Carrello vuoto
Motori
29 Novembre

Una vita al volante

Nicola Ventura

14 articoli
Intervista a Stefano Modena, ex pilota di Formula 1.

Stefano Modena è uno dei talenti italiani che hanno impreziosito la storia della Formula Uno a cavallo tra gli anni ’80 e ’90. Nelle categorie minori ha raggiunto risultati da capogiro mentre nel Circus si è limitato a qualche buon piazzamento. Dopo l’avventura nell’élite dell’automobilismo, ha corso nei campionati turismo italiani e tedeschi. Da più di dieci anni il pilota emiliano lavora come collaudatore per la Bridgestone.

Lei è stato un sicuro talento italiano nella Formula uno di fine anni Ottanta, primi anni Novanta: la F1 attuale è davvero solo “un affare per ingegneri” come dichiarato più volte da un altro, vecchio, grande leone come René Arnoux?

A mio avviso lo è sempre stato un affare per ingegneri e aggiungerei di soldi, nel senso che chi non aveva un adeguato budget non poteva avere vetture competitive. Quello che noto è che oggi la parte ingegneristica è preponderante rispetto al talento dei piloti, ma questo perché la tecnologia elettronica è aumentata enormemente lasciando meno spazio ai piloti. Comunque anche oggi il talento di un pilota può fare la differenza nello sviluppo e nei risultati.

Perché i piloti moderni sembrano aver perso quella personalità che era propria di tanti piloti del passato? Sembrano dei robot, privi di passione, quando invece la passione dovrebbe essere al centro di uno sport motoristico. Clay Regazzoni, intervistato in proposito, disse che i piloti moderni, così freddi e impostati, non avrebbero avuto granché da raccontare una volta appeso il casco al chiodo…

Sì può darsi che Regazzoni abbia ragione ma oggi è cambiato totalmente l’approccio alle gare, non si può paragonare la F1 degli anni 70/80 con quella moderna. Oggi i piloti sono degli atleti all’epoca di Regazzoni erano delle rock star che indubbiamente oggi hanno molto più da raccontare.

L’appeal che era proprio di gente come Senna, Villeneuve, Mansell o lo stesso Regazzoni sembra svanito per sempre. La F1 moderna è oggettivamente noiosa, al punto tale che l’interesse degli appassionati si è spostato sulle moto che ancora conservano alcune caratteristiche – come il dominio dell’uomo sul mezzo meccanico – un tempo proprio della F1. Cosa si può fare, ammesso sia possibile, per riportare la F1 al suo antico splendore?

Credo che nulla si possa fare, il trend è quello! C’è stata una netta inversione tra F1 e moto. La tecnologia ha appiattito la F1 ed ha vivacizzato le moto e soprattutto i piloti di moto. Fare dei passi indietro con la F1 per renderla più “umana” e quindi più gestibile dal pilota, snaturerebbe la sua filosofia. Infatti la sua prerogativa è quella di essere la categoria più all’avanguardia dell’automobilismo.

Clay Regazzoni: una rockstar a 350 km/h
Clay Regazzoni: una rockstar veloce come il vento

Lei ha spesso detto “di non essere un grande appassionato di automobilismo”, ma di apprezzare piuttosto la competizione. Si può competere, ad alti livelli, per esempio in F1, senza passione?

Direi che non sono appassionato di automobili più che dell’automobilismo. Per me l’automobile è un mezzo per andare da A a B, l’automobilismo è una competizione di automobili guidate da piloti. La mia passione era la sfida con me stesso con la macchina e con gli avversari. Sicuramente per competere ad altissimi livelli, come in F1, la passione è indispensabile.

I campioni attuali sono spinti da passione autentica, a suo parere?

Sicuramente sì! Come ho già detto prima per correre in F1 la passione è fondamentale.

Lei ha gareggiato con grandissimi piloti, forse nell’ultimo periodo davvero d’oro della F1 prima che la tecnologia fagocitasse tutto. Ci illustrerebbe le differenze tra Senna e Prost, i due grandi rivali della F1 di fine anni Ottanta-primi anni Novanta?

Prost un professore, tutto doveva essere perfetto per vincere, incluso la sicurezza. Senna un talento che riusciva a vincere anche se tutto non era perfetto e soprattutto in condizioni precarie.

Alcuni sostengono che Senna sia stato davvero il più grande pilota della storia: lei è d’accordo oppure in questi casi entra in gioco più il fattore “leggenda” dovuta alla tragica fine del brasiliano?

Sono d’accordo, è stato il pilota che nell’insieme in quel periodo storico ha dimostrato qualità di guida e personalità superiori agli avversari, caratteristiche che lo hanno fatto diventare una leggenda indipendentemente dalla sua tragica scomparsa.

Come collocherebbe Michael Schumacher nell’Olimpo dei grandi piloti? Lo ritiene al livello dei più forti di sempre o correva davvero in un’epoca in cui c’era lui e basta?

E’ vero, correva in un’epoca dove non aveva tanti avversari ma lui era un talento alla pari di altri campioni.

