Carrello vuoto
Storie
18 Febbraio

Vienna capitale del pallone

Itinerario sentimentale alla scoperta dell'età aurea del calcio austriaco.

Di solito il turista stereotipico, che qualcuno potrebbe definire “normale”, gironzola per le strade di Vienna alla ricerca della grandeur imperiale di fine Ottocento. Allora osserva le imponenti architetture delle residenze asburgiche, ascolta le note di Mozart, gusta l’opulenta Sachertorte e fantastica su un passato popolato da generali baffuti, principesse e carrozze. Invece, appena fuori dalla Ringstrasse che delimita il centro, addentrandosi in zone d’impronta industriale dominate da passanti ferroviari, precari chioschi di wurstel e casermoni popolari, il turista sui generis, “strano” per la comune vulgata, può riscoprire l’eco di un’altra ed inaspettata gloria del passato viennese: quella calcistica.

 

 

Già, perché se oggi l’Austria calcistica è conosciuta meramente per pochi calciatori degni, uber alles Alaba e la meteora interista Arnautovic, oltre alla locale versione delle “lattine” marcate Red Bull, c’è stato un tempo in cui l’ex capitale asburgica era il centro di un impero del pallone. Erano gli anni Trenta, quelli della Mitropa Cup, dell’emerita scuola danubiana e delle prodezze di Matthias “Cartavelina” Sindelar. Potremmo rievocare il tutto con una sola parola: Wunderteam, la  squadra delle meraviglie. Per scovare queste vestigia bisogna aggirare gli store di Rapid e Austria Vienna, così come il celebre Ernst Happel Stadion al secolo Prater, andando a scovare luoghi della memoria, che appaiono fuori dal nostro tempo.

 

 

vienna
Le candide maglie della “Squadra delle meraviglie”

 

Per una curiosa coincidenza di eventi, il calcio austriaco lega la sua nascita ed il tramonto del suo periodo di massimo splendore alla storia dell’ebraismo europeo. Il primo club di football in terra d’Austria è infatti il First Vienna Football Club, fondato nel 1894 dai giardinieri al servizio del Barone Nathaniel Anselm von Rotschild. Per proteggere il prato e soprattutto i suoi amati fiori, l’aristocratico dona alla squadra un campo dove sfogare l’incontenibile passione ed una prima fornitura di divise giallo-blu.

 

Il 15 novembre, nel primo incontro ufficiale il First Vienna affronta il Vienna Cricket and Football Club, secondogenito d’Austria, fondato appena un giorno dopo, secondo la tradizione. I Cricketers si prendono però la rivincita sulla cronologia, vincendo questo primo incontro per quattro a zero ed inaugurando così una lunga rivalità sportiva.

 

L’ipotetico turista “atipico” che passasse oggi nel quartiere del XIX distretto si imbatterebbe nel meraviglioso stadio Hohe Warte, raro esempio di conservazione storico-architettonica, in barba alle terribili esigenze di modernisti e sponsorizzazioni.

 

Vienna calcio
La vittoria più prestigiosa del First Vienna, 1931

 

Dopo questo pionieristico inizio, il First conosce il suo momento di massima gloria conquistando la Coppa Mitropa nel 1931. Addirittura in quell’edizione, i viennesi riescono a vincere tutte e sei le partite disputate, stabilendo un record ineguagliato per la competizione. In seguito l‘Anschluss alla Germania nazista del 1938 non decreta immediatamente il declino del First, capace ancora di sollevare la Dfb pokal cinque anni più tardi. È invece alla fine degli anni Sessanta che inizia l’inesorabile declino, da cui il club non si è ripreso tutt’ora. Infatti, attualmente la squadra milita nella Wiener Stadtliga, infima divisione austriaca, ma senza per questo aver perso il suo orgoglio.

 

 

L’ipotetico turista “atipico” che passasse oggi nel quartiere del XIX distretto si imbatterebbe nel meraviglioso stadio Hohe Warte, raro esempio di conservazione storico-architettonica, in barba alle terribili esigenze di modernisti e sponsorizzazioni. L’Hohe Warte, uno spettacolare anfiteatro naturale inaugurato nel 1921, è stato palcoscenico delle partite della nazionale austriaca, passata agli onori quale Die Wunderteam (La squadra delle meraviglie) fino alla costruzione del mitologico Prater nel 1931. In un match contro l’Italia del 1923 viene raggiunta la capienza record di 80.000 persone, assiepate non tanto sulle striminzite tribune quanto piuttosto sul prato circostante.

