Papelitos
16 Giugno 2022

Pure Wenger è diventato razzista

Le parole su Mbappé diventate un caso (perso).

E così pure Arsene Wenger, un francese da III arrondisement parigino, algido signore del football, uomo simbolo di una nuova sinistra moderata e progressista e storico fautore del fair play (celebri le sue invettive contro i tackle troppo duri di Scholes e non solo), è stato tacciato di razzismo. Non gli è bastato il suo ruolo in FIFA e l’impegno a coinvolgere quante più federazioni possibili per il mondiale (per carità), che vorrebbe addirittura fare ogni due anni (per carità, pt.2). Quando ti lasci andare a certe dichiarazioni e scivoli su simili “bucce di banana” – finché si potrà ancora usare questa espressione, dal vago quanto indiscutibile retrogusto razzista – nessun curriculum resiste, nessuna giustificazione è accolta.

«Mbappé ha radici africane ma si è formato in Europa. Se fosse nato in Camerun, non sarebbe diventato il giocatore che è oggi. C’è l’Europa e il resto del mondo, e il resto del mondo ha bisogno di aiuto, altrimenti perderemo troppi talenti».

Arsene Wenger

Ecco, per chi non avesse seguito, la frase incriminata. Una frase che ad esempio secondo Tuttosport “fa accapponare la pelle” e che “definire infelice sarebbe riduttivo”. “Una caduta di stile assolutamente imperdonabile“, per cui è “ovvio che ci si domandi quali insegnamenti possa dare Wenger ai giovani che non sono bianchi” (considerato che ha spesso lavorato con e per i giovani, ndr). Ma il sentiment è abbastanza comune, cavalcato da decine di giornali internazionali e alimentato dai sempreverdi social, e porterebbe a drastiche conseguenze: l’allontanamento – perché licenziamento non si può più dire, anche in questo siamo diventati corretti – di Wenger dalla FIFA. Neanche avesse fatto un elogio della teoria razziale di Gobineau.

Inutile stare qui a spiegare il senso della frase dell’ex allenatore dell’Arsenal, che anzi denunciava proprio il fatto che certe zone del mondo – a livello di strutture e risorse – fossero calcisticamente meno sviluppate. Con l’isteria dei risvegliati (e annoiati) il discernimento non vale. E così la dichiarazione di Wenger, invece di essere presa come l’ennesima ammissione di colpa di un Occidente predatorio che pensa solo a sviluppare se stesso anziché ad un equo sviluppo mondiale (questo era il senso), è stata accolta come un “aiutiamoli a casa loro” pronunciato dal borioso razzista di turno, colpevole di aver detto quello che tutti pensano e il buon senso impone: a livello di strutture per lo sviluppo del talento etc., “c’è l’Europa e il resto del mondo”.



E in questo resto del mondo, aggiungiamo noi, alcune zone (larghe parti dell’Africa) sono più indietro – ecco che tornano i tuoni della bufera calcisticamente corretta – di altre. Tutto ciò per noi inguaribili antiprogressisti, critici dell’irregimentazione delle scuole calcio e teorici del calcio di strada, naturale e gerarchico, è solo un bene (umanamente parlando); ma è evidente che Wenger, calcisticamente, sul punto abbia ragione.

Ad andare all’attacco è stata però anche la CONMEBOL (Confederazione Sudamericana, neanche fosse stata quella africana), che ha stigmatizzato le parole “molto infelici” di Arsene le quali, «oltre a rivelare un’insolita ignoranza del prezioso contributo dei giocatori africani al calcio mondiale, in particolare europeo, mostrano un pregiudizio denigratorio che rende invisibili gli sforzi dei calciatori e delle istituzioni sportive che non ‘sono in Europa’. I pregiudizi più riprovevoli si travestono da riflessioni ‘fondate’ e ‘intelligenti’. Il talento, lo spirito di sacrificio e la voglia di eccellere dei calciatori africani e sudamericani vanno apprezzati e rispettati».

Anche qui, in realtà si tratta solo di battaglie politiche travestite da morale a buon mercato. Nella stessa lettera la Confederazione Sudamericana si lamenta infatti di alcune riforme, come quella sulle cinque sostituzioni, approvate dalla FIFA “senza un processo di consultazione“, e di “pratiche escludenti che destano grande preoccupazione“. Una battaglia per il potere, come scrive anche il Corriere della Sera, che però viene fatta passare per una questione ideologica, di lotta al razzismo e ai pregiudizi. D’altronde ormai lo sappiamo: quando un solo cane si mette ad abbaiare a un’ombra, come recita un vecchio proverbio cinese, diecimila cani ne fanno una realtà. E pensare che, a quei tempi, ancora non c’erano i social! #wengerout

SUPPORTA !

Ormai da anni rappresentiamo un’alternativa nella narrazione sportiva italiana: qualcosa che prima non c’era, e dopo di noi forse non ci sarà. In questo periodo abbiamo offerto contenuti accessibili a tutti non chiedendo nulla a nessuno, tantomeno ai lettori. Adesso però il nostro è diventato un lavoro quotidiano, dalla prima rassegna stampa della mattina all’ultima notizia della sera. Tutto ciò ha un costo. Perché la libertà, prima di tutto, ha un costo.

Se ritenete che Contrasti sia un modello virtuoso, un punto di riferimento o semplicemente un coro necessario nell'arena sportiva (anche quando non siete d’accordo), sosteneteci: una piccola donazione per noi significa molto, innanzitutto il riconoscimento del lavoro di una redazione che di compromessi, nella vita, ne vuole fare il meno possibile. Ora e sempre, il cuore resterà il nostro tamburo.

Sostieni

Gruppo MAGOG

Federico Brasile

72 articoli
Perché guarderemo il Mondiale in Qatar
Editoriali
Federico Brasile
20 Novembre 2022

Perché guarderemo il Mondiale in Qatar

Peggio del Qatar c'è solo l'ipocrisia sul Qatar.
L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)
Papelitos
Federico Brasile
01 Novembre 2022

L’Ucraina: “FIFA, escludi l’Iran!” (e magari ripescaci)

La richiesta ufficiale per Qatar 2022.
Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse
Papelitos
Federico Brasile
07 Settembre 2022

Tra Mihajlovic e il Bologna era giusto che finisse

La compassione, per uno come Sinisa, sarebbe l'affronto peggiore.

Promozioni

Con almeno due libri acquistati, un manifesto in omaggio

Spedizione gratuita per ordini superiori a 50€

Ti potrebbe interessare

Razzismo non è i cori contro Napoli
Papelitos
Federico Brasile
04 Ottobre 2021

Razzismo non è i cori contro Napoli

Bensì gli insulti razziali rivolti a Koulibaly, Anguissa e Osimhen.
Forever Pure
Recensioni
Gezim Qadraku
08 Luglio 2017

Forever Pure

La squadra più razzista del mondo.
Moralisti col c… degli altri
Papelitos
Federico Brasile
29 Novembre 2021

Moralisti col c… degli altri

Il sessismo nel mondo del calcio c'è, ma sta altrove.
Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande
Altri Sport
Mattia Azario
05 Giugno 2020

Ali vs Frazier: la storia dell’odio più grande

L'epica e drammatica rivalità tra due uomini tremendamente diversi.
Tsitsipas contro l’equal prize money
Tennis
Federico Brasile
03 Aprile 2022

Tsitsipas contro l’equal prize money

I premi per uomini e donne dovrebbero essere uguali?