Altri Sport
03 Agosto 2021

La vela italiana si ricopre d'oro

La strana coppia Tita-Banti ha compiuto un'impresa incredibile.

In ogni edizione delle Olimpiadi la stampa parte alla ricerca del personaggio. I giornalisti di tutto il mondo cercano di trovare curiosità sugli atleti, così da ricamarci un po’ sopra. E’ più che normale, ma a volte si cerca di far passare – agli occhi del lettore – una storia normale per qualcosa di assai interessante. L’oro di Ruggero Tita e Caterina Banti ai Giochi di Tokyo ha invece ribaltato questo cliché: perché ciascuno dei due velisti è veramente sui generis.

Fino alle 15.30 di oggi (orario giapponese) credevo anche che non avrei mai apprezzato completamente una regata dal vivo. E invece a Enoshima, cinquanta chilometri a sud-est di Tokyo, mi sono ricreduto. Ho avuto il privilegio di godermi la finale olimpica del Nacra 17 dal ponte rialzato di una barca a motore, da cui abbiamo salutato il sesto posto dell’imbarcazione azzurra sventolando il tricolore e fischiando beceramente. Ma perché esultare così tanto per un sesto posto? Perché la coppia Tita-Banti aveva talmente dominato la precedente settimana di regate, da arrivare alla finale da capolista con un vantaggio di dodici punti sui britannici.

La visuale dall’imbarcazione

In parole povere: per fa suonare ‘God save the queen’ alla premiazione, il catamarano di Sua Maestà sarebbe dovuto arrivare primo e quello italiano settimo. Pura utopia, visto gli azzurri sono rimasti attaccati agli avversari d’Albione per tutta la gara: strategia perfetta, visto che era inutile prendersi il rischio di raggiungere i primi posti. La storia insegna: basta che il vento giri di 30 gradi e chi conduce si ritrova ultimo, e allora sì che prendere un argento al posto dell’oro sarebbe stato un flop.


C’erano una volta un ingegnere e un’arabista


Ruggero e Caterina hanno la freddezza e il raziocinio che solo chi ha studiato per anni materie difficilissime può vantare. Lui è un ingegnere, gli angoli di virata sono il suo pane e le decisioni istantanee il suo vino. E quando dice che “oggi era facile, era soltanto una passerella per l’oro”, non lo fa per spacconaggine, ma perché nella sua testa aveva ripetuto plurime volte la gara da fare, tanto da sapere ogni virata in anticipo: “Il rischio maggiore era la falsa partenza”. A uno che sa smontare e rimontare quella specie di astronave che chiama catamarano, crediamo sulla parola.

Chi scrive rispetta profondamente il sapere tecnico, ma ha sempre proteso verso tutto ciò che è letterario. E perciò si emoziona quando sente queste parole: “Ho cominciato a studiare arabo a diciassette anni, e dopo il liceo sono andata in Tunisia per impararlo meglio. Sono stata lì un anno e poi tornata in Italia mi sono iscritta a Lingue Orientali”. Sembra quasi la storia di un’eroina di inizio Novecento, eppure Caterina la sua esperienza in Nordafrica l’ha fatta in un’epoca – i primi anni Duemila – in cui figure di un certo spessore ormai latitavano.

“Ho voluto seguire le orme di mio padre, che è professore universitario di linguistica e glottologia di lingue del Corno d’Africa”. Anche se dopo la laurea con lode in Studi Islamici ha scelto di non proseguire la carriera accademica (“mi avevano anche proposto un dottorato”), la Banti si consola con la conoscenza di cinque lingue: i ‘banali’ francese, inglese e spagnolo impallidiscono di fronte all’arabo e al turco. E ora che i giornali si sono fiondati su di loro cercando anche il minimo segno di gossip, la sincerità di Ruggero e Caterina fa sorridere: “Se siamo una coppia? No, ma ci vediamo venti giorni al mese per allenarci, passiamo di sicuro più tempo insieme che con i nostri rispettivi fidanzati”.

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

l’Italvolley e il significato del trionfo a Belgrado
Altri Sport
Giacomo Rossetti
06 Settembre 2021

l’Italvolley e il significato del trionfo a Belgrado

L’Italia della pallavolo femminile è tornata sul tetto d'Europa.
Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo
Altri Sport
Giacomo Rossetti
25 Luglio 2021

Vito Dell’Aquila, il guerriero timido con l’oro al collo

Il metallo più prezioso ha cinto il collo di un ragazzo pugliese che incarna lo spirito del taekwondo.
La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo
Papelitos
Giacomo Rossetti
23 Luglio 2021

La mia pazza estate alle Olimpiadi di Tokyo

Seguire i Giochi dal vivo, sputo dopo sputo.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Blood in the pool
Altri Sport
Leonardo Di Salvo
25 Febbraio 2018

Blood in the pool

Era inevitabile: lo scontro tra Ungheria e Unione Sovietica non si sarebbe fermato con la repressione della rivolta magiara.
Nadia Comaneci, Stella dell’Est
Ritratti
Diego Mariottini
12 Novembre 2021

Nadia Comaneci, Stella dell’Est

La ginnastica della perfezione.
Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici
Altri Sport
Gabriele Fredianelli
25 Luglio 2021

Luigi Samele, l’argento contro tutti i pronostici

Lo schermidore foggiano ha vissuto il punto più luminoso della sua carriera.
Alla faccia dei responsabili
Altro
Lorenzo Santucci
26 Gennaio 2021

Alla faccia dei responsabili

Per le Olimpiadi evitata la sanzione, non la figuraccia.
Clemente Russo, una vita sul ring
Interviste
Gianluca Losito
15 Marzo 2021

Clemente Russo, una vita sul ring

Intervista con il pugile campano, pronto per la sua quinta Olimpiade.