Papelitos
02 Luglio 2022

Il calcio arcobaleno e il cortocircuito dell'occidente

Cronache (annunciate) di un'ipocrisia galoppante.

Da un campo (della vita) a un altro (di pallone), la bandiera arcobaleno svetta in alto annodandosi su sé stessa. A Bologna, lo scorso 24 giugno, gli esponenti ufficiali del Pride proibivano la sfilata ai poliziotti omosessuali, così motivando la scelta: “noi siamo contro il sistema” (coff coff). Più o meno nelle stesse ore, in Inghilterra, divampava lo scontro tra gli LGBTQ+ e il Qatar – come nazione, Stato e nazionale di calcio. I tifosi gay del Watford, attraverso un’unione di intenti – e di comunicati – mai profusa prima, facevano annullare un’amichevole della loro squadra del cuore contro la Nazionale qatariota. Sul Guardian, poi, compariva tale Tony, un fan omosessuale della stessa squadra inglese che accusava “la cultura maschilista del calcio” che per anni gli ha impedito di “venire a patti con la mia sessualità”.

L’impeccabile Jack O’Malley sul foglio ha ribattezzato il di cui sopra caos primordiale “cortocircuito” (occidentale, aggiungiamo noi). Sul Foglio sportivo uscito ieri e in edicola anche stamattina, l’editorialista invaghito del football d’Albione ha scritto:

«dunque ci siamo, il cortocircuito ha fatto il giro perfetto, il calcio è il colpevole delle frustrazioni di tanti gay occidentali dunque il calcio deve lavare via la sua colpa e diventare un Pride permanente, e magari parafrasare Boris Johnson su Putin e dire che se i calciatori maschi fossero femmine farebbero meno falli».

Ancora una volta, la questione è di fondamento più che di principio. Se il calcio e la società si sono recentemente spesso e volentieri tinti d’arcobaleno non è a causa di una improvvisa e sempre più accelerata sensibilità su certi temi. Dietro a certi temi, c’è una spinta imponente e inarrestabile che non ha a niente a che vedere – anche se quello è il suo riflesso immediato – con un cambiamento di vedute e paradigmi sociali (magari fosse)….


Questo contenuto è tratto dalla nostra newsletter settimanale. Registrati gratuitamente al link di seguito con nome, cognome e mail, e ti arriverà ogni domenica mattina il gazzettino più sportivamente scorretto del web: http://eepurl.com/gSqOx1

Gruppo MAGOG

Questo è il ballo del Real
Papelitos
Gianluca Palamidessi
22 Aprile 2024

Questo è il ballo del Real

Carlo Ancelotti il dinosauro ha vinto un'altra Liga.
Chiamarsi Real Madrid
Papelitos
Gianluca Palamidessi
18 Aprile 2024

Chiamarsi Real Madrid

In una sfida dominata dal City, a vincere guarda caso sono sempre i blancos.
Real v City, il calcio è dei calciatori
Papelitos
Gianluca Palamidessi
09 Aprile 2024

Real v City, il calcio è dei calciatori

E noi siamo felici di poterne godere.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Una follia studiata a tavolino
Calcio
Vito Alberto Amendolara
06 Settembre 2021

Una follia studiata a tavolino

La sospensione di Brasile-Argentina non è puro teatro.
Dottore chiami un dottore
Calcio
Gianluca Palamidessi
16 Agosto 2021

Dottore chiami un dottore

Tutti contro il PSG. Con qualche anno di ritardo.
L’arcobaleno dello scandalo
Papelitos
Federico Brasile
24 Maggio 2023

L’arcobaleno dello scandalo

Il nuovo cortocircuito della Ligue 1: l'Islam vs gli LGBT. E ora?
La retorica nauseante su Messi e l’Argentina
Critica
Vito Alberto Amendolara
18 Dicembre 2022

La retorica nauseante su Messi e l’Argentina

Un tifo spropositato, dai livelli mai visti prima.
Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode
Calcio
La Redazione
18 Novembre 2022

Tra la FIFA e la Budweiser litiganti, il Qatar gode

Prosegue il circo occidentale sul mondiale qatariota.