Carrello vuoto
Motori
26 Maggio

Verstappen è il rivale perfetto per Hamilton

Luca Pulsoni

80 articoli
Finalmente in Formula 1 c'è storia.

La portata dell’evento è storica: mai Max Verstappen e Red Bull erano stati in testa alla classifica mondiale nell’era ibrida. Il sorpasso a Lewis Hamilton e Mercedes si è concretizzato al termine del Gran Premio di Monaco: Max, al primo successo nel Principato, ha inflitto una severa lezione al rivale in uno dei circuiti più difficili e affascinanti del Circus. Se poi è vero che le stradine di Montecarlo esaltano le abilità del pilota più che quelle del mezzo, per Hamilton questo sarà un duro colpo da digerire.

Verstappen ha dunque acceso il fuoco della rivalità: il caso track limits in Bahrain, la ruotata al Tamburello e le scaramucce del Montmelò avevano lasciato in dote il presagio di un mondiale finalmente equilibrato. Verstappen è passato dalle parole ai fatti: l’olandese, investito da critica e risultati a erede dello scettro di Lewis, ha coronato un inseguimento iniziato (a parole) nell’inverno 2019, con alcune dichiarazioni al veleno indirizzate al britannico:

«Sulla Mercedes vincerebbe il 60% dei piloti in griglia». Poi una profezia: «Devi essere nelle condizioni di poter mettere il tuo rivale sotto pressione: se ci riesci allora gli complichi parecchio la vita».

Max Verstappen

Missione compiuta. Oggi, a una stagione di distanza, Verstappen è leader del mondiale e la pressione è tutta sul sette volte campione del mondo. L’assist servito a Montecarlo da Leclerc e Ferrari (che ha confermato il cedimento del mozzo della ruota posteriore sinistra causato dall’incidente nelle qualifiche) è valso all’olandese il primo posto nella classifica iridata: Max guida il mondiale a più quattro su Hamilton, che nel Principato non è andato oltre un anonimo settimo posto.

Verstappen F1
Lewis Hamilton ha finalmente trovato un degno rivale

Già dalle prove libere del giovedì, l’asso britannico aveva lamentato qualche criticità di troppo sulla sua Mercedes. Feedback non recepiti dalla squadra e tensioni sfociate in un duro confronto prima del gran premio. La pessima strategia in gara ha fatto il resto: Lewis ha chiuso alle spalle di Aston Martin e AlphaTauri dopo una sosta troppo anticipata e una serie di team radio stizziti nei confronti del muretto. Nel dopo gara, Lewis ha liquidato la questione:

«Non voglio parlarne troppo, ma dobbiamo lavorare tanto su quello che è accaduto qui perché non si può ripetere».

Nel box Mercedes si respirava un’aria pesante. Il ritiro del ‘paperino’ Bottas ha aggravato il bilancio della casa di Stoccarda: oltre al mondiale piloti, il team di Toto Wolff ha subito il sorpasso da Red Bull anche nei costruttori. I successi di Hamilton a Portimao e Barcellona avevano alleggerito la pressione portata da Verstappen e Red Bull a inizio stagione, eppure a Monaco è arrivato un brusco stop che ha rilanciato le ambizioni del team di Milton Keynes. In un simile contesto, la rivalità tra Verstappen e Hamilton è vicina al punto apicale. Sfida di nervi, oltre che di velocità.

Dopo la sconfitta a opera del compagno di squadra Nico Rosberg nel 2016, Hamilton ha fatto della forza mentale uno dei suoi fattori di successo. Solidità che sembra ora vacillare dinanzi alla sfrontatezza di Verstappen. Anche perché la gara di Montecarlo ha messo in luce qualche mal di pancia di Hamilton nei confronti di Mercedes: il rinnovo last minute dello scorso inverno non ha scacciato le nubi di una possibile separazione al termine della stagione; la crescita di Max e Red Bull, inoltre, ha posto Hamilton sulla difensiva.

I piloti del Team Mercedes in questa stagione dovranno fare gli straordinari

Ma Lewis, da gran comunicatore qual è, non ha nascosto le difficoltà, anzi ha colto la palla al balzo per rilanciare la sfida. Così aveva commentato il duello con Verstappen prima del Gp di Spagna:

«Max Verstappen è incredibilmente veloce e affamato di vittorie e titoli. Ma lottare contro un team è lo scenario che preferisco, vi ricordate contro la Ferrari?».

