Carrello vuoto
Altro
3 Agosto

La vela italiana si ricopre d’oro

Giacomo Rossetti

8 articoli
La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.

In ogni edizione delle Olimpiadi la stampa parte alla ricerca del personaggio. I giornalisti di tutto il mondo cercano di trovare curiosità sugli atleti, così da ricamarci un po’ sopra. E’ più che normale, ma a volte si cerca di far passare – agli occhi del lettore – una storia normale per qualcosa di assai interessante. L’oro di Ruggero Tita e Caterina Banti ai Giochi di Tokyo ha invece ribaltato questo cliché: perché ciascuno dei due velisti è veramente sui generis.

Fino alle 15.30 di oggi (orario giapponese) credevo anche che non avrei mai apprezzato completamente una regata dal vivo. E invece a Enoshima, cinquanta chilometri a sud-est di Tokyo, mi sono ricreduto. Ho avuto il privilegio di godermi la finale olimpica del Nacra 17 dal ponte rialzato di una barca a motore, da cui abbiamo salutato il sesto posto dell’imbarcazione azzurra sventolando il tricolore e fischiando beceramente. Ma perché esultare così tanto per un sesto posto? Perché la coppia Tita-Banti aveva talmente dominato la precedente settimana di regate, da arrivare alla finale da capolista con un vantaggio di dodici punti sui britannici.

La visuale dall’imbarcazione

In parole povere: per fa suonare ‘God save the queen’ alla premiazione, il catamarano di Sua Maestà sarebbe dovuto arrivare primo e quello italiano settimo. Pura utopia, visto gli azzurri sono rimasti attaccati agli avversari d’Albione per tutta la gara: strategia perfetta, visto che era inutile prendersi il rischio di raggiungere i primi posti. La storia insegna: basta che il vento giri di 30 gradi e chi conduce si ritrova ultimo, e allora sì che prendere un argento al posto dell’oro sarebbe stato un flop.


C’erano una volta un ingegnere e un’arabista


Ruggero e Caterina hanno la freddezza e il raziocinio che solo chi ha studiato per anni materie difficilissime può vantare. Lui è un ingegnere, gli angoli di virata sono il suo pane e le decisioni istantanee il suo vino. E quando dice che “oggi era facile, era soltanto una passerella per l’oro”, non lo fa per spacconaggine, ma perché nella sua testa aveva ripetuto plurime volte la gara da fare, tanto da sapere ogni virata in anticipo: “Il rischio maggiore era la falsa partenza”. A uno che sa smontare e rimontare quella specie di astronave che chiama catamarano, crediamo sulla parola.

Chi scrive rispetta profondamente il sapere tecnico, ma ha sempre proteso verso tutto ciò che è letterario. E perciò si emoziona quando sente queste parole: “Ho cominciato a studiare arabo a diciassette anni, e dopo il liceo sono andata in Tunisia per impararlo meglio. Sono stata lì un anno e poi tornata in Italia mi sono iscritta a Lingue Orientali”. Sembra quasi la storia di un’eroina di inizio Novecento, eppure Caterina la sua esperienza in Nordafrica l’ha fatta in un’epoca – i primi anni Duemila – in cui figure di un certo spessore ormai latitavano.

“Ho voluto seguire le orme di mio padre, che è professore universitario di linguistica e glottologia di lingue del Corno d’Africa”. Anche se dopo la laurea con lode in Studi Islamici ha scelto di non proseguire la carriera accademica (“mi avevano anche proposto un dottorato”), la Banti si consola con la conoscenza di cinque lingue: i ‘banali’ francese, inglese e spagnolo impallidiscono di fronte all’arabo e al turco. E ora che i giornali si sono fiondati su di loro cercando anche il minimo segno di gossip, la sincerità di Ruggero e Caterina fa sorridere: “Se siamo una coppia? No, ma ci vediamo venti giorni al mese per allenarci, passiamo di sicuro più tempo insieme che con i nostri rispettivi fidanzati”.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Altro
Gennaro Chiappinelli
23 Febbraio

Il Tiro con l’arco ha radici profonde

Una disciplina in cui riecheggiano millenni di storia.
Altro
Giacomo Rossetti
25 Luglio

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Storie
Andrea Tavano
21 Settembre

Boris Arkadiev, maestro del calcio sovietico

Demiurgo (a sue spese) dello sport nell'URSS.
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.
Altro
Luca Pulsoni
9 Novembre

La Generazione Z distruggerà lo sport tradizionale

I Giochi del Commonwealth come esperimento sociale.
Interviste
Eduardo Accorroni
9 Agosto

Anastasija Zolotic, vincere per vivere

Diciotto anni e già oro olimpico. Due chiacchiere con una predestinata.
Altro
Alessandro Autieri
27 Febbraio

Cos’è successo a PyeongChang 2018

Da Ledecka alle Coree unite, dal record di Fourcade alla Russia dimezzata e disobbediente; un lungo viaggio all'interno di ogni disciplina dell'Olimpiade appena terminata.
Altro
Beniamino Scermani
21 Marzo

Non esiste solo il calcio

Perché l'Italia non considera gli altri sport.
Papelitos
Leonardo Aresi
14 Marzo

Esports alle Olimpiadi? No, pietà!

Impediamo ai nerds di mettere le mani sui Giochi.
Papelitos
Lorenzo Santucci
14 Gennaio

Olimpiadi 2021, saremo senza bandiera?