 

Lo stadio Hohe Warte nel 1928

 

Nel 2006, il consiglio comunale di Vienna deve decidere in merito alla sua ristrutturazione e la decisione è oculata, per una volta. La capienza dell’Hohe Warte viene ridotta agli odierni 4500 posti ufficiali, cosicché gli eventuali spettatori in più si potranno accomodare sul prato, come vuole la tradizione. Certo, si dà così per scontato che il First non raggiungerà mai più la finale di una coppa europea, ma è proprio su questo prato, davanti alla fragile tribuna verniciata con i colori sociali giallo e blu, che anche il calcio moderno appare un po’ più a misura d’uomo.

 

Proprio un altro stadio guida il nostro turista “atipico”, ormai spudoratamente calciofilo, alla scoperta di un’altra realtà viennese fuori dai grandi circuiti internazionali, ma non per questo meno affascinante. Nel distretto di Dornbach sorge infatti il Wiener Sportklub Stadion, inaugurato nel 1904 e di conseguenza conosciuto come lo stadio più antico ancora in funzione in Austria.

 

La struttura si presenta come un vero e proprio santuario laico, per una caratteristica assolutamente inedita: la tribuna principale appoggia direttamente al muro del limitrofo cimitero, che prende il nome dal sobborgo. Così, con le spalle rivolte ai defunti, i tifosi assistono alle ormai poco entusiasmanti prestazioni della loro compagine.

La “tribuna sul cimitero” è diventata ritrovo di appassionati, che si oppongono alla modernizzazione ed industrializzazione del calcio facendo risuonare una marcia funebre all’inizio di ogni match.

 

Il suggestivo murale che esprime la simbiosi tra stadio, casa e cimitero

 

Anche il Wiener, infatti, è decaduto in Regionaliga, pur vantando un passato illustre: tre campionati e soprattutto una memorabile partecipazione alla Coppa dei Campioni del 1958/9, dove rifila un perentorio sette a zero alla Juventus nel primo turno. Tramontati i fasti sul campo, i tifosi del Wiener continuano però a tenere alta la bandiera del tifo autentico.

 

La “tribuna sul cimitero” è diventata ritrovo di appassionati, che si oppongono alla modernizzazione ed industrializzazione del calcio facendo risuonare una marcia funebre all’inizio di ogni match. In questo modo celebrano la lenta dipartita del gioco che un tempo fu il più bello del mondo. Sì, perché nonostante rimangano a Vienna squadre come il Rapid ed Austria Vienna che ancora giocano ad alti livelli, in cuor loro gli Austriaci sanno che la loro grandeur calcistica, così come quella imperiale, è ormai tramontata.

 

Caso più unico che raro nella storia, gli almanacchi indicano la data esatta del delittuoso epilogo del Wunderteam: è il 3 aprile 1938, giorno del celeberrimo Anschlussspiel tra Austria e Germania nazista. L’amichevole avrebbe dovuto sancire la fusione tra le due nazionali, ponendo così fine all’impressionante ruolino di marcia degli austriaci allenati da Hugo Meisl, vincitori della Coppa Internazionale nel 1932 e medaglia di bronzo al Mondiale italiano del ’34.

 

Il Wiener fa a pezzi la Vecchia Signora col punteggio finale di 7-0

 

Secondo il copione la partita si sarebbe dovuta concludere con un salomonico zero a zero, ma i gerarchi nazisti non avevano fatto i conti con l’orgoglio di Matthias Sindelar e dei suoi compagni. Il fuoriclasse viennese, divenuto martire nell’immaginario dei suoi tifosi, è stato uno dei massimi interpreti del calcio europeo, impareggiabile testimonianza dell’eccellenza della  scuola danubiana.

