Papelitos
19 Dicembre 2021

Ci mancava il VAR del VAR

La trasparenza della tecnica.

«Quis custodiet ipsos custodes?» si chiedeva il poeta latino Giovenale nella sua sesta Satira, ovvero: «chi sorveglierà i sorveglianti stessi?». Un problema ravvisato pure da Platone, che però in un passo de ‘La Repubblica’ più che porsi interrogativi condannava senza appello: «È certamente ridicolo che un custode abbia bisogno di un custode». Da Platone a Giovenale, passando per Alan Moore e il suo “Watchmen” (I custodi), il tema della sorveglianza è infine sbarcato anche nel calcio con l’introduzione del VAR, rivelando la sua inarrestabile logica.

Già l’arbitro, fino a prova contraria, è a tutti gli effetti un guardiano del regolamento, chiamato a ristabilire l’ordine fischiettando e cartellinando. Ebbene, qualche anno fa è stato deciso che un guardiano solo (che poi in realtà sarebbero 4/5 considerando tutta la terna e gli auricolari in costante comunicazione) non bastasse più, che ci volesse pure il guardiano del guardiano, anzi, un team di super-guardiani, dietro una serie di schermi a custodire la sacra oggettività della legge, pardòn, del regolamento.

Poco importa poi che le polemiche siano rimaste tali e quali, che le giustificazioni fa di Rocchi (ad esempio sugli errori di Roma-Milan) siano sembrata appunto delle giustificazioni, che il conteggio dei rigori assegnati sia esploso modificando radicalmente il gioco che si sarebbe voluto preservare, e soprattutto che non si possa più esultare per un gol se non in differita, mentre la catarsi che ha fatto le fortune di questo sport evapora.


Poco importa se sui manuali di psicologia, già dagli anni ’50, la percezione di gruppo è stata bollata come più fallace di quella del singolo, per la tendenza delle persone a conformarsi alle opinioni altrui (come dimostrato per primo da Asch). Poco importa se nessuno pare in grado di capire che l’arbitro era uno degli attori protagonisti del calcio e non un corpo estraneo ad esso, che l’epica del calcio derivava anche da arbitraggi pessimi se non palesemente corrotti che tutti ricordiamo, e che questo succede quando una cosa è viva, quando produce cultura.

Poco importa, si diceva, perché i genietti che amministrano il nostro giochino preferito hanno deciso di rilanciare pur di non perdere la faccia: mercoledì scorso nella sfida di Coppa Italia tra Verona ed Empoli, Lega Serie A e AIA hanno fornito ad un ristretto gruppo di giornalisti la possibilità di ascoltare tutti i dialoghi tra l’arbitro e il Var per sperimentare l’evenienza, in un prossimo futuro, di trasmetterli in diretta TV. Dunque i guardiani del guardiano infine verranno giudicati costantemente anche da una miriade di altri guardiani, ovvero giornalisti e spettatori, e ciò aprirà le porte a meravigliosi e progressivi confronti sempre più oggettivi tra i dialoghi dei sottoguardiani e le decisioni arbitrali prese in campo.

Perché noi pretendiamo trasparenza e giustizia: dobbiamo sapere tutto, conoscere ogni dettaglio, ascoltare qualsiasi conversazione. Solo così potremo controllare i controllori, svuotati nel frattempo di autorità e autonomia, finalmente giudicati non più solo per quello che fanno, ma anche per quello che dicono, dai tifosi di tutto lo Stivale. Onestà! In questo modo il sacro regolamento verrà applicato finalmente senza ombra alcuna e non ci sarà proprio più nulla da discutere dato che il pubblico, ovviamente, sentirà in diretta a ripetizione tutto il giorno discussioni su discussioni sulle decisioni arbitrali ma attenzione, lo farà astenendosi diligentemente dal polemizzare. È proprio così che andrà, giusto?

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Valerio Santori

35 articoli
Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi
Calcio
Valerio Santori
21 Settembre 2022

Cosa significano i deliranti cambi di Inzaghi

Responsabilizzare i giocatori è una prassi superata.
In morte di Sua Maestà il Calcio
Papelitos
Valerio Santori
12 Settembre 2022

In morte di Sua Maestà il Calcio

Allo Juventus Stadium ieri sera si è consumato un delitto.
L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa
Papelitos
Valerio Santori
22 Agosto 2022

L’ultima follia dei nerd: vietare i colpi di testa

A forza di safety-first non usciremo più di casa.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

A tu per tu con Scanzi
Interviste
Luigi Fattore
17 Ottobre 2017

A tu per tu con Scanzi

Intervista ad Andrea Scanzi, giornalista e narratore sportivo fuori dagli schemi.
Nel nome del VAR
Calcio
Michele Di Virgilio
24 Gennaio 2018

Nel nome del VAR

C'è ancora posto per l'uomo (e per il pallone) nell'età della tecnica?
Moriremo di VAR
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
28 Agosto 2017

Moriremo di VAR

La Serie A è ripartita e le polemiche, malgrado la tecnologia in campo, non si sono ridotte (anzi).
Football virtual coach, la resa degli allenatori
Papelitos
Lorenzo Solombrino
24 Novembre 2019

Football virtual coach, la resa degli allenatori

La tecnologia arriva anche in panchina sotto forma di tablet, rischiando di consegnare gli allenatori a calcolo ed algoritmi.
Lo strano caso del Dr. Nicchi(o) e Mr. Bla
Calcio
Samuele Sottoriva
24 Dicembre 2018

Lo strano caso del Dr. Nicchi(o) e Mr. Bla

Le molte e inquietanti facce del presidente AIA, Marcello Nicchi