La più difficile gara del Circus è davvero Montecarlo?

La trovavo la più faticosa ma non la più difficile e comunque sicuramente una delle più affascinanti. Difficile è dover affrontare una curva a 250 Kmh per l’intero GP cercando di non perdere nemmeno un decimo di secondo. Negli anni in cui ho corso ho sempre trovato molto interessanti e nello stesso tempo difficili piste come Spa, Silverstone, Suzuka ed Estoril.

Stefano Modena a tutta velocità in quel di Monte Carlo nel 1989
Stefano Modena a tutta velocità in quel di Monte Carlo nel 1989

Il confronto con altri grandi piloti della sua epoca, quali Senna, Prost, Mansell, la intimidiva o la esaltava?

Mi sarebbe piaciuto potermi confrontare ad armi pari con questi piloti ma purtroppo non ne ho mai avuto l’occasione. In ogni caso non mi sono mai sentito intimidito da nessuno di loro. Li rispettavo e penso loro rispettassero me.

Lei è stato a lungo sotto l’occhio vigile dall’ingegner Ferrari a fine anni Ottanta, in vista di un possibile ingaggio alla scuderia di Maranello. Perché la Ferrari ha quasi sempre evitato di ingaggiare piloti italiani? Davvero per un problema di “concorrenza” col marchio del Cavallino?

L’idea di abbinare una vettura nata a Modena con un Pilota nato a Modena e di nome Modena lo stuzzicava moltissimo ma non si fece mai nulla e penso sia stato un bene. Ha ragione, raramente la Ferrari ha ingaggiato piloti Italiani anche se in realtà Michele Alboreto è stato un grande pilota Italiano che ha avuto successo e portato al successo la Ferrari avvicinandosi tantissimo alla conquista del Campionato del Mondo. Ivan Capelli è stato un altro pilota che ha corso con la Ferrari in un periodo difficile per la scuderia, i suoi risultati sono stati molto condizionati dallo scarso rendimento della macchina. Penso che il problema fosse legato alla pressione negativa che la stampa Italiana avrebbe avuto in caso di insuccesso del pacchetto. Non credo ci sia mai stato l’ipotesi che un pilota Italiano potesse mettere in ombra la Ferrari.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Papelitos
La Redazione
6 Marzo 2022

Nikita Mazepin, licenziato perché russo

Il neo-maccartismo continua spedito.
Motori
Giacomo Cunial
24 Febbraio 2022

Non è un paese per piloti

l'Italia è rimasta indietro anche nel motorsport.
Motori
Giacomo Cunial
22 Novembre 2021

Max Verstappen è uno di noi

Il pilota fuori dal coro che stavamo aspettando.
Motori
Giacomo Cunial
13 Novembre 2021

Una Formula 1 inclusiva, ecologica e saudita

Dagli USA all'Arabia Saudita il passo è breve.
Motori
Giacomo Cunial
24 Settembre 2021

Nino Vaccarella: Professore, Pilota, Semi-Dio

L'automobilismo siciliano perde il suo simbolo.
Motori
Giacomo Cunial
30 Agosto 2021

Formula 1 Horror Show

Il Gran Premio di SPA 2021 ha sancito il punto più basso nella storia della Formula 1.
Motori
Luca Pulsoni
21 Luglio 2021

C’è vita in Formula 1

Tra Hamilton e Verstappen volano gli stracci dopo l’incidente di Silverstone
Motori
Luca Pulsoni
28 Giugno 2021

Date una macchina a Leclerc

Il monegasco è l’unica certezza per il futuro della Ferrari.
Motori
Antonio Torrisi
22 Giugno 2021

Sebastian Vettel, uno stoico in Formula 1

Un pilota con un preciso centro di gravità permanente.
Motori
Giacomo Cunial
8 Giugno 2021

Bernie Ecclestone, il Napoleone della Formula 1

Un uomo che ha segnato un'epoca.
Motori
Luca Pulsoni
26 Maggio 2021

Verstappen è il rivale perfetto per Hamilton

Finalmente in Formula 1 c'è storia.
Motori
Luca Pulsoni
17 Aprile 2021

La Formula 1 vuole darsi un taglio

Il budget cap (tetto agli stipendi per i piloti) divide il Circus.
Motori
Giacomo Cunial
16 Marzo 2021

Cosa significa amare un pilota

L'amore irrazionale delle compagne dei piloti da corsa.
Motori
Luca Pulsoni
24 Gennaio 2021

L’automobilismo ecologico non piace a nessuno

La svolta green rischia di snaturare la Formula 1 (e non solo).
Altri Sport
Diego Mariottini
10 Gennaio 2021

Per non dimenticare Ignazio Giunti

Cinquanta anni moriva tragicamente il pilota della Ferrari.
Basket
Raffaele Scarpellini
8 Gennaio 2021

Le macerie sportive dei Benetton

La famiglia Verde nello sport, un impero decaduto.
Altro
Luca Pulsoni
6 Gennaio 2021