 

Oggi riposa in una tomba del cimitero centrale della capitale, l’ultima tappa visitata dal nostro strano turista. Tornando a casa, in aeroporto egli potrà bere una Red Bull per tenersi sveglio in attesa del volo. Poi potrà schiacciarla e gettarla nel cestino, con la consapevolezza che anche le “lattine” passeranno di moda un giorno. Sic transit gloria mundi.

 

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Cultura
Giuseppe Gerardi
18 Febbraio 2022

Creuza de mä

La storia d'amore tra il Genoa e Fabrizio De André.
Tennis
Vito Alberto Amendolara
6 Gennaio 2022

Bruciamo le autobiografie sportive

Liberiamoci da questa piaga.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Dicembre 2021

Elogio del sercio, il pallone di una volta

Quanti chili pesava la sfera della nostra scuola calcio?
Papelitos
Gianluca Palamidessi
12 Novembre 2021

A nessuno frega più niente della nazionale

E forse a nessuno gliene è mai importato davvero.
Altro
Michelangelo Freda
19 Agosto 2021

I talebani amano il cricket (e ora pure il calcio)

Il rapporto tra gli studenti del Corano e lo sport.
Ritratti
Lorenzo Santucci
18 Agosto 2021

Cambiasso, il cervello in campo

Storia del Cuchu, il nobile proletario.
Estero
Eduardo Accorroni
9 Agosto 2021

Il calcio in Cina è pura propaganda?

Per il governo cinese, il calcio è molto più di un semplice sport.
Estero
Marco Armocida
8 Agosto 2021

Lukaku al Chelsea è già Superlega

Sul ponte (italiano) sventola bandiera bianca.
Papelitos
Lorenzo Santucci
8 Luglio 2021

Mai più Europeo itinerante

Una formula fallimentare su tutta la linea.
Ritratti
Pierfilippo Saviotti
20 Maggio 2021

Nereo Rocco, il Paròn degli italiani

A lui il nostro calcio deve successi e identità.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
20 Aprile 2021

È arrivato Robin Hood

Florentino Perez è venuto a “salvare il calcio”.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
23 Marzo 2021

Il calcio è diventato noioso

La meccanica del gioco ha vinto sull'intuizione dei singoli.
Tennis
Alessandro Imperiali
2 Marzo 2021

La radio come antidoto al coronafootball

Le radiocronache sono tornate di moda.
Estero
Alberto Maresca
26 Febbraio 2021

Tunisia andata e ritorno: il calcio del popolo

Reportage dall'Africa settentrionale.
Calcio
Gianluca Palamidessi
1 Febbraio 2021

L’onnipotenza delle radio romane

L'amico/nemico di Roma e Lazio.
Ritratti
Matteo Mancin
25 Gennaio 2021

Giovanni Galeone l’integralista

Compie 80 anni un uomo del paradosso, “padre” di Max Allegri.
Calcio
Annibale Gagliani
8 Gennaio 2021

David Bowie e Andres Iniesta, gli illusionisti

Riflessioni oniriche in onore di David Bowie, che avrebbe compiuto 74 anni.
Calcio
Angelo Ceci
26 Dicembre 2020

Le origini del Boxing Day

Storia e tradizione del Santo Stefano sportivo nel Regno Unito.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
25 Dicembre 2020

Elogio degli stadi pieni

Il regalo che tutti vorremmo: tornare sulle gradinate.
Storie
Gianpaolo Mascaro
23 Dicembre 2020

(Piccola) Patria basca

Orgoglio e radici dell'Euskal Selekzioa.
Calcio
Carlo Brigante
19 Dicembre 2020

La cabala del numero 7

Da Garrincha a Cristiano, passando per Best e Cantona.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
14 Dicembre 2020

Togliete i maledetti social ai calciatori

O insegnate loro come usarli.
Interviste
Gianluca Palamidessi
23 Novembre 2020

Una nuova alba per la cultura Casual?

