Carrello vuoto
Italia
29 Gennaio

Con Vlahovic la Juventus è andata all-in

Arrivabene ha mentito a tutti.

Ora è ufficiale: la Juventus ha comunicato di aver acquisito a titolo definitivo il diritto alle prestazioni sportive di Dusan Vlahovic dalla Fiorentina. L’arrivo del gioiellino serbo alla corte di Mister Allegri segna il record di trasferimento più oneroso nella finestra invernale del calciomercato. La cifra si aggira attorno ai 70 milioni di euro bonus inclusi, pagabili in tre esercizi commerciali. A ciò vanno aggiunti altri 10 milioni di bonus legati al raggiungimento di determinati obiettivi.

L’ingaggio quinquennale (quadriennale e mezzo, ndr) del giocatore, quasi decuplicato rispetto a quanto percepiva in maglia viola, raggiunge i 7 milioni di € netti – 13 lordi –  fino al giugno 2026. Un’altra dozzina di milioni verranno sborsati infine dalla Vecchia Signora per il contributo di solidarietà previsto dalla FIFA (in piccola parte) e per oneri accessori (in gran parte) che andranno all’agente del giocatore e al suo entourage, che inizialmente avevano richiesto una cifra attorno ai 18 milioni di €.

Conti in rosso

A conti fatti, possiamo dire che il patron viola Rocco Commisso ha rispettato la sua promessa, non facendosi ricattare dagli agenti del serbo. Ma se la Fiorentina (la società, un po’ meno i tifosi) può dirsi soddisfatta dell’operazione in termini finanziari, la domanda che quasi tutti ci poniamo è se e come la Juventus possa permettersi di sborsare una cifra del genere, in un momento storico e con una situazione finanziaria a dir poco delicati.

È fattuale: la Juventus si è potuta permettere Vlahovic. Più complesse sono invece le risposte per le successive domande. Da quando è iniziata la pandemia la Juventus ha chiuso i propri bilanci con importanti passivi che complessivamente toccano quasi i 300 milioni di €. Il passivo per la chiusura del prossimo bilancio nel giugno 2022 è stimato in altri 130 milioni di perdite. I mancati introiti potrebbero verosimilmente far scendere il fatturato della società torinese sotto i 400 milioni di € per la prima volta dalla stagione 2016-2017.


Che la Juventus (e non solo) avesse un disperato bisogno di soldi era chiaro già quando il suo presidente Andrea Agnelli insieme al parigrado del Real Florentino Perez e soci avevano lanciato il progetto-golpe Superlega. Anche da un punto di vista pirandellianamente meno tragicomico, la Juventus ha dimostrato di essere al verde chiamando due aumenti di capitale negli ultimi due anni. Il primo, di 300 milioni di € nel dicembre 2019 per finanziare de facto l’operazione CR7 e il secondo, nel dicembre 2021, che ammonta a 400 milioni di €, per arginare le perdite dovute al Covid.

“L’aumento di capitale servirà per far quadrare i conti di squadra, ma non per colpi di teatro in termini di mercato a gennaio”.

Maurizio Arrivabene, 18 dicembre 2021

Vlahovic e il bluff della Juventus

Col senno di poi è facile parlare. In gergo pokeristico possiamo dire che Arrivabene stava bluffando. Infatti, ai 400 milioni di € vanno aggiunti altri 75 già versati in estate dal maggiore azionista Exor, società presieduta da John Elkann. Sottraendo a questa somma i 145 milioni che saranno utilizzati per coprire il fabbisogno finanziario nel 2022 e altri 175 che saranno destinati al finanziamento delle azioni previste nel piano di sviluppo 2019-2024, si ottiene un tesoretto di 80 milioni €, che sono esattamente la cifra che la Juventus ha sborsato per assicurarsi le prestazioni del capocannoniere della Serie A.

Ricapitolando, attraverso l’ultimo aumento di capitale la Juventus ha potuto trovare i fondi per finanziare l’acquisto del cartellino più costoso della sessione di mercato invernale, nonostante la crisi pandemica e i conti in rosso. Tuttavia, lo stesso discorso non può essere applicato ai costi ulteriori, come le commissioni e soprattutto il pesante ingaggio che sfiora i 60 milioni di € lordi nella sua durata totale. Sicuramente, nella sessione estiva la Juventus potrà permettersi pochi acquisti senza prima cedere per autofinanziarsi.

Inoltre, la Vecchia Signora dovrà impegnarsi nel tagliare il proprio monte ingaggi, già il primo per distacco della Serie A. Basti pensare che solo gli stipendi di Ramsey, Rabiot e Alex Sandro coprono quasi l’intero monte ingaggi dell’Atalanta che precede proprio i Bianconeri in classifica. Se si dovranno cedere pezzi preziosi a rivali (Dybala?, ndr) o no saranno solo il tempo e i risultati a dircelo. L’acquisto di Vlahovic, giovane con potenzialità indiscusse e con ampi margini di miglioramento, è una mossa astuta e di prospettiva, finanziariamente molto più conveniente delle operazioni Ronaldo o Higuain, più avanti con l’età e difficilmente ammortizzabili. Al tempo stesso però quello di DV7 sembra essere un azzardo per una società indebitata come la Juventus. Restando nel gergo pokeristico, con Vlahovic la Juventus ha fatto un all-in, mettendo sul piatto tutto quello che poteva spendere e ora un posto in Champions diventa ancora più cruciale per le casse bianconere.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Italia
Diego Mariottini
17 Maggio 2022

La Coppa UEFA tutta italiana della Juventus

Il primo trofeo bianconero in Europa, l'unico 100% tricolore.
Italia
Valerio Santori
12 Maggio 2022

Non si vince per caso

Se non ci credete, chiedete a Marotta.
Italia
Gianluigi Sottile
10 Aprile 2022

Non è da questi particolari che si giudica un giocatore

Dybala è (stato) un fuoriclasse?
Estero
La Redazione
19 Marzo 2022

Haaland, quando troppo è troppo?

