uscita di film come “The Football Factory” e soprattutto la nuova versione di “The Firm”, una pellicola che esalta capi di abbigliamento protagonisti nelle terraces degli stadi inglesi nei primi anni 80. Comprendendo quello che stava succedendo in Inghilterra, ma anche nel resto dell’Europa, e quindi anche in Italia, sono nati siti internet come “80s Casual” che permettono a chiunque di potersi assicurare proprio capi di quei brand così ambiti anche dall’estero.

 

Definirsi Casuals oggi è fin troppo semplice, ognuno di noi può comprare un tracktop o un paio di trainers, e mi ci metto pure io, non mi ritengo assolutamente diverso o migliore di nessuno, ma quello che dovrebbe essere lo spirito Casual forse è stato perso. Nel libro parlo proprio di come è nato questo fenomeno, quindi spiego i motivi per i quali i ragazzi che andavano allo stadio a fine anni 70 decisero di adottare quel tipo di abbigliamento che non si era mai visto nelle terraces fino a quegli anni. Oggi forse ci si atteggia troppo, ma forse dipende anche dall’era in cui viviamo.

 

 

joy division
j

 

Il tuo libro rende ragione, molto opportunamente, dei fattori sociologici, musicali ed economici rispetto alla nascita e allo sviluppo della cultura Casuals. Si può dire che i Casuals col calcio, almeno inizialmente, hanno avuto poco a che fare?

 

 

Da quello che ho potuto apprendere nel corso di tanti anni leggendo libri o articoli e parlando con tifosi inglesi penso di poter dire che i Casuals hanno avuto origine nel Nord dell’Inghilterra tra i ragazzi appartenenti alla cosiddetta classe operaia. Si tratta di un fenomeno nato da quei giovani che cercavano un modo per distinguersi dalla massa, per apparire forse anche più benestanti di quello che in realtà erano vestendo brand a volte costosi e pregiati nei locali ed ai concerti. A differenza di altre sottoculture quella dei Casuals non si identifica in un particolare genere musicale o in un ideale politico e si è quindi presto legato agli stadi, dove quei ragazzi erano soliti andare ogni sabato pomeriggio.

 

 

Come mai, a tuo avviso, questo incredibile fenomeno sottoculturale è considerato dai sociologi come un errore o un vuoto nella storia delle sottoculture britanniche?

 

 

Penso che sia stato un fenomeno sottoculturale di nicchia (basti pensare che il termine Casuals venne adottato soltanto nel 1983 dalla rivista “Face” che per la prima volta parlò di quel movimento originatosi almeno 5 anni prima in silenzio e senza proclami) durato troppo poco, ma soprattutto, come dicevo prima, non identificabile con un particolare ideale o con un genere musicale.

 

Lo scopo dei Casuals era di andare allo stadio in trasferta passando inosservati per poi cogliere di sorpresa gli avversari e questo è funzionato bene all’inizio, ma ci è voluto poco perché il movimento si espandesse in tutto il Paese facendolo così diventare una moda e qualcosa di non più imprevedibile. Quando ormai tutti vestivano in quel modo non c’era più il fattore sorpresa e quando poi a Manchester cominciò a cambiare la musica con l’avvento di band come gli “Happy Mondays” e della famosa “Hacienda” scoppiò l’era “Madchester”, si iniziò a fare forte uso di nuove droghe che portavano i giovani a preferire lo “sballo” ed i concerti alle botte sugli spalti.

 

 

piccadilly
picca

 

Il tuo libro, mi sembra di capire, parla soprattutto di Manchester. Che ruolo ha avuto questa città nello sviluppo della cultura Casuals? Dove le metti Londra e Liverpool in questa speciale graduatoria?

 

Il romanzo è ambientato principalmente a Stockport, in periferia di Manchester, tra il 1975 ed il 1980 e quindi non parla della scena Madchester, ma più che altro dell’avvento nel nord dell’Inghilterra del Punk prima, con il famoso concerto dei “Sex Pistols” nel 1976, e del post-punk poi attraverso il racconto della breve, ma intensa, carriera dei “Joy Division”, ma anche di altre band importanti come ad esempio i “The Cure”.