Scaramucce (almeno verbali) proseguite nel fine settimana monegasco. «Max sente di avere molto da dimostrare. Ho fatto attenzione a lasciargli spazio, altrimenti avremmo avuto un incidente», ha sottolineato Lewis in riferimento alle manovre di Max a Imola e Barcellona. Piccata è arrivata la replica del pilota Red Bull: «Non ho nulla da dimostrare. Evitare i contatti penso che valga per entrambi. Quindi abbiamo fatto bene, questo è vero. Speriamo di poter continuare a farlo e di proseguire a battagliare in pista uno contro l’altro».

A chiudere il cerchio delle dichiarazioni al veleno, sono arrivate quindi le parole di Verstappen in un’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport:

«I giochini mentali di Hamilton? Li considero stronzate. Sono abbastanza forte, nella mia mente, per sapere quello che devo fare per vincere». Non è mancata poi una bordata rivolta al rivale: «Lewis non ha mai dovuto lottare per il titolo negli ultimi anni. Anche con Seb non ci fu vera battaglia».

Piuttosto caldi anche i rapporti tra Mercedes e Red Bull. In vista del Gp di Baku (in programma il 6 giugno), è atteso un reclamo di Mercedes sulla flessibilità delle ali posteriori di Red Bull. Da Stoccarda, inoltre, non è passata inosservata la campagna acquisti di Helmut Marko tra i motoristi Mercedes in vista delle prossime stagioni in cui Red Bull produrrà autonomamente i propri motori dopo l’addio di Honda.

Per Hamilton comunque c’è un nuovo e insidioso avversario da battere, e questo è la pressione. Sull’argomento aveva detto la sua anche Fernando Alonso: «Bisogna ancora vedere Hamilton lottare sotto pressione. Quando hai un buon pacchetto e l’altro pilota fa incidenti e tu allunghi in classifica, tutto sembra tranquillo. Ma se il distacco è di uno o 10 punti le cose cambiano, lo stress è diverso, gli errori sono diversi, i messaggi radio sono diversi». Lewis ha messo nel mirino un’altra sfida: vincere e, al tempo stesso, convincere. Stavolta contro il rivale più ostico, giovane e sfrontato che potesse incontrare.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Motori
Giacomo Cunial
28 Marzo 2022

Verstappen e Leclerc, il talento nella bolla

Da Jeddah, Arabia Saudita, arrivano conferme.
Motori
Luca Pulsoni
21 Marzo 2022

La Ferrari è tornata, ed era ora

In Bahrain finisce in parata, e i segnali sono ottimi.
Papelitos
La Redazione
6 Marzo 2022

Nikita Mazepin, licenziato perché russo

Il neo-maccartismo continua spedito.
Motori
Giacomo Cunial
24 Febbraio 2022

Non è un paese per piloti

l'Italia è rimasta indietro anche nel motorsport.
Motori
Luca Pulsoni
12 Dicembre 2021

È andata come volevamo

Max Verstappen è campione del mondo dopo una stagione rocambolesca.
Motori
Giacomo Cunial
22 Novembre 2021

Max Verstappen è uno di noi

Il pilota fuori dal coro che stavamo aspettando.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Recensioni
Luca Pulsoni
18 Settembre 2021

Schumi meritava di più

La docuserie Netflix su Michael Schumacher è una vera delusione.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Motori
Luca Pulsoni
21 Luglio 2021

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Motori
Luca Pulsoni
28 Giugno 2021

Date una macchina a Leclerc

Il monegasco è l’unica certezza per il futuro della Ferrari.
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Motori
Giacomo Cunial
8 Giugno 2021

Bernie Ecclestone, il Napoleone della Formula 1

Un uomo che ha segnato un'epoca.
Motori
Giacomo Cunial
4 Giugno 2021

Ferrari a Le Mans, alla ricerca dell’epica perduta

Un ritorno che sa di storia e identità.
Motori
Luigi Fattore
1 Maggio 2021

Ayrton Senna, l’immortale

Da ben prima di quel dannato 1 maggio 1994.
Motori
Luca Pulsoni
17 Aprile 2021

La Formula 1 vuole darsi un taglio

Il budget cap (tetto agli stipendi per i piloti) divide il Circus.
Motori
Giacomo Cunial
2 Febbraio 2021