Cos’è Ineos e cosa vuole dallo sport

Renderlo una scienza, abbattere ogni barriera.
Altri Sport
Luca Pulsoni
17 Dicembre 2020

Leclerc è l’uomo di cui la Ferrari ha bisogno

Nella peggiore stagione degli ultimi 40 anni, la speranza per il futuro.
Altri Sport
Giacomo Cunial
12 Dicembre 2020

Se la tecnologia può comprare il talento

Che ne sarà del motorsport?
Altri Sport
Luca Pulsoni
10 Novembre 2020

Schumacher e Hamilton oltre i record

Il confronto tra gli uomini che si celano dietro agli idoli.
Altri Sport
Giacomo Cunial
3 Novembre 2020

Mick Schumacher è solo un’operazione di marketing?

Non vorremmo essere nei panni del figlio d'arte.
Tennis
Giacomo Cunial
25 Luglio 2020

Il pilota è prima di tutto un artista

Animato da un demone irrazionale ed estetico, viene oggi represso dalla tecnica.
Motori
Antonio Torrisi
23 Luglio 2020

Abbiamo ucciso la Formula 1

Un mondiale che, come da pronostico, è finito prima di iniziare.
Papelitos
Giacomo Cunial
11 Luglio 2020

Alonso alla Renault, un ritorno d’immagine

Un'ottima operazione di marketing per una scuderia in difficoltà.
Papelitos
Giacomo Cunial
22 Giugno 2020

Lewis Hamilton vuole abbattere le statue

Ma nelle sue posizioni estreme c'è qualcosa che non torna.
Altri Sport
Giacomo Cunial
22 Maggio 2020

Il tramonto del Futurismo automobilistico

Sognavamo corse folli e roboanti ma saranno le macchine a guidare le persone.
Altro
Giacomo Cunial
20 Aprile 2020

Il pilota tra eros e morte

Spingersi oltre i propri limiti, conquistando le donne e beffando la morte.
Papelitos
Luca Pulsoni
28 Febbraio 2020

Lewis Hamilton, alla ricerca di un vero rivale

Punti di forza e debolezze di un mito (forse) imbattibile.
Papelitos
Giacomo Cunial
25 Febbraio 2020

Ferrari, due prime guide sono troppe

Gestire la convivenza tra Leclerc e Vettel sarà un problema per la scuderia di Maranello.
Altro
Andrea Catalano
21 Febbraio 2020

Di padre in figlio

L'eredità sportiva è un peso o una risorsa?
Papelitos
Giacomo Cunial
6 Febbraio 2020

Fernando Alonso, un talento egocentrico

Il pilota spagnolo non si rassegna, e non esclude il ritorno in Formula 1.
Papelitos
Giacomo Cunial
3 Gennaio 2020

Vogliamo sapere come sta Michael Schumacher

Tutti coloro che hanno vissuto con passione le sue cavalcate hanno diritto a sapere di più.
Recensioni
Giacomo Cunial
20 Novembre 2019

Le Mans ’66 – La grande sfida

Il film di James Mangold è pura epica contemporanea.
Recensioni
Luigi Fattore
7 Maggio 2019

Suite 200

Il viaggio di Terruzzi nella psiche tormentata del pilota brasiliano è un'occasione imperdibile per coglierne la disturbata personalità e il suo perenne senso di colpa legato alle ingiustizie sociali del Brasile.
Altri Sport
Giacomo Cunial
26 Novembre 2018

Il tempo è galantuomo

Robert Kubica e Fernando Alonso: quando le vite di due campioni si incrociano.
Storie
Luca Pulsoni
13 Ottobre 2018

Quel maledetto sorpasso

La storia drammatica di Gilles Villeneuve e Didier Pironi, uniti dal medesimo destino.
Storie
Matteo Latini
6 Luglio 2018

Silverstone. Dove corrono gli inglesi

Dall'era Clark al Silverstone Two Step di Mansell. La magia del circuito inglese.
Storie
Andrea Catalano
14 Maggio 2018

Schumacher = Ferrari

Storia di un binomio leggendario e con ogni probabilità, irripetibile: Schumacher e la Ferrari.
Papelitos
Niccolò Maria de Vincenti
2 Febbraio 2018

È la Formula 1 a non essere più appropriata

Ci hanno tolto pure le gioie alla griglia di partenza. Ora se lo guardano loro quello scempio di gare.
Altri Sport
Giacomo Cunial
27 Dicembre 2017

Il sogno dell’ingegner Dallara

E venne “la Stradale”.
Altri Sport
Alberto Girardello
1 Dicembre 2017

ALFA ROSSA

In onore del ritorno della casa storica di Arese in Formula 1
Altri Sport
Giacomo Cunial
14 Settembre 2017

La lezione di Robert

Il talento non si ferma davanti a nulla.
Ritratti
Nicola Ventura
20 Gennaio 2017

James Hunt, talento indomabile

La breve, emozionante, vita di un uomo che ha voluto essere soltanto sé stesso.