 

Il concerto dei Sex Pistols, portati a Manchester dai Buzzcocks, cambiò totalmente la scena musicale di questa città e portò una ventata di aria fresca oltre ad un netto cambio di mentalità. Nacquero diverse nuove band e Tony Wilson iniziò il suo percorso organizzando le prime serate “Factory” al “Russell Club”. Per quanto riguarda le origini dei Casuals ci sono diverse opinioni, ma quelle che trovo più veritiere portano a pensare che tutto sia partito da Liverpool ed in particolare dalla tifoseria del Liverpool che in quegli anni giocava nelle Coppe Europee; nel libro racconto proprio come molti tifosi anche di altre squadre andavano in trasferta con i Reds per poter andare a fare acquisti in città europee alla ricerca soprattutto di Adidas esclusive impossibili da trovare in UK.

 

pringle
Il maglione Pringle, icona della cultura Casuals

 

Nella mia classifica metto quindi proprio Liverpool al primo posto, inteso come tifosi dei Reds, ma anche di Everton e Tranmere Rovers (per chi non lo conoscesse consiglio vivamente il film/libro “Awaydays”) e Manchester al secondo posto vista la vicinanza tra le due città, ma anche la loro rivalità sotto ogni punto di vista; se a Liverpool i primi Casuals erano i cosiddetti “Scally”, a Manchester gli si contrapponevano i “Perry Boys” chiamati così per via dell’abitudine nel vestire capi della Fred Perry.

 

Proprio in queste città anche i commercianti capirono quello che stava accadendo e negozi come “Hurleys” a Manchester e “Wade Smith” a Liverpool cominciarono ad importare capi di abbigliamento delle marche più ricercate da questi ragazzi. A Londra, a quanto sembra, furono i tifosi del West Ham ad accorgersi per primi di quello che stava accadendo al Nord. Quando le tifoserie di Liverpool e Manchester scendevano al Sud era facile notare quel loro nuovo modo di vestire. A molti piacque subito ed il fenomeno si espanse presto anche da quelle parti.

 

 

I ragazzi di oggi sembrano creare una nuova sottocultura al giorno, perché in realtà non ne creano nessuna. Il problema oggi sembra essere proprio questo squilibrio tra offerta – creazione di roba sempre nuova di cui non frega niente a nessuno – e domanda – sempre più ridotta al lumicino. Se dovessi paragonare i Casuals alla generazione dei ragazzi inglesi oggi, quali sarebbero le differenze?

 

 

Penso che alla fine degli anni 70 c’erano abitudini diverse, tutto era più spontaneo e nasceva per esigenze reali, i Casuals ad esempio cercavano un modo per sentirsi diversi, unici, per essere sé stessi e non come tutti gli altri, speravano anche di apparire migliori di quello che sentivano di essere, spendevano gran parte dei loro stipendi in vestiti, si faceva a gara a chi trovava le cose più esclusive che passavano velocemente di moda tanto era continuo il flusso di nuovi arrivi.

 

Oggi non so, ormai sono adulto e non conosco bene i giovani e le loro passioni, le loro mode, so solo che non mi piacciono la musica che ascoltano ed i vestiti che indossano, ma forse gli obiettivi sono sempre gli stessi di anni fa: sentirsi migliori, identificarsi in qualcosa, in un movimento, in un gruppo per non sentirsi esclusi.

 

 

Perché dovremmo leggere Una nuova alba di Sergio Tagliabue?

 

 

Credo tantissimo in questo progetto e sono convinto che possa essere un romanzo interessante ed appassionante per tutti, soprattutto per i giovani che possono identificarsi nei personaggi. Sono ragazzi degli anni 70-80, ma con le stesse problematiche di quelli del giorno d’oggi. Penso comunque che possa piacere anche a persone più adulte. E’ un romanzo che parla di sentimenti veri quali l’amore e l’amicizia, ma anche di sentimenti forti come la violenza, l’odio, l’invidia.

 

Naturalmente poi è un libro che può interessare agli appassionati di argomenti quali il calcio inglese, la sottocultura dei casuals e la musica; come spiegato in precedenza tratto tutti questi aspetti attraverso le storie dei miei personaggi che vivono in prima persona lo stadio e le trasferte, le risse sugli spalti e per le strade di periferia, l’avvento dei Casuals e del loro modo di vestire oltre a concerti e serate nei locali più esclusivi di quei tempi.