Enzo Ferrari senza filtri

Nel dialogo con Enzo Biagi, il Drake si raccontò in profondità.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Diego Mariottini
10 Gennaio 2021

Per non dimenticare Ignazio Giunti

Cinquanta anni moriva tragicamente il pilota della Ferrari.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altri Sport
Luca Pulsoni
17 Dicembre 2020

Leclerc è l’uomo di cui la Ferrari ha bisogno

Nella peggiore stagione degli ultimi 40 anni, la speranza per il futuro.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altri Sport
Luca Pulsoni
10 Novembre 2020

Schumacher e Hamilton oltre i record

Il confronto tra gli uomini che si celano dietro agli idoli.
Altri Sport
Giacomo Cunial
3 Novembre 2020

Mick Schumacher è solo un’operazione di marketing?

Non vorremmo essere nei panni del figlio d'arte.
Ritratti
Giacomo Cunial
10 Ottobre 2020

Giorgio Faletti, un intellettuale al volante

I motori prima di cinema, televisione e scrittura.
Altri Sport
Antonio Torrisi
14 Settembre 2020

Non abbiamo scelto di nascere cristiani né ferraristi

La Ferrari (oggi più che mai) è un atto di fede.
Altri Sport
Antonio Torrisi
31 Agosto 2020

La Ferrari non ha ancora raggiunto il punto più basso

Una stagione da dimenticare, che purtroppo non è ancora finita.
Tennis
Giacomo Cunial
25 Luglio 2020

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Motori
Antonio Torrisi
23 Luglio 2020

Abbiamo ucciso la Formula 1

Un mondiale che, come da pronostico, è finito prima di iniziare.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Papelitos
Giacomo Cunial
22 Giugno 2020

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.
Altri Sport
Giacomo Cunial
22 Maggio 2020

Il tramonto del Futurismo automobilistico

Sognavamo corse folli e roboanti ma saranno le macchine a guidare le persone.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Giacomo Cunial
5 Aprile 2020

Formula Uno 2020, tra eSport e realtà

La proiezione virtuale dell'esistenza alla quale stiamo assistendo ha inevitabilmente investito anche lo sport.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Febbraio 2020

Lewis Hamilton, alla ricerca di un vero rivale

Punti di forza e debolezze di un mito (forse) imbattibile.
Papelitos
Giacomo Cunial
25 Febbraio 2020

Ferrari, due prime guide sono troppe

Gestire la convivenza tra Leclerc e Vettel sarà un problema per la scuderia di Maranello.
Altro
Andrea Catalano
21 Febbraio 2020

Di padre in figlio

L'eredità sportiva è un peso o una risorsa?
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio 2020

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio 2020

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre 2019

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Altri Sport
Giacomo Cunial
9 Settembre 2019

La furia gentile di Charles Leclerc

È nata una stella.
Altri Sport
Giacomo Cunial
1 Luglio 2019

Riusciranno i giovani a fermare il declino della F1?

Verstappen, Leclerc e il loro spirito barricadero: unica speranza di questo circus in piena crisi mistico-sportiva.
Recensioni
Luigi Fattore
7 Maggio 2019

Suite 200

Il viaggio di Terruzzi nella psiche tormentata del pilota brasiliano è un'occasione imperdibile per coglierne la disturbata personalità e il suo perenne senso di colpa legato alle ingiustizie sociali del Brasile.
Altri Sport
Giacomo Cunial
26 Novembre 2018

Il tempo è galantuomo

Robert Kubica e Fernando Alonso: quando le vite di due campioni si incrociano.
Storie
Luca Pulsoni
13 Ottobre 2018

Quel maledetto sorpasso

La storia drammatica di Gilles Villeneuve e Didier Pironi, uniti dal medesimo destino.
Storie
Matteo Latini
6 Luglio 2018

Silverstone. Dove corrono gli inglesi

Dall'era Clark al Silverstone Two Step di Mansell. La magia del circuito inglese.
Storie
Andrea Catalano
14 Maggio 2018

Schumacher = Ferrari

Storia di un binomio leggendario e con ogni probabilità, irripetibile: Schumacher e la Ferrari.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Febbraio 2018

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.