Due chiacchiere con Sergio Tagliabue, tra Joy Division, Casuals e amicizia.
Calcio
Lorenzo Ottone
21 Novembre 2020

La nuova estetica del calcio è un ritorno al vintage

Lyle&Scott e Lovers FC, tra cultura Casual e Football.
Calcio
Gianluca Palamidessi
20 Ottobre 2020

Italiani, popolo di tifosi ma soprattutto di gufi

La partita dal trespolo si vede meglio.
Papelitos
Vittorio Ray
27 Settembre 2020

Totti è nella nuca

Inventare calcio girati di spalle.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
13 Settembre 2020

Lo spogliatoio è l’ultimo luogo sacro

In un mondo privo di regole, c'è un posto che impone ancora la propria legge.
Tennis
Graziano Berti
9 Settembre 2020

Concetto Lo Bello: arbitro, magistrato e sacerdote

Personalità istrionica e precursore, in tutti i sensi.
Ritratti
Alessandro Imperiali
29 Luglio 2020

Giorgio Vaccaro, lo Sport come religione

Storia del generale che fece grande l'Italia nel mondo.
Calcio
Alessio Giussani
19 Luglio 2020

Il Basaksehir sancisce lo strapotere di Erdogan

Il club di Istanbul ha vinto ieri il campionato, inaugurando una nuova fase del calcio turco.
Altro
Alberto Fabbri
19 Luglio 2020

Per Nelson Mandela lo sport era politica

Rugby e calcio nella lotta contro l'apartheid.
Editoriali
Andrea Antonioli
9 Luglio 2020

Il calcio del futuro è con i confini

Nulla è irreversibile, nemmeno la globalizzazione.
Tennis
Lorenzo Ottone
3 Luglio 2020

Paolo Villaggio e lo sport come commedia sociale

Il ragionier Fantozzi alle prese con l'Italia sportiva.
Cultura
Giacomo Proia
1 Luglio 2020

Antonio Gramsci tra il football e lo scopone

L'originale rapporto tra il celebre intellettuale e lo sport.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
27 Giugno 2020

A dover correre è la palla

Ode ai giocatori flemmatici.
Recensioni
Andrea Catalano
27 Giugno 2020

Tifosi, l’epoca d’oro del calcio italiano

Un ricordo della pellicola più amata dai calciofili italiani.
Tennis
Alberto Fabbri
25 Giugno 2020

Breviario di stile dello scarpino da calcio

La lotta alla degenerazione dei costumi continua in campo.
Interviste
Leonardo Aresi
15 Giugno 2020

L’epica di Hugo Pratt, tra sport e avventura

Marco Steiner racconta il padre nobile della letteratura disegnata italiana.
Papelitos
Matteo Paniccia
14 Giugno 2020

Vogliamo ballare in Curva, non nelle discoteche

L'ultimo DPCM si è dimenticato dei tifosi, ancora una volta.
Papelitos
Lorenzo Santucci
2 Giugno 2020

Il calcio riparte, ma gli altri sport che fine fanno?

Non si vive di solo calcio.
Altro
Andrea Catalano
28 Maggio 2020

Elogio del riscatto per sopravvivere in tempi difficili

Cadere, rialzarsi, cadere di nuovo, ballare.
Cultura
Leonardo Aresi
17 Maggio 2020

Il Bar Sport è l’Italia

Le corti dei baristi come crocevia del nostro vivere sportivo.
Calcio
Mattia Curmà
10 Maggio 2020

Ode al Dribbling

Il gesto tecnico che riassume la bellezza del calcio.
Calcio
Francesco Andreose
9 Maggio 2020

La maglia più bella è quella Made in Italy

Un viaggio nei marchi storici della provincia italiana.
Calcio
Lorenzo Ottone
4 Maggio 2020

Support your local team!

Un viaggio nell'utopia dei nuovi ultras del calcio amatoriale britannico.
Editoriali
Leonardo Aresi
2 Maggio 2020

Elogio del calcio parrocchiale

Colpire un pallone all'ombra di un campanile ci ricorda chi siamo.
Editoriali
Niccolò Maria de Vincenti
30 Aprile 2020

Il calcio o cambia o muore

Il nostro manifesto per una rinascita del pallone.
Editoriali
Gianluca Palamidessi
27 Aprile 2020

Il soccer made in USA, un problema culturale

Il gioco del calcio, in America, non è per tutti.
Calcio
Renato Ciccarelli
24 Aprile 2020

Perché sono vecchio

La mia generazione, il calcio, se lo immaginava.
Calcio
Luca Giannelli
24 Aprile 2020

Gli slavi e il senso del calcio

Estrosi, litigiosi, naturalmente perdenti.