 

Tutta la storia ruota intorno a fatti reali, ogni partita descritta ed ogni concerto sono realmente avvenuti nelle date indicate nel libro, spesso le vicissitudini dei protagonisti sono legati a questi fatti. Parlo molto della personalità di ogni personaggio, ma in particolar modo dello stato d’animo del protagonista, Damon, un ragazzo inquieto alla continua ricerca di sé stesso. Ad aiutarlo nelle sue riflessioni sono soprattutto le canzoni dei Joy Division, in particolare i testi scritti e cantati da Ian Curtis con il quale instaurerà un rapporto forte ed intenso, pur non conoscendolo mai di persona.

 

Questo libro lo sento davvero mio perché c’è molto di me stesso, le mie passioni, ma anche il mio modo di essere, il personaggio di Damon è praticamente ispirato al sottoscritto, spesso le sue riflessioni sono le mie, i suoi sentimenti sono gli stessi che provo o che ho provato in certi periodi della mia vita.

 


Ringraziamo Sergio per la disponibilità e la gentilezza. Leggete il libro, acquistabile qui


 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Estero
Alberto Fabbri
12 Marzo

Dammi solo un minuto, un soffio di fiato, un attimo ancora

Ad Anfield ci siamo dimenticati di tutto il resto.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Italia
Gezim Qadraku
26 Settembre

Il lato oscuro del calcio

Come la depressione può trasformare il sogno in un incubo.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Italia
Andrea Antonioli
25 Aprile

La Roma non è pronta

Il suicidio di una provinciale.
storie
Andrea Muratore
1 Dicembre

Tata Raphael: il calcio come unione e identità nazionale

Il calcio, insegnato nelle scuole inferiori e negli oratori gestiti dai missionari, praticato dai congolesi di tutte le età e sin dall’inizio decisamente valorizzato, rappresentò un fattore d’unione tra i diversi gruppi etnici del Congo Belga, nonché tra questi e gli europei colonizzatori.
pellicole
Andrea Antonioli
4 Febbraio

Aleppo è libera

Italia
Alberto Fabbri
25 Giugno

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Editoriali
Andrea Antonioli
7 Gennaio

Se questi sono ultras

Le curve rischiano di morire di criminalità.
Estero
Lorenzo Solombrino
5 Settembre

Bielsa e la rinascita del Leeds United

La chiave del successo è la semplicità.
Estero
Alessio Giussani
19 Luglio

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Tifo
Alessandro Imperiali
12 Ottobre

Chi canta prega due volte

Chiesa, cultura popolare, stadio: l'evoluzione dei cori in terra anglosassone.
recensioni
Gezim Qadraku
1 Luglio

Jimmy Grimble

Quando tifare il Manchester City era una questione d’amore.
Ritratti
Matteo Mancin
9 Novembre

Sandro Ciotti

L'uomo, l'artista, l'inconfondibile voce.
Italia
Annibale Gagliani
28 Aprile

Mandzukic, il cervo bianco

Vivere lottando.
maestri
La Redazione
28 Giugno

Lo spirito sportivo

Maestri, Episodio IX: George Orwell.
Estero
Alberto Maresca
6 Aprile

Le due facce di Casablanca

Il rosso e il verde. I colori del Marocco, i colori di Casablanca.
storie
Andrea Meccia
22 Giugno

L’altra faccia di Argentina v Inghilterra 1986

22/06/1986: oltre la mano di Dio, il gol del secolo e le Falkland/Malvinas.
storie
Roberto Tortora
18 Marzo

L’ultimo Liverpool campione d’Inghilterra

Trent'anni di attesa, ma serve ancora qualche mese.
Tifo
Gennaro Malgieri
12 Febbraio

Oriente e pallone

Tra Oriente e Occidente i rapporti si fanno sempre più complessi e il pallone non è da meno.
storie
Maurizio Fierro
14 Giugno

Il Cagliari alla conquista degli States

Il torneo USA e l'estate d'oltreoceano alla testa di Manlio Scopigno.
Estero
Remo Gandolfi
20 Ottobre