Prima o poi ci sarà un limite.
Estero
Valerio Santori
17 Marzo 2022

Immaturi

La Juventus non può fare la grande squadra.
Papelitos
Alessandro Imperiali
29 Dicembre 2021

Cosa ci fa Er Faina a Sportitalia?

O della crisi irreversibile dell'informazione sportiva in Italia.
Papelitos
Alessandro Imperiali
26 Dicembre 2021

Il caos plusvalenze e la figuraccia della federazione

Ci risvegliamo tutti sudati, come troppo spesso capita.
Papelitos
Gianluca Palamidessi
3 Dicembre 2021

Commisso solo contro tutti

Il patron viola è tornato all'attacco su procuratori e agenti.
Papelitos
Luca Rubeo
24 Settembre 2021

Ridateci la Gioconda

Donnarumma è vittima o partecipe delle manovre di Raiola?
Papelitos
Luca Pulsoni
1 Settembre 2021

Alleluja! Il mercato è finito (forse)

Siamo usciti stanchi e nauseati da questa sessione.
Estero
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
Papelitos
Lorenzo Santucci
12 Agosto 2021

Non prendiamocela con Messi e Lukaku

Guardare il dito e non la luna.
Editoriali
Andrea Antonioli
28 Luglio 2021

Umano, troppo umano

Walter Sabatini, una sintesi impossibile.
Papelitos
Guglielmo Russo Walti
16 Luglio 2021

Il calcio (non) è un gioco per tutti

Tra il dire e il fare, il mare di soldi del PSG.
Papelitos
Giacomo Cunial
12 Giugno 2021

Ma quale traditore…

Chi si indigna non ha ancora capito che il problema è alla radice.
Estero
Michelangelo Freda
5 Aprile 2021

Il Fair Play Finanziario ha fatto acqua da tutte le parti

Da uno scopo nobile, dei risultati dannosi.
Editoriali
Andrea Antonioli
30 Novembre 2020

La Juventus non doveva omologarsi

I rischi del voler diventare un “top club” a tutti i costi.
Calcio
Marco Armocida
15 Settembre 2020

Siamo succubi del calciomercato

Senza accorgerci dei limiti del suo linguaggio.
Editoriali
Vito Alberto Amendolara
15 Agosto 2020

L’estate italiana rifiuta il calcio giocato

Ad Agosto, in realtà, noi vogliamo il calcio sognato.
Papelitos
Federico Brasile
3 Settembre 2019

Disintossichiamoci dal calciomercato

In un Paese civile il calciomercato si sarebbe dovuto chiudere già da tempo.
Papelitos
Federico Brasile
31 Luglio 2019

Disfarsi di Kean è stato un affare

Gli sbrodolamenti dei media a favore di Kean non sono stati solo patetici, ma anche dannosi.
Papelitos
Vito Alberto Amendolara
11 Luglio 2019

Griezmann, il Giuda del Cholismo

Il successo vale più dell'onore.
Calcio
Mattia Curmà
10 Luglio 2019

Il Bayern Monaco non può restare conservatore

La globalizzazione pallonara ha messo a dura prova l'autarchico modello bavarese, costretto a snaturarsi per competere in un mercato da cifre folli.
Calcio
Andrea Antonioli
16 Marzo 2018

Scatole cinesi

Le cessioni di Carrasco e Gaitàn dall'Atletico Madrid al Dalian Yifang, un affare tutto interno al Wanda Group.
Recensioni
Simone Morichini
24 Dicembre 2017

Il goal più bello è stato un passaggio

Il libro del filosofo francese Jean-Claude Michéa ripercorre le fasi del calcio: da sport delle élite a sport popolare, per diventare infine uno strumento nelle mani del capitalismo finanziario e globale.
Storie
Maurizio Fierro
4 Settembre 2017

Lo sceneggiato degli Italiani

Il calciomercato in Italia è esploso ultimamente, ma raffigura una fiera dei sogni che appassiona gli Italiani da molto più in là.
Calcio
Gezim Qadraku
31 Agosto 2017

Molto più di uno sport

Cosa ha veramente significato l'affare Neymar (e Mbappè) per la proprietà qatariota del Paris Saint Germain?
Calcio
Luca Giorgi
16 Giugno 2017

La cattiva strada

Perdere la propria innocenza.
Calcio
Marco Telluri
28 Marzo 2017

La feudalizzazione del calcio

Il denaro ha ormai definitivamente subordinato a sé il talento, comportando una sempre più tangibile polarizzazione tra club di prima e seconda fascia.