L'Italia rischia un danno di immagine spaventoso.
Altro
Leonardo Aresi
17 Marzo

Luna Rossa ci ha fatto sognare

La sconfitta in Coppa America non scalfisce la portata dell'impresa.
Altro
Antonio Aloi
1 Agosto

Irma Testa, nella direzione giusta

La rivincita della scuola pugilistica italiana.
Tennis
Gianluca Palamidessi
1 Agosto

Immagine e depressione

Non un problema sportivo, ma culturale.
Altro
Antonio Aloi
7 Agosto

Luigi Busà, il Gorilla d’Avola con l’oro al collo

Il primo karateka a vincere un oro olimpico è italiano.
Editoriali
Luca Giannelli
30 Dicembre

La rivoluzione che non c’è

Dopo lo scaricabarile seguito all'eliminazione mondiale, eccoci da punto e a capo: intrecci malsani tra sport e politica, giornalisti compiacenti e leggi ad personam.
Altro
Alessandro Autieri
22 Gennaio

I Fourcade, due pesci combattenti

Il dualismo tra Simon e Martin Fourcade si è risolto in modo inaspettato, facendo la Storia.
Cultura
Gabriele Fredianelli
5 Agosto

Il lungo viaggio della scherma italiana

La scherma in Italia, parte II: il Novecento e i Giochi Olimpici.
Interviste
Mattia Di Lorenzo
2 Marzo

Patrizio Oliva, da Poggioreale all’oro olimpico

Uno dei più grandi rappresentanti del pugilato tricolore ci ha raccontato la sua storia, umana ancor prima che sportiva.
Interviste
Giuseppe Gerardi
15 Marzo

Riccardo Cucchi, la voce degli Italiani

Una carriera passata a raccontare la religione laica di un popolo. Intervista a Riccardo Cucchi.
Ritratti
Edoardo Salvati
11 Ottobre

Jury Chechi, sfidare i limiti della fisica

Jury Chechi non è soltanto una leggenda degli anelli, ma è anche un'icona nazionale.
Altro
Gabriele Fredianelli
29 Luglio

L’ultimo ballo di Aldo Montano

Il campione dice addio alla pedana con un argento al collo.
Altro
Leonardo Di Salvo
25 Febbraio

Blood in the pool

Era inevitabile: lo scontro tra Ungheria e Unione Sovietica non si sarebbe fermato con la repressione della rivolta magiara.
Altro
Francesca Lezzi
31 Marzo

Jesse Owens oltre la retorica

Un'icona dello sport, non dei diritti.
Altro
Giacomo Orlandini
27 Aprile

L’ideologia del record andrà in crisi

Quando non ci saranno più barriere da poter superare, l’atletica avrà ancora senso di esistere?
Ritratti
Luca Pulsoni
5 Dicembre

Jay Jay Okocha ha dilatato spazio e tempo

La magia del 10 africano più forte di sempre.
Tennis
Francesco Domenighini
23 Luglio

Le Olimpiadi mutilate

Al via i Giochi più discussi di sempre.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
2 Agosto

Sul tetto del mondo

L'estate italiana non è mai stata così dolce.
Ritratti
Alberto Fabbri
4 Agosto

Ondina Valla

Il sole in un sorriso.
Tennis
Enrico Ricciulli
26 Giugno

Juan Martìn Del Potro, eroe del popolo

Un gigante dal cuore d'oro che lotta per non arrendersi.
Calcio
Diego Mariottini
15 Agosto

Berlino 1936, il Ferragosto d’oro del calcio italiano

La nazionale di Pozzo che vinse l'oro alle Olimpiadi.
Tennis
Gabriele Fredianelli
7 Settembre

La quasi perfetta simmetria delle Paralimpiadi

La spedizione olimpica giapponese è stata la punta dell’iceberg della migliore Italia sportiva paralimpica.
Tennis
Leonardo Aresi
15 Giugno

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Ritratti
Jacopo Benefico
13 Ottobre

Ian Thorpe, se la gloria cela lo spettro della depressione

Una vita in vasca tra estasi e ricadute.
Altro
Francesco Zambianchi
12 Febbraio

Johannes Høsflot Klæbo

Lo sci nordico sta vedendo nascere la sua nuova stella: ha 21 anni ed è già il favorito. Per vincere tutto.
Altro
Alessandro Imperiali
31 Marzo

Il significato etico e politico delle Olimpiadi greche

Molto più di una semplice competizione sportiva.
Ritratti
Gabriele Fredianelli
4 Luglio

Aldo Montano, la scherma nel sangue

Cinque olimpiadi e non sentirle.
Tennis
Lorenzo Santucci
26 Gennaio

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Recensioni
Gezim Qadraku
17 Gennaio

L’ultima estate di Berlino

Federico Buffa e Paolo Frusca ci raccontano la storica Olimpiade del 1936. Un romanzo di sport, passione e ferocia.
Altro
Alessio Nannini
18 Luglio

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

Una competizione sleale, ma secondo le regole.
Altro
Gabriele Fredianelli
2 Agosto

Il momento cruciale della scherma italiana

Non (più) top ma nemmeno flop.
Basket
Giacomo Rossetti
5 Luglio

L’Italia del basket rinasce a Belgrado

Con una gara da consegnare ai posteri, gli azzurri di Meo Sacchetti conquistano l’accesso alle Olimpiadi di Tokyo.
Ritratti
Alberto Girardello
25 Maggio

Mo Farah

L'uomo da battere.
Altro
Leonardo Aresi
10 Marzo

L’epopea della Coppa America

Storia della competizione sportiva più antica del mondo.
Papelitos
Alberto Girardello
18 Dicembre

Valanghe (azzurre) in arrivo

Fuori dai canali di comunicazione mainstream si gioca la battaglia pre-olimpica negli sport invernali
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.
Altro
Gabriele Fredianelli
25 Luglio

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Interviste
Leonardo Aresi
24 Febbraio

Giovanni Soldini e il senso della vela

A tu per tu con il celebre navigatore solitario.
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.