Manchester United v Liverpool. Crisi e gloria di una sfida eterna

Oggi come ieri. Alla crisi dei Red Devils risponde l'epoca d'oro dei Reds.
Interviste
Luigi Fattore
22 Giugno

Un passo indietro al gioco

Intervista a Lele Adani, rivoluzionario della dialettica sportiva contemporanea.
Estero
Giuseppe Masciale
12 Giugno

Perché il calcio deve avere paura di Erdogan

Misteri e verità sul rapporto tra la presidenza turca e il mondo del calcio.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Emanuele Meschini
27 Maggio

L’isola di Gazza

Compie 54 anni uno degli oggetti più misteriosi nella storia calcio d'Oltremanica.
storie
Rudy Galetti
22 Aprile

Il miracolo di Brian Clough

La straordinaria epopea del Nottingham Forest.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Ritratti
Matteo D'Argenio
27 Novembre

Le tre vite del Mono Burgos

Calciatore, allenatore, rockstar: un personaggio straordinario.
Estero
Vito Alberto Amendolara
27 Dicembre

Roberto Firmino: l’attaccante invisibile

Celebrazione di Roberto Firmino, l'attaccante invisibile della squadra più forte al mondo.
recensioni
Gianluca Palamidessi
25 Gennaio

Nostalgia Chinaglia

Un'intima chiacchierata con Angelo Carotenuto, autore de Le canaglie (Sellerio, 2020).
Estero
Diego Mariottini
29 Maggio

Heysel, le voci di una strage

Trentacinque anni fa una delle più grandi tragedie del calcio italiano ed europeo.
Estero
Giovanni Pigozzo
11 Settembre

2000: Odissea a Calais

L'inspiegabile semplicità dell'eroismo.
Papelitos
Alberto Girardello
23 Dicembre

Rosický e le icone perdute del calcio

Con Tomàš Rosicky lascia uno degli ultimi gentiluomini del calcio europeo, alla ricerca di nuovi giocatori simbolo.
Italia
Renato Ciccarelli
24 Aprile

Perché sono vecchio

La mia generazione, il calcio, se lo immaginava.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Italia
Alberto Fabbri
13 Dicembre

Ultras d’Italia, ep. III

I sanguinosi anni Ottanta.
Estero
Niccolò Maria de Vincenti
11 Maggio

Rule, Britannia!

Quattro finaliste su quattro segnano una tirannia. Perché il successo non va ricercato in bilanci e diritti TV: il beatissimus annus inglese e un po' di appunti per l'Italia.
storie
Matteo D'Argenio
19 Maggio

Il calcio in Corea del Nord

Passato e presente dello sport in Corea del Nord, a metà tra rivoluzione e propaganda. Con particolare attenzione al calcio, lo sport più seguito ma anche quello meno vincente.
Editoriali
Luca Giannelli
5 Luglio

Calcio Italia: un sistema senza speranza?

Conflitti di interessi, rapporti tra calcio, politica e giornalismo, strapotere dei procuratori e dei giocatori: il mondo del calcio (e non solo) in Italia è al collasso.
recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Papelitos
Giacomo Amorati
26 Giugno

Se il tuo soprannomme è “The Machine”

Oliver Ortmann è uno dei più grandi campioni di biliardo di sempre, e abbiamo parlato di sport, mentalità e della sua vita da (non) professionista. [English version at the bottom of the page]
Papelitos
Giuseppe Masciale
11 Maggio

Lo spirito sportivo

Lo sport è come la guerra, ma senza l'esecuzione. Parola di George Orwell.
Papelitos
Matteo Paniccia
30 Marzo

Scommettere sulla crisi

Non sarà certo il betting a salvare il calcio italiano.
Tifo
Massimiliano Vino
18 Maggio

Cosa significa essere di Newcastle

Il tifo come cultura di popolo.
Italia
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Emanuele Meschini
10 Settembre

Jack Grealish unisce l’Inghilterra

Il capitano dell'Aston Villa e la nuova vecchia identità britannica.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Italia
Marco Metelli
21 Agosto

Grazie, Brescia

Una grande piazza del nostro calcio è tornata a sognare.
Cultura
Lorenzo Ottone
3 Luglio

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.